Category Archives: Tripoli

Gallery

“In Libia, un regime che non rappresenta le tribú di Jamahiriya” ~ Intervista di Roberta Barbi a Paolo Sensini

This gallery contains 1 photos.

Paolo Sensini – “In Libia, non c’è un governo che rappresenti la totalità delle tribù, dei gruppi, delle formazioni che sono lì: c’è il governo di unità nazionale a Tripoli, voluto dall’Onu – appoggiato sostanzialmente dalle forze di Misurata, che si sono avvicinate molto dappresso a Sirte – e ci sono le forze invece che fanno riferimento al generale Khalifa Haftar, a Tobruk, che è appoggiato da Egitto e Francia. Anch’egli sta spingendo e si è avvicinato a Sirte. Gli americani sono intervenuti ottemperando a un patto che era già implicito nell’investitura di al Sarray.” Continue reading

Advertisements
Gallery

Bomb at the French embassy in Tripoli ~ Bombardear la embajada francesa en Trípoli ~ Bombardée l’ambassade française à Tripoli ~ Bomba all’ambasciata francese a Tripoli

This gallery contains 2 photos.

Libya, bomb at the French embassy in Tripoli Libia, bombardear la embajada francesa en Trípoli Libye bombardée l’ambassade française à Tripoli Libia, bomba all’ambasciata francese a Tripoli * https://libyanfreepress.wordpress.com/2013/04/24/8413/ * * *

Gallery

11 million Libyan dinars stolen from the Bank in Bani Walid ~ Reports from Bani Walid, Benghazi, Sabha, Zawia, Tripoli (+Videos)

This gallery contains 1 photos.

* MISRATA CRIMINALS : Dardanelles TV reports 11 million Libyan dinars stolen from the  Bank in Bani Walid by Misrata mercenaries. NTC has paid USD 3.5 million to the criminals who took command in the attacks on Bani Walid (BW … Continue reading

Gallery

11 Videos about Bani el Walid: Aggression & Resistance

This gallery contains 1 photos.

* (FRA) Bani Walid déterminée à se défendre contre les envahisseurs * (ENG) Bani el Walid defend itself from intruders * (ESP) Luta contra legado de Kadhafi * Mercenary forces continue to surround the city of Bani Walid * Mercenaries … Continue reading

Gallery

The Manager of the Libyan National Guards: 120 prisoners have escaped from Tripoli Prison

This gallery contains 1 photos.

The Manager of the Libyan National Guards: “120 prisoners have escaped from Tripoli Prison”. * Font: http://www.breakingnews.sy/en/breakingnews/3451.html * * *

Gallery

I Danni Bilaterali del Tradimento della Libia da Parte dei Miserabili Politici Papponi Italiani

This gallery contains 1 photos.

Profughi prodotti dal razzismo dei ratti libici del NTC-NATO-Al Qaeda MISSIONE COMPIUTA ?? – IL TRADIMENTO DI NAPOLITANO E DEI PARTITI DEL CENTRODESTRASINISTRA (su ordine USraeliano), HA DANNEGGIATO LA NOSTRA ECONOMIA (e il ruolo dell’Italia nel Mediterraneo), MA HA ANCHE … Continue reading

Gallery

Tripoli: Unarmed prisoners fired from NATO/rats – Tripoli: prigionieri disarmati sparati dai NATO/ratti

This gallery contains 2 photos.

* (video made by cellphone the night of 10 august 2012) * NATO/Rats fired at Libyan patriots prisoners who were trying to escape from their prison, by the help of the Green Arab Resistance. Tripoli, Libya – Breaking News of … Continue reading

Gallery

Tarhouna fighters occupying the international airport of Tripoli + Dr. Abuzaid Omar Dorda trial

This gallery contains 1 photos.

* * * Tarhouna fighters occupying the international airport of Tripoli, demanding release of tribe leader: Colonel Abu Oegeila al-Hebeishi Fighters at Tripoli’s main airport, June 4 (Photo: Akhbar Al Alaan TV, J. Moussa) The international airport of the Libyan … Continue reading

Gallery

Angry rats attacked NTC’s rats headquarters in Tripoli – Ratti inferociti attaccano la sede dei ratti del CNT

This gallery contains 2 photos.

* According NTC’s rats spokesman Nasser El-Manee in those 50 cars there were 200 militants who went to “protest” yesterday outside the Libyan prime minister’s office in Tripoli. The fighting started when a group of men, mainly from Yefren and … Continue reading

Gallery

Gaddafi VS Obama: Real Democracy VS Real Police State (Video)

This gallery contains 1 photos.

* This video shows how Muammar Gaddafi could freely move around Tripoli because he had enemies only OUTSIDE Libya (NATO-Al Qaeda terrorists and some rats-mercenaries) while scared terrorist and war criminal Obama is hated by his own citizens hence he … Continue reading

Gallery

NTC’s rats undersold Libya’s Bank of Commerce to Qatar – I ratti svendono la Banca Commerciale Libica al Qatar (ENG-ITA)

This gallery contains 2 photos.

* Tripoli, 15 April: Libya’s Bank of Commerce and Development (BCD) has agreed to undersell a 49 percent stake in itself to the Qatar National Bank (QNB) for an undisclosed amount (because it was an undersold). The decision was made … Continue reading

Gallery

Libyan Resistance, War News, 30 Mar 2012 – Sabha, Katrun, Tobruk are Green but NTC-rats are returning in force to attack (News+3Vids)

This gallery contains 3 photos.

* Despite the NATO-nations and the Arab traitors & renegades have said Libya’s Colonel Gaddafi ended, the popular Resistance continuous everywhere, from south to north, from east to west of Libya. The Western media, who have bombarded with lies and … Continue reading

Gallery

Rats Against Rats: clashes near Tripoli between gangs of Misurata and Zenten – (Ita-Eng)

This gallery contains 2 photos.

Scontri tra i rinnegati di Misurata ed i rinnegati di Zenten. Fonti ufficiali libiche riferiscono che violenti scontri con artiglieria pesante hanno avuto luogo tra bande armate di Zenten  e Misurata, nei pressi dell’albergo Gidiblio Marten nella regione El Abraj … Continue reading

Gallery

Il Dr. Ahmed Ibrahim ed il Dr. Abuzaid Omar Dorda non sono soli – REPORT – Dr. Ahmed Ibrahim and Dr. Omar Abuzaid Dorda are not alone (ITA-ENG)

This gallery contains 1 photos.

Notizie, almeno un poco, rassicuranti sulle condizioni del Dr. Dorda. 26 gennaio 2012 – Una nostra amica e corrispondente, una giornalista già testimone diretta delle vicende libiche durante i mesi di luglio e agosto 2011, Marinella Correggia, sensibile alle condizioni … Continue reading

Gallery

EXCLUSIVE – Libyan Green Resistance, Video Message from Tripoli to the Nato & Rats (Arabic – text English-Italian)

This gallery contains 2 photos.

EXCLUSIVE – Libyan Green Resistance Video Message from Tripoli to the Nato & Rats In the name of GOD: “We are Gaddafi supporters, and we swear by the God Almighty that we will put an end to the country’s traitors … Continue reading

Gallery

Bani Walid has been freed from NATO Mercenaries: Tripoli and Benghazi next

This gallery contains 5 photos.

According to new reports the resistance fighters and Jamahariya supporters managed to take full control of Bani Walid. Five NATO Mercenaries, one NATO Mercenary commander and 30 other fighters were wounded in clashes over Bani Walid. NATO Mercenary “al-Fotmani M’Barek” … Continue reading

Gallery

LA GUERRA DEGLI INNOCENTI

This gallery contains 1 photos.

di Marinella Correggia – Cadoinpiedi – scritto a Natale 2011 Libia, Iraq, Siria, Afghanistan, Serbia: lo sterminio di piccole vittime neglette dei conflitti occidentali “per la democrazia e i diritti umani”. Perché i bambini non sono tutti uguali. I bambini … Continue reading

Gallery

Libya rebels go gunning for Syria to topple Assad – Nato-ratti Libici pronti ad andare a sparare in Siria per rovesciare Assad (Text+Video)

This gallery contains 1 photos.

Former Libyan rebels are now chanting for Syrians to follow their revolutionary path. Hundreds of mercenaries, some of whom are said to be former terrorists, are ready to pick up arms again to help overthrow President Assad. L’ex ribelli libici … Continue reading

Gallery

La reconquête de la Libye et la putréfaction morale de l’extrême-gauche européenne

This gallery contains 2 photos.

Bahar Kimyongur – Michelcollon.info Comment le mouvement anti-guerre a-t-il laissé faire ? Comment des militants avertis en sont-ils parvenus à gober tout ce que Sarkozy, TF1, Le Monde, France 24 et le Figaro leur balançaient sur Kadhafi ? Comment se … Continue reading

Gallery

La riconquista della Libia e la putrefazione morale della sinistra europea

This gallery contains 1 photos.

Bahar Kimyonpur Michel Collon.info 5 dicembre 2011 – La Voix de la Libye Come è possibile che il movimento contro la guerra abbia lasciato fare? Come è possibile che degli scaltri attivisti siano arrivati ad inghiottire tutto ciò che Sarkozy, … Continue reading

Gallery

Libyan Liberation Army claimed the requisition of nearly $ 2 millions of mercenaries wages – LLA requisisce quasi 2 milioni di $ di paghe mercenarie (Eng-Ita)

This gallery contains 1 photos.

15 November 2011 – Seven Days News – The Libyan Liberation Army claimed the operation of the requisition of $ 1 million and 950 thousand dinars in Tripoli. In recent days, fighters of the Libyan Liberation Army have supervised three … Continue reading

Gallery

General Bouchard acknowledges that NATO’s informants in Libya were journalists

This gallery contains 1 photos.

In a 31 October 2011 interview on Radio Canada, Lieutenant-General Charles Bouchard, who led Operation Unified Protector in Libya, revealed that an analysis unit was set up at NATO headquarters in Naples. It’s mission was to study and decipher what … Continue reading

Gallery

Revulsion, resistance & angry words from Tripoli University – Libya Dispatch

This gallery contains 1 photos.

Revulsion, resistance & angry words from Tripoli University – Libya Dispatch Franklin Lamb – Wednesday, October 26, 2011 – Tripoli University The people I had hoped most to be able to find on returning to Libya were eight students from … Continue reading

Gallery

Libyan War News: (part 1) October 19, 2011 (Eng-Ita) +2Video

This gallery contains 1 photos.

And Gaddafi captured mercenaries Gaddafi forces have captured 17 foreign mercenaries in Bani Valid , including several British and French. The insurgents quickly disappeared from the front line, after the assault on Bani Valid.  Unsuccessful attacks on the Sirt There … Continue reading

Gallery

Libyan War News: October 15, 2011 (2 Video + Text)

– The Green flag is now rising again over the city of Sibrata. – Some reports are saying that the American ambassador in Libya is now missing. – Street-fights ongoing in Tarhouna. – The might Libyan army have seized several … Continue reading

Gallery

Libyan War News: October 1, 2011 (Eng-Ita)

This gallery contains 4 photos.

Libyan War News updates – October 1, 2011 The mighty Libyan Army has hit the Tripoli Sea Port and now its condition doesn’t allow foreign ships to arrive to Tripoli and provide the NATO-mercenaries  with weaponry. The Libyan Army attacked … Continue reading

Gallery

The Tarhuna Tribe enters Tripoli

This gallery contains 1 photos.

25/sept/11 – The Tarhuna Tribe has advanced West Wards towards Tripoli, new reports suggests that some fighters have entered Tripoli and heavy clashes are taking place. It is yet unclear how many NATO Mercenaries have been killed in the assault. … Continue reading

Libyans are terrorized by rebels, while West and “islamist” crimes continues

The NATO crimes continue, the Libyans are terrorized by rebels, while the Western propaganda continues.

Videoclip from RussiaToday television
Reloaded by LibyanFreePress.net

Gallery

Al Qaeda paravento e arma del giudaismo sionista

This gallery contains 5 photos.

Visita di Sarkozy, Bernard Henry Levy, Cameron ed Erdogan a Tripoli e Bengasi. Gheddafi: “Fermare i crimini della Nato a Sirte”.  la Repubblica.it, 14/9/2011 – “Bisogna rompere l’isolamento della città”. Le parole del Colonnello lette a suo nome sulla tv … Continue reading

I piloti canadesi si rifiutano di bombardare aree densamente popolate, i Nato-rats no

Canadian Pilots Refuse to Bomb Libya

I piloti canadesi si rifiutano di bombardare

*

Mentre i piloti canadesi si rifiutano di bombardare zone densamente popolate ed obiettivi civili (coerentemente non accettano di provocare “danni collaterali civili”, visto che lo scopo della missione Nato era, a parole, quello di difendere i civili, non di ucciderli), i mercenari-Nato invece non si fanno scrupoli e sparano a zero su tutto e su tutti. Questo la dice lunga sulle reali intenzioni e sensibilità umana dei “ribelli”.

*

Mentre i mercenari-Nato non si fanno scrupoli

Los rebeldes Libios bombardean Sirte

Gallery

Report da Tripoli, 3 settembre 2011

This gallery contains 2 photos.

Report da Tripoli, 3 settembre 2011 I ribelli si sono divisi la città: quelli delle montagne di Nafusa controllano la parte ovest e quelli di Misurata la parte est. Qui a Tripoli abbiamo ancora black outs. Sono arrivati solo i … Continue reading

Gallery

I ribelli-Nato liberano la Libia…dal popolo libico

NON COMMENT Libyan Free Press After 6-months-long failing attempts to overthrow Gaddafi by the hands of ‘Libyan rebels’ and to weaken his regime by permanent bombings, the ‘democratic’ powers have put their last ace on table. On Saturday evening August … Continue reading

Gallery

Thierry Meyssan: la Verità censurata

English – Italiano Thierry Meyssan del Réseau Voltaire presente a Tripoli, tra l’altro minacciato di morte poichè giornalista indipendente, denuncia che la Nato fa strage bombardando di tutto e uccidendo 1.300 persone in poche ore ma Repubblica on line scrive … Continue reading

Jacinta Ryan a Tripoli invasa e devastata

In giro per tripoli messa a ferro e fuoco

di Jacinta Ryan, per LibyanFreePress

Sono andata a fare un giro in città!
Ero partita per aiutare alcuni miei amici e colleghi al Rixos, per collaborare ad evacuarli e andare all’hotel Corinthia
Ma sono arrivata tardi e la CROCE ROSSA li aveva già portati al Corinthia: erano tutti fuori..

Facce stravolte, appena mi hanno visto mi hanno abbracciata, allucinati! Pensate che Thierry e Mahdi sono stati minacciati da altri giornalisti!
Gli unici giornalisti che ho salutato sono stati quelli di Telesur e uno di CNN, che ho salutato a denti stretti.
Il tragitto che ho fatto, l’ho fatto facendo strade normali, e ci siamo spostati anche sul lungomare.
L’autostrada era stata chiusa, bloccata dalle barricate dei ribelli.
Tutta la città, a parte il quartiere di Buslim e  l’hotel Rixos, è sotto il controllo dei ribelli: ci sono check points ogni 100 mt, resti di combattimenti dappertutto e di barricate. Avevano usato containers della MSC, macchine, auto, alberi, ecc., per creare barricate.
Ci sono bandiere monarchiche dappertutto, dipinde su tutti i muri!
La città è veramente un campo di battaglia! Una desolazione!
I ribelli sono tutti ragazzini giovani, su pick up con artiglieria leggera e pesante! Con loro ci sono pochi adulti. Carne da macello. Che pena mi fanno.
Loro hanno fatto questa che credono sia una “rivoluzione” perchè vogliono il cambiamento, vogliono belle strade, lavori ben pagati che erano riservati soltanto ai lealisti, vogliono discoteche, alcool, vogliono una vita come da noi, cioè consumistica e aspirano a quelle inutili e deleterie porcherie che col governo di Tripoli erano limitate.
Chi dirà loro:  “grazie, puoi tornare a casa e a scuola, ora prendiamo noi il potere e tu puoi andare a zappare la terra”?
Il problema è che questi “ribelli” di lavorare sul serio e duro non ne hanno proprio voglia: è più facile fare i “rivoluzionari”, sparare in aria e beccarsi la paga da mercenari dagli alleati Nato. Qualcuno spera in un posto nel futuro esercito o polizia, per continuare a fare nulla di costruttivo. Perchè oltre che distruggere e uccidere senza scrupolo chi si oppone alla loro “rivoluzione petroliera”, Nato-Alqaedista, non sono capaci a fare altro.
Hanno al momento il potere, controllano ogni auto e ogni portabagaglio.
Per poter andare in giro tranquillamente io e mio marito abbiamo dovuto accettare un compromesso con un vicino di casa, anti-Gheddafi (ma non “rivoluzionario” fanatico).
Lo so non è bello, ma volevamo vedere con i nostri occhi la situazione in città: sono andata in giro con questo amico, a cui non piace il governo libico, perchè ho amici su entrambi i fronti.
Prima ai check points ti lasciavano passare se avevi la bandiera verde, ora ti lasciano passare se hai quella a strisce monarchica.
Dicono: Allah Akbir, cioè Allah è grande!
Vorrei però sapere che cosa c’entra Allah in questa guerra!
La città è attraversata in lungo e largo da migliaia di pick up con sopra ragazzini armati. Poche auto con “tripolini” con la bandiera monarchica, solo alcuni giovani per strada. Gli adulti sono maggiormente chiusi in casa. I veri tripolini non supportano questi invasori.
Sembra una città fantasma. Che tristezza…..
Negli occhi dei ragazzini “ribelli” c’è tanta gioia, tanta stanchezza, tanta speranza…..
Sperano che questo sia il momento di inizio per una era di libertà, di ricchezza, di….tutto!
Non si rendono conto che tutto ciò, a differenza dei loro vicini algerini, marocchini, tunisini, egiziani, loro l’avevano già, o erano sul punto di averlo più pienamente appena le commesse e i contratti, stipulati con varie nazioni in questi ultimi anni, avessero dato i loro frutti.
Ben lo sapevano i petrolmonarchi e signori del petrolio e delle banche occidentali che hanno provocato, finanziato, armato e coperto (con bombardamenti intensi che hanno fatto migliaia di morti civili libici) questa sporca “misione umanitaria”, per rubare le risorse energetiche libiche e stoppare i progetti di Gheddafi di sviluppo per la Libia e l’Africa intera.
Gli adulti di Tripoli sono quasi tutti chiusi in casa, alcuni sono fuori accanto ai ragazzini, molti impiegati ai check points.
Mi sembrano tanti garibaldini, poi elegantemente trombati dal Re Piemontese e dai suoi ufficiali massoni.
Prima erano in piazza quelli con le bandiere verdi e in casa nascosti  quelli con le bandiere a strisce, ora è esattamente il contrario!
In ogni caso in strada non ci sono FIUMI DI PERSONE, come succedeva prima!
Banche e uffici sono tutti chiusi. Inegozi sono chiusi al 90%
Quei pochi che supportano questi teppisti armati, che stanno devastando e saccheggiando la Libia, consegnandola incaprettata nelle mani dei vampiri petrolieri euro-yankee, davvero credono che gli uomini che comandano a Bengasi, i quali erano stati emarginati precedentemente dal governo di Gheddafi perchè ladri e corrotti, porteranno loro libertà e benessere più di quanto non ce ne fosse prima.
L’ignoranza e la creduloneria, insieme all’avidità e alla corruzione degli animi, fanno le stesse vittime ovunque nel mondo. E ovunque nel mondo è la stessa organizzazione di uomini di potere e d’affari che spreme e sfrutta il genere umano come polli d’allevamento.

Jacinta Ryan, free-lance australiana, sposata con un libico, professore alla Alfateh University, è da sei anni residente nel centro di Tripoli..

Libia: le menzogne di TV e Media/Networks

Testimoni che ci raccontano un’altra verità.

Marinella Correggia – JerbaNews – 24/08/2011
.
.
Menzogne di una notte insonne (anche sotto il fortunato cielo italiano che nessuno bombarda dal 1945). Menzogne e arroganza fino all’ultimo in una guerra cominciata e continuata con notizie false, in cui i media hanno avuto il ruolo dell’aiuto carnefice. Solo la tivù russa Rt e quella venezuelana Telesur spiegano che è una vittoria dovuta alla carneficina compiuta dalla Nato anche con droni ed elicotteri Apache soprattutto negli ultimi giorni. L’obiettivo è è quella democrazia che il popolo libico merita, dice il premier britannico Cameron. Peccato che in tutti i mesi scorsi proprio la Nato e i “ribelli” avessero sempre lasciato cadere le proposte di libere elezioni con controllo internazionale avanzate dal governo libico.
.
Cosa dicono i soliti media
La Nato fa strage a Tripoli bombardando di tutto e uccidendo 1.300 persone in poche ore come denuncia Tierry Meyssan del Réseau Voltaire; ma Repubblica on line scrive che Gheddafi bombarda la folla. Giusto un titolo, senza spiegazione, giusto un modo per non perdere l’allenamento. La stessaRepubblica che non si è mai degnata di chiamare soldati i membri – decimati — dell’esercito di un paese sovrano (erano sempre definiti “mercenari e miliziani”), adesso chiama “soldati del Cnt” i ribelli, tacciando invece di “pretoriani di Gheddafi” i superstiti soldati libici (quelli non decimati dalla Nato). (A proposito: uno del Cnt, Jibril, ha fatto appello ai suoi armatissimi “ragazzi” affinché diano prova di moderazione e non attacchino gli stranieri e chi non li appoggia (il rischio è certo visti i precedenti).
L’Unità scrive che Tripoli “è insorta”, quando in realtà è occupata dai cosiddetti ribelli con la copertura aerea della Nato e i civili cioè i disarmati se ne stanno rintanati nelle case (vedi le testimonianze ottenute al telefono).
Il Corsera con il suo embedded sceso dalle montagne insieme ai ribelli spiega enfatico che dopo la “liberazione” di Zawya, “Tripoli si è sollevata” quando in realtà è stata piuttosto atterrata dai bombardamenti.
Rai News 24? Peacelink protesta con la redazione: “Nel vostro servizio avete nascosto il ruolo dei bombardamenti Nato, presentando i ribelli che libravano la Libia soli e festanti, per acclamazione popolare; alterato il senso della risoluzione 1973 che non prevedeva l’appoggio militare Nato agli insorti; taciuto il massacro in corso a Tripoli; presentato prevalentemente il punto di vista Nato (e sempre ripetono la storia dei mercenari neri e dei cecchini).
Anche il Fatto ci casca: “L’avanzata del Cnt rallentata dal traffico e dal caos e da centinaia di libici che inneggiano alla fine del regime”; “I tripolini sono usciti per festeggiare l’arrivo dei ribelli”. Ma centinaia di persone sono tante, in una metropoli? E comunque la foto della festa viene da Bengasi…
.
Tivù e media vari pubblicano foto di feste in piazza. Ma solo alcuni dicono che non si riferiscono a Tripoli ma a Bengasi appunto (da dove comunque decine di migliaia di abitanti sono fuggiti nei mesi scorsi e non più tornati nel regno degli uomini e dei bambini armati). Lo fa rilevare Peacelink osservando questa galleria.
A Tripoli, sono i soli armati ribelli a festeggiare. Ma il fatto che si mescolino le cose nella stessa galleria non è casuale.
.
Per dare l’idea di festeggiamenti che non ci sono, Cnn mette foto di festeggiamenti non datati a Bengasi.Mentre la reporter dice “vedo strade vuote, le immagini sono di folle festanti con bandiera monarchica, però evocano Tripoli. In un altro collegamento, la elmettata reporter spiega – non senza ripetere la solfa del pericolo di cecchini di Gheddafi — che assolutamente nessun civile nelle strade…allora chi sta festeggiando? Gli armati. E sempre il titolo è “la Nato teme che Gheddafi possa colpire i civili”. Quindi pronti al tiro al piccione.
La cronista di Al Jazeera con elmetto dalla Piazza verde (il nome è già stato cancellato), parla di festa (e di paura per i soliti cecchini di Gheddafi…) del popolo libico, “vedete centinaia di persone” (in una città con milioni di abitanti)…alle sue spalle si pressano con la bandiera monarchica i ribelli armati, ma per lei sono i civili, il “popolo”, “you can see how people are excited, now they are in control of the capital”. La confusione voluta fra civili e amati ha fato da leit motiv di questa guerra. Anche a Baghdad, il giorno della caduta della statua di Saddam a opera di due marine Usa, gli iracheni presenti si contavano in qualche decina…Un film già visto.
.
La mattina la Cnn parla al telefono con la solita plurintervistata ottimo inglese libica diciannovenne che dice che dopo 42 anni sono liberi di parlare al telefono (ricordo però che gli oppositori a Gheddafi più che la mancanza di libertà mi evocavano, settimane fa, “gli ospedali che non funzionano e le scuole dove non si studia bene l’inglese”!); la tivù le chiede: “ma non c’è gente in strada, solo fighters?” e lei conferma. Allora, le folle festanti?
Anche la Reuters scrive: “I ribelli entrano in Tripoli, la folla celebra”. Quale folla? Non c’è nessun video né foto!
Intanto nessuno parla degli ospedali, che dovrebbero essere al collasso per troppi clienti.
.
.
Parlano i testimoni
Molti telefoni di persone incontrate a Tripoli poche settimane fa non rispondono (“out of order”). Per esempio Rafika, tunisina, ottimo italiano, che lavorava alla mensa dell’ospedale Tebbe, chissà quanti feriti ci sono adesso là.
Ma qualcuno risponde.
.
Mohamed, giovane del Niger che vive a Tripoli da 3 anni (lavorava con i cinesi) e che si arrovellava settimane fa su come spiegare al mondo la verità, adesso è rintanato in casa: “Siamo impotenti anche noi. Chi è disarmato non può avventurarsi fuori, dove tutti sono armati e si combatte. E’ terribile ma non possiamo che aspettare. Spero che non ci sia un’altra carneficina”. Ieri diceva “hanno bombardato intensamente anche vicino a casa mia, si è levata una grande polvere, impossibile respirare. Stiamo in casa, e preghiamo, è il ramadan”. L’altro ieri, prima degli ultimi sviluppi, chiedeva: “MA si sono viste lì le immagini della strage di 85 civili a Mejer, sotto le bombe della Nato fra l’8 e il 9 agosto? Sono sconvolto, anche perché qui i media internazionali non ne hanno parlato”.
.
Era impaurito sabato sera il cristiano pakistano Nathaniel, che già settimane fa si chiedeva dove sarebbe andato con la famiglia dopo 21 anni in Libia se gli islamisti fossero arrivati: “My sister qui bombardano di continuo, e sembra che i ribelli siano vicini… non so cosa fare, dove andare, chi ci proteggerà? Starò in contato con la cattedrale”. Oggi il suo cellulare non sembra aver copertura.
Se Nathaniel sapesse che forse è stata saccheggiata la chiesa a Dara (e monsignor Martinelli è in Italia).
.
Così dice la statunitense JoAnne, da mesi a Tripoli con suo marito per documentare negli Usa i crimini di guerra della Nato e dei ribelli: “Siamo chiusi nell’hotel Corynthia, al centro di Tripoli. Nessuno si avventura fuori. Gli Apache hanno ucciso molte persone e i ribelli hanno armi pesanti… Doveva partire una nave proveniente da Malta, per evacuare gli stranieri ma i ribelli l’hanno bloccata”.
.
Anche Hana, libica che lavorava per una compagnia petrolifera, è chiusa in casa, da parenti: “Ci siamo spostati perché la nostra casa è troppo vicina a Bab El Azyzya”, qui è tranquillo ma nelle strade non c’è nessuno. Mi hanno detto che volavano anche gli Apache, io non li ho visti vicino a casa. Sì, abbiamo l’acqua e la luce e cibo abbastanza. Stiamo ancora digiunando per il ramadan… fino a fine mese. Non avrei mai pensato che finisse così”.
.
Lizzie Phelan, giovane giornalista inglese indipendente, aveva un blog che le è stato bloccato: “Poco prima avevo denunciato alla tivù russa RT il fatto che Al Qaeda sia ben presente fra i ribelli arrivati a Tripoli. Qui intorno al Rixos la situazione sembra adesso calma. Ma non si sa come evolverà. Aspettiamo di andare, noi stranieri, in un’ambasciata, forse quella russa”.
.
Non risponde il telefono di Zinati, quarantenne libico che da mesi “abitava” con il suo computer su un tavolo all’hotel Rixos cercando di aiutare il portavoce Mussa Ibrahim nei difficili rapporti con i giornalisti e con le delegazioni: “Ero tornato qui in febbraio per sistemare delle cose e ripartire per il Canada dove vivo da anni; invece sono rimasto, non potevo lasciarli così” diceva settimane fa.
La guerra Nato in Libia, la quinta alla quale l’Italia ha partecipato in venti anni, a cento anni dall’avventura coloniale in Libia, continua com’è iniziata: con grandi menzogne e una continua mistificazione, anche grossolana. Ignorando le vere cause. E con nessun rispetto per le vittime, tante.La Norvegia — paese più civile — si è ritirata. L’Italia, serva in passato e ora, no.
.

Al Qaeda-Nato Death Squads Slaughter in Tripoli

NATO SLAUGHTER IN TRIPOLI: “Operation Mermaid Dawn” Signals Assault by Rebels’ Al Qaeda Death Squads

By Thierry Meyssan – Global Research

Tripoli, Libya, Aug. 22, 2011, 1 AM CET– On Saturday evening, at 8pm, when the hour of Iftar marked the breaking of the Ramadan fast, the NATO command launched its “Operation Siren” against Libya.

The Sirens were the loudspeakers of the mosques, which were used to launch Al Qaeda’s call to revolt against the Qaddafi government. Immediately the sleeper cells of the Benghazi rebels went into action. These were small groups with great mobility, which carried out multiple attacks. The overnight fighting caused 350 deaths and 3,000 wounded.

The situation calmed somewhat on Sunday during the course of the day.

Then, a NATO warship sailed up and anchored just off the shore at Tripoli, delivering heavy weapons and debarking Al Qaeda jihadi forces, which were led by NATO officers.

Fighting stared again during the night. There were intense firefights. NATO drones and aircraft kept bombing in all directions. NATO helicopters strafed civilians in the streets with machine guns to open the way for the jihadis.

In the evening, a motorcade of official cars carrying top government figures came under attack. The convoy fled to the Hotel Rixos, where the foreign press is based. NATO did not dare to bomb the hotel because they wanted to avoid killing the journalists. Nevertheless the hotel, which is where I am staying, is now under heavy fire.

At 11:30pm, the Health Minister had to announce that the hospitals were full to overflowing. On Sunday evening, there had been 1300 additional dead and 5,000 wounded.

NATO had been charged by the UN Security Council with protecting civilians in Libya. In reality, France and Great Britain have just re-started their colonial massacres.

At 1am, Khamis Qaddafi came to the Rixos Hotel personally to deliver weapons for the defense of the hotel. He then left. There is now heavy fighting all around the hotel.

Font: www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=26118

Giornalisti stranieri intrappolati in albergo a Tripoli

Giornalisti stranieri intrappolati in albergo a Tripoli

La giornalista indipendente Lizzie Phelan, che è a Tripoli, afferma che consentire ai ribelli di penetrare all’interno del capitale potrebbe essere una buona mossa strategica  in favore delle truppe libiche regolari, che avrebbero così i ribelli radunati in un unico luogo.

Lei sostiene che le forze lealiste mantengono di fatto il controllo della città.

La maggior parte dei ribelli, che non sono occupati in saccheggi, si stanno ora raccogliendo sulla Piazza Verde, nel centro di Tripoli, sventolando bandiere bengazine.

“Quello che abbiamo inteso è che la strategia del governo libico e dell’esercito  regolare è stata quella di permettere ai ribelli l’accesso in città, in modo da poter essere affrontati in modo diretto, perché in precedenza essi hanno agito in ​​modo subdolo ed era molto difficile sapere chi fossero e dove si nascondevano”, dice la giornalista, aggiungendo che se queste informazioni si dimostrassero vere – sarebbe interessante vedere come la NATO si impegnerebbe per sostenere i ribelli, a terra.

Nel frattempo ci sono rapporti che parlano di un assalto iniziato contro la roccaforte di Muammar Gheddafi, il complesso di Bab al-Aziziyah. La sorte del colonnello è sconosciuta.

Rapporti dicono che le forze ribelli controllano la maggior parte della capitale, Tripoli, con l’eccezione della residenza del governo, nel centro della città.
I giornalisti stranieri sono intrappolati in un albergo abbandonato, a Tripoli.
Essi sono stati costretti a soggiornare in un hotel a Tripoli, durante il conflitto, e sono ora intrappolati nell’edificio, mentre praticamente tutti i quadri ed il personale della sicurezza sono stati evacuati per salvar loro la vita.

Giornalista Mahdi Nazemroaya, del Centro per la Ricerca sulla Globalizzazione è a Tripoli ed in un collegamento in diretta con RT News ha detto che la situazione è critica e che le ore successive saranno decisive.

Secondo il giornalista, il Consiglio dei ribelli di transizione ha ordinato a dei cecchini di controllare la zona intorno all’hotel, dove si trovano i giornalisti stranieri, per garantire che nessuna scena caoticha di quel che realmente accade sia diramata altrove. All’esterno c’è una folla elettrizzata che scandisce slogans di vittoria chiaramente udibili e che spara in aria, rendendo la situazione sempre più tesa.

“Non c’è alcuna sicurezza, e l’unica sicurezza del perimetro [dell’hotel]  è garantita autonomamente dagli stessi giornalisti”, ha detto Mahdi Nazemroaya, aggiungendo che i ribelli hanno ​​controllato la documentazione degli ospiti dell’hotel, che è stato abbandonato dal personale, scoprendo che alcuni dei giornalisti ospiti dell’hotel non erano affatto dei giornalisti.

Mahdi Nazemroaya dice che sono state usate le stesse tattiche “yugoslave”, con i bombardamenti NATO alle infrastrutture militari e civili, per spianare la strada ai ribelli.

“La NATO ha fatto tutto il suo lavoro quaggiù con i bombardamenti ed i loro dirigenti devono essere chiamati a rispondere come criminali di guerra per l’uccisione dei civili”, ha detto, domandando perché la NATO sia impegnata a rovesciare Muammar Gaddfi mentre i regimi in Qatar e Bahrain hanno soppresso la democrazia ed ucciso la propria gente  senza esserne ritenuti responsabili.

I saccheggiatori stanno già strappando via computers, schermi e telecamere dal primo piano della struttura, passando per le stanze e afferrare tutto ciò che possono.

I giornalisti ancora ospiti dell’albergo deserto sono in preda al panico, ed hanno appeso cartelli con su scritto “TV” e “PRESS” ovunque possano, anche su se stessi.

I giornalisti si augurano, contro ogni speranza, che possano essere evacuati dalla struttura dai contingenti internazionali e da parte dell’ONU, non dalla NATO.
Nazemroaya dice che una certa folla si è radunata fuori l’hotel con l’obiettivo esplicito di seminare il panico e intimidire la stampa.

I “ribelli” libici affermano di controllare la maggior parte di Tripoli.

Due dei figli di Gheddafi sono stati arrestati ed alcune segnalazioni indicherebbero che lo stesso leader sia in un’unità cardiaca specializzata, in una cittadina 14 chilometri a est della capitale. .

Dopo una notte di caos nella capitale, la folla si sarebbe riunita nella piazza centrale della città, sventolando bandiere rivoluzionarie.

Fonte: http://rt.com/

Traduzione: FFP per LibyanFreePress

Foreign journalists trapped in deserted hotel in Tripoli

‘Rebels being gathered in Tripoli for a purpose’

Independent journalist Lizzie Phelan who is in Tripoli says allowing the rebels inside the capital could well be a strategic move on the part of Libya troops who have corralled the rebels into a single location.

She argues that loyalist forces remain in de facto control of the city.

Most of the rebels who are not busy looting are now gathering on the Green Square in the center of Tripoli waving flags.

“What we have heard is that the strategy of the Libyan government and army was to permit the rebels into the city because previously they have been operating in a sneaky manner and it was very difficult to know who they were and where they were hiding, so that they could be dealt with in a direct manner,” the journalist says, adding that if this information proves true – it would be interesting to see what NATO undertakes to support the rebels on the ground.

Meanwhile, there are reports that an assault on Muammar Gaddafi’s last stronghold – Bab al-Aziziyah compound – has started. The colonel’s whereabouts are unknown.

Reports say rebel forces are controlling most of the capital, Tripoli, with the exception of government residences in the city center.

­Foreign journalists trapped in deserted hotel in Tripoli

Foreign journalists who have been obliged to stay in a hotel in Tripoli during the conflict are now trapped in the building as practically all the staff and security personnel have run for their lives.­

Journalist Mahdi Nazemroaya from the Center for Research on Globalisation is in Tripoli and has crossed live to RT, saying the situation is critical and the next several hours will be decisive.

According to journalist, the rebel Transitional Council have ordered snipers to control the area around the hotel where foreign journalist are staying to ensure that no chaotic scenes develop in the vicinity. There is an electrified mob outside chanting clearly audible victory slogans and shooting in the air and the situation is increasingly tense.

“There is no security, the only security is journalists securing the perimeter [of the hotel] by themselves,” Mahdi Nazemroaya said, adding that the rebels have been checking the documentation of guests at the hotel, which has been abandoned by staff, and have discovered that some of the journalists using the hotel are not journalists at all.

Mahdi Nazemroaya says “Yugoslavian” tactics have been used, with NATO bombing out military and civil infrastructure to clear the way for the rebels.

“NATO did all the work here with the bombing and their leaders must be held accountable as war criminals for killing civilians,” he said, questioning why NATO is engaged in toppling Muammar Gaddfi while regimes in Qatar and Bahrain have been suppressing democracy and killing their own people without being held accountable.

Looters are already ripping off computers and screen projection units from the first floor of the hotel, going through rooms and grabbing whatever they can.

The journalists in the deserted hotel are panicky, hanging signs saying “TV” and “PRESS” wherever they can, including on themselves.

Journalists are hoping against hope that they will be evacuated from the hotel by international contingents from the UN, not NATO. Nazemroaya says crowds have gathered outside the hotel with the express aim of sowing panic and intimidating the press.

Libyan rebels claim they control most of Tripoli.

Two of Gaddafi’s sons have been arrested with some reports suggesting the leader himself is in a specialist cardiac unit in a town 14 kilometres east of the capital. .

Following a night of chaos in the capital, crowds have gathered in the city’s central square waving revolutionary flags.

http://rt.com/

Press Conference Moussa Ibrahim after Rebels Entered Tripoli

Press Conference Moussa Ibrahim after Rebels Entered Tripoli – August 21, 2011

Moussa Ibrahim speaks of 1300 people killed from 12.00 noon until 23.00 on August 21 with 5000 wounded. He expressed his fear that many families who are well-known people supporting Gaddafi are afraid that they will be killed by the Rebels to settle scores. They either need to fight or get killed.

He mentioned the killing of a civilian who was simply walking on the street. He was killed because he was a supporter of the Jamahiriya.

NATO has killed quite a lot of these 1300 people by bombing checkpoints and everything else that they have relentlessly bombed today.

He asks NATO to order their Rebels to return in order to prevent a massacre taking place in Tripoli. NATO is held responsible for this blood bath. They made sure the Rebels could enter Tripoli and settle the scores.

Let’s just hope it will not turn out as terrible as Moussa Ibrahim predicts, but his account seems logical. Both parties are filled with fear and hatred towards each other.

http://www.youtube.com/user/WolkenZwemmer

Tripoli, August 22, 2011: Nato “rebels” are in a hurry

Tripoli, 22 agosto 2011: i “ribelli” Nato hanno fretta, prima che scada il mandato.
Notizie contrastanti sulla presenza di “ribelli” armati nella capitale libica.
Interviste a diversi giornalisti e analisti, tra cui Lizzie Phelan, Dr. Franklin Lamb e Mahdi Nazemroaya chiusi in un hotel di Tripoli.

 

Conflicting reports on the presence of “insurgents” armed to the Libyan capital.
Interviews with several journalists and analysts, including Lizzie Phelan, Dr. Franklin Lamb and Mahdi Nazemroaya closed in a hotel in Tripoli.

Testimonianza italiani a Tripoli

Testimonianza scritta e fotografica di un gruppo di italiani.

Leggi tutto e guarda il piccolo servizio fotografico al link della sezione PHOTOS:

https://libyanfreepress.wordpress.com/photos/tripoli-882011/

La OTAN bombardea objetivos civiles

30 julio 2011: la OTAN bombardea nuevamente objetivos civiles

 

Tripoli rejects Gaddafi exit as pre-condition for ceasefire

Tripoli rejects Gaddafi exit as pre-condition for ceasefire

NATO has declared War on Millions of green Libyans

Anti NATO Rebel Alliance Demonstration in Zliten, July 15, 2011

Another Pro-Gaddafi Demonstration in Ajaylat, July 14, 2011

Massive Anti NATO-Rebel Alliance Demonstration in Sabha, Libya on July 8, 2011

Speech Gaddafi during mass demonstration in Tripoli

July 16, 2011
On July 15th, 2011 the NATO countries with a few Arab countries agreed to regard their Rebels in Libya as the legitimate representatives of the Libyan people. They also decided that the Libyan money that was ‘freezed’ by these nations is now ready to be given to the opposition forces. This has all been covered by the Western media as a good humanitarian development in support of freedom fighters against the loyalist forces of the cruel dictator Gaddafi.

Words make all the difference in the world and so far the western words were blindly spread by the news media. The result is that the words of millions of Libyan people are suppressed because they have a different message altogether. For those who haven’t noticed: millions of people in various cities in Libya have gone to the streets to protest against NATO – sometimes even burning flags of European nations – and their military, political, financial alliance with the Rebels of the East.

In the view of these green people (green being the color of the Libyan flag and now the color of all who oppose the NATO Rebel Alliance) NATO has declared war on all those millions of Libyans by officially backing those ‘traitors of the East’ (as they are called) who would be helpless without the support of the mighty killing warplanes of their NATO allies.

This piece of information is heavily suppressed by the Alliance, since it is not good for the public opinion if the world knew that NATO is helping to turn peaceful green cities into battlefields by assisting their rebel forces in many ways. Below are a few youtube movies that display the green protests against the imperialistic war declaration against them.

Font: http://waterput.yolasite.com/english/nato-has-declared-war-on-millions-of-green-libyans

1er juillet 2011 : manifestation monstre à Tripoli

1er juillet 2011 : manifestation monstre à Tripoli

2 juillet 2011

Le vendredi 1er juillet 2011, les Libyens se sont rassemblés en masse à Tripoli sur la place verte et alentour. Environ 1 700 000 personnes ont manifesté pour la défense de la patrie, contre l’agression de l’OTAN.
Opposant leur volonté pacifique et leur courage au bellicisme occidental, les Libyens avaient décidé de faire de cette manifestation une fête. C’est dans une ambiance joyeuse, au milieu des chants et des klaxons, qu’ils ont scandé : «Par notre âme, par notre sang, nous défendrons notre patrie!»; «Tripoli sera leur tombeau!», et surtout «L’OTAN, c’est la barbarie, Kadhafi tu est la civilisation!».

La foule a commencé à affluer de tous les quartiers de la capitale et des villes et villages de la région, par groupes entassés dans des voitures surchargées pour économiser l’essence, dès midi, sous un soleil de plomb. La manifestation proprement dite n’a débutée qu’au crépuscule, lorsque la chaleur devenait supportable.

La Libye, si l’on excepte la Cyrénaïque occupée par l’OTAN et ses mercenaires, est peuplée d’environ 5 millions de personnes, dont 1,5 million à Tripoli même.

Les autorités ont distribué 2 millions de fusils mitrailleurs aux civils pour se tenir prêts à repousser l’invasion étrangère. La foule était donc armée pour manifester son soutien aux institutions de démocratie participative et au leader révolutionnaire Mouammar Kadhafi qui a libéré le pays de la tutelle occidentale.

Les Libyens ont poursuivi la fête toute la nuit avec un superbe feu d’artifice qu’ils ont offert à l’Alliance atlantique en signe de paix ; un spectacle déconcertant que les soldats occidentaux pouvaient apercevoir depuis leurs navires de débarquement mouillant au large.

2 juillet 2011 – http://www.voltairenet.org/1er-juillet-2011-manifestation

Famiglia palestinese sterminata dalla Nato

Una famiglia palestinese sterminata nei bombardamenti NATO in Libia

21/6/2011 – InfoPal

Ramallah – InfoPal. Un’intera famiglia palestinese è stata assassinata nel raid della NATO in Libia, domenica scorsa.

Si tratta di una famiglia composta da quattro persone, arrivata nella capitale libica dal campo profughi siriano di Yarmuk.

Il capofamiglia, ‘Abdallah Namer Shihab, è un palestinese sposato alla cittadina libica, Karima al-Gharari.

I coniugi sono deceduti insieme ai due bambini sotto i bombardamenti NATO contro la loro abitazione nel quartiere di al-Orada.

La notizia è stata resa ufficiale dal ministero per gli Affari esteri dell’Autorità palestinese (Anp) e dalla Croce rossa internazionale (Icrc).

(Foto: Islamidavet)

http://www.infopal.it/leggi.php?id=18677

‘Technical Error’: NATO admits killing babies

‘Technical Error’: NATO admits killing babies

NATO has admitted that civilians were killed in an air strike on a Tripoli suburb on Sunday. Gaddafi officials say two babies were among the nine dead. It’s the first time the Alliance has conceded responsibility for civilian deaths, although Libya’s Health Ministry claims more than 800 people have died in three months of air attacks. Maria Finoshina reports now from the capital Tripoli. You may find some of the images disturbing.

RussiaToday

NO COMMENTS

———————————————————————————————–

Million man, woman, kids in Tripoli

Million Man, Woman and Child March in Tripoli, Libya

June 20, 2011 – Mathaba.net

Even CNN was unable to ignore the million man, woman and child march that took place after months of ongoing marches and celebrations in support of Muammar Qaddafi and protests against NATO white colonialist aggression against the sovereign African nation of Libya

The Libyan people have been demonstrating and showing their adherence to their historic hero, Colonel Mu’ammar al-Qadhafi, who seized power from a corrupt ignominious king in 1969 and handed to to the masses on 2nd March 1977 when the world’s first self-governing masses society came into existence, thanks to direct participatory democracy by way of people’s conferences and people’s committees.

Since then, Mu’ammar has dedicated his life to the people of Africa and the world, speaking truth to power,putting forward solutions to the problems facing humanity, and left The Green Book as his legacy to all future generations.

Since his address to the United Nations General Assembly in September 2009, in which he called for reform of the organization, he has been targeted for elimination by those who control the UN Security Council.

http://www.mathaba.net/news/?x=627196