Category Archives: Giornalismo Investigativo

Gallery

Il Falso Bombardamento di Halfaya e la Vergogna dei Falsi Media Italiani Complici dei Terroristi di al-Qaeda ~ Video Verità

This gallery contains 1 photos.

CLICCA SULLA FOTO PER INGRANDIRLA E LEGGERE IL TESTO * IL FALSO BOMBARDAMENTO DI HALFAYA E LA VERGOGNA DEI FALSI MEDIA ITALIANI COMPLICI DEL TERRORISMO Un ringraziamento particolare a “Repubblica”, insieme alla redazione e ricercatori della RAI, ed in particolare … Continue reading

Gallery

The Gaddafi and Berlusconi deal ended human trafficking in Libya (+ Video)

This gallery contains 1 photos.

  * “Libya was a human trafficking center with human trafficking mafia based primarily in Benghazi. A billion dollar a year industry. Mainly African migrants transported first to Lampedusa, Malta & Italy.People payed $3 to $4 thousand dollars a piece … Continue reading

Gallery

Humanitarian War in Libya : There is no evidence ! (Video Investigation)

This gallery contains 1 photos.

This document makes it possible to understand how international law and justice works, but mostly how its basic principles can be bypassed. The resolutions passed against Lybia are based on various allegations : notably on the statement claiming that Gaddafi … Continue reading

Gallery

Why the attack on Libya? – Pourquoi l’attaque contre la Libye? (Eng-Fra) +Video

This gallery contains 1 photos.

NOTE: (The content of this Video does not necessarily reflect the views of  LibyanFreePress group of work regarding the physical status of Libyan leader Muammar Qaddafi) Ce qui se passe en Libye n’a rien à voir avec ce qui s’est … Continue reading

Gallery

Responsibility to protect: the “liberation” of Sirte

This gallery contains 2 photos.

According to NATO  figures, coalition aircraft delivered 415 key strikes on the town of Sirte between Sunday 28th August and Thursday 20th October. We have compared this to the bombing of Guernica and other comparisons have been made to the … Continue reading

Gallery

L’arte della manipolazione mediatica

This gallery contains 1 photos.

di Ryuzakero – 2 dicembre 2011 Ecco qualche esempio…. 1) Il video mandato in onda da Al Jazeera per mostrare che Muammar Gheddafi sparava alle folle (in realtà si vedrà come erano i ratti a cecchinare i manifestanti pro-Kaddafi). Il video … Continue reading

Gallery

War is a Racket: Libya, the Real Story – VIDEO (min. 22:17)

This gallery contains 1 photos.

War is a racket: Libya, The Real Story The truth is viral Bob Powell on AboveTopSecret.com’s The Truth Is Viral show claims that, under orders from a cabal of international bankers, the CIA trained and equipped al-Qaeda terrorists and set … Continue reading

Gallery

La conquista statunitense dell’Africa: Il ruolo di Francia e Israele

This gallery contains 1 photos.

Mahdi Darius Nazemroaya e Julien Teil, Global Research Introduzione di Cynthia McKinney – Traduzione Alessandro Lattanzio Introduzione: l’”Operazione Gladio” Ieri e oggi … (Cynthia McKinney, October 1- 2011) – Comincerò con lo scandalo dell’Operazione Gladio che culminò nell’omicidio dell’ex Primo … Continue reading

Gallery

Human Rights Watch: another Zionist tool

This gallery contains 1 photos.

Human Rights Watch: another zionist tool to mislead the public opinion By MKERone – Mathaba.net Most of the people think that Human Rights Watch (HWR) is a non-profit, 100% independent organization. They also believe that its aim is to defend … Continue reading

Gallery

Guerra in Libia: Rivolta o Invasione? (Ita-Eng subt.)

Guerra in Libia: rivolta o INVASIONE? Who started the libyan war? Propaganda’s lies? (ITA/ENG) by Ryuzakero – 27 settembre 2011 Chi sono i “ribelli”? Chi ha iniziato questa guerra? E sopratutto: COME e perchè è iniziata? Si tratta veramente di … Continue reading

Gallery

Rebels Create Humanitarian Disaster, Then Blame it on Qaddafi

This gallery contains 2 photos.

Libya: Rebels Create Humanitarian Disaster, Then Blame it on Qaddafi   Corporate media complicit in covering for rebel war crimes. by Tony Cartalucci –  Land Destroyer Report Despite desperate attempts by Wall Street and London to proclaim their intervention in … Continue reading

Gallery

Wadah Khanfar, al-Jazeera e il trionfo della propaganda televisiva

This gallery contains 3 photos.

Wadah Khanfar, al-Jazeera e il trionfo della propaganda televisiva Thierry Meyssan, Réseau Voltaire, 23 settembre 2011  Al-Jazeera, il canale informativo del Qatar, che in 15 anni si è imposto nel mondo arabo come fonte originale di informazioni, improvvisamente si è impegnato in una vasta operazione … Continue reading

Libyans are terrorized by rebels, while West and “islamist” crimes continues

The NATO crimes continue, the Libyans are terrorized by rebels, while the Western propaganda continues.

Videoclip from RussiaToday television
Reloaded by LibyanFreePress.net

Gallery

French Leader Rushes To China, Blames US For Libyan Child Sex Slaves

This gallery contains 1 photos.

By Sorcha Faal – WatDoesItMean A shocking report prepared by the Russian Foreign Ministry for Prime Minister Putin on French President Nicolas Sarkozy’s unexpected trip to China last week to meet with China’s President Hu Jintao [both at photo top … Continue reading

Gallery

Ecco perchè vogliono uccidere Gheddafi (english-italiano)

This gallery contains 1 photos.

That’s why they want to kill Gaddafi ENGLISH-ITALIANO Gheddafi stava finanziando molti progetti per modernizzare l’Africa e renderla indipendente dalla tirannide imperialista e reazionaria d’occidente. Tutte le News le trovate qui: http://www.youtube.com/user/Rayyisse https://libyanfreepress.wordpress.com/ http://gilguysparks.wordpress.com/ L’idelogia di Gheddafi: il libro verde … Continue reading

Who is him? Bernard Levy?

Libya [26-08-2011] شوفو الجردان و الإستعمار

WHO IS HIM?!? (the well dressed & escorted MAN)

CHI E’?!? (l’uomo ben vestito e scortato)

???   !!!   ???   !!!   ???   !!!   ???   !!!

_حقيقة علم العار – ثوار الصليب فى بنغازي Zionist in Libya

Bernard Levy? (a famous zionist)

Gallery

‘West too eager for Libyan oil’

Michel Chossudovsky: The Libyan Oil Company handed over to Total, which is the French Oil company While Libyan revolutionaries have not yet won the war in the oil-rich country, Western powers are already discussing the post-Gaddafi period on such issues … Continue reading

Lies of Tripoli

News media outlets across the globe simply echoed as usual the reports from the news agencies which are aligned to an anti-Gaddafi cause in the service of rulers who wish to keep their populations ignorant of the alternatives, and have painted a pretty picture of a war waged almost to the end since rebels reportedly surged into Tripoli over the weekend.

However, they had to do this largely by faking reports, and entire news broadcasts from Qatar’s Jazeera, by colouring in green flags with the rebel monarchist flag, an easy feet with photo editing tools, and even the faking of entire scenes at Green Square shot at a large replica of central Tripoli in Qatar. For those who are sceptical, it was not a difficult feat to show some faults on the replica, which missed some of the details of the buildings at Green Square. Now, many of those false reports and also very real ones coming from the ICC about Sayf Al Islams “arrest”, have now been deleted from RT.com and other sites, as the media in Russia too has come under pressure from its pro-bankster President.

Journalists and leaders alike are reporting that the end for Colonel Gaddafi’s regime is near, the rebels are taking control and the tyranny of the decades-long dictator is as good as gone.

But really now — what’s actually happening?

No matter what the mainstream media feeds as facts in an attempt to show a war that’s not a waste of resources, men and money, the reality of it is that the battle that is being waged against Gaddafi does not appear to be as far from over as most are led to believe. One would think so, however, due to misinformation represented with no regard for the truth and a public that deserves to hear it. However, wars are waged for bankers and their stooges in the conglomerates, the “money men” and their faithful servants and gate-keeper politicians. The public are to be kept ignorant, used as cannon fodder for the elite’s wars, and consumers of their worthless products, MacDonalds, gasoline, bottled water passing off as pure, tell-lie-vision commercials and game shows, and so on.

Monday afternoon in America, US President Barack Obama spoke to the country about the Libyan civil war. “This much is clear,” declared the president. “The Gaddafi regime is coming to an end, and the future of Libya is in the hands of its people.”

“For over four decades, the Libyan people had lived under the rule of a tyrant who denied them their most basic human rights,” added Obama. “Now, the celebrations that we’ve seen in the streets of Libya shows that the pursuit of human dignity is far stronger than any dictator.” (Obama forgot to add : Dictator who provided best standards to the country, jobs, wealth, easy life, no poverty, free health care, free education, free housing, plentiful food, clean water and list goes on and on. But yes probably the best “Dictator” that ever lived)

And while Obama did not say that the war is in fact at an end, he did say one thing for certain: “it’s clear that Gaddafi’s rule is over.”

This is the age we are currently living in, where war is peace, ignorance is strength and slavery is freedom.

Not only does Libya have the purest form of participatory democracy having moved from a dictatorship of a king in 1969, by passing the sham of political parties and moving to direct democracy in 1977, with Gaddafi resigning from all political power in 1979, but it also legislated the most advanced human rights in the world, directly from the people in their basic popular congresses, in 1988.

All this came about in no small thanks to the retirement of Gaddafi from political power, so that he could write The Green Book to show the world how it is done. As a movement was needed to discuss, adopt, and propagate the truths of the Third Universal Theory, he founded and led a green committees movement, which continues to spread around the world.

Obama’s speech came within hours of announcement that the second son of Colonel Gaddafi, Saif al-Islam Gaddafi, had been detained by authorities. The International Criminal Court (ICC) issued a warrant for his arrest, which was then allegedly carried out by the Libyan National Liberation Army and announced by the National Transitional Council. Coupled with Obama’s assurance that the enemy’s empire was crumbling, the capture of the colonel’s son and main heir apparent would appear to be only a catalyst for the coup, signalling an end all too certain, along with SMS text messages sent to all Libyan mobile phones.

Hours after his supposed arrest, however, the younger Gaddafi rolled up to Tripoli’s Rixos hotel in a white armored limousine. The BBC described him as “pumped full of adrenaline”and “brimming with confidence.” He wore an army-green t-shirt as he flashed the V-for-Victory sign from both hands, entertaining reporters and supporters alike. I’m here to refute all the rumors and reports,” he told journalists, and then announced that they would “hit the hottest spots in Tripoli.”

The National Transitional Council had issued a report earlier that the colonel’s son was captured, being held in a safe location.” They even claimed that his brother Khamis was killed yet again, for more than the 9th time, and that Saadi and Mohammed were under arrest. It appears that Mohammad played a trick on Jazeera by calling them up saying he had given himself up, though that needs verification as I missed it. Needless to say, the entire lack of resistance to the advancing rebels on Tripoli and allowing them to go on a rampage for a few hours, resulting in the deaths of over a thousand according to hospital figures, with 5,000 more injured, was a trap so that they could then be surrounded and defeated. Libyans had grown tired of the cowards hiding out in the desert.

Further, allowing the rebels into Tripoli and also elite western troops from Britain, Germany, France and even the USA, along with Qatari mercenaries, provided the opportunity to finally confront and defeat them but at the same time expose the fact that there are immense violations of Africa’s sovereignty going on and a massive snub to the African Union which is the voice of all African states and has long had a working road map for Libya that had been accepted by all parties except the NATO rebels, and of course, NATO.

Saif’s response to questions about NATO rebels? Damn them.

Saif al-Islam Gaddafi says it is an “electronic and media war in order to spread chaos and fear in Libya.” Are the rebellions really as raw as they are made out to be? “They are acting more as desperate militia. It is a de facto government but they haven’t grasped this yet,” Fawas Gerges, a professor of Middle Eastern politics at the London School of Economics, tells The Guardian.

Obama says the colonel is on the verge of collapse, but his own son tells reporters that “of course” he’s safe. The media makes it as if the rebel resurgence is ravaging his regime, but other reports suggest the opposite is true .

The mainstream media thinks otherwise. But what about those actually on the ground? Pepe Escobar, correspondent for Asia Times, tells RT that journalists from CNN and BBC “reporting” from Tripoli are “pathetic.” The story that they give to their audience is delivered from hotel rooms where they are held up, donned in bulletproof vests. The independent journalists actually on the scene, he says, are risking their lives to get the story straight, but few are willing to find an outlet for them to tell the truth.

Perhaps the biggest example of misinformation made available to the public was a release from Al-Jazeera TV on Monday. According to a news bulletin, a NATO war-plane shot down a scud missile fired from Muammar Gaddafi’s home city outside of Tripoli. The release is great for those wanting to hear that NATO and American allies are in control and on the side of the rebels, but for those wanting the truth, they are sadly in the dark yet again. Why?

Planes can’t shoot down scud missiles.

By Tuesday morning, news sources show Gaddafi’s compound billowing with black smoke, fires raging and rebels rejoicing in tears. They say the war is almost over and the end is near, and hey, they have the footage of a mansion on fire to prove it. But where is Gaddafi? Where is his imprisoned son today? What is NATO actually doing and will they lie about it before the sun sets tonight in Tripoli? And what about all the previously doctored images and videos, so many of which have been exposed on Mathaba that we are now tired of it?

From now on, we believe enough people know the truth, and know that we tell the truth. We will just report, and ask more of you readers to do your investigations and join the collective effort. Help out the sub editors at pub.mathaba.net and contribute funds so that our over loaded editors can do more and keep all systems running: www.mathaba.net/donate.htm

While time may tell what’s to become of the people of Libya, one thing is absolutely sure: this war will never end, until NATO gives up., and another surety is that the ideas of the leader and his movement contained at www.greencharter.com will spread far and wide.

Surely the so-called MSM media can’t be relied on for the facts, but with the future of the world and the lives of millions at stake, people will know the truth about Libya and share it, and more and more will study the educational sections of sites such as www.peoplesconference.org to know what is really behind events in the world, and will adopt the Green Charter as their platform.

And finally a question to all the parents in America. When your children are called to their “call of duty” to go and die for the banking elite, ask yourselves this: Are you sending your children to defend your country or to invade another simply to grab resources that won’t reach you but once again only the bankers who control your government?

Font: Mathaba.net

>> RELATED :

Order: Kill non-mainstream reporters in Libya, What U.S. is hiding

Gli Squadroni della Morte di “Al Qaeda-Nato ” a Tripoli

MASSACRO NATO A TRIPOLI: L’OPERAZIONE ALBA DELLE SIRENE SEGNA L’ASSALTO DEI RIBELLI DELLE SQUADRE DELLA MORTE

Thierry Meyssan – Global ResearchTraduzione di FFP per LibyanFreePress

Tripoli, in Libia, 22 agosto 2011, 01:00


Sabato sera, alle 8, quando l’ora dell’Iftar segnava la fine del digiuno del Ramadan, il comando della NATO ha lanciato la sua “Operazione Sirena” contro la Libia.

Le Sirene sono stati gli altoparlanti delle moschee, che sono stati utilizzati per lanciare l’appello di Al Qaeda alla rivolta contro il governo di Gheddafi. Immediatamente le cellule dormienti dei ribelli di Bengasi sono entrati in azione. Questi sono piccoli gruppi con grande agilità di movimento, i quali hanno condotto attacchi multipli. I combattimenti, durante la notte, hanno provocato circa 350 morti e 3.000 feriti.

La situazione si è calmata un pò nel corso della domenica.

Poi una nave da guerra della NATO si è ancorata appena al largo della costa di Tripoli, fornendo armi pesanti e uomini delle forze jihadiste di Al Qaeda, le quali erano dirette da ufficiali della NATO.

I combattimenti sono ripresi durante la notte. Ci sono stati intensi scontri a fuoco. Droni della NATO e bombardamenti aerei sono continuati in tutte le direzioni. Elicotteri della NATO hanno mitragliato i civili per le strade, per aprire la via ai jihadisti.

In serata un corteo di auto che trasportavano ufficiali governativi è stata attaccata. Il convoglio ha trovato rifugio al Rixos Hotel, dove ha sede la stampa straniera. La NATO non osa bombardare l’hotel per evitare di uccidere i suoi giornalisti. Tuttavia l’hotel, che è quello che mi ospita al momento, è tutt’ora l’obiettivo di un intenso attacco.

Alle 11:30, il ministro della Salute ha dovuto annunciare che gli ospedali erano pieni fino a traboccare. Domenica sera ci sono stati circa 1.300 morti e 5.000 feriti.

La NATO era stata incaricato dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU di proteggere i civili libici.  In realtà, Francia e Gran Bretagna hanno appena re-iniziato il loro massacro coloniale.

Alle 01:00, Khamis Gheddafi è venuto personalmente all ‘Hotel Rixos per consegnare armi utili alla difesa dell’ hotel. Poi se ne è andato. Vi sono al momento intensi combattimenti in tutto l’hotel.

La quadruplice sta facendo pagare all’Italia l’alleanza con Putin e Gheddafi

Con la Clinton in testa, il Club non tollera autonomia e soluzioni energetiche nazionali

 

Capolinea? ItaliaOggi del 7 ottobre 2009 scrisse che Silvio Berlusconi traballava a causa dei legami con Gheddafi e Putin, dopo la vittoria di Hussein Barak Obama e Hillary Clinton. Tre mesi prima ItaliaOggi accostò le fucilate mediatiche sulle ospiti di villa Certosa ai «terroristi che un tempo annunciavano a rivoltellate le elezioni imminenti». Seguì un copione sperimentato dal 1945, quando il «quartetto» dei vincitori (Gran Bretagna, Francia, Usa e Urss), irradiatosi nei nostri interessi, li predò più o meno di comune accordo, manipolandoci la democrazia, corrompendola e non solo. Crollata l’Urss, subentrò la Germania e il nuovo Quartetto eliminò alleati esigenti a vantaggio di ex nemici ricattabili.

Berlusconi entrò in politica nel 1994 per salvare la sua proprietà? I valvassori del Quartetto rapinavano da sempre le ricchezze italiane; dopo il 1989 Mediaset fu tra le appetibili. I valvassori ebbero sempre man salva purché assicurassero la ciclica spremitura degli italici servi della gleba, come desiderano mercati, Bce, Imf e agenzie di rating. L’Italia è come le mucche dei Masai. I valvassori le incidono ogni tanto le vene del collo, badando di non ucciderla; raccolgono il sangue nella zucca e lo porgono al Quartetto che lascia qualcosa sul fondo da leccare. Negli anni ’50 gli Usa bevevano per primi; oggi Berlino ha il primato, segue Parigi, ultima la Clinton che freme dopo gli abili inglesi. Il deficit statale fu pure sperperi e corruzione, però conseguenti a politiche agricole, industriali ed energetiche genuflesse al Quartetto vampiro.

Il sistema (difeso con bombe, terrore rossonero, mafia e agenzie di rating) perseguita e uccide chiunque tenti di scalfirlo o svelarlo, come Enrico Mattei, Aldo Moro, Giovanni Leone, Luigi Calabresi, Mino Pecorelli, Walter Tobagi, Bettino Craxi. Piemme comunisti? Una balla rancida: o effimeri autocrati a caccia di visibilità oppure organici ai quattro del Quartetto. Vi sono pure, grazie a Dio, tanti liberi, onesti e coraggiosi; va detto e ricordato con un grazie.

Berlusconi parvenu (come sibilarono Gianni Agnelli e Indro Montanelli, valvassori fra i più zelanti) s’adattò alle regole dei Quattro che spaccano il paese in due partiti, l’uno contro l’altro, i capponi manzoniani: comunisti contro anticomunisti, poi nord contro sud, guelfi contro ghibellini, obbligandoci a un moto parossistico e immobile, come un calabrone, di fronte al fiore inarrivabile delle riforme. «Faremo, cambieremo, riformeremo» ronzava il calabrone Silvio, mentre agguantava il futuro legando Vladimir Putin a George Bush Sr, nonostante costui sia assiduo col suo peggiore nemico in Svizzera. Sembrava fatta. Tornata tuttavia al potere la sitibonda Clinton, ogni equilibrio s’infranse nella guerra di rapina alla Libia. Berlusconi maramaldo che pugnala Gheddafi, anticipa quello col «cuore grondante sangue» che tradisce gli elettori. La Germania sta alla finestra, come gli Usa nella guerra dello Yom Kippur del 1973; lascia che altri combattano, agevolando i suoi disegni, in Libia come a Roma, dove osserva Giulio Tremonti accostarsi a palazzo Chigi col primo di tre indispensabili passi: uccidere Berlusconi, politicamente s’intende. Deve, può o vuole? È presto per dirlo. Anche il secondo passo, cavar sangue come i valvassori, potrebbe essere obbligato da politiche spietate. Arriverà il terzo e decisivo passo di Tremonti, se vorrà omologarsi? Porgerà la zucca, come Giuliano Amato e Carlo Azeglio Ciampi, prima di lui? A chi la porgerà prima? Che cosa conterrà? Eni, Finmeccanica? Washington condivide le priorità di Giulio con le altre tre? I guai di Marco Milanese crescono mentre si colma la zucca? Oltre le congetture, sono seri i guai del Cavaliere se smarrisce la realtà come Bettino Craxi, quando aprì le porte del Quirinale a Oscar Luigi Scalfaro e chiuse le proprie. La volpe ansima e i cani la incalzano. A meno che, a marzo, Vladimir Putin_ o forse prima, vedremo, intanto paghiamo.

 di Piero Laporta – da “Italia Oggi” del 17/8/2011

prlprt@gmail.com

NATO attacks on national TV headquarters and installations in Tripoli

On video: Press Conference (Dr. Moussa Ibrahim), August 3, 2011 –

NATO helps Rebels bombard peaceful cities in Libya 

(by WolkenZwemmer)

 
#

NATO attacks on national TV headquarters and installations in Tripoli

Reporters Without Borders condemns NATO airstrikes on the Tripoli headquarters of the state-owned national TV broadcaster Al-Jamahiriya and two of its installations on 30 July. According to Al-Jamahiriya, three of its journalists were killed and 21 others were wounded in the airstrikes but this could not be immediately verified.

The impossibility of immediate verification is yet another reminder of the difficulty of establishing what is happening in a war when there are no journalists on the ground or their ability to work is severely curtailed. “We appeal again to the authorities in Tripoli to let journalists work freely,” Reporters Without Borders secretary-general Jean-François Julliard said.

We remind NATO that news media are civilian installations and cannot be regarded as military objectives,” Julliard said. “Even if Al-Jamahiriya is clearly used by the Gaddafi regime as a propaganda outlet, it does not in any way legitimize these attacks. Other means, such as support for independent media, must be used to minimize the regime’s propaganda and threats.”

We call for a transparent investigation into the circumstances of these airstrikes. Military attacks on civilian installations constitute war crimes and serious violations of the Geneva Conventions. It is essential to establish who was responsible.”

In a statement, NATO said it carried out the air strikes in order to silence the regime’s “terror broadcasts” and put a stop its “use of satellite television as a means to intimidate the Libyan people and incite acts of violence against them.”

This is not the first time that NATO has targeted news media. A commission of enquiry created by the International Criminal Tribunal for the former Yugoslavia criticized NATO for bombing Serbian television headquarters in 1999. The commission ruled that the broadcaster’s propaganda activities did not suffice to make it a legitimate military target.

In 2003, a US and UK-led military coalition deliberate targeted the Baghdad bureaux of two Arab TV stations (Al-Jazeera and Abu Dhabi TV), the Palestine Hotel (used as a base by many of the foreign journalists operating in Baghdad) and the Iraqi national TV stations headquarters. This was also strongly condemned by Reporters Without Borders.

http://en.rsf.org/libya-nato-attacks-on-national-tv-01-08-2011,40729.html

UAE Supply Weapons to Libyan Terrorists NATO Rebels

UAE Supply Weapons to Libyan Terrorists NATO Rebels,

01 August 2011, War On Libya

Libia, l’incredibile suicidio dei ribelli

Libia, l’incredibile suicidio dei ribelli

di Gianandrea Gaiani – LaBussolaQuotidiana -02 agosto 2011


Avevano garantito di poter prendere Tripoli in poche settimane invece le truppe lealiste hanno dimostrato di poter colpire il cuore di Bengasi, la capitale dei ribelli. Questi ultimi, insieme alla Nato che ha lanciato raids aerei mirati, avrebbero dovuto uccidere Muammar Gheddafi, invece hanno cominciato a uccidersi tra loro con l’esecuzione di Abdel Fattah Younes, ex Ministro degli interni del regime schieratosi con i ribelli, dei quali era diventato il capo militare.

La coalizione che ha riunito tribù diverse e gruppi politici variegati (inclusi gli estremisti islamici) sembra andare in pezzi. La crisi tra le diverse anime del Consiglio nazionale di transizione (Cnt) era già tangibile da tempo ma è esplosa con l’uccisone di Younes, tutta ancora da chiarire. Richiamato a Bengasi dal fronte di Brega, dove guidava l’assalto alla roccaforte lealista, per rispondere a una fantomatica commissione che gli contestava rapporti con il regime e traffici di armi, Younes è stato ucciso dagli stessi ribelli che lo avevano prelevato.

Secondo un comandante insurrezionale, che ha preteso di restare anonimo, sarebbero stati alcuni fondamentalisti islamici unitisi alla rivolta ad averlo assassinato per vendicare le feroci rappresaglie ordinate dal generale quando era il numero due del regime contro i miliziani del GMIL (Gruppo Militante Islamico Libico). “Alcuni di quegli estremisti adesso stanno lottando al fianco di noi insorti, e si sono sempre rifiutati di combattere agli ordini di Younes, vedendolo anzi con sospetto”, ha spiegato.

L’ufficiale ha aggiunto che lo stesso Mustafa Abdul Jalil, il presidente del Consiglio Nazionale Transitorio di Bengasi che due sere fa annunciò la morte del capo di stato maggiore anti-regime, “non ha potuto accusare direttamente gli integralisti perché ne ha paura”. Secondo fonti del Cnt il leader del commando omicida sarebbe stato arrestato mentre gli esecutori materiali restano latitanti. Si tratterrebbe di miliziani della Brigata Obaida ibn Jarrah, una milizia che affianca i rivoltosi e che prende nome da uno dei compagni del profeta Maometto. Da Tripoli, il regime di Gheddafi ha accusato al-Qaeda dell’uccisione di Younes ma la pista islamista potrebbe costituire un comodo capro espiatorio per giustificare l’eliminazione di un uomo in realtà scomodo per molti leader ribelli.

Il bengasino Jallil, anche lui ex ministro di Gheddafi, ha sempre considerato Younes un pericoloso rivale anche perché era un esponente di spicco della potente tribù degli Abdyat, di Tobruk, le cui milizie erano giunte in armi a Bengasi per chiedere la liberazione del generale e poi spiegazioni sulla sua morte.

Secondo Abdullah Baio una delle sue guardie del corpo, Younes sarebbe stato portato in auto a Bengasi da uomini della Brigata 17 Febbraio, guidata dall’ex ingegnere petrolchimico Fawzi Bu Katef, uno dei comandanti che non aveva mai digerito l’incarico di Younis ai vertici militari dell’insurrezione. Un altro rivale di Younes è il colonnello Khalifa Hifter, eroe della guerra in Ciad degli anni ’80 e in seguito passato alla dissidenza fuggendo negli Stati Uniti dove ha vissuto per 20 anni sotto la protezione della Cia prima di tornare a Bengasi nel marzo scorso. L’uccisione di Younes e le sue conseguenze rendono e ancora più evidenti l’incapacità militare dei ribelli libici e la loro instabilità politica.

Nel tentativo di mostrare una forza politica inesistente Jallil ha decretato lo scioglimento delle diverse milizie che compongono l’esercito ribelle: per lo più formazioni tribali ma anche politiche come quelle che si richiamano al GMIL o ai jihadisti di Derna. ”E’ ora di sciogliere queste milizie. Chiunque si rifiuterà di porre in atto questo decreto verrà processato”, ha detto il presidente del Cnt aggiungendo che le brigate della città di Bengasi saranno assorbite dal ministero dell’Interno.

Ventiquattrore ore dopo i funerali di Younes a Bengasi si è però scatenata una battaglia che il Cnt attribuisce a un’incursione di uomini di Gheddafi che avrebbero liberato 300 prigionieri di guerra. Nello scontro sarebbero morti sei insorti e 31 lealisti sarebbero stati catturati ma molti sospettano che si sia trattato dell’inizio della guerra tra le diverse milizie degli insorti. Gli alleati della Nato, coloro per i quali italiani ed europei combattono da cinque mesi, sembrano quindi allo sbando e fa sorridere ricordare con quanta facilità è stata attribuita loro da Washington, Londra, Parigi e Roma la patente di sinceri democratici e combattenti per la libertà.

Solo pochi giorni or sono il Cnt è stato invitato ad aprire sedi diplomatiche in Europa quale legittimo rappresentante del popolo libico. A quanto pare è invece solo il rappresentante non molto legittimo di diverse milizie, incluse quelle jihadiste, pronte a sbranarsi tra loro (impiegando anche le armi fornite da Parigi e Roma) prima ancora di aver fatto cadere il regime di Gheddafi.

Di fronte all’ottusa incapacità di Unione Europea e Nato spicca per acutezza e lungimiranza il monito più volte formulato dall’Unione Africana che ha più volte messo in guardia la comunità internazionale contro il rischio di “feudalizzazione” di una Libia fuori controllo in mano a signori della guerra e milizie. Un’altra Somalia nel cuore del Mediterraneo a pochi chilometri dalle coste italiane.

Fonte: http://www.labussolaquotidiana.it/ita/articoli-libia-il-suicidio-dei-ribelli-2623.htm#.TjgZ2wCRzwQ.facebook

Bengasi: l’insurrezione colorata di disintegra

Bengasi: l’insurrezione colorata di disintegra

Thierry Meyssan, Réseau Voltaire, Tripoli (Libia) 1 Agosto 2011

I musulmani sono invitati a cessare le ostilità durante il mese di Ramadan. Niente di significativo dovrebbe aver luogo sul piano militare in Libia fino al 28 agosto. Ma chi si avvantaggia del tempo che passa? 
Con l’inizio del Ramadan, le operazioni militari della NATO in Libia sprofondano nella confusione totale, nota Alexis Crow.
L’analista della Chatham House specializzata nello studio dell’Alleanza Atlantica, è stata una dei maggiori esperti dei think tank occidentali ad affrontare pubblicamente la questione del ruolo di al-Qaida tra le “forze ribelli“. Oggi è la prima a mettere i piedi sul piatto: i leader politici dell’Alleanza hanno abbandonato i loro scopi bellici, ufficiali e ufficiosi. Non hanno, a rigor di termini, una strategia alternativa, oltre alla ricerca di una crisi che gli consenta di stare con a testa alta. Chiaramente, non è più solo lo stato maggiore francese, ma anche Londra, ad essere preoccupata nel vedere le proprie forze impantanate in Libia, senza nessuna soluzione in vista.
Proteggere i civili” non è mai stato altro che uno slogan fuori dalla realtà. Ma non si tratta più per la NATO di “cambiare il regime” a Tripoli, o anche di dividere il paese in due stati separati, con capitali Tripoli e Bengasi. Al massimo, Bruxelles spera di ottenere uno statuto autonomo per un paio di enclave.
Consapevole del disastro politico e militare, Washington cerca una soluzione negoziata, pur indicando che non è che perché la NATO ha perso la guerra, debba fermare i suoi bombardamenti. Il tempo è dalla nostra parte, dicono gli emissari statunitensi, mentre il Consiglio nazionale di transizione svuota i conti bancari della Jamahiriya, congelati dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.
In ogni caso, se Washington ha fatto un errore e non riesce a porre rimedio alla situazione, è perché non comprende per nulla il comportamento dei libici. Intossicati dalle loro stessa propaganda, gli Stati Uniti credendo di avere a che fare con una dittatura centralizzata e verticale, scoprono un sistema orizzontale e opaco, in cui il potere è sbriciolato, compresa l’autorità  militare. S’incontrano in varie capitali con numerosi emissari di cui non riescono a misurare la rappresentatività. E dietro tutto ciò, non capiscono le reazioni di Muammar Gheddafi, sfuggente, che è anche convinto che il tempo sia a suo favore.
La strategia occidentale era semplice: sfruttare la normalizzazione della Libia e la sua apertura economica per formare una classe di golden boys e tecnocrati libici, che alla fine avrebbero preferito la American Way of Life al Libro Verde. Una volta maturato questo processo, la CIA ha organizzato gli eventi di Bengasi e la loro distorsione mediatica. I francesi e gli inglesi si sono fatti avanti con i loro discorsi umanitari, in vista di una possibile azione sul terreno che necessitava di carne da cannone. Il Consiglio nazionale di transizione è stato creato raccogliendo membri americanizzati della classe dirigente, con l’aggiunta di vecchi esuli dalla CIA dalla caduta della monarchia, oltre ai combattenti di al-Qaida, addestrati da una fazione saudita.
Anche se apparentemente eteroclita, questa coalizione si basa sulla comune storia dei singoli membri che la compongono. La maggior parte ha lavorato per gli Stati Uniti da molto tempo e ha cambiato diverse volte appartenenza politica, a causa dei cambiamenti tattici che Washington le ha ordinato. Molti sono segretamente membri della Fratellanza Musulmana.
Fedele al Libro Verde, Muammar Gheddafi ha consapevolmente incentivato queste fratture di classe, annunciando il 22 febbraio la dissoluzione di vari ministeri e la distribuzione del loro budget in parti uguali tra tutti i cittadini (21000 dollari USA a persona). Vedendo il “Fratello Leader” far rivivere il suo progetto anarchizzante, i privilegiati che si sono arricchiti durante la liberalizzazione economica si sono spaventati. Alcuni hanno scelto di fuggire in Occidente con le loro famiglie e il loro gruzzolo, mentre altri credevano in una vittoria rapida dell’Alleanza Atlantica ed hanno aderito al CNT, sperando di governare la Libia l’indomani.
Per effettuare questa rivolta colorata, Washington aveva solo una carta: l’arruolamento di un compagno di Muammar Gheddafi, il generale Abdel Fatah Younes, Ministro degli Interni. E’ stato il suo cambio di campo che ha reso possibile la trasformazione delle operazioni di destabilizzazione politica in un’avventura militare. Ma l’assassinio del generale Younes da parte dei suoi rivali, il 28 Luglio 2011, ha provocato il collasso dell'”esercito ribelle” e rivela l’artificiosità del Consiglio nazionale di transizione.
Oggi ci sono più di 70 gruppi armati, noti come “ribelli“. Quasi tutti riconoscevano l’autorità di Abdel Fatah Younes, che ha tentato di coordinarli. Dal momento dell’annuncio della sua morte, ogni gruppo ha ripreso la sua autonomia. Alcuni, che hanno creato un proprio governo, cercano di ottenere il riconoscimento dagli Stati membri della Coalizione, tra cui il Qatar, allo stesso titolo del CNT. Ogni località ha il suo signore della guerra che vuole proclamare l’indipendenza. In pochi giorni, la Cirenaica è stata “irachizzata“. Il caos è tale che il figlio del generale Younes, al suo funerale, ha chiesto il ritorno di Gheddafi e della bandiera verde, il solo modo, a suo dire, di ripristinare la sicurezza della popolazione.
Quindi, basta ascoltare i discorsi di Muammar Gheddafi per capire la sua strategia. Mentre le strade di Bengasi si sono svuotate, manifestazioni di massa sono state organizzate in tutta la Tripolitania e il Fezzan, per condannare la NATO. Il “Fratello Leader” vi interviene con gli altoparlanti e dialoga con la folla. Spiega che una tregua rapida metterebbe a repentaglio l’unità nazionale, mentre la prosecuzione della guerra darebbe il tempo per rovesciare il potere illegittimo del CNT e, quindi, preservare l’integrità territoriale della Libia.  Il colonnello Gheddafi, che ha radunato la sua tribù, ora intende conquistare le persone che continuano a sostenere il CNT. Nel suo intervento audio, chiama il suo popolo a prepararsi a liberare le città occupate. Dovranno muoversi in massa, senza armi, per riguadagnare il controllo delle sacche “ribelli” in modo non violento.
Muammar Gheddafi, che ha già sconfitto politicamente la forza aerea della NATO, pensa di poter vincere anche politicamente, sul terreno, i “ribelli“.
In questa situazione inestricabile, in cui molti giocatori non sanno cosa fare, i riflessi prendono il posto del pensiero. I sostenitori del Libro Verde intendono approfittare della fuga dei tecnocrati per tornare ai fondamenti della Rivoluzione, le persone intorno a Saif el-Islam credevano di poter sposare il gheddafismo con la globalizzazione negoziando con i loro amici occidentali; e la NATO bombarda ancora una volta i siti che ha già bombardato ieri e l’altro ieri.

Fonte originale
http://www.voltairenet.org/A-Benghazi-l-insurrection-coloree

Traduzione a cura di Alessandro Lattanzio
http://aurorasito.wordpress.com/2011/08/02/a-bengasi-linsurrezione-colorata-di-disintegra/

Sulla morte del disertore Abdel Fattah Al-Younes

guerra in Libia: divisioni in seno al Consiglio di transizione e nelle “Forze RIBELLI”

Michel Chossudovsky e Mahdi Darius Nazemroaya, Global Research, 29/7/2011

La morte del generale Abdel Fattah Al-Younes, comandante in capo delle forze ribelli, è stata annunciata il 28 luglio. Younes è stato l’ex ministro degli interni del colonnello Gheddafi, che ha disertato con i ribelli. Younes è stato anche un leader chiave del Consiglio di transizione di Bengasi.
La sua morte ha creato un vuoto nella struttura di comando militare, che inevitabilmente contribuirà, a breve termine, ad indebolire le capacità militari degli insorti. Si avranno anche ripercussioni sulla tempistica delle operazioni della NATO.
Voci non confermate affermano che Younes è morto sul campo di battaglia, combattendo contro i militari libici. Da diversi giorni c’erano voci secondo cui Al-Younis era morto. Questi rapporti dichiaravano che stesse combattendo nelle montagne occidentali e che avrebbe potuto essere stato ucciso in battaglia. Altri rapporti affermano che è stato ucciso dal Consiglio di transizione. Anche all’interno dei circoli dei ribelli ci sono affermazioni che Al-Younes sia stato ucciso “perché era un traditore”.
La dichiarazione ufficiale del Consiglio di transizione afferma che il generale Al-Younes e due aiutanti, alti comandanti militari, sono stati uccisi da tiratori Giovedi 28 luglio.
Abdel Fattah Younes è stato ucciso dopo essere stato convocato nella capitale de facto dei ribelli, Bengasi, per comparire dinanzi a un’inchiesta giudiziaria, ha annunciato in una conferenza stampa, nella notte di Giovedì, il leader dell’opposizione Mustafa Abdul Jalil“.

Negoziati segreti con Tripoli?
Al-Younes potrebbe aver tentato di tornare a Tripoli. Ci sono state anche segnalazioni in merito a negoziati segreti tra i membri del Consiglio di transizione e il governo libico. Una fazione in seno al Consiglio di transizione potrebbe essere stata alla ricerca di una soluzione negoziata con Tripoli.
Appena due settimane prima, dei colloqui ad alto livello si sono svolti a Bruxelles (Mercoledì 13 luglio) tra una delegazione del Consiglio nazionale di transizione e il segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen. La delegazione ha inoltre incontrato il Consiglio del Nord Atlantico, organo di governo della NATO. Fogh Rasmussen ha confermato che “la NATO avrebbe continuato la sua campagna di bombardamenti in Libia, fino a quando le forze di Gheddafi minacceranno i civili“. “Fino a quando questa minaccia continua, dobbiamo continuare a seguire la questione.”
Mentre a Bruxelles, il capo dei ribelli del CNT, Mustafa Abdel Jabril, aveva categoricamente negato i colloqui con Tripoli: “Tutto questo parlare di negoziati in corso tra il regime e il Consiglio nazionale di transizione, non sono che affermazioni totalmente false“, The Associated Press: I ribelli negano colloqui con Gheddafi, 13 luglio 2011)

Divisioni in seno al Consiglio di transizione e i militari
La morte di Al-Younes è il risultato di lotte intestine nel Consiglio di transizione. La leadership di Mustafa Abdel Jibril viene messa in discussione, in particolare dai membri della tribù di Younes, gli Al-Obeidi. Jibril voleva un’ondata di bombardamenti della NATO per sostenere “l’avanzata  militare” su Tripoli dalle forze ribelli.
Dopo la morte del generale Younes e dei due comandanti militari, le forze ribelli sono allo sbando. Divisioni tra fazioni si stanno sviluppando all’interno delle forze ribelli.

La CIA Connection
Ci sono state anche accuse secondo cui Younes è stato assassinato da una fazione ribelle rivale, guidata dal comandante militare Hifter Khalifa, noto per essere un uomo della CIA:
Il generale Hifter, ritiratosi, nella periferia della Virginia,  vivendo negli ultimi 20 anni a Vienna (una piccola città) che si trova a cinque minuti dal quartier generale della CIA a Langley. … Manipulations Africaines, un libro pubblicato da Le Monde Diplomatique nel 2001, traccia il collegamento con la CIA di Hifter, che risale al 1987, affermando che l’allora colonnello dell’esercito di Gheddafi, fu catturato combattendo in Ciad contro il governo sostenuto dagli USA di Hissène Habré. Hifter disertò col Fronte di Salvezza Nazionale Libico (LNSF), il principale gruppo anti-Gheddafi, che era stato appoggiato dalla CIA. Organizzò una propria milizia, che hanno smise di operare una volta che Habré venne sconfitto da Idriss Déby (sostenuto dalla Francia) nel 1990. ….La forza Hifter, creata e finanziata dalla CIA in Ciad, svanì nel nulla con l’aiuto della CIA, poco dopo che il governo venisse rovesciato da Idriss Déby.” Il libro cita un rapporto del Research Service del Congresso degli Stati Uniti del 19 dicembre 1996, secondo cui “il governo degli Stati Uniti stava fornendo aiuti finanziari e militari al LNSF, e che un numero di membri del LNSF furono  trasferiti negli Stati Uniti“. (Asad Ismi, The Middle East Revolution: The Empire Strikes Back: Libya Attacked by the US and NATO, Global Research, 18 maggio 2011)

Sostenere il Jihad libico
Affiliato ad al-Qaida, il LIFG (Al-Jama’a al-Islamiyyah al-Muqatilah bi-Libia) è stato fondato in Afghanistan con l’appoggio della CIA dal Mujaheddin veterani libici della guerra in Afghanistan.
Fin dall’inizio nella prima metà degli anni ’90, il Libyan Islamic Fighting Group (LIFG) interpretò il ruolo di “risorsa d’intelligence” per conto della CIA e del servizio segreto britannico MI6. A partire dal 1995, il LIFG ha partecipato attivamente al jihad islamico contro il regime laico libico, tra cui un tentativo di assassinio, nel 1996, di Muamar Gheddafi. (Si veda Michel Chossudovsky, “Il nostro uomo a Tripoli”: Terroristi islamici sponsorizzati dagli USA-NATO integrati nell’opposizione Pro-Democrazia della Libia, 3 aprile 2011).
I jihadisti, segretamente sostenuti dai servizi segreti occidentali, oggi sono in prima linea della rivolta:
Al-Hasidi [un mujahidin veterano] ha insistito che i suoi combattenti “sono patrioti e buoni musulmani, non terroristi”, ma ha aggiunto che “anche i membri di al-Qaida sono  buoni musulmani e lottano contro l’invasore [le forze di Gheddafi]”. (Libyan rebel commander admits his fighters have al-Qaeda links, Daily Telegraph, 25 marzo 2011)
Abdul Hakim Al-Hasadi, è un leader del LIFG che ha ricevuto addestramento militare in un campo della guerriglia in Afghanistan. Lui è il capo della sicurezza delle forze di opposizione in uno dei territori controllati dai ribelli, con circa 1.000 uomini sotto il suo comando. (Libyan rebels at pains to distance themselves from extremists – The Globe and Mail, 12 marzo 2011)
La coalizione USA-NATO sta armando i jihadisti. Le armi vengono incanalate verso il LIFG dall’Arabia Saudita, che storicamente, fin dall’inizio della guerra in Afghanistan, ha segretamente sostenuto al-Qaida. I sauditi stanno rifornendo i ribelli, in collegamento con Washington e Bruxelles, con razzi anticarro e missili terra-aria. (Si veda Michel Chossudovsky, “Il nostro uomo a Tripoli”: Terroristi islamici sponsorizzati dagli USA-NATO integrati nell’opposizione Pro-Democrazia della Libia, 3 aprile 2011)

Il modello Kosovo
L’assassinio del generale Younes, mentre creato divisioni all’interno della guerriglia, tende a rafforzare il controllo USA-NATO della fazione islamista della rivolta, che è sostenuto segretamente da CIA e MI6.
Ciò che si sta applicando in Libia è il “modello Kosovo“. L’Esercito di liberazione del Kosovo (KLA) è stato integrato dalle brigate islamiste affiliato ad al-Qaida, per non parlare dei suoi legami con la criminalità organizzata. L’UCK è stato sostenuto segretamente da CIA, servizi segreti tedeschi (BND) e MI6 britannico.
A partire dal 1997, l’UCK era dietro gli assassinii politici delle forze dell’opposizione civile in Kosovo, compresi i membri della Lega democratica del Kosovo, guidata da Ibrahim Rugova. E’ stato poi utilizzato come strumento nella NATO per la guerra contro la Jugoslavia del 1999. E sulla scia della guerra del 1999, l’UCK è stato portato, con l’appoggio delle Nazioni Unite e dell’Unione europea, a guidare l’indipendente e democratico “Stato Mafioso” del Kosovo.

La “guerra al terrorismo” sostiene la “guerra al terrorismo
In una amara ironia, la coalizione USA-NATO contro la Libia è presente “su entrambi i lati” della sua “guerra al terrorismo“. Dicono che “combattono il terrorismo“, quando in realtà sostengono e finanziano di nascosto il terrorismo. Stanno combattendo con e non contro i terroristi.
Sono su entrambi i lati della “Grande Menzogna“. Sostengono una guerra santa contro il  “terrorismo islamico“, sostenendo al contempo le forze jihadiste affiliate ad al-Qaida dell'”opposizione” libica.

Mahdi Darius Nazemroaya a Tripoli e Michel Chossudovsky a Montreal hanno contribuito a questo articolo.


Fonte originale: http://globalresearch.ca/PrintArticle.php?articleId=25827

Traduzione: Alessandro Lattanzio
http://aurorasito.wordpress.com/2011/07/30/la-guerra-in-libia-divisioni-in-seno-al-consiglio-di-transizione-e-nelle-forze/

Daily NATO War Crimes in Libya

Daily NATO War Crimes in Libya

by Stephen Lendman – July 29, 2011 – Mathaba


Among them is waging war on truth, Western managed news calling lawless imperial wars liberating ones, as George Orwell predicted in his book 1984: War is Peace, Slavery is Freedom, Ignorance is Strength

No wonder John Pilger says journalism is the first casualty of war, adding:

“Not only that: it has become a weapon of war, a virulent censorship (and deception) that goes unrecognised in the United States, Britain and other democracies; censorship by omission, whose power is such that, in war, it can mean the difference between life and death for people in faraway countries….”

In their book, “Guardians of Power,” David Edwards and David Cromwell explained why today’s media are in crisis and a free and open society at risk. It’s because press prostitutes substitute fiction for fact. News is carefully filtered, dissent marginalized, and supporting wealth and power substitutes for full and accurate reporting.

It’s a cancer, corrupting everything from corporate-run print and broadcast sources, as well as operations like BBC and what passes for America’s hopelessly compromised public radio and TV. They put out daily managed and junk food news plus infotainment, treating consumers like mushrooms – well-watered and in the dark.

During wars, in fact, they cheerlead them, reporting agitprop and misinformation no respectable journalist would touch.

On the Progressive Radio News Hour, Middle East/Central Asia analyst Mahdi Nazemroaya, in Tripoli, said some journalists also perform fifth column duties, collecting intelligence and locating targets to supply NATO bombing coordinates, notably civilian targets called military ones.

In a July 28 email, he said tell listeners that “NATO is trying to negotiate with the government in Tripoli.” More on that below. He added that they’re also “planning a new stage of the war against the Libyan people through (predatory) NGOs and fake humanitarian missions.” A likely UN Blue Helmet occupying force also, paramilitaries masquerading as peacekeepers Gaddafi controlled areas won’t tolerate.

NATO, in fact, calls civilian targets legitimate ones, including one or more hospitals, a clinic, factories, warehouses, agricultural sites, schools, a university, one or more mosques, non-military related infrastructure, a food storage facility, and others.

Notably on July 23, a Brega water pipe factory was struck, killing six guards. It produces pipes for Libya’s Great Man-Made River (GMMR) system (GMMR), an ocean-sized aquifer beneath its sands, making the desert bloom for productive agriculture, and supplying water to Libya’s people.

The previous day, a water supply pipeline was destroyed. It will take months to restore. The factory produced vital pipes to do it, a clear war crime like daily others. Moreover, the entire GMMR is threatened by a shortage of spare parts and chemicals. As a result, it’s struggling to keep reservoirs at a level able to provide a sustainable supply. Without it, a humanitarian disaster looms, very likely what NATO plans as in past wars.

On July 27, AFP said that:

“NATO warned that its warplanes will bomb civilian facilities if (Gaddafi’s) forces use them to launch attacks.” At the same time, a spokesman said great care is taken to minimize civilian casualties.

NATO lied. Daily, it’s attacking non-military related sites to destroy Libya’s ability to function in areas loyal to Gaddafi. Earlier, in fact, a spokesman claimed there was “no evidence” civilian targets were hit or noncombatants killed, except one time a major incident was too obvious to hide. Reluctantly it admitted a “mistake,” covering up a willful planned attack, knowing civilians were affected.

Libya (satellite) TV calls itself “a voice for free Libya….struggling to liberate Libya from the grip of the Gaddafi regime….” In fact, it’s a pro-NATO propaganda service, reporting misinformation on air and online.

On July 25, it headlined, “No evidence to support Gaddafi’s allegations that civilian targets were hit,” when, it fact, they’re struck daily.

Nonetheless, it claimed only military sites are bombed, saying Tripoli-based journalists aren’t taken to affected areas, “suggesting NATO’s gunners are hitting military targets, at least in the capital.”

In fact, corporate and independent journalists are regularly taken to many sites struck. Independent accounts confirm civilian casualties and non-military facilities bombed. Pro-NATO scoundrels report managed news, complicit in daily war crimes.

On July 28, Libya TV claimed “captured Gaddafi soldiers say army morale is low,” when, in fact, most Libyans support Gaddafi. Millions are armed. Gaddafi gave them weapons. They could easily oust him if they wish. Instead, they rally supportively, what Western media and Libya TV won’t report.

Moreover, captured soldiers say what they’re told, likely threatened with death or torture if they refuse, especially in rebel paramilitary hands, under NATO orders to terrorize areas they control.

As a result, civilian casualties mount, up to 1,200 or more killed and thousands wounded in pro-Gaddafi areas, many seriously as war rages. In addition, unknown numbers of combatant casualties on both sides aren’t known, nor is the civilian toll in rebel held areas.

Nonetheless, daily sorties and strikes continue. Since mid-July alone through July 27, they include:

July 14: 132 sorties and 48 strikes

July 15: 115 sorties and 46 strikes

July 16: 110 sorties and 45 strikes

July 17: 122 sorties and 46 strikes

July 18: 129 sorties and 44 strikes

July 19: 113 sorties and 40 strikes

July 20: 122 sorties and 53 strikes

July 21: 124 sorties and 45 strikes

July 22: 128 sorties and 46 strikes

July 23: 125 sorties and 56 strikes

July 24: 163 sorties and 43 strikes

July 25: 111 sorties and 54 strikes

July 26: 134 sorties and 46 strikes

July 27: 133 sorties and 54 strikes

Daily patterns are consistent. However, information on numbers and types of bombs, as well as other munitions aren’t given. Instead, misinformation claims a humanitarian mission protects civilians – by terrorizing, killing, and injuring them, solely for imperial aims. It’s why all US-led wars are fought, never for liberating reasons.

The entire campaign is based on lies. It’s standard war time procedure, to enlist popular support for campaigns people otherwise would reject.

In fact, no humanitarian crisis existed until NATO arrived. Moreover, in paramilitary controlled areas, Amnesty International confirmed only 110 pro and anti-Gaddafi supporter deaths combined, most likely more of the former than latter as rebel cutthroats rampaged through areas they occupy. Currently, the numbers of dead and injured civilians are many times that amount, largely from NATO attacks.

NATO, in fact, is code language for the Pentagon, paying the largest share of its operating and military budgets. Except for Germany and Britain, other members pay small shares, most, in fact, miniscule amounts.

Since NATO began bombing on March 19, daily attacks inflicted lawless collective punishment against millions in Gaddafi supported areas. Affected is their ability to obtain food, medicines, fuel and other basic supplies, exposing another lie about humanitarian intervention.

On July 25, OCHA’s fact-finding team said Tripoli contained “pockets of vulnerability where people need urgent humanitarian assistance.” Medical supplies are running low. The last major delivery was in January, and concerns are increasing about the “unsustainable food supply chain for the public distribution systems, especially as Ramadan approaches (on or around August 1 to about August 29) and the conflict persists.”

Moreover, “Libyan oil experts warned that fuel stocks could run out in two weeks.” Public transportation costs have tripled. Food prices have also soared. Tripoli residents experience electricity cuts, and clean water supplies are endangered.

Before conflict erupted, Libyans had the region’s highest standard of living and highest life expectancy in Africa because Gaddafi’s oil wealth provided healthcare, education, housing assistance and other social benefits. Imperial war, of course, changed things. Libyans now hang on to survive.

Seeking an End Game

On July 26, UPI headlined, “NATO seeks urgent exit strategy in Libya,” knowing this phase of the war is lost. Nonetheless, future strategies and campaigns will follow.

For now, however, “NATO is seeking an urgent exit strategy (to end) fighting and decide the future of (Gaddifi), even if that means letting him stay in the country though out of power, it emerged Tuesday after British and French foreign ministers met in London.”

In tribal Libya, Gaddafi’s power, in fact, is far less than reported, social anthropologist Ranier Fsadni saying:

“Gaddafi’s feeling for tribal Libya is certainly one factor that explains how he has managed to rule the country for so many years. (However), (t)here is no tribal office giving a single man a monopoly of institutional power at the apex….Several factors account for his longevity in power,” including sharing Libya’s oil wealth.

UPI said diplomacy is driven by a failed military campaign. As a result, “(i)ntense mediation efforts are underway at different levels at the United Nations and Europe, in African, European and Middle Eastern capitals and Russia.”

Neither side is commenting, but some observers think operations may wind down in weeks, based on an unannounced face-saving solution, despite continued destabilization and future conflict planned. It’s similar to Balkan and Iraq war strategies, a combination of tactics until Washington prevailed.

Libya faces the same end game, though years could pass before it arrives. As a result, Libyans can expect continued hardships. When imperial America shows up, that strategy persists until it prevails, no matter the pain and suffering inflicted.

Stephen Lendman lives in Chicago and can be reached at lendmanstephen@sbcglobal.net

Font: http://www.mathaba.net/news/?x=627719

L’Italia trasferisce armi ai “mercenari Nato” di Bengasi?

Armi ai “ribelli” libici? Segreto di Stato

La vicenda, già affrontata da Giancarlo Chetoni (Rinascita.eu) e oggetto di un’interrogazione parlamentare dei senatori Lannutti e Pedica (Eliolannutti.it), finisce sui banchi del Consiglio regionale della Sardegna. (ByeByeUncleSam)

Cagliari, 19 luglio – Giallo sulla scomparsa di 400 missili, razzi anticarro e katiuscia custoditi nella base della Maddalena, in Sardegna. Ora sulla vicenda c’è il segreto di Stato imposto dalla presidenza del Consiglio e l’inchiesta aperta dalla Procura della Repubblica di Tempio-Pausania, per capire che fine abbia fatto quell’arsenale sequestrato alla Jadran Express nel 1994.
La vicenda ha inizio nel maggio scorso, quando il quotidiano sardo ‘La Nuova Sardegna’ scopre che ”un ingente carico di materiale bellico, già oggetto di inchieste della magistratura sul traffico internazionale di armi, è stato trasferito da depositi sotterranei nell’Isola di Santo Stefano utilizzando navi passeggeri della Saremar e della Tirrenia, dalla Sardegna a Civitavecchia”. Un carico di armi custodito per 17 anni nei sotterranei della marina militare e, sembra, trasportato su navi di linea dalla Sardegna a Civitavecchia.
”L’enorme carico di armi – scrivono in un’interrogazione i consiglieri regionali della Sardegna del gruppo Sel-Comunistas-Indipendentistas, Claudia Zuncheddu, Luciano Uras, Raduan Ben Amara, Giorgio Cugusi e Carlo Sechi -, fu sequestrato nel 1994 nel Mediterraneo, perché destinato a rifornire il traffico clandestino di materiale bellico, e conta 30mila fucili d’assalto Ak-47, 150.000 caricatori, 32 milioni di proiettili in calibro 7,62×33, 5 mila Bm 21 da 122 mm, 50 lanciatori e 400 razzi anticarro Rpg”.
(…)
Sembrerebbe che il 17 maggio scorso l’arsenale sarebbe stato trasferito in quattro container del Genio, poi caricato su un traghetto Saremar, e da Palau, ”sotto scorta di militari a bordo di automezzi targati Marina militare, il viaggio del convoglio sia proseguito verso Olbia. Dove, all’Isola Bianca, i container sarebbero stati fatti salire insieme con gli ultimi mezzi, alla fine delle operazioni di carico di tutti i veicoli, su una nave Tirrenia con 700 passeggeri”.
(Adnkronos ripreso su http://byebyeunclesam.wordpress.com/)

VEDI ANCHE PDF CORRELATO: 400 MISSILI AI “RATS”

Thierry Meyssan – lies on Libyan war

Thierry Meyssan – Media lies on Libyan war are dissipating, but new lies emerge

“Libyan campaign was staged to start conquering Africa”

The NATO-led intervention in Libya and the unrest in Syria are both steps in a decades-long plan by the US and its allies to completely reshape the face of Africa, believes independent journalist and peace activist Thierry Maysan.

“It’s quite obvious that the USA wanted to enter war at the same time with Libya and Syria. That wish was made public by John Bolton in 2002. The plan was passed over to France and Britain, who decided to bring it to life in November last year,” the author believes.

What is called public uprising of the free-loving people are actually coup attempts staged by the Western nations, Maysan says.

The operation in Libya in particular is marked by an astounding number of lies fed to the public, he added.

“By the time of the UN Security Council vote everyone had decided on the basis of reports submitted to the council. And the Security Council was certain that during the demonstrations in Benghazi the government killed 6,000 citizens – a terrible number. But now five months later the prosecutor at the International Criminal Court, which accused the Libyan leadership, has reduced the number… Now the prosecutor is building up his evidence on 208 victims instead of 6,000,” he pointed out.

In another example, footage was circulated by foreign TV channels allegedly showing Gaddafi’s soldiers raping women in retribution for the uprising. The video later turned out to be a rare Libyan amateur porn flick, Maysan said. The lies are meant to hide what the West wants to do in the region, the journalist believes.

“NATO keeps lying at every stage, which is surprising, because during the war in Kosovo NATO would normally lie only to conceal its mistakes. This time it’s being done not to conceal the mistakes, but to conceal the strategy,” he told RT.

The initial plan to overthrow the government in Tripoli has now obviously failed, so now the strategy has changed, the journalist believes.

“Western TV channels don’t speak of oppression and rebellion anymore, but of a civil war, thus trying to prepare public opinion for a declaration to divide the country into two parts: Cyrenaica on one side and Tripolitania on another, with the UN forces in between to separate the parties,” he said.

Civilian losses are not important for those behind this plan, Maysan says.

“From the moment it was decided to launch this operation, the lives of civilians have not been taken into account. Everything we used to see in the Middle East is not transpiring in this region. This is just a beginning. It’s just a question of re-arrangement of this region, and we are yet to see a series of wars,” he expects.

The scenario for Syria was designed in exactly the same way as the scenario for Libya, but it went in another direction, the activist argues.

“I think some countries, Russia included, thought better of it and prevented it. That is why at the moment there is no war in Syria. Even though some Western leaders repeat every day that it is necessary to go to war,”
he said.

Fonts:

http://rt.com/news/libia-syria-war-africa/

http://www.youtube.com/user/WolkenZwemmer

Perché il “Nuovo Partito Anticapitalista” tace sulla Libia?

Perché il “Nuovo Partito Anticapitalista” tace sulla guerra in Libia?

 

11/7/2011 – sitoaurora

Kumaran Ira, World Socialist Web Site 11 luglio 2011

Olivier Besancenot, dopo aver perorato la guerra alla Libia, è stato premiato con un posto nella crociera di piacere per Gaza (Freedom Flotilla 2), organizzata dalle petromonarchia del Qatar e del Barhein. Ciò spiega anche i silenzi della FF2 sulla Libia e sulla repressione in Barhein.
Olivier Besancenot, leader del NPA, dopo aver perorato la guerra alla Libia, è stato premiato con un posto nella crociera di piacere per Gaza (Freedom Flotilla 2), organizzata dalle petromonarchie del Qatar e del Barhein. Ciò spiega anche i silenzi della FF2 sulla Libia e sulla repressione in Barhein.

#

La guerra contro la Libia delle potenze imperialiste dura ormai da quasi quattro mesi. Con l’intensificazione del bombardamento di Tripoli per rovesciare il regime del colonnello Muammar Gheddafi, le potenze occidentali non hanno potuto compiere la loro missione, e l’intervento della NATO è attualmente in un vicolo cieco.
La scorsa settimana, la Francia ha riconosciuto di aver fornito armi ai ribelli libici, che combattono le forze governative nella regione libica del Djeben Nafoussa, a sud di Tripoli. Questo è stato riportato dal quotidiano Le Figaro, secondo cui stock di armi sono stati paracadutati tra le montagne del Jebel Nafoussa, compresi lanciarazzi, fucili d’assalto, mitragliatrici e missili anticarro “Milan” (Cfr.: La Francia arma le forze anti-Gheddafi).
Le consegne francesi di armi ai ribelli, in violazione della risoluzione 1970 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che ha imposto a febbraio l’embargo sulle armi alla Libia. In Francia come in altri paesi, la maggioranza della popolazione si oppone all’azione militare in Libia. Secondo un sondaggio SFOP, il 51 per cento dei francesi disapprova l’intervento militare della Nato contro la Libia.
C’è un silenzio assordante su questo evento nella stampa del partito dell’ex “sinistra” piccolo borghese. Ciò è particolarmente vero nel caso del nuovo partito anticapitalista (NPA) di Francia. Il sito web del NPA ha pubblicato tre articoli molto brevi sulla guerra in Libia, nel giro di due mesi, anche se si tratta dell’iniziativa principale della politica estera della Francia.
Perché la NPA tace mentre la guerra è impopolare ed è condotta illegalmente dal governo francese? Per settimane, il partito che pretende di essere anti-capitalista, non ha fatto alcuna dichiarazione ufficiale sulla guerra, o non har criticato il presidente Nicolas Sarkozy per la fornitura illegale di armi francesi ai ribelli.
In realtà, la fornitura di armi ai ribelli è la politica che la NPA ha rivendicato presso l’imperialismo francese, all’inizio della guerra. Se l’NPA non critica la politica militarista e illegale del governo francese, è perché fa esattamente quello che l’NPA gli ha chiesto di fare.
Alla vigilia degli attacchi aerei della Francia e Gran Bretagna, il 19 marzo, la NPA aveva suggerito che la Francia consegnasse armi all’opposizione libica. Nel suo comunicato stampa datato 18 marzo, la NPA ha scritto: “La nostra piena solidarietà va ai libici, a cui si dovrebbero dare i mezzi per difendersi, le armi di cui ha bisogno per cacciare il dittatore, prendersi la libertà e la democrazia.”
Lo stesso Olivier Besancenot, ex candidato alla presidenza del NPA, ha dichiarato: “La nostra solidarietà piena va ai libici, cui dovrebbero esser dati i mezzi per difendersi, le armi di cui hanno bisogno per cacciare il dittatore, e prendersi la libertà la democrazia.”
La realtà dei bombardamenti quotidiani sui civili libici, da parte degli aerei della NATO, rivela l’ambiguità di queste formulazioni disoneste, che cercano di suggerire che il NPA ha voluto proteggere i civili o “il popolo libico“. Infatti, la NPA sta ora cercando di coprire col suo silenzio il suo sostegno a una guerra imperialista, il cui obiettivo è rovesciare Gheddafi e imporre un nuovo stato cliente gestito dal Consiglio di Transizione Nazionale (CNT) di Bengasi.
La CNT, formazione di destra filo-imperialista, protegge principalmente gli interessi geostrategici delle grandi potenze e dei conglomerati energetici occidentali. Lungi dall’essere il “popolo libico“, la CNT è composto da forze come degli ex ministri del regime di Gheddafi, forze di terroristi islamici legati ad al-Qaida, agenti della CIA e vari capi tribù libici.
Dall’inizio della guerra, il NPA avanza argomentazioni assurde per giustificare l’intervento delle grandi potenze in Libia. Per quanto riguarda il CNT, il NPA ha dato un colore “rivoluzionario” a una forza reazionaria e pro-imperialista.
Il 1° aprile, il NPA ha pubblicato la relazione di un “dibattito sull’intervento in Libia” nel partito. Adottando la posizione dell’imperialismo francese, in particolare l’intervento militare per proteggere i civili, ha scritto: “Perché Gheddafi è pronto a uccidere i suoi soldati, perché ha promesso ‘un bagno di sangue’ e perché sappiamo che manterrà la promessa in caso di vittoria, vogliamo prima di tutto la sua sconfitta.
L’8 aprile, il NPA ha pubblicato un articolo dei suoi collaboratori belgi (il partito LCR-LaGauche), dal titolo “La guerra imperialista e contro-rivoluzionaria in la Libia“. Secondo l’articolo, “In Libia, attualmente ci sono due guerre in corso: l’offensiva aerea lanciata dagli imperialisti da un lato, e la guerra condotta dal regime di Gheddafi contro la rivolta popolare
Infatti, la CNT non rappresenta una rivolta popolare. Si tratta di uno strumento delle potenze imperialiste, che funge da forza di terra dell’intervento della Nato contro la Libia. Se Gheddafi sarà rovesciato e andrà al potere il CNT, si avrà un regime subordinato che metterà la ricchezza petrolifera della Libia a disposizione degli imperialisti.
La separazione assoluta stabilita dal NPA tra i bombardamenti NATO e il CNT, è falsa e disonesta. Per difendere una guerra imperialista, sotto dei colori di “sinistra“, il NPA critica pallidamente i bombardamenti NATO, pur plaudendo le forze che le servono da fanteria.
Nonostante il travisamento della sua critica della NATO, per il NPA è impossibile nascondere completamente di essere critico da destra. Secondo il NPA, la NATO, che descrive altrove come una alleanza imperialista – non fa abbastanza per aiutare i ribelli a combattere le forze di Gheddafi: “Si rifiuta ancora di fornire munizioni e armi pesanti agli insorti in quantità sufficiente, altrimenti hanno poche possibilità di resistere e sconfiggere le truppe militarmente meglio equipaggiate e addestrate del tiranno“.
La sezione del LCR-LaGauche si lamenta anche che gli imperialisti non bombardano abbastanza la Libia, “Gli attacchi aerei della NATO, a sostegno degli insorti, sono fatti col contagocce e sono molto selettivi.”
Un partito che fa simili commenti, si posiziona in modo inequivocabile dalla parte della reazione sociale, nonostante i suoi sforzi per darsi l’immagine di partito di “estrema sinistra”. Dopo aver chiesto l’intervento imperialista in Libia, ora condivide con Sarkozy la responsabilità politica per la morti di civili in Libia, uccisi dalla NATO e dalle sue marionette libiche.

Copyright 1998 – 2009 World Socialist Web Site

Traduzione di Alessandro Lattanzio

http://aurorasito.wordpress.com/2011/07/11/perche-il-nuovo-partito-anticapitalista-tace-sulla-guerra-in-libia/

Armi “umanitarie” italiane ai “Rats” (Ribelli Atlantisti Terroristi Sionisti)

Armamenti: i nostri aiuti umanitari ai ribelli libici

Giancarlo Chetoni – Rinascita.eu – 10/6/2011

Il materiale “made in Russia”, messo sotto sequestro dalla Procura di Torino dopo il fermo avvenuto nel Canale di Otranto nel 1994 del cargo Jadran Express ad opera di un’unità della Marina Militare operante nell’Adriatico per il rispetto della risoluzione Onu che vietava l’esportazione di armi verso Paesi belligeranti nei Balcani, lasciò, in custodia temporanea, nella disponibilità del ministero della Difesa 30 mila fucili d’assalto Ak 47, 150.000 caricatori, 32 milioni di proiettili in calibro 7,62×33, 5 mila Bm 21 da 122 mm, 50 lanciatori e 400 razzi anticarro Rpg.
Il carico finì per essere momentaneamente dirottato in Sardegna per lo smaltimento dove è rimasto fino alla sentenza della Cassazione arrivata nel 2005.
Stivato nei depositi-bunker sotterranei dell’isola di Santo Stefano in località “Guardia del Moro” è rimasto in giacenza fino al mese di aprile di quest’anno sotto la custodia delle Forze Armate.
Per 6 anni i tre titolari di via XX Settembre degli esecutivi Berlusconi-Prodi-Berlusconi hanno omesso di dare esecuzione al provvedimento della magistratura del capoluogo piemontese e confermato in terzo grado di giudizio in quello laziale.
Dal 15 di maggio il deposito-bunker nell’arcipelago della Maddalena è incappato nella curiosità dei residenti. L’interesse sollevato dalla guerra dell’Italia alla Libia e qualche dichiarazione di Frattini sugli aiuti da destinare alla Cirenaica hanno fatto da miccia. Si è notato un aumento di presenze di personale militare e la movimentazione di contenitori imbarcati sul traghetto della Saremar che collega l’isola con Palau prima di essere trasferiti su un unità della società di navigazione Tirrenia che fa servizio passeggeri sulla rotta Olbia Civitavecchia.
Ne ha dato notizia la “Nuova Sardegna” il 4 giugno.
Il quotidiano di Sassari riferisce di quattro contenitori da 40 piedi trasportati sul continente.
Secondo voci locali l’attività in uscita di materiale bellico dalla base-deposito va avanti dalla prima settimana di aprile con più di 35 “carichi eccezionali” affidati a trasportatori provenienti, come si dice da queste parti… dall’Italia per marcare il muro psicologico venutosi a creare tra gli isolani e i governi nazionali per il costante disinteresse che hanno manifestato per lo sviluppo economico e sociale della Sardegna dagli anni ‘80 in poi.
Interrogata la Capitaneria di Porto sulla pericolosità di far stazionare su un trasporto passeggeri materiali militari il comando locale ha escluso qualunque possibilità di “esplosione” durante la navigazione perché reso preventivamente “inattivo”. Un lavoratore portuale avrebbero dato per certo dallo sforzo delle motrici nel moto di avviamento sulla rampa-nave e dalle “imbarcate” dei pianali l’esistenza nei contenitori di “carico pesante” come armi e munizioni. La notizia è corsa come il vento in tutta la Sardegna. Il sospetto avanzato è che le “uscite” siano state movimentate per far arrivare una parte delle scorte conservate a “Guardia del Moro” a Bengasi nonostante le smentite arrivate sia da La Russa che da Frattini che il Bel Paese si sarebbe astenuto dal fornire armi offensive di qualunque genere ai sostenitori della monarchia senussita anche se… pronti a fornirne di adatte alla difesa. Un confine, come si capisce, sottilissimo e che puzza lontano un miglio della solita fogna ottosettembrista.
Un conto è far distribuire da qualche decina di “istruttori” del Bel Paese a dei tagliagole un centinaio di mitragliette M(P)12, come è stato già fatto, altro sarebbe stato il consegnare al Consiglio Transitorio della Libia delle migliaia di fucili d’assalto Beretta Ar 70-90 con tanto di stampigliatura e altra cosa ancora è la donazione sottobanco di esuberi di Ak 47 di fabbricazione ex sovietica, già di proprietà dell’oligarca Alexander Zhukov, destinati a mimetizzarsi perfettamente sul terreno con le armi e il materiale inizialmente saccheggiato dai “ribelli” nei depositi del colonnello Gheddafi. Un trasferimento in Cirenaica di armi e munizioni anche pari a quelle a suo tempo messe sotto sequestro sulla motonave “Jadran Express” non lascerebbe tracce di sorta.
Verrebbe facilmente assorbito dal mercato della guerra sporca alla Jamahiriya dove circola unicamente materiale ex sovietico, russo o di esubero “occidentale” degli anni ’80 di provenienza centroafricana.
Per capire perché la Nato abbia intensificato i bombardamenti sulla Jamahiriya, accanendosi sul quadrilatero del compound di Bab al Azizya, nei giorni 7-8-9-10 giugno basterà sapere che una delegazione di altissimo livello del “rais” è stata negli stessi giorni in visita di Stato in Cina.
Una visita piena zeppa di segnali politici nel caso si rendesse necessario un ulteriore passaggio
all’Onu per un attacco a terra dell’Alleanza Atlantica alla Libia.
Anche se al Comando Centrale di Bruxelles si stima che un impiego protratto su larga scala di elicotteri di attacco e di cacciabombardieri oltre che di “istruttori” e bande di tagliagole sia di per sé già sufficiente per portare a “breve” al collasso le forze armate di Gheddafi.
La Nato punta inoltre a distruggere qualsiasi deposito di carburante, anche sotterraneo, del Colonnello e a tagliarne le linee di approvvigionamento via terra.
Il blocco navale impedisce, tra l’altro, i rifornimenti di derrate alimentari alla popolazione libica. Le scorte accumulate sono destinate ad esaurimento. I metodi di guerra adottati contro la Jamahiriya ricordano da molto, molto vicino quelli usati contro l’Iraq di Saddam Hussein.
Pressoché identica anche la morfologia del terreno e la strategia militare di strangolamento adottata dall’aggressore, compreso i bombardamenti “ad personam”.
La differenza più significativa sta nel volume di fuoco scatenato nel 2003 su Baghdad e nel 2011 su Tripoli anche se c’è da dire che sia i numeri che le qualità, nel personale e nelle dotazioni militari, sul campo non sono comparabili.
Nel tentativo di spezzare il cerchio di fuoco che si va concentrando sulla Jamahiriya, giovedì 7 il ministro degli Esteri Obeidi è andato a Pechino per incontrare l’omologo Yang Jechi e il premier Wen Jiabao trattenendosi nella capitale per 72 ore. Tempi da visite di Stato con l’obbiettivo di mandare “segnali” all’esterno.
L’esito degli incontri ha soddisfatto in pieno le aspettative dell’inviato di Gheddafi.
Il portavoce di Pechino Hong Lei, dal canto suo, ha dichiarato che la Cina incrementerà i legami politici, finanziari, commerciali e militari con tutti i governi emergenti dei Paesi Arabi che hanno dimissionato i “leaders storici” in Africa e Vicino Oriente. Il riferimento a Tunisia ed Egitto e al prossimo defenestramento nello Yemen, è apparso implicitamente evidente.
Poco meno, di fatto, che una dichiarazione di guerra a Usa, Europa e Nato. Il ministro della Difesa di Pechino ha inoltre lanciato un durissimo avviso agli Stati Uniti.
Un attacco al Pakistan, alla sua integrità territoriale, ai suoi impianti atomici o al suo armamento nucleare costituirebbe una minaccia intollerabile per la Repubblica Popolare di Cina.
Per rendere più credibile l’ultimatum a Wastington il presidente Hu Jintao ha firmato un ordine esecutivo di trasferimento immediato, senza compenso finanziario, a Islamabad di 50 moderni cacciabombardieri multiruolo JF 17 e del relativo armamento di supporto. A livello planetario, dal 1953, non è mai successo qualcosa del genere.
Una donazione da miliardi di dollari che la dice lunga sullo stato dei rapporti politici e militari tra Usa e Cina al di là dell’interesse commerciale e finanziario reciprocamente vantaggioso esistente al momento. Una bonaccia che si va (lentamente?) o dissolvendo o trasformando in una sorta di odio-amore da guerra fredda.
Naturalmente in Italia nessuno ne ha saputo nulla. L’unica notizia circolata ha riguardato un incontro di “informazione” richiesto dal Consiglio Nazionale Transitorio avvenuto tra il “responsabile esteri” al Issawi e un funzionario dell’ambasciata di Pechino in Egitto per tamponare come possibile l’iniziativa della Jamahiriya.
Tanto è bastato all’Ansa, all’Agi e all’Adnkronos per titolare all’unanimità “la Cina apre alla nuova Libia”.
Nella Repubblica delle Banane vanno, è evidente, di moda le “lesbiche fantasma” di Facebook.
Nel frattempo dall’ambasciata della Siria a Roma arriva la denuncia di “manipolazioni criminali” nell’informazione. Tutt’altro che un caso. A Damasco si ricorda perfettamente l’invito di qualche tempo fa del Quirinale alla (splendida lo aggiungiamo noi) Signora Asma al Assad per testare il terreno sulla possibilità di uno sganciamento di Damasco dall’Iran. Frattini sta facendo il resto. Resta da capire quale sia il livello di autonomia politica con cui opera l’ex magistrato contabile.
Per questo fine settimana di giugno Roma potrà offrire opportunità di svago da favola al presidente del Consiglio.
http://www.rinascita.eu/index.php?action=news&id=8803