Category Archives: Giornalismo corretto

Gallery

I Danni Bilaterali del Tradimento della Libia da Parte dei Miserabili Politici Papponi Italiani

This gallery contains 1 photos.

Profughi prodotti dal razzismo dei ratti libici del NTC-NATO-Al Qaeda MISSIONE COMPIUTA ?? – IL TRADIMENTO DI NAPOLITANO E DEI PARTITI DEL CENTRODESTRASINISTRA (su ordine USraeliano), HA DANNEGGIATO LA NOSTRA ECONOMIA (e il ruolo dell’Italia nel Mediterraneo), MA HA ANCHE … Continue reading

Gallery

Humanitarian War in Libya : There is no evidence ! (Video Investigation)

This gallery contains 1 photos.

This document makes it possible to understand how international law and justice works, but mostly how its basic principles can be bypassed. The resolutions passed against Lybia are based on various allegations : notably on the statement claiming that Gaddafi … Continue reading

Gallery

L’arte della manipolazione mediatica

This gallery contains 1 photos.

di Ryuzakero – 2 dicembre 2011 Ecco qualche esempio…. 1) Il video mandato in onda da Al Jazeera per mostrare che Muammar Gheddafi sparava alle folle (in realtà si vedrà come erano i ratti a cecchinare i manifestanti pro-Kaddafi). Il video … Continue reading

Gallery

Le logiciel occidental a montré ses limites

This gallery contains 1 photos.

Allainjules – La politique n’est pas un jeu mais un art. L’art en politique et plus encore en diplomatie et/ou relations internationales est de savoir mentir, re-mentir et re-re- mentir sans montrer une faille. Et ceci, ni dans le logos … Continue reading

Gallery

Guerra in Libia: Rivolta o Invasione? (Ita-Eng subt.)

Guerra in Libia: rivolta o INVASIONE? Who started the libyan war? Propaganda’s lies? (ITA/ENG) by Ryuzakero – 27 settembre 2011 Chi sono i “ribelli”? Chi ha iniziato questa guerra? E sopratutto: COME e perchè è iniziata? Si tratta veramente di … Continue reading

Gallery

Resistance and Victory

This gallery contains 1 photos.

Great resistance and victories of the Libyan people against Nato-mercenaries Sirte is controlling by Libyan army and Libyan moujaheeds with Libyan volunteers. In Sirte now hard fight. Sirte. Last day 26.9. 2011, were killed about 100 Nato-mercenaries and 450 wounded. … Continue reading

Interviste ospedale Tripoli

Abbiamo fatto delle interviste negli ospedali di Tripoli: Questo è un ragazzo, un CIVILE colpito da una bomba “umanitaria” NATO mentre lavorava, era nel suo furgone per strada per la distribuzione giornaliera del pane ai ristoranti. La sua voce è un po’ bassa perchè oltre alla gamba tumefatta aveva 2 vertebre rotte.

Ragazzi italiani in Libya intervistano giovani vittime militari degli scontri con i ribelli nonché vittime civili dei bombardamenti NATO.
Questi pazienti sono rimasti senza cure dal 22 agosto quando la Nato con l’aiuto dei ribelli ha preso Tripoli.
Da qual momento sia il regime di Tripoli sia la Nato con i ribelli hanno pensato solo a vincere una guerra civile dimenticandosi di chi soffriva causa loro.

By Hostessweb

Gallery

Sirte: un massacro umanitario annunciato

This gallery contains 2 photos.

Sirte: un massacro umanitario annunciato Marinella Correggia, 3 settembre 2011, LibyanFreePress ASSEDIO A SIRTE A metà maggio Aisha Mohamed era in transito nella tunisina Djerba. Aveva finito un anno di specializzazione in Gran Bretagna e aveva scelto di andare a … Continue reading

Gallery

Report da Tripoli, 3 settembre 2011

This gallery contains 2 photos.

Report da Tripoli, 3 settembre 2011 I ribelli si sono divisi la città: quelli delle montagne di Nafusa controllano la parte ovest e quelli di Misurata la parte est. Qui a Tripoli abbiamo ancora black outs. Sono arrivati solo i … Continue reading

Gallery

French Leader Rushes To China, Blames US For Libyan Child Sex Slaves

This gallery contains 1 photos.

By Sorcha Faal – WatDoesItMean A shocking report prepared by the Russian Foreign Ministry for Prime Minister Putin on French President Nicolas Sarkozy’s unexpected trip to China last week to meet with China’s President Hu Jintao [both at photo top … Continue reading

The truth about Gaddafi…

La Verità su Gheddafi

1. Ha nazionalizzato l’industria petrolifera della Libia ed ha lavorato per migliorare il prezzo che la Libia ha pagato per il petrolio.
2. Ha usato i proventi del petrolio per costruire ospedali, scuole, università, strade, abitazioni gratuite per tutto il popolo libico, il Great Man Made River che fornisce al 70% dei libici  acqua dalle profonde falde. Ha raggiunto questo senza prendere in prestito un soldo dai Rothschild.
3. La Libia non ha debiti. Ha ‘il più alto tenore di vita in Africa, al di sopra di Russia, Brasile e Arabia Saudita, secondo le Nazioni Unite.
4. Tutti i prestiti sono senza interessi. L’usura (interessi su prestiti) è contro la legge.
5. Prima che Gheddafi prese il potere, meno di un quinto della popolazione era alfabetizzata. Ora è il 83%.
6. Assistenza sanitaria gratuita. Se il trattamento non è disponibile in Libia, allora il governo finanzia cure sanitarie all’estero.
7. La Libia è largamente autosufficiente nella produzione alimentare. A chiunque desideri fare l’agricoltore viene dato l’uso gratuito di un terreno, una casa, attrezzature, bestiame e semi.
8. Ha promesso che neppure i suoi genitori avrebbero vissuto in una casa fino a quando tutti libici non fossero stati alloggiati. Ha mantenuto la sua promessa e suo padre è morto prima che egli fosse stato in grado di sistemarlo in una vera casa. A tutti i libici sono concesse case gratuitamente.

1. He nationalised Libya’s oil industry & has worked to improve the price that Libya is paid for that oil.
2. He used oil revenue to build hospitals, schools, universities, roads, free housing for all Libyan people, the Great Man Made River project which provides 70% of Libyans with pure deep aquifer water. He achieved this without borrowing a penny from Rothschild.
3. Libya has no debt. It has the highest standard of living in Africa, & above Russia, Brazil & Saudi Arabia according to the UN.
4. All loans are debt free. Usury (interest on loans) is against the law.
5. Before Qaddafi came to power, less than one fifth of the people were literate. Now it’s 83%.
6. Free healthcare. If treatment is not available in Libya, then the government will fund foreign healthcare.
7. Libya is largely self sufficient in food production. Anyone wishing to be a farmer is given free use of land, a home, equipment, livestock & seeds.
8. He promised that his own parents would not be housed until ALL Libyans were housed. He kept his promise & his father died before he was able to house him. All Libyans are given homes for FREE.

Font: Pimpdarlin

Falsificación Mediática

Toma de Trípoli, una falsificación mediática

Las imágenes de los rebeldes libios que supuestamente tomaron la capital del país han recorrido todo el mundo.

Sin embargo, posteriormente han surgido dudas al respecto, ya que varios periodistas comenzaron a asegurar que se trata de grabaciones falsas.

Leer mas: http://actualidad.rt.com/actualidad/internacional/issue_28811.html
RT en vivo: http://actualidad.rt.com/mas/envivo/

Gallery

Ecco perchè vogliono uccidere Gheddafi (english-italiano)

This gallery contains 1 photos.

That’s why they want to kill Gaddafi ENGLISH-ITALIANO Gheddafi stava finanziando molti progetti per modernizzare l’Africa e renderla indipendente dalla tirannide imperialista e reazionaria d’occidente. Tutte le News le trovate qui: http://www.youtube.com/user/Rayyisse https://libyanfreepress.wordpress.com/ http://gilguysparks.wordpress.com/ L’idelogia di Gheddafi: il libro verde … Continue reading

Gallery

‘West too eager for Libyan oil’

Michel Chossudovsky: The Libyan Oil Company handed over to Total, which is the French Oil company While Libyan revolutionaries have not yet won the war in the oil-rich country, Western powers are already discussing the post-Gaddafi period on such issues … Continue reading

Lies of Tripoli

News media outlets across the globe simply echoed as usual the reports from the news agencies which are aligned to an anti-Gaddafi cause in the service of rulers who wish to keep their populations ignorant of the alternatives, and have painted a pretty picture of a war waged almost to the end since rebels reportedly surged into Tripoli over the weekend.

However, they had to do this largely by faking reports, and entire news broadcasts from Qatar’s Jazeera, by colouring in green flags with the rebel monarchist flag, an easy feet with photo editing tools, and even the faking of entire scenes at Green Square shot at a large replica of central Tripoli in Qatar. For those who are sceptical, it was not a difficult feat to show some faults on the replica, which missed some of the details of the buildings at Green Square. Now, many of those false reports and also very real ones coming from the ICC about Sayf Al Islams “arrest”, have now been deleted from RT.com and other sites, as the media in Russia too has come under pressure from its pro-bankster President.

Journalists and leaders alike are reporting that the end for Colonel Gaddafi’s regime is near, the rebels are taking control and the tyranny of the decades-long dictator is as good as gone.

But really now — what’s actually happening?

No matter what the mainstream media feeds as facts in an attempt to show a war that’s not a waste of resources, men and money, the reality of it is that the battle that is being waged against Gaddafi does not appear to be as far from over as most are led to believe. One would think so, however, due to misinformation represented with no regard for the truth and a public that deserves to hear it. However, wars are waged for bankers and their stooges in the conglomerates, the “money men” and their faithful servants and gate-keeper politicians. The public are to be kept ignorant, used as cannon fodder for the elite’s wars, and consumers of their worthless products, MacDonalds, gasoline, bottled water passing off as pure, tell-lie-vision commercials and game shows, and so on.

Monday afternoon in America, US President Barack Obama spoke to the country about the Libyan civil war. “This much is clear,” declared the president. “The Gaddafi regime is coming to an end, and the future of Libya is in the hands of its people.”

“For over four decades, the Libyan people had lived under the rule of a tyrant who denied them their most basic human rights,” added Obama. “Now, the celebrations that we’ve seen in the streets of Libya shows that the pursuit of human dignity is far stronger than any dictator.” (Obama forgot to add : Dictator who provided best standards to the country, jobs, wealth, easy life, no poverty, free health care, free education, free housing, plentiful food, clean water and list goes on and on. But yes probably the best “Dictator” that ever lived)

And while Obama did not say that the war is in fact at an end, he did say one thing for certain: “it’s clear that Gaddafi’s rule is over.”

This is the age we are currently living in, where war is peace, ignorance is strength and slavery is freedom.

Not only does Libya have the purest form of participatory democracy having moved from a dictatorship of a king in 1969, by passing the sham of political parties and moving to direct democracy in 1977, with Gaddafi resigning from all political power in 1979, but it also legislated the most advanced human rights in the world, directly from the people in their basic popular congresses, in 1988.

All this came about in no small thanks to the retirement of Gaddafi from political power, so that he could write The Green Book to show the world how it is done. As a movement was needed to discuss, adopt, and propagate the truths of the Third Universal Theory, he founded and led a green committees movement, which continues to spread around the world.

Obama’s speech came within hours of announcement that the second son of Colonel Gaddafi, Saif al-Islam Gaddafi, had been detained by authorities. The International Criminal Court (ICC) issued a warrant for his arrest, which was then allegedly carried out by the Libyan National Liberation Army and announced by the National Transitional Council. Coupled with Obama’s assurance that the enemy’s empire was crumbling, the capture of the colonel’s son and main heir apparent would appear to be only a catalyst for the coup, signalling an end all too certain, along with SMS text messages sent to all Libyan mobile phones.

Hours after his supposed arrest, however, the younger Gaddafi rolled up to Tripoli’s Rixos hotel in a white armored limousine. The BBC described him as “pumped full of adrenaline”and “brimming with confidence.” He wore an army-green t-shirt as he flashed the V-for-Victory sign from both hands, entertaining reporters and supporters alike. I’m here to refute all the rumors and reports,” he told journalists, and then announced that they would “hit the hottest spots in Tripoli.”

The National Transitional Council had issued a report earlier that the colonel’s son was captured, being held in a safe location.” They even claimed that his brother Khamis was killed yet again, for more than the 9th time, and that Saadi and Mohammed were under arrest. It appears that Mohammad played a trick on Jazeera by calling them up saying he had given himself up, though that needs verification as I missed it. Needless to say, the entire lack of resistance to the advancing rebels on Tripoli and allowing them to go on a rampage for a few hours, resulting in the deaths of over a thousand according to hospital figures, with 5,000 more injured, was a trap so that they could then be surrounded and defeated. Libyans had grown tired of the cowards hiding out in the desert.

Further, allowing the rebels into Tripoli and also elite western troops from Britain, Germany, France and even the USA, along with Qatari mercenaries, provided the opportunity to finally confront and defeat them but at the same time expose the fact that there are immense violations of Africa’s sovereignty going on and a massive snub to the African Union which is the voice of all African states and has long had a working road map for Libya that had been accepted by all parties except the NATO rebels, and of course, NATO.

Saif’s response to questions about NATO rebels? Damn them.

Saif al-Islam Gaddafi says it is an “electronic and media war in order to spread chaos and fear in Libya.” Are the rebellions really as raw as they are made out to be? “They are acting more as desperate militia. It is a de facto government but they haven’t grasped this yet,” Fawas Gerges, a professor of Middle Eastern politics at the London School of Economics, tells The Guardian.

Obama says the colonel is on the verge of collapse, but his own son tells reporters that “of course” he’s safe. The media makes it as if the rebel resurgence is ravaging his regime, but other reports suggest the opposite is true .

The mainstream media thinks otherwise. But what about those actually on the ground? Pepe Escobar, correspondent for Asia Times, tells RT that journalists from CNN and BBC “reporting” from Tripoli are “pathetic.” The story that they give to their audience is delivered from hotel rooms where they are held up, donned in bulletproof vests. The independent journalists actually on the scene, he says, are risking their lives to get the story straight, but few are willing to find an outlet for them to tell the truth.

Perhaps the biggest example of misinformation made available to the public was a release from Al-Jazeera TV on Monday. According to a news bulletin, a NATO war-plane shot down a scud missile fired from Muammar Gaddafi’s home city outside of Tripoli. The release is great for those wanting to hear that NATO and American allies are in control and on the side of the rebels, but for those wanting the truth, they are sadly in the dark yet again. Why?

Planes can’t shoot down scud missiles.

By Tuesday morning, news sources show Gaddafi’s compound billowing with black smoke, fires raging and rebels rejoicing in tears. They say the war is almost over and the end is near, and hey, they have the footage of a mansion on fire to prove it. But where is Gaddafi? Where is his imprisoned son today? What is NATO actually doing and will they lie about it before the sun sets tonight in Tripoli? And what about all the previously doctored images and videos, so many of which have been exposed on Mathaba that we are now tired of it?

From now on, we believe enough people know the truth, and know that we tell the truth. We will just report, and ask more of you readers to do your investigations and join the collective effort. Help out the sub editors at pub.mathaba.net and contribute funds so that our over loaded editors can do more and keep all systems running: www.mathaba.net/donate.htm

While time may tell what’s to become of the people of Libya, one thing is absolutely sure: this war will never end, until NATO gives up., and another surety is that the ideas of the leader and his movement contained at www.greencharter.com will spread far and wide.

Surely the so-called MSM media can’t be relied on for the facts, but with the future of the world and the lives of millions at stake, people will know the truth about Libya and share it, and more and more will study the educational sections of sites such as www.peoplesconference.org to know what is really behind events in the world, and will adopt the Green Charter as their platform.

And finally a question to all the parents in America. When your children are called to their “call of duty” to go and die for the banking elite, ask yourselves this: Are you sending your children to defend your country or to invade another simply to grab resources that won’t reach you but once again only the bankers who control your government?

Font: Mathaba.net

>> RELATED :

Order: Kill non-mainstream reporters in Libya, What U.S. is hiding

Ultime da Tripoli – (Redazionale del 22/08/2011)

Analisi e testimonianze da Tripoli:

in Redazione con Jacinta Ryan

Redazionale di LibyanFreePress
22 agosto 2011, ore 18.00

Nel Video: Intervista con Thierry Meyssan

Crepitii di armi da fuoco, boati d’esplosioni, deflagrazioni delle bombe sganciate dalla North Atlantic Terrorist Organization (NATO), misti a notizie frammentate, a volte confuse e contradditorie, su quel che realmente accade a Tripoli, sono gli ingredienti di questi momenti di tensione e apprensione per la sorte della Libia e della sua popolazione sin’ora in sintonia col governo legittimo di Tripoli, inclusi gli amici e corrispondenti che aiutano questa piccola redazione a diffondere il maggior numero possibile di informazioni e video, in tutte le lingue e ad ogni latitudine, per rompere il muro di omertà e falsità che circonda questa sporca guerra d’aggressione coloniale, in pieno terzo millennio.
Perchè, oltre alle bombe euro-americane sganciate sulla Jamahiriya, il punto forte di questa guerra è la malainformazione, la disinformazione, la manipolazione degli avvenimenti e la creazione di notizie false.
E lo scopo e motivo d’esistere di questa piattaforma per la diffusione di news-on-line è infatti proprio quello di contrastare la mafia mediatica euro-yankee.
Per meglio decifrare gli ultimi avvenimenti, questa mattina abbiamo parlato con la nostra amica e stretta collaboratrice, Jacinta Ryan, free-lance australiana, sposata con un libico, professore della “Alfateh University”, che da sei anni è residente nel centro di Tripoli, a due passi dalla Piazza Verde, la quale ci ha raccontato ed evidenziato particolari importanti.
Intanto una cosa è chiara: i mercenari Nato-Al Qaedisti, i così detti “ribelli” (dalla stampa asservita) di Bengasi, non hanno affatto il totale controllo della capitale.
E’ vero che i giornalisti forestieri sono assediati al Rixos Hotel, ma sino a ieri sera si poteva ancora, facendo molta attenzione ai “cecchini umanitari Nato”, entrare ed uscire dall’albergo. Questa mattina ancora Thierry Meyssan aveva parlato al telefono con Jacinta Ryan, per confermare che tutti all’interno dell’hotel stavano bene, che alcuni dirigenti politici e membri del governo di Gheddafi erano ancora al suo interno, ben armati, e che i bombardamenti Nato erano momentaneamente cessati.
Tutti attenderebbero una scorta di veicoli ONU (non Nato, viste le frequentazioni poco raccomandabili jihadiste) e delle organizzazioni “umanitarie” ancora presenti a Tripoli, per poter raggiungere le rispettive ambasciate, l’aeroporto o il porto.
“Attenderebbero”, al condizionale: perchè in realtà nessuna delle “forze umanitarie” ha la volontà e capacità di effettuare una sortita dalle proprie residenze diplomatiche per raggiungere i giornalisti e trasferirli in luoghi più sicuri. E’ stato infatti loro detto di trovare il modo di raggiungere, con mezzi propri, le ambasciate.
Particolarmente a rischio sarebbe la posizione di 4 o 5 giornalisti, gli unici che abbiano avuto il coraggio e l’onestà intellettuale di raccontare e analizzare gli avvenimenti degli ultimi mesi senza bavagli politicamente corretti.

Tutto il resto delle decine di corrispondenti per le varie testate giornalistiche internazionali, TV e Stampa, non correrrebbero invece alcun rischio, essendo stati visti esultanti, indice e medio della mano alzati a “V”, in segno di vittoria, sfacciatamente, e durante la conferenza stampa del dr. Moussa Ibrahim di ieri, il quale denunciava in tale occasione le centinaia di civili ammazzati dai bombardamenti Nato, implorando le nazioni e le popolazioni del mondo ad intervenire nelle opportune sedi per chiedere ai propri governi di porre fine al massacro.
Testimoni oculari, tra cui Jacinta Ryan, hanno assistito alla vergogna, etica e professionale, del sabbah mediatico di prezzolati scribacchini e mezzi busti, i quali, dopo essere stati trattati con guanti di velluto, protetti, rispettati e agevolati nel proprio lavoro di informazione, vilmente si prendevano beffe di chi li aveva sin’ora ospitati, di chi si era fidato della loro inesistente professionalità, e macabramente gioivano della sopraffazione di decine, centinaia, migliaia di vite di civili, uomini, donne, bambini, democraticamente massacrati dall’impero del crimine per il New World Order.
Una vergognosa accozzaglia di cialtroni e parassiti mediatici, stipendiati profumtamente dai contribuenti, occidentali e petrol-monarchici (canone-tasse-pubblicità), danzano sui cadaveri della gente di Jamahiria e presto continueranno il loro lavoro di brainwashing nelle vostre putride ed inquinate metropoli. Riceveranno probabilmente, per questa prova di fedeltà ai banksters di Wall street, un avanzamento di carriera ed un aumento di stipendio.
Intanto la popolazione di Tripoli se ne sta barricata in casa, perchè, nonostante la situazione sia ancora fluttuante, restano sparsi qua e là troppi focolai di guerra, cecchini appostati e nascosti,  ed i check-points governativi sono il bersaglio preferito dell’aviazione euro-yankee.
Ma la gente di Tripoli ancora crede sia possibile ricacciare le bande di predoni che vorrebbero impossessarsi del potere, e resiste, insieme ai militari fedeli al governo di Muammar Gheddafi. Tutti sono armati e pronti a reagire. Nessuno vuole abbandonare le case e farsi prendere, come vorrebbero i comandi Nato, dal panico.
L’autorità di Tripoli ha intanto ripristinato l’uso di internet, anche se la linea è debole e instabile.
Inoltre sono stati automaticamente ricaricati, di 50 dinari l’uno, tutti i telefoni cellulari della popolazione.
Ora ditemi: avete mai sentito parlare di un tiranno che, in un momento di attacco da parte della popolazione insorta contro di lui, distribuisca a tale popolazione armi, ricarichi loro i cellulari affinchè possano restare meglio in contatto, faciliti l’accesso ad internet?
Veramente uno strano tiranno.
In qualsiasi modo vadano le cose nelle prossime ore, anche se tutto volgesse a discapito della legittima autorità di Jamahiria, quella della leadership di Muammar Gheddafi, una cosa ci è chiara: non abbiamo assistito ad una “rivoluzione” popolare e spontanea, ma ad una pianificata manovra militare e di intelligence,  per destabilizzare l’area afro-mediorientale sensibile geostrategicamente ed appetibile per via delle immense ricchezze energetiche.
Ed infine i “rats” di Bengasi, che non godono dell’appoggio popolare e dell’approvazione delle tribù libiche, nulla avrebbero potuto senza il preponderante aiuto militare delle nazioni più forti ed organizzate dell’occidente coalizzato, senza parlare della connivenza fratricida delle petrolmonarchie arabe.
Per concludere: tutte le cose che vi abbiamo appena narrato erano state da Jacinta Ryan raccontate pure ad un “giornalista” de “La Repubblica”, con la speranza che potessero raggiungere un più ampio pubblico anche in Italia. Ma non essendo esse nella vulgata desiderata e temendo il corrispondente per il proprio stipendio e carriera, sono state cestinate.
Se questi sono uomini…

.
Manifestiamo in questa tragica occasione tutta la solidarietà e amicizia nei confronti dell’eroica popolazione di Tripoli e di tutta la Libia, del legittimo governo della Jamahiria, del colonnello Muammar Gheddafi e dei fedeli patrioti libici.

Redazionale di LibyanFreePress
22 agosto 2011, ore 18.00

Jacinta Ryan può essere contattata, in inglese, presso libialibera@gmail.com

 

Al Qaeda-Nato Death Squads Slaughter in Tripoli

NATO SLAUGHTER IN TRIPOLI: “Operation Mermaid Dawn” Signals Assault by Rebels’ Al Qaeda Death Squads

By Thierry Meyssan – Global Research

Tripoli, Libya, Aug. 22, 2011, 1 AM CET– On Saturday evening, at 8pm, when the hour of Iftar marked the breaking of the Ramadan fast, the NATO command launched its “Operation Siren” against Libya.

The Sirens were the loudspeakers of the mosques, which were used to launch Al Qaeda’s call to revolt against the Qaddafi government. Immediately the sleeper cells of the Benghazi rebels went into action. These were small groups with great mobility, which carried out multiple attacks. The overnight fighting caused 350 deaths and 3,000 wounded.

The situation calmed somewhat on Sunday during the course of the day.

Then, a NATO warship sailed up and anchored just off the shore at Tripoli, delivering heavy weapons and debarking Al Qaeda jihadi forces, which were led by NATO officers.

Fighting stared again during the night. There were intense firefights. NATO drones and aircraft kept bombing in all directions. NATO helicopters strafed civilians in the streets with machine guns to open the way for the jihadis.

In the evening, a motorcade of official cars carrying top government figures came under attack. The convoy fled to the Hotel Rixos, where the foreign press is based. NATO did not dare to bomb the hotel because they wanted to avoid killing the journalists. Nevertheless the hotel, which is where I am staying, is now under heavy fire.

At 11:30pm, the Health Minister had to announce that the hospitals were full to overflowing. On Sunday evening, there had been 1300 additional dead and 5,000 wounded.

NATO had been charged by the UN Security Council with protecting civilians in Libya. In reality, France and Great Britain have just re-started their colonial massacres.

At 1am, Khamis Qaddafi came to the Rixos Hotel personally to deliver weapons for the defense of the hotel. He then left. There is now heavy fighting all around the hotel.

Font: www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=26118

Psychological Warfare

Pallottole su Tripoli: i media alimentano la paura mentre la nato aggredisce la libia

Bullets Over Tripoli: “Media feeds fear as NATO fights war on Libya”

Reports of tracer bullets and explosions over the Libyan capital have caused many to believe it’s the beginning of the end for Colonel Gaddafi’s stronghold.

 

Political analyst Mahdi Nazemroaya who’s also in Tripoli, says some sporadic attacks may actually be happening, but in his opinion they are part of psychological warfare.

Rebels enter Tripoli as Gaddafi urges Libyans to take up arms

Libya Lies: ‘False claims of Gaddafi crimes make war worse’

‘Rebel snipers in Tripoli part of NATO plan to spark mass panic’

La quadruplice sta facendo pagare all’Italia l’alleanza con Putin e Gheddafi

Con la Clinton in testa, il Club non tollera autonomia e soluzioni energetiche nazionali

 

Capolinea? ItaliaOggi del 7 ottobre 2009 scrisse che Silvio Berlusconi traballava a causa dei legami con Gheddafi e Putin, dopo la vittoria di Hussein Barak Obama e Hillary Clinton. Tre mesi prima ItaliaOggi accostò le fucilate mediatiche sulle ospiti di villa Certosa ai «terroristi che un tempo annunciavano a rivoltellate le elezioni imminenti». Seguì un copione sperimentato dal 1945, quando il «quartetto» dei vincitori (Gran Bretagna, Francia, Usa e Urss), irradiatosi nei nostri interessi, li predò più o meno di comune accordo, manipolandoci la democrazia, corrompendola e non solo. Crollata l’Urss, subentrò la Germania e il nuovo Quartetto eliminò alleati esigenti a vantaggio di ex nemici ricattabili.

Berlusconi entrò in politica nel 1994 per salvare la sua proprietà? I valvassori del Quartetto rapinavano da sempre le ricchezze italiane; dopo il 1989 Mediaset fu tra le appetibili. I valvassori ebbero sempre man salva purché assicurassero la ciclica spremitura degli italici servi della gleba, come desiderano mercati, Bce, Imf e agenzie di rating. L’Italia è come le mucche dei Masai. I valvassori le incidono ogni tanto le vene del collo, badando di non ucciderla; raccolgono il sangue nella zucca e lo porgono al Quartetto che lascia qualcosa sul fondo da leccare. Negli anni ’50 gli Usa bevevano per primi; oggi Berlino ha il primato, segue Parigi, ultima la Clinton che freme dopo gli abili inglesi. Il deficit statale fu pure sperperi e corruzione, però conseguenti a politiche agricole, industriali ed energetiche genuflesse al Quartetto vampiro.

Il sistema (difeso con bombe, terrore rossonero, mafia e agenzie di rating) perseguita e uccide chiunque tenti di scalfirlo o svelarlo, come Enrico Mattei, Aldo Moro, Giovanni Leone, Luigi Calabresi, Mino Pecorelli, Walter Tobagi, Bettino Craxi. Piemme comunisti? Una balla rancida: o effimeri autocrati a caccia di visibilità oppure organici ai quattro del Quartetto. Vi sono pure, grazie a Dio, tanti liberi, onesti e coraggiosi; va detto e ricordato con un grazie.

Berlusconi parvenu (come sibilarono Gianni Agnelli e Indro Montanelli, valvassori fra i più zelanti) s’adattò alle regole dei Quattro che spaccano il paese in due partiti, l’uno contro l’altro, i capponi manzoniani: comunisti contro anticomunisti, poi nord contro sud, guelfi contro ghibellini, obbligandoci a un moto parossistico e immobile, come un calabrone, di fronte al fiore inarrivabile delle riforme. «Faremo, cambieremo, riformeremo» ronzava il calabrone Silvio, mentre agguantava il futuro legando Vladimir Putin a George Bush Sr, nonostante costui sia assiduo col suo peggiore nemico in Svizzera. Sembrava fatta. Tornata tuttavia al potere la sitibonda Clinton, ogni equilibrio s’infranse nella guerra di rapina alla Libia. Berlusconi maramaldo che pugnala Gheddafi, anticipa quello col «cuore grondante sangue» che tradisce gli elettori. La Germania sta alla finestra, come gli Usa nella guerra dello Yom Kippur del 1973; lascia che altri combattano, agevolando i suoi disegni, in Libia come a Roma, dove osserva Giulio Tremonti accostarsi a palazzo Chigi col primo di tre indispensabili passi: uccidere Berlusconi, politicamente s’intende. Deve, può o vuole? È presto per dirlo. Anche il secondo passo, cavar sangue come i valvassori, potrebbe essere obbligato da politiche spietate. Arriverà il terzo e decisivo passo di Tremonti, se vorrà omologarsi? Porgerà la zucca, come Giuliano Amato e Carlo Azeglio Ciampi, prima di lui? A chi la porgerà prima? Che cosa conterrà? Eni, Finmeccanica? Washington condivide le priorità di Giulio con le altre tre? I guai di Marco Milanese crescono mentre si colma la zucca? Oltre le congetture, sono seri i guai del Cavaliere se smarrisce la realtà come Bettino Craxi, quando aprì le porte del Quirinale a Oscar Luigi Scalfaro e chiuse le proprie. La volpe ansima e i cani la incalzano. A meno che, a marzo, Vladimir Putin_ o forse prima, vedremo, intanto paghiamo.

 di Piero Laporta – da “Italia Oggi” del 17/8/2011

prlprt@gmail.com

La guerra dell’Italia alla Libia: una sporca faccenda

L’italianissimo Alessandro Londero, titolare della “Hostessweb“, con un gruppo di volontari il 4 Agosto scorso era a Zlitan, a riprendere con la sua videocamera gli edifici della città libica, a 150 km da Tripoli, distrutti dall’aviazione di Unified Protector.
Il 7, assieme ai suoi collaboratori sarà a Tripoli.
Non potrà quindi fornire una documentazione degli effetti del secondo bombardamento della NATO sui quartieri di recente costruzione, che ospitano la metà della popolazione locale che ha raggiunto i 200.000 residenti, né partecipare a disseppellire dalle macerie i corpi di 85 tra anziani, donne e bambini colpiti in una località (Majer) a un tiro di sputo da Zlitan che verranno composti in sacchi di plastica e allineati dai soccorritori a fianco di una moschea.
I feriti gravi, oltre 67, saranno evacuati verso l’ospedale di zona.
Lo farà, trasportandosi dietro osservatori indipendenti e inviati della stampa accreditata a Tripoli, il portavoce della Jamahiriya Mussa Ibrahim a distanza di 24 ore dalla partenza di Alessandro e del suo gruppo.
Inutile dire che di questa nuova strage della NATO non si è visto ne sentito nulla nei TG, né è stata pubblicata un sola foto sulle pagine dei quotidiani nazionali.
E’ apparso solo qualche trafiletto nelle pagine “esteri” per dare spazio al comunicato di Unified Protector di… accertamenti in corso.
L’inviato della RAI a Tripoli ormai si è eclissato da tempo. Mediaset e La7 non ne hanno mai spedito uno in Libia.
La Farnesina ha invitato le redazioni televisive e delle carta stampata a stare lontano dalla Jamahiriya di Gheddafi per motivi di “sicurezza“, dopo aver notificato ai direttori di rete l’impossibilità per il Gruppo di Crisi di poter offrire qualunque tipo di assistenza in caso di emergenza.
Il black out dalla Jamahiriya rimane così per ora pressochè totale.
Londero racconterà di aver percorso durante la notte una Litoranea sgombra di colonne militari e di aver osservato in prossimità dei due soli distributori di benzina sorpassati nel ritorno a Tripoli 2.000-3000 auto in fila. “I libici si danno il cambio – scriverà nel suo reportage diffuso dall’Adnkronos – . Ognuno di loro si occupa di 8-10 vetture, le sposta a mano una ad una avanzando faticosamente di pochi metri ogni ora. Ci vorranno – aggiungerà – più giorni di attesa per arrivare alla pompa sperando che quando verrà il turno dei mezzi che gli sono stati affidati ci siano ancora scorte di benzina e gasolio per riempire i serbatoi.”
Una volta arrivati al Rixos, unico hotel ancora operativo, Alessandro e il suo pugno di amici si troveranno sotto le bombe. “Il sibilo e gli scoppi sono diventati – annoterà – una macabra colonna sonora che ci accompagna per ore. Ormai non ci sono più mezzi pubblici, i negozi aperti cominciano ad essere pochi, scarseggiano viveri e beni di prima necessità.”
Gli aerei della NATO continueranno a distruggere, di giorno e di notte, centrali elettriche, condotte, autoparchi, strutture industriali, ponti sopraelevati, edifici pubblici, sedi radio e tv, depositi energetici, alimentari e sanitari.
“Tripoli rimane – avrà modo di osservare – senza luce ed acqua per ore. Dal 1° Agosto in Libia c’è il Ramadan. Quando alla sera la gente di Tripoli apre i frigoriferi trova solo alimenti deteriorati, inservibili dopo 48 ore senza elettricità come succede sempre più spesso”.
Per i più giovani e per gli anziani l’effetto è la riduzione in quantità e qualità dell’alimentazione giornaliera per evitare infezioni intestinali che potrebbero essere mortali.
I presidi medici si stanno rapidamente esaurendo. Gli ospedali rigurgitano di feriti.
“Si scende nelle strade – osserverà Londero – per tirare fuori tutta la rabbia che si ha in corpo indicando con le dita i cacciabombardieri di Unified Protector che continuano a dispensare ai residenti della Tripolitania, con le bombe, l’assistenza “umanitaria” alle popolazioni locali decretata dal Consiglio di Sicurezza del Palazzo di Vetro.”
La Russa, dal canto suo, continuerà a chiamare queste faccenduole… embargo navale e rispetto della “no-fly zone“.
Vorremmo poter andare avanti col racconto di Alessandro anche se i lettori sanno già cosa stia succedendo al popolo libico dopo i bombardamenti della NATO sulla Serbia, sull’Afghanistan e sull’Iraq. Peste, morte, incendi e… fine della Storia.
Ebbene, ecco cosa si scriveva, aggiornando “le uscite“ (72) e gli “strike“ (34) nella scorsa settimana, sul portale del Ministero della Difesa.
“Il Potere Aerospaziale è una capacità militare in grado di controllare e sfruttare appieno lo spazio aereo per acquisire consistenti vantaggi in termini di tempo, di distanza, di posizione e di prontezza nel perseguire gli obbiettivi posti dalla politica, per cogliere le finalità espresse dalla comunità internazionale e la sua evoluzione ha definito un nuovo strumento [i bombardamenti? – nda] da porre al servizio della difesa collettiva, mutando la natura stessa delle relazioni internazionali.“
Capito l’antifona?
Il titolare di Palazzo Baracchini La Russa offre copertura alla esplicitazione, anche teorica, delle guerre di aggressione come mezzo lecito e idoneo a cambiare gli equilibri che reggono gli Stati nazionali ostili alla NATO e all’Occidente. Passaggio di una gravità senza precedenti, da allarme “rosso”.
Quanto è costato fino a oggi lo “scherzetto“ a Gheddafi, organizzato da Quirinale, Frattini, La Russa, Terzo polo e poteri forti, esterni ed interni, ai contribuenti del Bel Paese lo documenteremo un po’ per volta.
Come abbiamo già cominciato a fare.
A partire dai 130 miliardi di dollari di perdite spalmate su 5 anni più le spesucce in corso d’opera, in una situazione di totale “emergenza“ economica e sociale.
Seguono sul portale altre dottissime delucidazioni che elencano le caratteristiche dei materiali “esplosivi” usati per aggredire un altro Stato sovrano.
I costi unitari necessari a raggiungere le “finalità” indicate dall’Aeronautica Militare li metteremo giù prossimamente.
Ecco intanto la tipologia dei “ferri del mestiere“, con qualche nuova entrata, dal Kosovo in poi.
I soli sistemi di “armamento di precisione” utilizzati dal Bel Paese sulla Jamahiriya fino ad oggi – tutti made in USA, eccetto lo Storm Shadow arrivato nel 2002 negli arsenali di Francia, Italia e Inghilterra – sono: GBU-16 Paveway II-EGBU 16, GBU-24 Paveway III-EGBU 24, GBU 32 JDAM, Storm Shadow e AGM 88 Harm (High Speed Anti Radiation Missile).
I costi di impiego per eliminare i “targets”, inutile dire che sono stratosferici come enorme è la capacità di uccidere, invalidare, distruggere e inquinare.
La prima aggressione aerea in Europa di USA e NATO dopo la caduta del muro di Berlino ha prodotto nella sola Serbia in 73 giorni di bombardamenti aerei “mirati” i seguenti effetti a terra: 3.250 morti, 7.200 e rotti feriti e invalidi, 3.7 miliardi di dollari di danni “collaterali“, amputazione del Kosovo dalla madrepatria, effetti ambientali e costi “umani“ in tossicità, cancro e malformazioni genetiche non valutabili, derivanti da 31.000 proiettili in calibro da 30 mm in su, dispersi sia in polvere che in corpo residuo con rilascio di attività radioatttiva sul terreno. Poi sono arrivate le “guerre permanenti”.
Giancarlo Chetoni

Font: ByeByeUncleSam

NATO attacks on national TV headquarters and installations in Tripoli

On video: Press Conference (Dr. Moussa Ibrahim), August 3, 2011 –

NATO helps Rebels bombard peaceful cities in Libya 

(by WolkenZwemmer)

 
#

NATO attacks on national TV headquarters and installations in Tripoli

Reporters Without Borders condemns NATO airstrikes on the Tripoli headquarters of the state-owned national TV broadcaster Al-Jamahiriya and two of its installations on 30 July. According to Al-Jamahiriya, three of its journalists were killed and 21 others were wounded in the airstrikes but this could not be immediately verified.

The impossibility of immediate verification is yet another reminder of the difficulty of establishing what is happening in a war when there are no journalists on the ground or their ability to work is severely curtailed. “We appeal again to the authorities in Tripoli to let journalists work freely,” Reporters Without Borders secretary-general Jean-François Julliard said.

We remind NATO that news media are civilian installations and cannot be regarded as military objectives,” Julliard said. “Even if Al-Jamahiriya is clearly used by the Gaddafi regime as a propaganda outlet, it does not in any way legitimize these attacks. Other means, such as support for independent media, must be used to minimize the regime’s propaganda and threats.”

We call for a transparent investigation into the circumstances of these airstrikes. Military attacks on civilian installations constitute war crimes and serious violations of the Geneva Conventions. It is essential to establish who was responsible.”

In a statement, NATO said it carried out the air strikes in order to silence the regime’s “terror broadcasts” and put a stop its “use of satellite television as a means to intimidate the Libyan people and incite acts of violence against them.”

This is not the first time that NATO has targeted news media. A commission of enquiry created by the International Criminal Tribunal for the former Yugoslavia criticized NATO for bombing Serbian television headquarters in 1999. The commission ruled that the broadcaster’s propaganda activities did not suffice to make it a legitimate military target.

In 2003, a US and UK-led military coalition deliberate targeted the Baghdad bureaux of two Arab TV stations (Al-Jazeera and Abu Dhabi TV), the Palestine Hotel (used as a base by many of the foreign journalists operating in Baghdad) and the Iraqi national TV stations headquarters. This was also strongly condemned by Reporters Without Borders.

http://en.rsf.org/libya-nato-attacks-on-national-tv-01-08-2011,40729.html

Libia, l’incredibile suicidio dei ribelli

Libia, l’incredibile suicidio dei ribelli

di Gianandrea Gaiani – LaBussolaQuotidiana -02 agosto 2011


Avevano garantito di poter prendere Tripoli in poche settimane invece le truppe lealiste hanno dimostrato di poter colpire il cuore di Bengasi, la capitale dei ribelli. Questi ultimi, insieme alla Nato che ha lanciato raids aerei mirati, avrebbero dovuto uccidere Muammar Gheddafi, invece hanno cominciato a uccidersi tra loro con l’esecuzione di Abdel Fattah Younes, ex Ministro degli interni del regime schieratosi con i ribelli, dei quali era diventato il capo militare.

La coalizione che ha riunito tribù diverse e gruppi politici variegati (inclusi gli estremisti islamici) sembra andare in pezzi. La crisi tra le diverse anime del Consiglio nazionale di transizione (Cnt) era già tangibile da tempo ma è esplosa con l’uccisone di Younes, tutta ancora da chiarire. Richiamato a Bengasi dal fronte di Brega, dove guidava l’assalto alla roccaforte lealista, per rispondere a una fantomatica commissione che gli contestava rapporti con il regime e traffici di armi, Younes è stato ucciso dagli stessi ribelli che lo avevano prelevato.

Secondo un comandante insurrezionale, che ha preteso di restare anonimo, sarebbero stati alcuni fondamentalisti islamici unitisi alla rivolta ad averlo assassinato per vendicare le feroci rappresaglie ordinate dal generale quando era il numero due del regime contro i miliziani del GMIL (Gruppo Militante Islamico Libico). “Alcuni di quegli estremisti adesso stanno lottando al fianco di noi insorti, e si sono sempre rifiutati di combattere agli ordini di Younes, vedendolo anzi con sospetto”, ha spiegato.

L’ufficiale ha aggiunto che lo stesso Mustafa Abdul Jalil, il presidente del Consiglio Nazionale Transitorio di Bengasi che due sere fa annunciò la morte del capo di stato maggiore anti-regime, “non ha potuto accusare direttamente gli integralisti perché ne ha paura”. Secondo fonti del Cnt il leader del commando omicida sarebbe stato arrestato mentre gli esecutori materiali restano latitanti. Si tratterrebbe di miliziani della Brigata Obaida ibn Jarrah, una milizia che affianca i rivoltosi e che prende nome da uno dei compagni del profeta Maometto. Da Tripoli, il regime di Gheddafi ha accusato al-Qaeda dell’uccisione di Younes ma la pista islamista potrebbe costituire un comodo capro espiatorio per giustificare l’eliminazione di un uomo in realtà scomodo per molti leader ribelli.

Il bengasino Jallil, anche lui ex ministro di Gheddafi, ha sempre considerato Younes un pericoloso rivale anche perché era un esponente di spicco della potente tribù degli Abdyat, di Tobruk, le cui milizie erano giunte in armi a Bengasi per chiedere la liberazione del generale e poi spiegazioni sulla sua morte.

Secondo Abdullah Baio una delle sue guardie del corpo, Younes sarebbe stato portato in auto a Bengasi da uomini della Brigata 17 Febbraio, guidata dall’ex ingegnere petrolchimico Fawzi Bu Katef, uno dei comandanti che non aveva mai digerito l’incarico di Younis ai vertici militari dell’insurrezione. Un altro rivale di Younes è il colonnello Khalifa Hifter, eroe della guerra in Ciad degli anni ’80 e in seguito passato alla dissidenza fuggendo negli Stati Uniti dove ha vissuto per 20 anni sotto la protezione della Cia prima di tornare a Bengasi nel marzo scorso. L’uccisione di Younes e le sue conseguenze rendono e ancora più evidenti l’incapacità militare dei ribelli libici e la loro instabilità politica.

Nel tentativo di mostrare una forza politica inesistente Jallil ha decretato lo scioglimento delle diverse milizie che compongono l’esercito ribelle: per lo più formazioni tribali ma anche politiche come quelle che si richiamano al GMIL o ai jihadisti di Derna. ”E’ ora di sciogliere queste milizie. Chiunque si rifiuterà di porre in atto questo decreto verrà processato”, ha detto il presidente del Cnt aggiungendo che le brigate della città di Bengasi saranno assorbite dal ministero dell’Interno.

Ventiquattrore ore dopo i funerali di Younes a Bengasi si è però scatenata una battaglia che il Cnt attribuisce a un’incursione di uomini di Gheddafi che avrebbero liberato 300 prigionieri di guerra. Nello scontro sarebbero morti sei insorti e 31 lealisti sarebbero stati catturati ma molti sospettano che si sia trattato dell’inizio della guerra tra le diverse milizie degli insorti. Gli alleati della Nato, coloro per i quali italiani ed europei combattono da cinque mesi, sembrano quindi allo sbando e fa sorridere ricordare con quanta facilità è stata attribuita loro da Washington, Londra, Parigi e Roma la patente di sinceri democratici e combattenti per la libertà.

Solo pochi giorni or sono il Cnt è stato invitato ad aprire sedi diplomatiche in Europa quale legittimo rappresentante del popolo libico. A quanto pare è invece solo il rappresentante non molto legittimo di diverse milizie, incluse quelle jihadiste, pronte a sbranarsi tra loro (impiegando anche le armi fornite da Parigi e Roma) prima ancora di aver fatto cadere il regime di Gheddafi.

Di fronte all’ottusa incapacità di Unione Europea e Nato spicca per acutezza e lungimiranza il monito più volte formulato dall’Unione Africana che ha più volte messo in guardia la comunità internazionale contro il rischio di “feudalizzazione” di una Libia fuori controllo in mano a signori della guerra e milizie. Un’altra Somalia nel cuore del Mediterraneo a pochi chilometri dalle coste italiane.

Fonte: http://www.labussolaquotidiana.it/ita/articoli-libia-il-suicidio-dei-ribelli-2623.htm#.TjgZ2wCRzwQ.facebook

La OTAN bombardea objetivos civiles

30 julio 2011: la OTAN bombardea nuevamente objetivos civiles

 

Thierry Meyssan – lies on Libyan war

Thierry Meyssan – Media lies on Libyan war are dissipating, but new lies emerge

“Libyan campaign was staged to start conquering Africa”

The NATO-led intervention in Libya and the unrest in Syria are both steps in a decades-long plan by the US and its allies to completely reshape the face of Africa, believes independent journalist and peace activist Thierry Maysan.

“It’s quite obvious that the USA wanted to enter war at the same time with Libya and Syria. That wish was made public by John Bolton in 2002. The plan was passed over to France and Britain, who decided to bring it to life in November last year,” the author believes.

What is called public uprising of the free-loving people are actually coup attempts staged by the Western nations, Maysan says.

The operation in Libya in particular is marked by an astounding number of lies fed to the public, he added.

“By the time of the UN Security Council vote everyone had decided on the basis of reports submitted to the council. And the Security Council was certain that during the demonstrations in Benghazi the government killed 6,000 citizens – a terrible number. But now five months later the prosecutor at the International Criminal Court, which accused the Libyan leadership, has reduced the number… Now the prosecutor is building up his evidence on 208 victims instead of 6,000,” he pointed out.

In another example, footage was circulated by foreign TV channels allegedly showing Gaddafi’s soldiers raping women in retribution for the uprising. The video later turned out to be a rare Libyan amateur porn flick, Maysan said. The lies are meant to hide what the West wants to do in the region, the journalist believes.

“NATO keeps lying at every stage, which is surprising, because during the war in Kosovo NATO would normally lie only to conceal its mistakes. This time it’s being done not to conceal the mistakes, but to conceal the strategy,” he told RT.

The initial plan to overthrow the government in Tripoli has now obviously failed, so now the strategy has changed, the journalist believes.

“Western TV channels don’t speak of oppression and rebellion anymore, but of a civil war, thus trying to prepare public opinion for a declaration to divide the country into two parts: Cyrenaica on one side and Tripolitania on another, with the UN forces in between to separate the parties,” he said.

Civilian losses are not important for those behind this plan, Maysan says.

“From the moment it was decided to launch this operation, the lives of civilians have not been taken into account. Everything we used to see in the Middle East is not transpiring in this region. This is just a beginning. It’s just a question of re-arrangement of this region, and we are yet to see a series of wars,” he expects.

The scenario for Syria was designed in exactly the same way as the scenario for Libya, but it went in another direction, the activist argues.

“I think some countries, Russia included, thought better of it and prevented it. That is why at the moment there is no war in Syria. Even though some Western leaders repeat every day that it is necessary to go to war,”
he said.

Fonts:

http://rt.com/news/libia-syria-war-africa/

http://www.youtube.com/user/WolkenZwemmer

Francia: perchè la rapina a mano armata del gas libico?

Il gas libico è indispensabile alla Francia per convertire le vecchie centrali nucleari che sono da smantellare al piu’ presto

Journalism as a Weapon of War in Libya

Journalism as a Weapon of War in Libya

by Mahdi Darius Nazemroaya – 1 July 2011

As part of the international team of journalists on a fact-finding mission in Tripoli that Thierry Meyssan has already reported on, Mahdi Darius Nazemroaya shares his observations about the dishonest coverage taking place on the spot and the propaganda war which continues to be waged by Western media against Muammar Gaddafi in pursuit of an agenda and at the expense of the truth.


People carry the body of a young man from the rubble of houses destroyed by airstrikes in Tripoli.

The truth has been turned on its head in Libya. NATO and the Libyan government are saying contradictory things. NATO says that the Libyan regime will fall in a matter of days, while the Libyan government says that the fighting in Misrata will end in about two weeks.

During the night the sound of NATO jets flying over Tripoli can be heard in the Mediterranean coastal city. Tripoli has not been bombed for a few days, but the sound of the flyovers have been numerous. The Atlantic Alliance deliberately picks the night as a means to disturb the sleep of residence in an attempt to spread fear. Small children in Libya have lost a lot of sleep during this war. This is part of the psychological war being waged. It is meant to break the spirit of Libya. This is all additional to the severing wound imposed on Libya through trickery and sedition.

In the same context, the media war against Libya has continued too. The Rixos Hotel in the Libyan capital of Tripoli, where the majority of the international press is located, is a nest of lies and warped narratives where foreign reporters are twisting realities, spinning events, and misreporting to justify the NATO war against Libya. Every report and news wire being sent out of Libya by international reporters has to carefully be cross-checked and analyzed. Foreign journalists have put words in the mouth of Libyans and are willfully blind. They have ignored the civilian deaths in Libya, the clear war crimes being perpetrated against the Libyan people, and the damage to civilian infrastructure, from hotels to docks and hospitals.

One group of Libyan youth explained in a private conversation that when speaking to reporters they would interview in twos. One would ask a question followed immediately by another one. In the process the answer to the first question would be used as the answer for the second question. In the Libyan hospitals the foreign reports try not to take pictures of the wounded and dying. They just go into the hospitals to paint the image of impartiality, but virtually report about nothing and ignore almost everything newsworthy. They refuse to tell the other side of the story. Shamelessly in front of seriously injured civilians, the type of questions many foreign reporters ask doctors, nurses, and hospital staff is if they have been treating military and security personnel in the hospitals.

CNN has even released a report from Misrata by Sara Sidner showing the sodomization of a woman with a broomstick which was conducted by Libyan soldiers (which it refers to as Qaddafi troops as a means of demonization). In reality the video was a domestic affair and from prior to the conflict. It originally took place in Tripoli and the man even has an accent from Tripoli. This is the type of fabrications that the mainstream media is pushing forward to push for war and military intervention.

There are now investigations underway to show that depleted uranium has been used against Libyans. The use of depleted uranium is an absolute war crime. It is not only an attack on the present, but it also leaves a radioactive trace that attacks the unborn children of tomorrow. Future generations will be hurt by these weapons too. These generations of the future are innocent. The use of depleted uranium is the equivalent of the U.S. planting nuclear weapons in Germany or Japan during the Second World War and leaving timers for them to detonate in 2011. This is an important and newsworthy issue in Libya and all the foreign journalists have heard about it, but how many have actually covered it?


Western reporters at Tripoli harbor.
    © Mahdi Darius Nazemroaya / Voltaire Network

The Ionis, a ship from Benghazi that docked in Tripoli on June 26, 2011, was carrying over 100 people who wanted to leave Benghazi to be unified with their families in Tripoli. Foreign reports were there en masse from all over the world. CNN, RT, and Reuters were amongst them. Amongst the foreign reports there were many who had no clue about the situation in Libya and were working on the basis of misinformation carried forward from their respective stations and countries. In informal discussion when these reporters were challenged about the basis of their assessments they failed to answer and sounded ridiculous. One reporter from Western Europe said that the defections at the governmental level in Tripoli where snowballing, but when challenged by a colleague she could only cite the so-called defection of a Libyan athlete.

The arrival of the passenger ship was significant, because it is a symptom that the political partition of Libya is underway. When families and individuals are being shuttled to different sides of Libya, it is an indicator that some sort of dividing line will be drawn either temporarily or permanently.

The Roman Catholic Church in Libya has also been disrupted and hurt. The position of Father Giovanni Martinelli, the Bishop of Tripoli, is in contradiction to that of the U.S. and NATO. Contact has been lost with the Roman Catholic churches and communities in Benghazi and its environs. Bishop Martinelli has also lost dear friends in the war who have nothing to do whatsoever with any combat or hostility. What have foreign journalists and news agencies said about this?

Journalists have a responsibility to tell the truth and report all newsworthy issues. Some do, but their stories either get edited or never get published or aired. Others say nothing and instead concoct stories. It is now the responsibility of the public to look at the reports coming out of Libya from all sides with a grain of salt. Diversity of news is just one starter.

Mahdi Darius Nazemroaya
http://www.voltairenet.org/Journalism-as-a-Weapon-of-War-in

related from the same author:
Partition of Libya underway?
http://www.voltairenet.org/Partition-of-Libya-underway

What you don’t know about Gaddafi

Chossudovsky: You Don’t Come to the Rescue of Citizens by Bombing Them!

Cynthia McKinney Denounces Libya Bombing

Global Research, June 24, 2011
Black Agenda Report – 2011-06-20

“I have been an eyewitness to terror,” says Cynthia McKinney, the former Georgia congresswoman and Green Party presidential candidate whose fact-finding delegation to Libya observed some of the heaviest NATO bombing of Tripoli, the capital. The U.S. corporate media are present in Libya, “but the truth is nowhere to be found,” McKinney told a press conference across the street from United Nations Headquarters in New York City. She is a featured speaker in a nationwide tour sponsored by the ANSWER Coalition, beginning in Harlem on June 25.

Ramsey Clark, former U.S. attorney general and also part of the ANSWER tour, called NATO’s attack on Libya “the last of a long line of assaults on Arab and Muslim peoples.” He challenged the United Nations: “Are the people of the planet powerless to end this tyranny of violence?”

Viola Plummer, of the December 12th Movement, says “Africa is in the crosshairs,” the “focal point for the Empire’s recolonization.” A long list of organizations is planning a “Millions March in Harlem” to demand an “end to the bombing of Libya, the illegal sanctions on Zimbabwe,” and New York Mayor Michael Bloomberg’s “destruction of education, housing and health care” in the city.

Min. Louis Farrakhan, leader of the Nation of Islam, denounced the United Nations “and all those who have joined to destroy Brother Leader Moammar Gaddafi.” UN Resolution 1973 is being used as a “pretext to assassinate” Gaddafi and “create regime change,” he said. “England, France, Germany, Italy and the United States do not have a good humanitarian history,” and are angry because Gaddafi pushed the foreigners out of Libya, “closed their bases and nationalized its oil.”

Obama’s War Powers Position is “Ludicrous”

Bruce Fein, author of “American Empire: Before the Fall” says, “If another country did to us what we are doing to Libya, we would incinerate it with nuclear weapons.” As to President Obama’s contention that the U.S. is not at war with Libya and, therefore, the War Powers Act has not been triggered, Fein says, “If it’s not war, then the United States is committing murder in Libya.” The White House also claims that no state of war exists because U.S. personnel are in little danger. Says Fein: “The same would be said if the U.S. launched ICBMs with nuclear warheads and utterly destroyed a country,” without itself sustaining casualties.

Frances Boyle, professor of international law at the University of Illinois College of Law, called Obama’s position “an insult.” He says the War Powers Act is triggered by “hostilities” with another state. Another provision states the legislation comes into play “any time we are armed in the airspace of another state.” Boyle is offering his services to any congressperson that wants to draw up a Bill of Impeachment against the president.

Bill Quigley, of the Center for Constitutional Rights, points out that candidate Obama spoke against the rise of an imperial presidency. “This is like the King wearing no clothes,” said Quigley, calling Obama’s legal stance “ludicrous.” There is little prospect of judicial restraints on the White House, because “the courts are cowardly.” The Congress may be making loud noises, but the president is telling them, in effect: “I know you’re not going to do anything about it.”

http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=25387

REBELS ATROCITY

NATO & rebels atrocity claims break through barricades of civil war

(included an interview with Michel Collon)

L’attacco alla Libia e il diritto internazionale

L’attacco alla Libia e il diritto internazionale

Curtis Doebbler – “Al Ahram Weekly”

Il 19 Marzo del 2011 alcune nazioni occidentali hanno dato inizio al terzo conflitto armato internazionale contro un paese musulmano nell’ultima decade. Si sono dannate per affermare che l’uso della forza contro la Libia era legale, ma un’applicazione del diritto internazionale riguardo ai fatti indica che in realtà l’uso della forza è illegale.

Questo breve commento valuta l’utilizzo della forza contro la Libia, iniziando dalla Risoluzione 1973 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU che presumibilmente lo autorizza e l’eventuale attacco contro il popolo della Libia.

I FATTI: A differenza delle manifestazioni non violente in Egitto, Tunisia, Bahrain, Yemen ed altrove nel mondo arabo, le manifestazioni iniziate in Libia il 17 di Febbraio sono degenerate in pochi giorni in una guerra civile. Entrambe le parti avevano tank, cacciabombardieri, armi antiaeree e artiglieria pesante. Le forze governative consistevano principalmente di militari addestrati, mentre l’opposizione armata consisteva di soldati disertori e numerosi civili che avevano preso le armi.

Il livello della forza a disposizione di ognuna delle parti è indicato dai fatti che sarebbero avvenuti sabato 19 Marzo, in cui sia un aereo da combattimento governativo sia uno dell’opposizione sarebbero stati abbattuti vicino Bengasi. Nella misura in cui la guerra civile aumentava di intensità, la comunità internazionale ha considerato di agire in appoggio all’opposizione armata. Il 17 Marzo il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha adottato la Risoluzione 1973. E in 42 ore è iniziato un attacco contro le truppe del governo libico diretto, secondo il ministro della Difesa britannico William Hague, a uccidere il presidente libico.

Attorno alle 12 dell’ora locale a Washington, DC, sabato 19 Marzo, cacciabombardieri francesi hanno lanciato attacchi contro obiettivi descritti come tank e sistemi di difesa aerea. Alcune ore dopo, le navi da guerra statunitensi hanno iniziato a lanciare missili cruise contro obiettivi libici.

Sebbene paesi arabi e musulmani si erano aggiunti alla coalizione contro il loro vicino arabo e musulmano, nessuno di essi ha partecipato realmente ai bombardamenti mediante l’invio di aerei. Immediatamente dopo l’inizio degli attacchi aerei, Russia, Cina e il segretario generale della Lega Araba, l’egiziano Amr Moussa, hanno condannato la perdita di vite civili causata dai bombardamenti.

Malgrado le smentite dell’intenzione di colpire la guida libica, sono stati attaccati le residenze ed i complessi utilizzati dal colonnello Muamar Gheddafi. Dopo il primo giorno di bombardamenti diverse decine di civili, inclusi donne e bambini, sono stati uccisi.

Gli attacchi hanno avuto luogo dopo l’adozione della Risoluzione 1973 da parte del Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Come risposta a questa risoluzione il governo libico ha dichiarato ufficialmente un cessate il fuoco nella guerra civile che conduceva contro i ribelli armati con base a Bengasi. La Libia ha annunciato inoltre di aver chiuso il proprio spazio aereo. I dirigenti occidentali hanno reagito davanti a queste azioni del governo libico affermando che non era possibile credervi e argomentando che i combattimenti continuavano. Fonti libiche confermavano infatti che la guerra civile continuava ed entrambe le parti continuavano ad attaccarsi reciprocamente.

LA RISOLUZIONE 1973 DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA DELL’ONU: La Risoluzione 1973 è stata adottata secondo il Capitolo VII della Carta dell’ONU con 10 voti a favore, nessuno contrario e cinque astensioni. A favore hanno votato i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza: USA, Gran Bretagna, Francia e i membri non permanenti Bosnia Erzegovina, Colombia, Gabon, Libano, Nigeria, Portogallo e Sudafrica. Astenuti i membri permanenti Russia e Cina e i membri non permanenti Germania, Brasile e India.

La risoluzione è stata adottata giovedì 17 Marzo, alle 18.30 ora locale a New York. L’ambasciatrice USA Susan Rice l’ha descritta come un rafforzamento delle sanzioni e della proibizione dei viaggi imposta prima della Risoluzione 1970 del Consiglio di Sicurezza. E’ stata promossa dai governi di Francia e Regno Uniti, ma con una forte presenza degli USA, i quali hanno tirato le fila da dietro.

Nella riunione del Consiglio di Sicurezza era presente il nuovo ministro degli Esteri francese Alain Juppé. Sebbene come ex primo ministro non fosse nuovo all’ONU, era giunto a questa carica solo alcune settimane dopo che il suo predecessore era stato rimpiazzato per aver accettato favori da un imprenditore libico, e solo alcuni giorni dopo che il suo governo era diventato il primo governo occidentale ad aver riconosciuto le forze combattenti contro il governo nella guerra civile libica come legittimi rappresentanti del popolo libico.

Il governo libico non ha avuto un proprio rappresentante nella riunione dopo che al suo ambasciatore ufficiale, l’ex presidente dell’Assemblea Generale Ali Abdel-Salam Treki, era stato negato l’ingresso negli Stati Uniti. Comunque, sebbene ufficialmente fosse stato rimosso dal suo incarico più di una settimana prima di esser passato all’opposizione, l’ex rappresentante permanente aggiunto Ibrahim Dabbashi era presente nell’operazione mediatica del Consiglio di Sicurezza del mercoledì per rilasciare una dichiarazione e rispondere alle domande.

La Risoluzione 1973 contiene 29 paragrafi operativi divisi in otto sezioni. La prima sezione esige nel suo primo paragrafo un “cessate il fuoco immediato” e il rispetto del diritto internazionale comprendente “un passaggio rapido e senza impedimenti degli aiuti umanitari”.

Un curioso secondo paragrafo operativo indicava la necessità di “intensificare gli sforzi per trovare una soluzione alla crisi” e passa a qualificare ciò come una risposta “alle legittime richieste del popolo libico” conducendo a “le riforme politiche necessarie per trovare una soluzione pacifica e sostenibile”. Un linguaggio tanto vago non risponde alla domanda di quali richieste legittime bisognerebbe soddisfare e quali riforme politiche siano necessarie. Legalmente queste richieste appaiono anche un’ingerenza diretta negli affari interni della Libia in violazione dell’Articolo 2 (7) della Carta dell’ONU, che tutte le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza devono rispettare secondo l’Articolo 25 della Carta. Questa discrepanza apparentemente inconciliabile alimenta la speculazione secondo la quale la risoluzione è un altro esempio di politiche che rifiutano il rispetto del diritto internazionale.

I paragrafi 4 e 5 hanno a che vedere con la protezione di civili, e quest’ultimo si concentra sulla responsabilità regionale della Lega Araba.

La parte operativa più ampia della risoluzione è dedicata poi alla creazione di una zona di interdizione al volo (no-fly zone) nei paragrafi 6 fino al 12. L’Articolo 6 crea la zona di interdizione aerea “di tutti i voli nello spazio aereo della Jamahiriya Araba Libica con il fine di aiutare a proteggere i civili”. Il paragrafo 7 enumera poi le varie eccezioni umanitarie.

E’ il paragrafo 8 quello sul quale si concentrerà forse l’attenzione della maggioranza degli avvocati internazionali, giacché menziona che gli Stati potranno “prendere tutte le misure necessarie per imporre l’attuazione della proibizione di voli”. L’uso del termine “tutte le misure necessarie” apre la porta all’uso della forza. Allo stesso tempo, l’uso della forza è limitato all’imposizione della zona di interdizione aerea e non si estende all’intenzione di uccidere la guida libica o ad appoggiare una parte nel conflitto armato, sebbene il fatto che venga impedito al governo libico l’utilizzo della sua forza aerea favorisce evidentemente l’opposizione armata.

Il paragrafo 8 è inusuale perché sembra che autorizzi l’uso della forza secondo il Capitolo VII senza applicare nessuna delle salvaguardie per l’uso della forza che vengono menzionate nell’Articolo 41. Non vi è nessuna dichiarazione che misure diverse da quelle includenti l’utilizzo della forza siano fallite. Di fatto, la Risoluzione 1973 è stata adottata dopo che il Consiglio di Sicurezza dell’ONU, il Consiglio dei Diritti Umani dell’ONU e l’Unione Africana avevano deciso di inviare missioni per contribuire ad una soluzione pacifica, ma prima che qualcuna di queste missioni potesse visitare la Libia. Inoltre, la Risoluzione 1973 è stata adottata dopo che l’offerta di rinuncia e abbandono del paese con la sua famiglia del dirigente libico è stata rifiutata dall’opposizione armata senza lasciare un margine ai negoziati.

I paragrafi dal 13 al 16 richiedono un embargo di armi e “deplorano il continuo flusso di mercenari” verso la Libia. Nel farlo, il paragrafo 13 decide che il paragrafo 11 della Risoluzione 1970 (2011) del Consiglio di Sicurezza debba essere rimpiazzato da un nuovo paragrafo che “autorizza gli Stati Membri ad utilizzare tutte le misure commisurate alle circostanze specifiche per realizzare tali ispezioni”. Questo linguaggio indica nuovamente che si potrà utilizzare la forza contro le imbarcazioni sospettate di trasportare armi alla Libia in violazione dell’embargo.

Nei paragrafi 17 e 18 si richiede che gli Stati neghino l’autorizzazione al decollo, atterraggio e sorvolo a “qualsiasi aeroplano registrato nella Jamahiriya Araba Libica o che sia di proprietà o operi per conto di cittadini o compagnie libiche”. Sebbene dichiari chiaramente che queste misure non riguarderanno i voli umanitari, indubbiamente li complicheranno.

I paragrafi dal 19 al 21 estendono il congelamento dei beni imposto dai paragrafi 17, 19, 20 e 21 della Risoluzione 1970 (2011) del Consiglio di Sicurezza [CSONU] a “tutti i fondi, altri attività finanziarie e risorse economiche” che sono “di proprietà o sono controllati, direttamente o indirettamente, dalle autorità libiche…o da individui o entità che agiscono per loro conto o diretti da esse”. I paragrafi seguenti, 22 e 23, ampliano le restrizioni di viaggi e il congelamento dei beni della Risoluzione 1970 (2011) a tutti gli individui in due annessi. Nel farlo, questi paragrafi impediscono essenzialmente che i membri della famiglia di Muamar Gheddafi escano dalla Libia e li obbligano effettivamente a combattere l’opposizione armata.

Il paragrafo 24 crea un nuovo organismo, una “commissione di esperti”, per assistere il comitato creato nella Risoluzione 1970 del CSONU a “riunire, esaminare e analizzare informazioni di Stati, organismi rilevanti delle Nazioni Unite, organizzazioni internazionali e altre parti interessate all’implementazione delle misure” nella Risoluzione 1970 del CSONU, per “fare raccomandazioni…migliorare l’applicazione delle misure rilevanti”, e “fornire al comitato un rapporto provvisorio sul proprio lavoro non oltre 90 giorni dalla nomina della commissione e, e un rapporto finale del consiglio non più tardi di 30 giorni prima del termine del suo mandato con i suoi risultati e raccomandazioni”.

Il paragrafo 27 dice che tutti gli Stati “inclusa la Jamahiriya Araba Libica, dovranno adottare le misure necessarie per assicurare che non vi siano resclami… in relazione ad ogni contratto o transazione la cui esecuzione sia accertata con ragione dalle misure adottate dal Consiglio di Sicurezza nella risoluzione 1970 (2011), dalla presente risoluzione e dalle risoluzioni connesse.”

Infine, nel penultimo paragrafo 29, il Consiglio “decide di continuare ad occuparsi attivamente della questione”.

PERCEZIONI PUBBLICHE: Da quando la risoluzione ha raggiunto il dominio pubblico, i tabloid e periodici ‘seri’ britannici stavano già chiamando il mondo alla guerra. I francesi avevano già convocato una riunione descritta come di pianificazione per l’uso della forza. E mentre il presidente degli USA rimaneva cautamente ambiguo, altri responsabili statunitensi chiamavano apertamente all’intervento militare in quella che da ora diventava una guerra civile in Libia.

Nella furia emotiva sembra che ci si sia dimenticati del diritto internazionale. Un commentatore della BBC è arrivato a suggerire che l’appoggio politico ad una zona di interdizione aerea da parte della Lega Araba costituisce una giustificazione legale per l’utilizzo della forza. Usi simili di forza in Afghanistan e Iraq, che sono ampiamente considerati come violazioni del diritto internazionale, sembra che non abbiano lasciato una grande impressione nei giornalisti britannici.

Anche altrove pare che i giornalisti abbiano dimenticato il diritto internazionale nelle loro considerazioni sulla Libia, invitando frequentemente all’invasione di un paese sovrano con la forza, malgrado non solo l’Articolo 2 (4) della Carta dell’ONU proibisca un simile uso della forza, ma lo faccia anche il linguaggio della stessa Risoluzione 1973 del CSONU.

Anche gli oppositori all’uso della forza sembrano inconsapevoli del diritto internazionale applicabile. Il parlamentare britannico Jeremy Corbyn, per esempio, ha chiesto alla Camera dei Comuni perché se viene utilizzata la forza contro la Libia per proteggere una parte in una guerra civile, non la usiamo in Bahrain dove decine di manifestanti disarmati sono stati uccisi per mano delle forze nazionali e straniere, o in Yemen dove circa 50 manifestanti pacifici sono stati massacrati da cecchini dell’esercito. Questa domanda almeno sembra comprendere il fatto che il diritto internazionale, per avere un valore reale nelle relazioni internazionali, deve essere applicato nelle situazioni simili in maniera simile. La mancata applicazione della legge in modo coerente nuoce gravemente al diritto ed alle sue restrizioni nell’azione internazionale.

DIRITTO INTERNAZIONALE: Mentre le decisioni rispetto all’uso della forza contro la Libia sembrano essersi basate più su emozioni che su una comprensione del diritto rilevante, questo diritto non è irrilevante. Il diritto internazionale continuerà a riflettere le regole generali che gli Stati utilizzano nelle loro relazioni reciproche molto dopo la fine del conflitto armato in Libia. Esso è anche, si può suggerire, cruciale per la pace e la sicurezza in un mondo composto da persone con valori e interessi diversi.

Forse il principio fondamentale del diritto internazionale è che nessuno Stato usi la forza contro un altro Stato. Questo principio è dichiarato espressamente nell’Articolo 2, paragrafo 4, della Carta dell’ONU. Nessuno Stato può violare questo principio del diritto internazionale.

Mentre il Consiglio di Sicurezza dell’ONU può ordinare l’uso della forza in circostanze eccezionali, secondo l’Articolo 24 (2) della Carta dell’ONU, il Consiglio “agirà in accordo ai Principi e Propositi delle Nazioni Unite”. Questo significa, per lo meno, che le opzioni per autorizzare l’uso della forza sono estremamente limitate se i mezzi pacifici di soluzione delle dispute continuano ad essere possibili. Nel caso attuale, sembra che il Consiglio di Sicurezza si sia affrettato ad utilizzare la forza.

Strette eccezioni al divieto dell’uso della forza si trovano nell’Articolo 51 e nel Capitolo VII della Carta dell’ONU. Le ultime disposizioni, specialmente nell’Articolo 42, permettono al Consiglio di Sicurezza di intraprendere un’azione che “può essere necessaria per mantenere o restaurare la pace e la sicurezza internazionale”. Le risoluzioni 1970 e 1973 affermano che saranno entrambe adottate secondo il Capitolo VII. Né l’una né l’altra, comunque, possiedono i requisiti dell’Articolo 42 che si sia giunti alla determinazione che siano fallite le “misure che non prevedano l’uso della forza”.

E’ difficile vedere come si possa giungere ad una determinazione simile in una guerra civile. Sembra che ci si debba quanto meno basare su una missione di indagine sul terreno. Tuttavia in Libia non si sono recate missioni di indagine del Consiglio dei Diritti Umani dell’ONU e del Consiglio di Sicurezza. Mentre vi sono pochi dubbi che i governi occidentali, come quello degli Stati Uniti, possiedano importanti capacità per determinare quello che accade in Libia mediante metodi di vigilanza a distanza, questo non presenta sufficienti prove riguardo al rispetto delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza da parte del governo della Libia. Solo osservatori sul terreno possono capirlo, come abbiamo visto nella disinformazione diffusa sulle azioni dell’Iraq basate su terze parti e fonti di vigilanza distanti.

Inoltre, l’evidenza del rispetto da parte della Libia riguarda tutte e due le parti in causa. La Libia ha annunciato quasi immediatamente che avrebbe rispettato i termini della Risoluzione 1973 del CSONU dopo che questa è stata adottata. Comunque, in una dimostrazione senza precedenti di intolleranza diplomatica, e senza conferma dei fatti sul terreno, i dirigenti occidentali hanno qualificato come bugiarda la guida libica.

La Libia ha offerto inoltre di accettare monitoraggi internazionali, ed è arrivata anche ad estendere l’invito affinché visitassero il paese. E in una concessione straordinaria, la guida libica aveva inviato un messaggio all’opposizione armata, quando questa aveva il sopravvento e si avvicinava a Tripoli, nella qualle si diceva pronto a rinunciare al potere e adabbandonare il paese. Fu solo dopo che questa offerta venne respinta e che i dirigenti dell’opposizione dichiararono che non era negoziabile la cattura ed uccisione della guida libica, che le truppe governative lanciarono la loro offensiva.

Se il diritto internazionale permette che gli Stati utilizzino la forza in circostanze molto limitate, esistono ancora meno circostanze nelle quali è permesso ad attori non statali di utilizzare la forza. Una di queste circostanze è quando si eserciti il diritto all’autodeterminazione contro una potenza occupante straniera e oppressiva. Questo può dare diritto agli iracheni o afgani ad usare la forza contro eserciti occupanti, ma non fornisce al popolo libico il diritto di utilizzare la forza contro il proprio governo.

Anche il diritto extragiudiziario della rivoluzione, la cui esistenza molti avvocati internazionali ammettono quando i limiti della legge vengono raggiunti, non è stato eccezionalmente invocato per i ribelli libici. Mentre la partecipazione al governo della Libia poteva essere un problema diffuso, il paese aveva il maggiore reddito pro-capite in Africa e uno dei migliori indicati negli Obiettivi di Sviluppo del Millennio. Inoltre la Libia ha dimostrato nel passato di rispettare il diritto internazionale, applicando le sentenze della Corte Internazionale di Giustizia nel conflitto con il Ciad e anche consegnando sospetti per i quali vi erano prove discutibili per il loro processo all’estero nell’affare Lockerbie.

Infine, il tema dell’autodifesa è rilevante nell’uso della forza contro la Libia. Piuttosto che giustificare l’attacco occidentale contro la Libia, sembra giustificare un’azione [eventualmente] intrapresa dalla Libia contro interessi occidentali. In altre parole, poiché la Libia è stata oggetto di un attacco armato che è probabilmente illegale secondo il diritto internazionale, ha diritto a difendersi. Questo diritto include la realizzazione di attacchi contro installazioni militari o personale di qualsiasi paese coinvolto nell’attacco. In altre parole, l’attacco contro la Libia di Francia e Stati Uniti rende le installazioni militari e il personale di questo paesi obiettivi legittimi di attacchi realizzati dalla Libia in qualità di autodifesa.

Senza tenere in conto la legalità dell’uso della forza di nessuna parte nel conflitto armato, il diritto umanitario internazionale e le leggi della guerra continueranno ad essere applicati. Secondo questo diritto, tutti gli Stati coinvolti in un conflitto armato devono essere attenti a non attaccare civili. Le autorità libiche hanno affermato di rispettare questa restrizione nella guerra civile, sebbene i ribelli abbiano rifiutato questa affermazione. Il diritto umanitario internazionale esige che nessuna forza militare si rivolga contro civili o installazioni civili in Libia.

Similmente anche il diritto internazionale dei diritti umani rimane vigente, rendendo l’attacco a civili soggetto a restrizioni dell’uso della forza emananti dagli obblighi internazionali dei diritti umani esistenti. Se l’utilizzo della forza contro la Libia è illegale, come affermato precedentemente, il criterio per determinare se si sta utilizzando forza sproporzionata è applicabile in tempi di pace. E’ questo il caso perché nessuno Stato coinvolto nell’uso della forza in Libia ha annunciato la deroga dei suoi obblighi dei diritti umani e perché sarebbe contrario all’oggetto e proposito di tutti i trattati esistenti di diritti umani che sia permesso agli Stati che semplicemente li derogano nell’iniziare un conflitto armato in violazione del diritto internazionale.

L’uso della forza in maniera contraria al diritto internazionale esistente è forse a lungo termine il più grande danno all’umanità. Nel Patto di Parigi del 1928 e di nuovo nella Carta dell’ONU del 1945, gli Stati concordarono di non utilizzare la forza gli uni contro gli altri per raggiungere gli obiettivi della loro politica estera. Il mondo occidentale è apparso sfidare ripetutamente questo accordo negli ultimi 10 anni, specialmente vista la propria disposizione a intraprendere azioni militari contro Stati a maggioranza musulmana. Nel farlo ha inviato un segnale innegabile alla comunità internazionale attraverso le proprie azioni, e malgrado alcune delle sue affermazioni, ovvero che il diritto internazionale non ha per esso alcuna importanza. Se questo messaggio non trova risposta dai propugnatori del diritto internazionale, allora i passi in avanti che sono stati compiuti per assicurare che la comunità internazionale rispetti l’autorità della legge potrebbero essere annullati dalle future generazioni.

L’autore è un prominente avvocato internazionale statunitense di diritti umani.

Copyright Al-Ahram Weekly. All rights reserved

Tradotto da Europeanphoenix al link (http://europeanphoenix.com/it/index.php?option=com_content&view=article&id=38:libia-diritto-internazionale-onu-risoluzioni-guerra-usa-francia-inghilterra-gheddafi&catid=1:diritti-umani)

Fonte originale: http://weekly.ahram.org.eg/2011/1040/re111.htm

Attacking Libya and International Law

Attacking Libya and international law

By the standard of international law, military action on Libya by the United States and allies is illegal, writes Curtis DoebblerAl-Ahram Weekly

On 19 March 2011, Western nations started the third international armed conflict against a Muslim country in the last decade. They went to great pains to claim that the use of force against Libya was legal, but an application of international law to the facts indicates that in fact the use of force is illegal.
This brief commentary evaluates the use of force against Libya, starting with UN Security Council Resolution 1973 that allegedly authorises it and the eventual attack on the people of Libya.


THE FACTS: Unlike the non-violent demonstrations in Egypt, Tunisia, Bahrain, Yemen, Saudi Arabia and elsewhere in the Arab world, the demonstrations that began in Libya on 17 February had deteriorated into a civil war within days. Both sides had tanks, fighter jets, anti- aircraft weapons, and heavy artillery. The government’s forces consisted of mainly trained military, while the armed opposition consisted of both defecting soldiers and numerous civilians who had taken up arms.


Indications of the level of force each side has at its disposal were shown by claims on Saturday, 19 March, that both a Libyan government fighter and a fighter jet flown by the opposition had been shot down near Benghazi. As the civil war increased in intensity, the international community contemplated action in support of the armed opposition. On 17 March, the UN Security Council adopted Resolution 1973. And within 42 hours an attack on the troops of the Libyan government, aimed, according to the British Defence Minster William Hague, at killing the Libyan leader, had begun.
At around 12:00 noon local time in Washington, DC, on Saturday, 19 March, French fighters launched attacks against targets described as tanks and air defence systems. A few hours later, US battleships began firing cruise missiles at Libyan targets.


Although Arab and Muslim countries had joined the coalition against their Arab and Muslim neighbour, none of them actually participated in the airstrikes by sending aircraft. Already just after airstrikes began, Russia, China and the secretary-general of the Arab League, Egyptian Amr Moussa, condemned the loss of civilians lives that were caused by the bombing sorties.
Despite denials of the intention to target the Libyan leader, sites such as the living quarters and compounds used by Colonel Muammar Gaddafi were attacked. After the first day of bombings, more than four-dozen civilians, including women and children, were reportedly killed.


The attacks came after the UN Security Council adopted Resolution 1973. In response to this resolution the Libyan government had officially called a ceasefire in the civil war that it was waging against armed rebels whose base is Benghazi. Libya also announced that its airspace was closed. Western leaders responded to these actions by the Libyan government by claiming that they could not be believed and arguing that the fighting was continuing. Indeed, Libyan sources confirmed that the civil war was ongoing and that both sides continued to attack each other.


UNSC RESOLUTION 1973: Resolution 1973 was adopted under Chapter VII of the UN Charter with 10 votes for, none against and five abstentions. Voting for it were the UN Security Council’s permanent members, United States, Britain, France, and non-permanent members Bosnia and Herzegovina, Colombia, Gabon, Lebanon, Nigeria, Portugal, and South Africa. Abstaining were permanent members Russia, China and non-permanent members Germany, Brazil, and India.


The resolution was adopted on Thursday, 17 March, just after 18:30 local time in New York. US Ambassador Susan Rice described it as strengthening the sanctions and travel bans imposed earlier in UNSC Resolution 1970. It was promoted by the French and United Kingdom governments, but with a strong presence of the United States in the background pulling the strings.
At the UNSC meeting was the new French Foreign Minister Alain Juppé.

Although as former Prime Minister he was not new to the UN, he arrived just weeks after his predecessor had been replaced for having accepted favours from a Libyan businessmen and just days after his government became the first Western government to recognise the forces fighting against the government in Libya’s raging civil war as the legitimate representatives of the Libyan people.
The Libyan government did not have a representative present at the meeting after its nominated ambassador, former President of the General Assembly Ali Abdel-Salam Treki was denied admission to the United States. Nevertheless, although officially relieved of his duties more than a week ago for defecting to the opposition, former deputy permanent representative Ibrahim Dabbashi was on hand at the Security Council media stakeout Wednesday to make a statement and take questions.


Resolution 1973 contains 29 operative paragraphs divided into eight sections. The first section calls for an “immediate cease-fire” in its first paragraph and for respect for international law including “the rapid and unimpeded passage of humanitarian assistance.”
A curious second operational paragraph “stresses the need to intensify efforts to find a solution to the crisis” and goes on to qualify this as responding “to the legitimate demands of the Libyan people” and leading to “the political reforms necessary to find a peaceful and sustainable solution.” Such vague language leaves open both the question of which Libyan legitimate demands must be met and what political reforms are necessary. Legally these requirements also appear to be a direct interference in Libya’s internal affairs in violation of Article 2(7) of the UN Charter, which all UN Security Council resolutions are bound to respect according to Article 25 of the Charter. This apparently irreconcilable discrepancy will fuel speculation that the resolution is another example of politics refusing to respect international law.


Paragraphs 4 and 5 concern the protection of civilians with the latter paragraph focusing on the regional responsibility of the Arab League.
The longest operative part of the resolution is then devoted to the creation of a no-fly zone in paragraphs 6 through 12. Article 6 creates the no-fly zone “on all flights in the airspace of the Libyan Arab Jamahiriya in order to help protect civilians.” Paragraph 7 then enumerates several humanitarian exceptions.
It is perhaps paragraph 8 that will focus the mind of most international lawyers where it is written that states may “take all necessary measures to enforce compliance with the ban on flights.” The use of the term “all necessary measures” opens the door to the use of force. At the same time, the use of force is limited to enforcing the no-fly zone and does not extend to attempts to kill the Libyan leader or to supporting one side in the armed conflict, although preventing the Libyan government from using its air force, of course, favours the armed opposition.


Paragraph 8 is unusual in that is appears to authorise the use of force under Chapter VII without applying any of the safeguards for the use force that are stated in Article 41. There is no determination made that measures not involving the use of force had failed. In fact, Resolution 1973 was adopted after the UN Security Council, the UN Human Rights Council and the African Union had decided to send missions to contribute to a peaceful solution, but before any of these missions could visit Libya. Moreover, Resolution 1973 was adopted after an offer by the Libyan leader to step down and leave the country with his family had been rejected by the armed opposition without room for negotiation.
Paragraphs 13 through 16 call for an arms embargo and ” [d]eplores the continuing flows of mercenaries” into the Libya. In doing so, paragraph 13 decides that paragraph 11 of UNSC Resolution 1970 (2011) shall be replaced with a new paragraph that “authorises Member States to use all measures commensurate to the specific circumstances to carry out such inspections.” Again this language indicates that force may be used against seafaring vessels suspected of carrying arms to Libya in violation of the embargo.


In paragraphs 17 and 18, states are required to deny take off, landing or overfly rights to “any aircraft registered in the Libyan Arab Jamahiriya or owned or operated by Libyan nationals or companies.” Although it is clearly stated that these provisions shall not affect humanitarian flights, it will undoubtedly complicate such flights.
Paragraphs 19 to 21 extend the asset freeze imposed by paragraphs 17, 19, 20 and 21 of UNSC Resolution 1970 (2011) to “all funds, other financial assets and economic resources” that are “owned or controlled, directly or indirectly, by the Libyan authorities… or by individuals or entities acting on their behalf or at their direction, or by entities owned or controlled by them.” The related paragraphs 22 and 23 extend the travel restrictions and the asset freeze in resolution 1970 (2011) to all the individuals in two annexes. In doing, these paragraphs essentially prevent members of the Muammar Gaddafi family from leaving Libya and effectively force them to fight the armed opposition.


Paragraph 24 creates a new body, a “panel of experts”, to assist the committee created in UNSC Resolution 1970, to ” [g]ather, examine and analyse information from States, relevant United Nations bodies, regional organisations and other interested parties regarding the implementation of the measures” in UNSC Resolution 1970, to “[m]ake recommendations … to improve implementation of the relevant measures,” and to ” [p]rovide to the Council an interim report on its work no later than 90 days after the Panel’s appointment, and a final report to the Council no later than 30 days prior to the termination of its mandate with its findings and recommendations.”


Paragraph 27 says all states “shall take the necessary measures to ensure that no claim shall lie… in connection with any contract or other transaction where its performance was affected by reason of the measures taken by the Security Council in Resolution 1970 (2011), this resolution and related resolutions.”
Finally, in penultimate paragraph 29, the Council “[d]ecides to remain actively seized of the matter.”


PUBLIC PERCEPTIONS: By the time the resolution was in the public domain, British tabloids and broadsheets were already rallying the world to war. The French were convening a meeting being described as the planning meeting to use force. And while the US president was remaining cautiously ambiguous, other US officials were openly calling for military intervention in what had by now become a civil war in Libya.


In the emotional fury, international law seems to have been forgotten. One BBC commentator went so far as to suggest that political support for a no-fly zone by the Arab League was a legal justification for the use of force. Similar uses of force in Afghanistan and Iraq, which are widely considered as violating international law, seem not to have had much of an impression on British journalists.


Journalists elsewhere have also seemed oblivious to international law in their consideration of Libya, often calling for the invasion of this sovereign country by force, despite the fact that not only Article 2(4) of the UN Charter prohibits such a use of force, but so too does the language of UNSC Resolution 1973 itself.
Even opponents of the use of force seem unaware of the applicable international law. British MP Jeremy Corbyn in the House of Commons, for example, asked if we use force against Libya to protect one side in a civil war, why don’t we use it in Bahrain were dozens of unarmed protesters have been killed by national and foreign forces, or in Yemen where about 50 peaceful protesters were slaughtered by army sharpshooters. This query at least appears to understand the fact that international law, to have real value in international relations, needs to be applied in similar situations in a similar manner. Failure to apply the law consistently seriously undermines the law and its restraints on international action.


INTERNATIONAL LAW: While decisions regarding the use of force against Libya seem to have been based more on emotions than on an understanding of the relevant law, this law is not irrelevant. International law will continue to reflect the general rules that states use in their relations with each other long after the end of the armed conflict in Libya. It is also, one might suggest, crucial to peace and security in a world made up of people of diverse values and interests.


Perhaps the most fundamental principle of international law is that no state shall use force against another state. This principle is expressly stated in Article 2, paragraph 4, of the UN Charter. No state can violate this principle of international law.


While the UN Security Council can order the use of force in exceptional circumstances, according to Article 24(2) of the UN Charter, the Council “shall act in accordance with the Principles and Purposes of the United Nations.” This means, at least, that when peaceful means of dispute resolution are still possible the options for authorising the use of force are extremely limited. In the present case, the Security Council appears to have rushed to use force.
Narrow exceptions to the prohibition of the use of force are found in Article 51 and Chapter VII of the UN Charter. The latter provisions, especially Article 42, allow the Security Council to take action that “may be necessary to maintain or restore international peace and security.” Both resolutions 1970 and 1973 state that they are being adopted under Chapter VII. Neither, however, meets the requirements of Article 42 that a determination has been made that “measures not involving the use of force” have failed.


In a civil war it is hard to see how such a determination can be made. It would appear that at the very least it would have to be based on on- the-ground fact-finding. Fact-finding missions by the UN Human Rights Council and the Security Council have not yet gone to Libya. While there is little doubt Western governments, such as the United States, have significant abilities to determine what is happening in Libya with distant surveillance methods, this does not provide sufficient evidence of whether the government of Libya is complying with the Security Council’s resolutions. Only on-the-ground observers can determine this, as we have seen from the misinformation spread about Iraq’s actions based on third party and distant surveillance sources.
Moreover, the evidence of Libya’s compliance is mixed. Libya almost immediately announced it would respect the terms of UNSC Resolution 1973 after it was adopted. Nevertheless, in an unprecedented show of diplomatic intolerance, and without confirmation of the facts on the ground, Western leaders called the Libyan leader a liar.


Libya has also offered to accept international monitors, even extending invitations to them to visit the country. And in an extraordinary concession, the Libyan leader sent a message to the armed opposition when they had the upper hand and were approaching Tripoli, offering to step down and leave the country. It was only after this offer was rejected and opposition leaders said it was non-negotiable that the Libyan leader be captured and killed that the government’s troops launched their offensive.


If international law allows states to use force in very limited circumstances, there are even fewer circumstances in which non-state actors are allowed to use force. One of those circumstances is when the right to self-determination is being exercised against a foreign and oppressive occupying power. This might entitle Iraqis or Afghanis to use force against occupying armies, but it would not entitle the Libyan people to use force against their own government.
Even the extrajudicial right of revolution, that many international lawyers admit exists when the limits of the law have been reached, has not been explicitly relied on by the Libyan rebels. While participation in the governance of Libya might have been a widespread problem, the country had the highest per capita income in Africa and among the best Millennium Development Goals indicators. Moreover, Libya has shown itself to respect international law in the past, implementing judgments of the International Court of Justice in the conflict with Chad and even turning over suspects for which there was questionable evidence for trial abroad in the Lockerbie affair.
Finally, the question of self-defence is relevant to the use of force against Libya. Rather than justifying the Western attack against Libya, however, it would appear to justify action taken by Libya against Western interests. In other words, as Libya has been the object of an armed attack that is likely illegal under international law, it has the right to defend itself. This right includes carrying out attacks against military facilities or personnel from any country involved in the attack. In other words, the attack against Libya by France and the United States makes the military facilities and personnel of these countries legitimate targets for attacks carried out by Libya in self-defence.


Regardless of the legality of the use of force by any party to the armed conflict international humanitarian law or the laws of war will continue to apply. According to this law, all states involved in an armed conflict must take care not to attack civilians. The Libyan authorities alleged they were respecting this restriction in the civil war, although the rebels refuted this claim. International humanitarian law requires that no military force may be directed against civilians or civilian facilities in Libya.


Similarly international human rights law continues to apply, making attacks on civilians subject to the restrictions on the use of force emanating from existing international human rights obligations. If the use of force against Libya is illegal as suggested above, then the standard for determining whether disproportionate force is being used is that applicable during peacetime. This is the case because no state involved in the use of force in Libya has announced its derogation from its international human rights obligations and because to allow states to derogate merely by starting an armed conflict in violation of international law would be contrary to the object and purpose of any of the existing human rights treaties.
The use of force in a manner that is contrary to existing international law is perhaps the greatest harm to humanity in the long-term. In the Pact of Paris in 1928 and again in the UN Charter in 1945, states agreed not to use force against each other to accomplish their foreign policy ends. The Western world has appeared to repeatedly challenge this agreement in the last 10 years, especially by its willingness to take military action against predominately Muslim states. In doing so they have sent an undeniable signal to the international community through their actions, and despite some of their words, that international law does not matter to them. If this message is not answered by the proponents of international law, then the advances we have made to ensure that the international community respects the rule of law may be undone for future generations.


* The writer is a prominent US international human rights lawyer.

http://weekly.ahram.org.eg/2011/1040/re111.htm

Libyan Crisis (1): Events, Causes and Facts

Libyan Crisis (2): Events, Causes and Facts

Michel Collon about the intervention in Libya (french-english)