Category Archives: False flags

Gallery

Different points of view and news about the “Benghazi US ambassador killing” ~~~ Punti di vista e notizie diverse circa “l’assassinio dell’ambasciatore USA a Bengasi” ~ (ENG-ITA +Video)

This gallery contains 2 photos.

* Not everything in this article may be shareable, but some facts are undeniable and they deserve to be taken into account. Non tutto in questo articolo potrebbe essere condivisibile, ma alcuni fatti sono innegabili e meritano di essere presi … Continue reading

Gallery

FSA (Fake Strangers Army) terrorist’s command has been transferred from Turkey to Syria?!? A bullshit.

This gallery contains 1 photos.

* ~ Libyan terrorists are helping Syrian terrorists: both armed by US-Nato terror agent. ~ FSA (Fake Strangers Army) terrorist’s command has been transferred from Turkey to Syria??? A bullshit. * This is the end of FSA-USA terrorist mercenary in Syria … Continue reading

Gallery

US Ambassador Was Not Killed by Gaddafi Supporters, but Green Libya is Back (2Video)

This gallery contains 1 photos.

* US Ambassador Was Not Killed by Gaddafi Supporters These terrorist militias were the groups that Hillary Clinton, John McCain, John Bolton and many other Neocons were begging the Obama Administration to support in February, 2011 in this same city … Continue reading

Gallery

New September 11, New Phase of NATO-US Invasion of Libya

This gallery contains 4 photos.

* THE STORY – News agencies around the world reported on the attack of militants on the U.S. Embassy in Benghazi, Libya, on the evening of September 11. The attack took place because of the movie which was insulting the … Continue reading

Gallery

Dr. Hamza Touhami:”The bombing attacks in Tripoli and Benghazi are not acts of Green Resistance” ~ Dott. Hamza Touhami:”gli attacchi dinamitardi di Tripoli e Bengasi non sono atti della Resistenza Verde” – (ENG~ITA +Video)

This gallery contains 1 photos.

* * The speech of Dr. Hamza Touhami about the recents bombings in Tripoli and Benghazi Dr. Hamza Touhami requested the Libyans to pay attention to who spoke on behalf of the Green Resistance. It represents only itself. Dr. Hamza … Continue reading

Gallery

Syria: NATO preparing vast disinformation campaign – La NATO sta preparando una grande opera di disinformazione (ENG-ITA +Video)

This gallery contains 2 photos.

This video (with English and Italian subtitles) shows 2 services from the Syrian TV talking about this topic. In the description you can find additional links to SANA, and the following article in other languages (French, Spanish and German). * … Continue reading

Gallery

Abdelbaset al-Megrahi, an obituary

This gallery contains 1 photos.

* The Truth on Lockerbie – La Verità su Lockerbie (ENG-ITA subtitles) * Abdelbaset al-Megrahi, an obituary Abdelbaset Ali Mohmed Ali Megrahi, who has died, aged 60 was, known to the world as ‘the Lockerbie bomber’; an unrepentant terrorist and … Continue reading

Gallery

French Elections: Could a False Flag Save Ungrateful Sarkozy? (+ 2 Video)

This gallery contains 2 photos.

* Seif Al-Islam to Sarkozy: “give us back our money” * Liar and war criminal Sarkozy denies Gaddafi funding allegations * False flag operations are covert operations conducted by governments, or other organizations, which are designed to deceive the public in such … Continue reading

Gallery

A statement from the Green Libyan Resistance: “Colonel Abdullah Al Senussi is not in rats hands”

This gallery contains 1 photos.

* A statement of the Green Libyan Resistance, received via online sources, is  circulating among the population and among the resistant, and denies the arrest of Colonel Abdullah Al Senussi. In this statement, the officers of the resistance are asking to the … Continue reading

Gallery

Kony 2012: the new USA propaganda is an excuse for more foreign intervention in Uganda and Africa

This gallery contains 1 photos.

* * * * On the Kony Video: – Again lost in this frenzy is what the actual people of Uganda think about the video. – Dr Beatrice Mpora, director of Kairos, a community health organisation in Gulu, a town … Continue reading

Gallery

Syria: The truth against the NATO’s lies – La Verità contro la PROPAGANDA NATO – (ENG/ITA)

This gallery contains 1 photos.

This video shows: A)the reality of Syrian Observatory composed by a single person (Osama Ali Suleiman aka Rami Abdul Rahman) who lives in Coventry (England) B)example of NATO’s propaganda lies C)examples of lies from Amnesty and HRW D)news and events … Continue reading

Gallery

Homs Massacre a Fake – (read carefully the English captions and explanations on the Video) – Il “Massacro di Homs” è una truffa (Eng-Ita)

This gallery contains 1 photos.

* Armed Terrorist Groups faked a Massacre in Homs. They killed Civilians and Army Members and made a fake Video Mrs. Thana al-Mohamad, a resident of Homs, said that she recognized two corpses of her relatives among those shown by … Continue reading

Gallery

Syria: the whole truth – Siria: tutta la verità – (Eng-Ita) +3 Video

This gallery contains 2 photos.

What is going on in the Middle East is the beginning of something far bigger. It stretches from the shores of California to the coastline of Kamchatka, engulfing the Satanic hordes of NATO, in turn controlled by the gray and … Continue reading

Gallery

2011 YEAR of the DUPE: One Year into the Engineered “Arab Spring,” One Step Closer to Global Hegemony

This gallery contains 2 photos.

Timeline and History dupe (dp, dyp) n. 1. An easily deceived person. 2. A person who functions as the tool of another person or power. tr.v. duped, dup·ing, dupes To deceive (an unwary person). December 24, 2011 – In January … Continue reading

Gallery

Fake Statements – False Dichiarazioni – (Eng-Ita-Fra) – VERY IMPORTANT

This gallery contains 1 photos.

“Aisha Qaddafi: Target For Arrest or Assassination?” Statements in media attributed to Aisha al-Qaddafi are part of a Nato-Zionist plot to have her expelled from Algeria, captured, or assassinated. After declaring the “success” of the US-European NATO military operation, giving … Continue reading

Gallery

SIRIA-LIBIA: L’orwelliana “Responsabilità a proteggere” (R2P) utilizzata per giustificare il “cambio di regime” e la guerra totale

This gallery contains 1 photos.

Mahdi Darius Nazemroaya Strategic Culture Foundation  29/11/2011 – Globalresearch – traduzione iotaliana di Alessandro Lattanzio, Sitoaurora La Lega Araba insieme a un gruppo affiliato chiamato Consiglio nazionale Siriano (CNS), una creazione dell’alleanza tattica tra il ramo siriano della Fratellanza Musulmana, … Continue reading

Gallery

Wall Street & Inside Jobs? Indignati & Rivoluzioni Colorate? (Text/Pictures/Videos)

This gallery contains 8 photos.

Le motivazioni di base che animano le proteste contro il sistema usurocratico bancario sarebbero legittime e naturali, visto il diffuso stato sociale iniquo e oppressivo, ma parrebbe che tali “rivoluzioni” (come quasi tutte nella storia) siano state invece programmate/organizzate/pilotate proprio … Continue reading

Gallery

Human Rights Watch: another Zionist tool

This gallery contains 1 photos.

Human Rights Watch: another zionist tool to mislead the public opinion By MKERone – Mathaba.net Most of the people think that Human Rights Watch (HWR) is a non-profit, 100% independent organization. They also believe that its aim is to defend … Continue reading

Gallery

LA GRANDE BUGIA: Usare le organizzazioni umanitarie per lanciare le guerre

This gallery contains 1 photos.

LA LIBIA E LA GRANDE BUGIA: Usare le organizzazioni umanitarie per lanciare le guerre Mahdi Darius Nazemroaya, Don Debar La guerra contro la Libia è costruita sulla frode. Il Consiglio di sicurezza dell’ONU ha approvato due risoluzioni contro la Libia, … Continue reading

AlJazeera, informazione per disinformare

AlJazeera, Cia false flags agency

Ecco le ultime news di AlJazeera per supportare la disinformazione, spacciando operazioni di intelligence dei servizi americani come  attendibili, mentre sappiamo bene che nello stesso momento in cui gli euro-yankees stringevano le mani di Muammar al Gaddafi preparavano e armavano i rats contro di lui.

Thierry Meyssan – lies on Libyan war

Thierry Meyssan – Media lies on Libyan war are dissipating, but new lies emerge

“Libyan campaign was staged to start conquering Africa”

The NATO-led intervention in Libya and the unrest in Syria are both steps in a decades-long plan by the US and its allies to completely reshape the face of Africa, believes independent journalist and peace activist Thierry Maysan.

“It’s quite obvious that the USA wanted to enter war at the same time with Libya and Syria. That wish was made public by John Bolton in 2002. The plan was passed over to France and Britain, who decided to bring it to life in November last year,” the author believes.

What is called public uprising of the free-loving people are actually coup attempts staged by the Western nations, Maysan says.

The operation in Libya in particular is marked by an astounding number of lies fed to the public, he added.

“By the time of the UN Security Council vote everyone had decided on the basis of reports submitted to the council. And the Security Council was certain that during the demonstrations in Benghazi the government killed 6,000 citizens – a terrible number. But now five months later the prosecutor at the International Criminal Court, which accused the Libyan leadership, has reduced the number… Now the prosecutor is building up his evidence on 208 victims instead of 6,000,” he pointed out.

In another example, footage was circulated by foreign TV channels allegedly showing Gaddafi’s soldiers raping women in retribution for the uprising. The video later turned out to be a rare Libyan amateur porn flick, Maysan said. The lies are meant to hide what the West wants to do in the region, the journalist believes.

“NATO keeps lying at every stage, which is surprising, because during the war in Kosovo NATO would normally lie only to conceal its mistakes. This time it’s being done not to conceal the mistakes, but to conceal the strategy,” he told RT.

The initial plan to overthrow the government in Tripoli has now obviously failed, so now the strategy has changed, the journalist believes.

“Western TV channels don’t speak of oppression and rebellion anymore, but of a civil war, thus trying to prepare public opinion for a declaration to divide the country into two parts: Cyrenaica on one side and Tripolitania on another, with the UN forces in between to separate the parties,” he said.

Civilian losses are not important for those behind this plan, Maysan says.

“From the moment it was decided to launch this operation, the lives of civilians have not been taken into account. Everything we used to see in the Middle East is not transpiring in this region. This is just a beginning. It’s just a question of re-arrangement of this region, and we are yet to see a series of wars,” he expects.

The scenario for Syria was designed in exactly the same way as the scenario for Libya, but it went in another direction, the activist argues.

“I think some countries, Russia included, thought better of it and prevented it. That is why at the moment there is no war in Syria. Even though some Western leaders repeat every day that it is necessary to go to war,”
he said.

Fonts:

http://rt.com/news/libia-syria-war-africa/

http://www.youtube.com/user/WolkenZwemmer

Perché il “Nuovo Partito Anticapitalista” tace sulla Libia?

Perché il “Nuovo Partito Anticapitalista” tace sulla guerra in Libia?

 

11/7/2011 – sitoaurora

Kumaran Ira, World Socialist Web Site 11 luglio 2011

Olivier Besancenot, dopo aver perorato la guerra alla Libia, è stato premiato con un posto nella crociera di piacere per Gaza (Freedom Flotilla 2), organizzata dalle petromonarchia del Qatar e del Barhein. Ciò spiega anche i silenzi della FF2 sulla Libia e sulla repressione in Barhein.
Olivier Besancenot, leader del NPA, dopo aver perorato la guerra alla Libia, è stato premiato con un posto nella crociera di piacere per Gaza (Freedom Flotilla 2), organizzata dalle petromonarchie del Qatar e del Barhein. Ciò spiega anche i silenzi della FF2 sulla Libia e sulla repressione in Barhein.

#

La guerra contro la Libia delle potenze imperialiste dura ormai da quasi quattro mesi. Con l’intensificazione del bombardamento di Tripoli per rovesciare il regime del colonnello Muammar Gheddafi, le potenze occidentali non hanno potuto compiere la loro missione, e l’intervento della NATO è attualmente in un vicolo cieco.
La scorsa settimana, la Francia ha riconosciuto di aver fornito armi ai ribelli libici, che combattono le forze governative nella regione libica del Djeben Nafoussa, a sud di Tripoli. Questo è stato riportato dal quotidiano Le Figaro, secondo cui stock di armi sono stati paracadutati tra le montagne del Jebel Nafoussa, compresi lanciarazzi, fucili d’assalto, mitragliatrici e missili anticarro “Milan” (Cfr.: La Francia arma le forze anti-Gheddafi).
Le consegne francesi di armi ai ribelli, in violazione della risoluzione 1970 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che ha imposto a febbraio l’embargo sulle armi alla Libia. In Francia come in altri paesi, la maggioranza della popolazione si oppone all’azione militare in Libia. Secondo un sondaggio SFOP, il 51 per cento dei francesi disapprova l’intervento militare della Nato contro la Libia.
C’è un silenzio assordante su questo evento nella stampa del partito dell’ex “sinistra” piccolo borghese. Ciò è particolarmente vero nel caso del nuovo partito anticapitalista (NPA) di Francia. Il sito web del NPA ha pubblicato tre articoli molto brevi sulla guerra in Libia, nel giro di due mesi, anche se si tratta dell’iniziativa principale della politica estera della Francia.
Perché la NPA tace mentre la guerra è impopolare ed è condotta illegalmente dal governo francese? Per settimane, il partito che pretende di essere anti-capitalista, non ha fatto alcuna dichiarazione ufficiale sulla guerra, o non har criticato il presidente Nicolas Sarkozy per la fornitura illegale di armi francesi ai ribelli.
In realtà, la fornitura di armi ai ribelli è la politica che la NPA ha rivendicato presso l’imperialismo francese, all’inizio della guerra. Se l’NPA non critica la politica militarista e illegale del governo francese, è perché fa esattamente quello che l’NPA gli ha chiesto di fare.
Alla vigilia degli attacchi aerei della Francia e Gran Bretagna, il 19 marzo, la NPA aveva suggerito che la Francia consegnasse armi all’opposizione libica. Nel suo comunicato stampa datato 18 marzo, la NPA ha scritto: “La nostra piena solidarietà va ai libici, a cui si dovrebbero dare i mezzi per difendersi, le armi di cui ha bisogno per cacciare il dittatore, prendersi la libertà e la democrazia.”
Lo stesso Olivier Besancenot, ex candidato alla presidenza del NPA, ha dichiarato: “La nostra solidarietà piena va ai libici, cui dovrebbero esser dati i mezzi per difendersi, le armi di cui hanno bisogno per cacciare il dittatore, e prendersi la libertà la democrazia.”
La realtà dei bombardamenti quotidiani sui civili libici, da parte degli aerei della NATO, rivela l’ambiguità di queste formulazioni disoneste, che cercano di suggerire che il NPA ha voluto proteggere i civili o “il popolo libico“. Infatti, la NPA sta ora cercando di coprire col suo silenzio il suo sostegno a una guerra imperialista, il cui obiettivo è rovesciare Gheddafi e imporre un nuovo stato cliente gestito dal Consiglio di Transizione Nazionale (CNT) di Bengasi.
La CNT, formazione di destra filo-imperialista, protegge principalmente gli interessi geostrategici delle grandi potenze e dei conglomerati energetici occidentali. Lungi dall’essere il “popolo libico“, la CNT è composto da forze come degli ex ministri del regime di Gheddafi, forze di terroristi islamici legati ad al-Qaida, agenti della CIA e vari capi tribù libici.
Dall’inizio della guerra, il NPA avanza argomentazioni assurde per giustificare l’intervento delle grandi potenze in Libia. Per quanto riguarda il CNT, il NPA ha dato un colore “rivoluzionario” a una forza reazionaria e pro-imperialista.
Il 1° aprile, il NPA ha pubblicato la relazione di un “dibattito sull’intervento in Libia” nel partito. Adottando la posizione dell’imperialismo francese, in particolare l’intervento militare per proteggere i civili, ha scritto: “Perché Gheddafi è pronto a uccidere i suoi soldati, perché ha promesso ‘un bagno di sangue’ e perché sappiamo che manterrà la promessa in caso di vittoria, vogliamo prima di tutto la sua sconfitta.
L’8 aprile, il NPA ha pubblicato un articolo dei suoi collaboratori belgi (il partito LCR-LaGauche), dal titolo “La guerra imperialista e contro-rivoluzionaria in la Libia“. Secondo l’articolo, “In Libia, attualmente ci sono due guerre in corso: l’offensiva aerea lanciata dagli imperialisti da un lato, e la guerra condotta dal regime di Gheddafi contro la rivolta popolare
Infatti, la CNT non rappresenta una rivolta popolare. Si tratta di uno strumento delle potenze imperialiste, che funge da forza di terra dell’intervento della Nato contro la Libia. Se Gheddafi sarà rovesciato e andrà al potere il CNT, si avrà un regime subordinato che metterà la ricchezza petrolifera della Libia a disposizione degli imperialisti.
La separazione assoluta stabilita dal NPA tra i bombardamenti NATO e il CNT, è falsa e disonesta. Per difendere una guerra imperialista, sotto dei colori di “sinistra“, il NPA critica pallidamente i bombardamenti NATO, pur plaudendo le forze che le servono da fanteria.
Nonostante il travisamento della sua critica della NATO, per il NPA è impossibile nascondere completamente di essere critico da destra. Secondo il NPA, la NATO, che descrive altrove come una alleanza imperialista – non fa abbastanza per aiutare i ribelli a combattere le forze di Gheddafi: “Si rifiuta ancora di fornire munizioni e armi pesanti agli insorti in quantità sufficiente, altrimenti hanno poche possibilità di resistere e sconfiggere le truppe militarmente meglio equipaggiate e addestrate del tiranno“.
La sezione del LCR-LaGauche si lamenta anche che gli imperialisti non bombardano abbastanza la Libia, “Gli attacchi aerei della NATO, a sostegno degli insorti, sono fatti col contagocce e sono molto selettivi.”
Un partito che fa simili commenti, si posiziona in modo inequivocabile dalla parte della reazione sociale, nonostante i suoi sforzi per darsi l’immagine di partito di “estrema sinistra”. Dopo aver chiesto l’intervento imperialista in Libia, ora condivide con Sarkozy la responsabilità politica per la morti di civili in Libia, uccisi dalla NATO e dalle sue marionette libiche.

Copyright 1998 – 2009 World Socialist Web Site

Traduzione di Alessandro Lattanzio

http://aurorasito.wordpress.com/2011/07/11/perche-il-nuovo-partito-anticapitalista-tace-sulla-guerra-in-libia/

Ustica, 30 anni dopo

Ustica, 30 anni dopo, Gheddafi è ancora il nemico n. 1 dell’impero (Anglo-Franco-Usraeliano)

USTICA, 30 ANNI DOPO: è dimostrato che Gheddafi era, ed è ancora, il nemico numero uno dell’impero globale, anglo-franco-usraeliano.


30 DOPO LA STRAGE DI USTICA: mentre è in corso una intensa e pesante campagna di bombardamenti sulla Libia, da parte delle forze dell’impero globale, con la scusa di difendere i civili che invece vengono massacrati e impestati di uranio impoverito, viene emesso un mandato di cattura internazionale nei confronti di Muhammar Gheddafi… … … la storia continua… … …

FdF

Bombe a grappolo sono state lanciate da USA-Nato, non da Gheddafi

IL BOMBARDAMENTO DI MISURATA CON LE BOMBE CLUSTER È STATO  COMPIUTO DALLE FORZE ARMATE USA E NON DA GHEDDAFI

 

DI HUMAN RIGHT INVESTIGATIONS
Global Research – traduzione di Comedonchisciotte

L’indagine in corso dall’HRI sui bombardamenti dell’11 aprile su Misurata con le bombe a grappolo ha trovato prove convincenti del fatto che il bombardamento è stato compiuto dalle forze navali USA.

Il bombardamento di Misurata

Il 15 aprile del 2011, durante il giorno, a Misurata sono state mostrate agli uomini di Human Rights Watch (HRW) e a C.J. Chivers, un giornalista del New York Times, alcune sotto-munizioni di una bomba a grappolo MAT-120.

In quel pomeriggio, durante gli scontri tra i ribelli e le forze lealiste, il personale di Human Rights Watch ha assistito all’atterraggio di un gruppo di 3 o 4 ordigni nelle aree residenziali di Misurata. HRW ha assistito agli effetti di quei bombardamenti.

In questi attacchi sono stati uccisi dei civili e l’Alto Commissario per i Diritti Umani, Navi Pillay, ha condannato “il ripetuto utilizzo delle bombe a grappolo e degli armamenti pesanti da parte delle forze del governo libico nel loro tentativo di riguadagnare il controllo della città assediata di Misurata.”

Ha anche riportato che una bomba a grappolo potrebbe essere esplosa a un centinaio di metri dall’ospedale di Misurata dove altri due pazienti sembravano essere stati colpiti da proiettili di mortaio o dal fuoco dei cecchini: “Usare armamenti imprecisi come sono le bombe a grappolo, i lanciarazzi multipli, i mortai e altri tipi di armamento pesante nelle aree urbane affollate ha come conseguenza inevitabile il ferimento dei civili.”

La corsa nel giudicare

Sia HRW che C.J. Chivers hanno subito attribuito questi attacchi al regime di Gheddafi e la notizia è andata su tutte le prime pagine dei giornali e dei notiziari televisivi in tutto il mondo.

Ecco la copertura della notizia data da HRW e del New York Times:

Il report di Human Rights Watch del 15 aprile durante il quale le forze di Gheddafi hanno sparato armamenti a grappolo è stato verificato

Il report di CJ Chivers del 15 aprile, ‘Le truppe di Gheddafi sparano le bombe a grappolo nelle zone abitate’

Fred Abrahams sul programma della BBC, Radio 4 Today, del 16 Aprile del 2011

In risposta alla domanda del perché quelle munizioni, che fanno parte dell’arsenale NATO, fossero state sparate dai libici invece che dalle forze NATO, Fred Abrahams ha detto: “Perché il MAT-120 è sparato dal mortaio e la NATO non ha truppe sul terreno.”

Quando è stata informata del fatto che le bombe a grappolo erano state rinvenute a Misurata, la reazione di Hillary Clinton è stata: “È una notizia preoccupante. Ed è uno dei motivi per cui la battaglia di Misurata è così impegnativa, perché è uno scontro ravvicinato, si svolge in un’area urbana e ciò crea molti problemi alla NATO e all’opposizione.”

La bomba a grappolo MAT-120 può essere sparata dalle forze navali

L’armamento MAT-120 viene in effetti lanciato da un mortaio, ma è un armamento pesante di un tipo che può essere usato anche in specifici sistemi d’arma che sono montati su una torretta.

Ecco un sistema AMOS su un CB-90 in azione:

Armi scelte per le Operazioni Speciali

La combinazione del munizionamento del MAT-120 col Combat Boat 90H viene considerato ideale per il sostegno del fuoco negli ambienti urbani e l’unico tra i sistemi d’armamento in dotazione alla coalizione che può essere usato in queste operazioni.

Come ha riferito nel giugno del 2007 il capitano Evin H. Thompson, Comandante del Gruppo Speciale Navale da Combattimento Four, in relazione alla specifica domanda sull’utilizzo della marina USA dei sistemi d’armamento CB90-H e AMOS (che sparano il MAT-120), “gli Amos o armamenti simili – installati nelle mie imbarcazioni a segnale ridotto – offrono alle operazioni speciali e alla nostra marina la possibilità di essere clandestinamente in un luogo offrendo la capacità di agire se le circostanze lo permettono.”

La Squadra Speciale di Soldati da Combattimento del Gruppo Speciale della Marina USA è specificamente addestrata alle scorrerie notturne e al supporto ravvicinato per le unità SEALS nelle acque costiere e inoltre possiede una flotta di CB-90.

La NATO ammette il bombardamento di Misurata

Nel periodo in cui questi ordigni sono state utilizzati era in corso un aspro combattimento tra le forze ribelli e quelle lealiste, mentre le forze della coalizione stavano fornendo il fuoco di sostegno e altri servizi speciali ai ribelli per prevenire che i lealisti riprendessero il controllo della città, cosa che veniva considerata come la fine dell’ultimo caposaldo dei ribelli nella Libia occidentale.

Il nostro aggiornamento sul bombardamento di Misurata ci mostra che la NATO ha ammesso di aver bombardato usando “alcuni armamenti” all’interno della città di Misurata.

Le informazioni scorrette della vendita dei MAT-120 alla Libia da parte della Spagna

Abbiamo scoperto che l’informativa secondo cui Instalaza, il produttore spagnolo del MAT-120, avrebbe ammesso di aver venduto queste armi alla Libia era priva di fondamento. Infatti Instalaza ha negato di averle vendute alla Libia.

Le munizioni rinvenute a Misurata erano datate 2007 (lotti 02/07 e 03/07) e il governo spagnolo ha interrotto le concessioni per le esportazioni di armi l’11 giugno del 2008.

I falsi report secondo cui queste munizioni erano state vendute alla Libia sono sbagliati a causa di un errore di lettura dei dati delle esportazioni che sono elencate nel documento emesso dal governo spagnolo, e questo errore è stato riportato dai media fino alla pubblicazione di un articolo apparso su Solidaridad il 15 settembre del 2008. È probabile che gli organizzatori del bombardamento di Misurata conoscessero questi report e hanno così creduto che la Libia possedesse i MAT-120.

I documenti del governo spagnolo mostrano le licenze concesse dalla Spagna nel 2007 per l’esportazione in Libia di armi della categoria 4, che comprende bombe e missili, e un’esportazione fu in effetti conclusa per questa categoria nel 2008. L’ammontare del valore delle tre licenze del 2007 era di 3,823,500 euro e le effettive esportazioni hanno riguardato due licenze per 3,839,210 euro nel 2008. Non ci sono dettagli in questi report su queste spedizioni e da cosa erano composte o su quali fossero le compagnie (anche se i dettagli sono stati forniti separatamente per gli equipaggiamenti bi-uso nel 2008, radar e materiale di laboratorio).

Delle nazioni a cui la Spagna ha venduto munizioni di categoria 4 nel 2007 e nel 2008, solamente tre sono coinvolte nel conflitto libico e non hanno aderito al trattato sulle bombe a grappolo: queste nazioni sono la Libia, il Qatar e gli Stati Uniti. Ma tutti si sono precipitati ad incolpare la Libia in base agli errori di lettura di questo report.

Comunque, l’analisi dei documenti ufficiali del governo spagnolo dimostra che la compagnia spagnola Instalaza non ha esportato armamenti a grappolo in Libia nel 2007/08.

Infatti il MAT-120, essendo un proiettile di un mortaio, è un armamento di categoria 3 (munizione), non una categoria 4 (bomba) e la Spagna non ha esportato armamenti di categoria 3 in Libia nel 2007 o nel 2008. Quindi le bombe esportate dalla Spagna in Libia nel 2008 non erano i MAT-120 ma qualcos’altro. La Spagna ha invece esportato armamenti di categoria 3 negli Stati Uniti.

Qui sotto abbiamo un estratto da un Documento Ufficiale del Ministero spagnolo sulle esportazioni del 2007 che mostra come siano suddivisi i vari articoli:

DESCRIZIONE DEI 22 ARTICOLI PRESENTI NELLA LISTA DEL MATERIALE PER LA DIFESA (DECRETO REALE 1782/2004 DEL 30 LUGLIO)2 Armi leggere senza elica in canna con un calibro di 20 mm o superiore:
Armi da fuoco (inclusi pezzi d’artiglieria), fucili, howitzers, cannoni, mortai, armi anti-carro, lancia proiettili, lanciafiamme, fucili senza rinculo, attrezzature per la riduzione dei segnali, fumo militare, proiettori o generatori di gas o pirotecnici e strumenti per la visibilità.3 Armamenti, ordigni e componenti
Munizioni per le armi soggette al controllo degli articoli 1, 2 o 12. Congegni per la regolazione delle micce che includono custodie, collegamenti, bandelle, erogatori di potenza dalla forte uscita, sensori, sottomunizioni.4 Bombe, siluri, razzi, missili
Bombe, siluri, granate, candelotti fumogeni, razzi, mine, missili, bombe anti-sommergibili, cariche per le demolizioni, ordigni “pirotecnici”, cartucce e simulatori, granate fumogene, bombe incendiarie, ugelli per i missili, ogive per i veicoli da rientro. Queste categorie, usate nello documento ministeriale sono in linea con quelle elencate nell’Elenco Comune delle Attrezzature Militari dell’Unione Europea.

Questo significa che l’affermazione secondo cui il MAT-120, l’armamento sparato dal mortaio, era stato esportato in Libia dalla Spagna si è basata su un errore di lettura del documento. Infatti, seguendo il Report, la Libia non poteva essere fornita di MAT-120.

Dei paesi a cui sono stati effettivamente esportati armamenti di categoria 3 nel 2007 e nel 2008 (dopo la data di produzione delle bombe rinvenute a Misurata e prima che il governo spagnolo non vietasse l’esportazione) solo il seguente paese non ha firmato la Convenzione contro le Bombe a Grappolo ed è coinvolto nel conflitto in Libia: gli Stati Uniti d’America.

Le tracce dei sistemi d’armamento

Un numero limitato di sistemi d’arma può essere utilizzato per sparare il MAT-120 e tra questi c’è il Combat Boat 90H (CB-90), costruito negli USA, con il sistema AMOS a bordo che è prodotto su licenza negli Stati Uniti da AAI Corp.

La leadership degli Stati Uniti approva in pieno gli armamenti a grappolo

Gli USA si sono rifiutati di firmare la Convenzione contro gli Armamenti a Grappolo e queste armi fanno solitamente parte del loro arsenale in cui è presente una dotazione veramente consistente di queste bombe.

Il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Robert Gates, ha detto che le bombe a grappolo sono considerate dagli USA “armi legittime con un’evidente utilità militare.”

Infatti, il Segretario Gates ha firmato il 9 luglio del 2008 la specifica secondo cui tutte le bombe a grappolo nell’arsenale USA devono essere del tipo simile alle M-120 entro il 2018.

Mentre Richard Kidd, Direttore dell’Ufficio per la Diminuzione e la Rimozione degli Armamenti del Dipartimento di Stato, ha scritto il 28 aprile del 2008 in “Is There a Strategy for Responsible U.S. Engagement on Cluster Munitions?”:

“Gli armamenti a grappolo sono presenti nell’inventario degli USA per essere a disposizione per l’utilizzo di tutti i velivoli da combattimento, fanno parte integrante di ogni elemento di manovra della Marina o dell’Esercito e in qualche caso costituiscono più del 50 per cento di sostegno al fuoco tattico indiretto.”

E ancora, il presunto crimine di guerra del bombardamento di Misurata è stato anche usato dal Segretario di Stato Hillary Clinton e da altre autorità per giustificare l’escalation del conflitto in Libia.

Le operazioni della coalizione a Misurata

Il 14 aprile, il Segretario Generale della NATO, Rasmussen, ha confermato che l’Ammiraglio Stavridis aveva riferito ai ministri degli esteri che le forze di Gheddafi erano all’interno dei aree abitate e che “per evitare il ferimento dei civili c’era bisogno di equipaggiamento molto sofisticato.”

Il Combat Boat 90 degli Stati Uniti o qualcosa di simile può essere velocemente traslato usando un velivolo da trasporto USA in qualsiasi parte del mondo o nelle regioni vicine usando un nave di supporto.

Le navi principali della Marina USA coinvolte – che ad esempio, il 14 e il 15 aprile nel “supportare l’Operazione Protettore Unificato al largo delle coste libiche” erano attaccate al Gruppo Anfibio Kearsarge, Kearsarge (LHD-3) – erano nel porto della baia di Augusta in Sicilia durante le notti in cui Misurata è stata oggetto di bombardamento con le cluster bomb.

La prima nave è la USS Barry (DG-52), un cacciatorpediniere e con tutta probabilità proprio quello segnalato da CJ Chivers al largo di Misurata.

Qui abbiamo un USS Barry che già prima aveva sparato missili Tomahawk nelle operazioni in Libia:

Da notare che l’ufficiale al comando dell’USS Barry è di solito l’Ammiraglio James G Stavridis, particolarmente incline alla guerra informativa e al controllo di Internet.

L’USS Barry ha partecipato ad un’esercitazione (FLEETEX 2-94) che ha eseguito un’estrazione segreta da parte di una squadra dei SEAL nelle acque poco profonde al largo della costa della Carolina. L’USS Barry ha la sua base alla Stazione Navale di Norfolk in Virginia, che è anche la base di Eva H. Thompson, il comandante dell’Unità Speciale da Combattimento Four, che abbiamo già citato prima nell’apprezzamento dell’utilità del Combat Boat 90 e del sistema AMOS.

La seconda nave che ci interessa è il USS Ponce (LPD-15), una nave anfibia da trasporto Austin-class. Una nave anfibia da trasporto è un natante di guerra che imbarca, trasporta e sbarca sul terreno elementi delle forze armate per missioni e spedizioni di guerra. Quest’imbarcazione ha a bordo 851 uomini di servizio arruolati e 72 ufficiali.

Poco dopo l’operazione di Misurata, sia lo skipper che l’ufficiale al comando del USS Ponce, il Comandante Etta Jones e il Tenente Comandante Kurt Boenisch, sono stati sollevati dall’incarico.

La terza nave d’interesse è la USS Carter Hall (LSD-50), una landing ship dock che ha attraversato il canale di Suez il 13 aprile, per unirsi alle altre, il giorno prima del bombardamento di Misurata. Una landing ship dock è un tipo di imbarcazione anfibia progettata per supportare operazioni di questo tipo. Trasportano e lanciano natanti anfibi e veicoli con i loro equipaggi e il personale imbarcato. Generalmente questo personale è composto da marines e/o da forze speciali.

C’erano alcune unità che erano imbarcate su questi natanti, tra cui il 26th Marine Expeditionary Unit (Special Operations Capable) (26MEU) e il Naval Beach Group Two (NBG2), TACRON 21, Four and Helicopter Sea Combat Squadron TWO TWO (HSC-22).

Il comandante della task force era il Capitano Dan Shaffer, che era anche comandante della Task Force 65 (CTF-65) e del Destroyer Squadron 60 (DESRON60). È sotto il comando dell’Ammiraglio Stavridis.

Operando da un’imbarcazione anfibia per il trasporto, le forze coinvolte nelle operazioni notturne possono avere la sicurezza di non essere scoperte nell’usare queste armi.

Le forze che avrebbero confidato sull’uso di queste armi hanno incolpato il regime di Gheddafi, mentre la ricerca di chi ha organizzato quest’operazione ha dimostrato (in modo sbagliato) che il MAT-120 era un’arma posseduta dalla Libia.

Human Rights Investigations richiede:

1) una piena indagine sul possesso e l’uso di tutti gli armamenti a grappolo di tutte le forze coinvolte nel conflitto libico senza impunità per nessuno;

2) la sospensione del personale militare coinvolto durante le investigazioni e il procedimento per crimini di guerra;

3) una piena indagine delle autorità statunitensi;

4) che vengano svolte indagini anche dalle Nazioni Unite e da tutte le nazioni che partecipano alla coalizione dato che l’uso di queste armi nelle zone residenziali è una chiara violazione della Risoluzione 1973 delle Nazioni Unite e che “le persone ritenute responsabili o complici degli attacchi contro la popolazione civile, anche con attacchi aerei e navali, dovranno risponderne”;

5) che tutti i membri della coalizione, inclusi gli USA, il Qatar e gli Emirati Arabi Uniti dichiarino l’utilizzo delle munizioni a grappolo e devono firmare la Convenzione sulle Munizioni a Grappolo;

6) la fine della “guerra delle informazioni” e della distorsione militare nel dibattito pubblico;

7) la fine dei continui bombardamenti in Libia che sono contrari allo spirito e agli intenti della Risoluzione 1973 delle Nazioni Unite che aveva lo scopo di proteggere i civili e non quello di giustificare il bombardamento di aree residenziali, tanto meno quello di giustificare i crimini di guerra e il bombardamento con le bombe a grappolo delle città libiche.

Fonte: http://globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=25004

Traduzione a cura di Supervice