Category Archives: Al Qaeda-Nato

Gallery

Mustafa Abdul Jalil, Traitor & Head of the Fake Revolution: “Ghadafi did not Kill Protestors”

This gallery contains 1 photos.

Mustafa Abdul Jalil, a miserable traitor of the Jamahiriya, former head of the National Transitional Council in Benghazi in 2011, that has given the Libyan nation to the moneylenders in Wall Street, that allowed the massacre of the Libyan people … Continue reading

Gallery

Muammar Gaddafi exposed the conspiracy against Libya and the entire free world

This gallery contains 1 photos.

~ Video by  Scorpilingus . . . . reloaded at LibyanFreePress.net Network . . .

Gallery

New September 11, New Phase of NATO-US Invasion of Libya

This gallery contains 4 photos.

* THE STORY – News agencies around the world reported on the attack of militants on the U.S. Embassy in Benghazi, Libya, on the evening of September 11. The attack took place because of the movie which was insulting the … Continue reading

Gallery

Al-Qaeda, braccio armato CIA, sodomizza e uccide ambasciatore USA in Libia, creando la scusa per l’intervento militare finale USA in Africa ~ Al-Qaeda, CIA armed wing, sodomized and killed U.S. ambassador in Libya, creating an excuse for the final military intervention in Africa ~ (ITA-ENG +Video)

This gallery contains 2 photos.

* * Al-Qaeda, braccio armato CIA, sodomizza e uccide ambasciatore USA in Libia, creando la scusa per l’intervento militare finale USA in Africa. L’ambasciata USA a Bengasi è stata assaltata dagli stessi mercenari alqaedisti armati dalla NATO lo scorso anno, … Continue reading

Gallery

Barbarian al-qaedists rats have destroied an old magnificent mosque ~ Barbari ratti al-qaedisti distruggono una stupenda antica moschea ~ (ENG~ITA)

This gallery contains 29 photos.

* Zliten City – August 24, 2012 – Terrorists and mercenaries of Al Qaeda, affiliated, covered and supported by NATO-NTC rats, have attacked the mosque and the tomb of a 15th century scholar (Abdel Salam al-Asmar), destroying the mosque and … Continue reading

Gallery

The Top Ten Myths in the War Against Libya

This gallery contains 1 photos.

* * The Top Ten Myths in the War Against Libya by MAXIMILIAN C. FORTE Since Colonel Gaddafi has lost his military hold in the war against NATO and the insurgents/rebels/new regime, numerous talking heads have taken to celebrating this … Continue reading

Gallery

Sheiks Radicales qui enseignent la terreur en Libye et en Syrie – Radical sheiks teaching terror in Libya and Syria (+5 Video – Fra/Eng)

This gallery contains 1 photos.

* Une certaine racaille a dit une fois: «C’est OK si le tiers de la population syrienne sera tué, de cette façon les autres deux tiers vivront dans le bonheur». Quel bonheur ils parlent exactement, personne ne sait avec certitude. … Continue reading

Gallery

“If The New French Government Fails To Arrest Sarkozy For War-Crimes In Libya, The Repercussion On France May Be Devastating…..” (+ Video)

This gallery contains 1 photos.

* * New York [RR] ABUJA–Following defeat of former France President Sarkozy on Sunday, some Human Rights body are now calling for the arrest of Sarkozy for war crime in Libya, RepublicReporters has learned. According to Fair Justice (FJ) remarks culled … Continue reading

Gallery

E in cosa sarebbe diversa la Francia di Hollande da quella di Sarkozy? (+Video)

This gallery contains 1 photos.

* Francois Hollande negozia con l’emiro del Qatar L’ex primo ministro francese ministro, Laurent Fabius, è atteso venerdى 3 febbraio 2012 a Doha (Qatar), come inviato speciale del candidato socialista alla presidenza, Francois Hollande. Sarà accolto dall’emiro Hamad bin Khalifa … Continue reading

Gallery

Gaddafi VS Obama: Real Democracy VS Real Police State (Video)

This gallery contains 1 photos.

* This video shows how Muammar Gaddafi could freely move around Tripoli because he had enemies only OUTSIDE Libya (NATO-Al Qaeda terrorists and some rats-mercenaries) while scared terrorist and war criminal Obama is hated by his own citizens hence he … Continue reading

Gallery

French Elections: Could a False Flag Save Ungrateful Sarkozy? (+ 2 Video)

This gallery contains 2 photos.

* Seif Al-Islam to Sarkozy: “give us back our money” * Liar and war criminal Sarkozy denies Gaddafi funding allegations * False flag operations are covert operations conducted by governments, or other organizations, which are designed to deceive the public in such … Continue reading

Gallery

The Truth Exposed: The Great Hero Muammar Gaddafi (Video)

This gallery contains 1 photos.

* * This video shows why Muammar Gaddafi was considered a dangerous enemy by the NWO crazy criminals and it also exposes the Western propaganda’s lies. * Video by TrustCooper * Posted by Ryuzakero, 29 April 2012. Reloaded & Supported … Continue reading

Gallery

LIBYA, April 1986: USA Air Force Attacked the Great Jamahiriya + Rat News…

This gallery contains 5 photos.

* On the night between 14 and 15 April 1986, the United States AIR FORCE launched a savage attack on the Great Jamahiriya, on the orders of U.s. President Ronald Reagan. 66 aircraft droped more than 60 tons of bombs … Continue reading

Gallery

The Untold Story of the Libyan “Rebellion” – La storia taciuta della “rivolta” libica (ENG-ITA)

This gallery contains 1 photos.

  The Untold Story of the Libyan Rebellion A British terror trial sheds new light on the origins of the February 17 anti-Qaddafi uprising. By John Rosenthal Today is the official anniversary of the “February 17th Revolution,” the Libyan rebellion … Continue reading

Gallery

Zion-American conspiracy: demons are insisting

This gallery contains 1 photos.

* * Zion-American conspiracy in Syria has failed and has been discovered, but the demons are insisting in their perverse action. Sophisticated technologies and Israeli-American weapons seized, hundreds of terrorists and mercenaries from Goulf Countries, Afganistan, Iraq, Libia and European … Continue reading

Gallery

After Libya, USA is arming Al-Qaeda, smuggling weapons into Syria: but the Syrian army is hitting them hard… (Text & Video) – ENG/ITA

This gallery contains 3 photos.

* * As USA-NATO did in Libya before, now they are fighting side by side with Al Qaeda also in Syria. But it does not work, and it seems that they are losing… Come USA-NATO hanno fatto già in Libia, … Continue reading

Gallery

Al-Qaeda refashioned by the UK

This gallery contains 1 photos.

Abu Qatada, the man who had been dubbed by the Anglo-American media as “Osama ben Laden’s ambassador in Europe“, and who is on the list of individuals associated with Al-Qaeda established by the UN Security Council Committee (resolutions 1267/1898), has … Continue reading

Gallery

Libyan Crisis: Events, Causes and Facts – The real uncensored history – (Video-Documentary)

This gallery contains 1 photos.

* A very well done documentary giving an insight into the events that led up to NATO intervention in Libya. Please download and save this video on your hard disks or devices, before it disappears from the net. * Uploaded … Continue reading

Gallery

Collection of 7 Video/Reports and Analysis on the Zion/Yankee project of aggression against Libya, Syria, Middle East and Iran: final target Russia

This gallery contains 1 photos.

A Collection of Video/Reports and Analysis on the Zion/Yankee project of aggression against libya, Syria, Middle East and Iran: final target Russia * Collection from Russia Today up to December 29, 2011 * Start a war to avoid a war? … Continue reading

Gallery

WARNING: VERY BLOODY PICTURES = Two Terrorist Attacks Target State Security in Damascus: Analysts say that it is a Zion-American project – Due attacchi terroristici colpiscono la Direzione della Sicurezza in Damasco: Analisti dicono questa sia una strategia Sion-Usa (Eng-Ita)

This gallery contains 1 photos.

SYRIA IS AT RISK TO BECAME LIKE LIBYA, THANKS USA & NATO LA SIRIA CORRE IL RISCHIO DI DIVENTARE COME LA LIBIA, GRAZIE A USA & NATO SyrianFreePress – Syrian News Agency – 23 december 2011 WARNING: VERY BLOODY PICTURES … Continue reading

Gallery

Demons Unleashed in Libya: NATO’s Islamists Continue Program of Ethnic and Ideological Cleansing

This gallery contains 1 photos.

By Gerald A. Perreira – Mathaba – 2/12/2011 This is the dark time, my love, All round the land brown beetles crawl about The shining sun is hidden in the sky Red flowers bend their heads in awful sorrow This … Continue reading

Gallery

Nato/NCT freedom, by Al-Qaeda/Sharija, will bring Libya to Stone Age (VIDEO)

This gallery contains 1 photos.

 

Gallery

Obama raises Al Qeada’s flag over Bengazi

This gallery contains 1 photos.

“From the halls of Montezuma to shores of Tripoli” – Marine Hymn Obama, Dear Leader, Nobel Peace Prize winner and our very own Rat in Chief has raised the flag of his beloved Al Qaeda “rats” over Benghazi. He proudly … Continue reading

Gallery

NATO bombings, al-Qaeda and the Arab Spring

This gallery contains 1 photos.

Rahnuma Ahmed – ShahidulNews – 9/10/2011 In war, truth is the first casualty. Words of wisdom, gifted to us by Aeschylus. Truer than ever now, two thousand years later, as NATO bombs Libya in the name of `protecting’ its civilians. … Continue reading

Gallery

Libyan War News: September 27, 2011 (Eng-Ita)

This gallery contains 6 photos.

BREAKING NEWS, 27 Sept, 2011, at 9:47 PM Sirte is controlling by Libyan Army and by Libyan moujaheedens with Libyan volunteers. Nato-mercenaries cant go in harbour of Sirte and on all places are under the moujaheedens snipers fire. NATO-mercenary army … Continue reading

Gallery

Witch hunts in “free” Libya

This gallery contains 3 photos.

Witches hunting in “free” Libya by Lizzie Phelan – Voltairenet FOR THE ITALIAN TRANSLATION CLICK HERE While NATO’s mandate enjoins it to protect civilians, the Alliance allows the forces of the Libyan National Transition Council to continue their abuses. After … Continue reading

Gallery

NATO Crimes in Libya (pictures for people +18)

This gallery contains 1 photos.

NATO Crimes in Libya (pictures for people +18) very impressive photo-gallery at this link http://www.zangetna.com/t14504-topic not suited to an audience too young and sensitive

Gallery

Al Qaeda paravento e arma del giudaismo sionista

This gallery contains 5 photos.

Visita di Sarkozy, Bernard Henry Levy, Cameron ed Erdogan a Tripoli e Bengasi. Gheddafi: “Fermare i crimini della Nato a Sirte”.  la Repubblica.it, 14/9/2011 – “Bisogna rompere l’isolamento della città”. Le parole del Colonnello lette a suo nome sulla tv … Continue reading

Gallery

Bani Walid: RAF “Dropping Chemical Bombs”

NATO WAR CRIMES: Residents of Bani Walid testified that Chemical Weapons are being used by NATO in their town, some witnesses claimed that Mustard Gas was being used (viewed in Al-Rai Satellite station). NATO is known for its use of … Continue reading

Gallery

Come al-Qaida è arrivata al potere a Tripoli

This gallery contains 1 photos.

Come al-Qaida è arrivata al potere a Tripoli Thierry Meyssan, Réseau Voltaire, Beirut (Libano), 6/9/2011 Testo originale in français  qui (FOTO: Il leader storico di al-Qaida in Libia, Abdelhakim Belhadj, è divenuto il governatore militare della Tripoli “liberata” ed è … Continue reading

Gallery

Sirte: un massacro umanitario annunciato

This gallery contains 2 photos.

Sirte: un massacro umanitario annunciato Marinella Correggia, 3 settembre 2011, LibyanFreePress ASSEDIO A SIRTE A metà maggio Aisha Mohamed era in transito nella tunisina Djerba. Aveva finito un anno di specializzazione in Gran Bretagna e aveva scelto di andare a … Continue reading

Gallery

TNC-NATO siege of Sirte is a war crime

This gallery contains 1 photos.

TNC-NATO siege of Sirte is a war crime.  By NicolasDavies – 2 September 2011 – Warisacrime.org NATO and the Transitional National Council in Libya (or Paris or Qatar or wherever it is) have reportedly given the people of Sirte ten … Continue reading

Gallery

NATO could turn on rebels

Activist says NATO could turn on rebels 3 September, 2011 – RT.com Documents found in Tripoli have pointed to close co-operation between Gaddafi’s regime and Western intelligence agencies. Activist Marinella Correggia says it is no surprise that countries which had … Continue reading

Gallery

I ribelli-Nato liberano la Libia…dal popolo libico

NON COMMENT Libyan Free Press After 6-months-long failing attempts to overthrow Gaddafi by the hands of ‘Libyan rebels’ and to weaken his regime by permanent bombings, the ‘democratic’ powers have put their last ace on table. On Saturday evening August … Continue reading

Gallery

LIBIA E SIRIA (1): Parvus bellum in principio fiet magnus in termino?

This gallery contains 7 photos.

LIBIA E SIRIA (1): Parvus bellum in principio fiet magnus in termino?  1°) LA LIBIA Prologo Il professor Agostino Sanfratello, che risiede in Libano e può seguire da vicino lo svolgersi delle rivoluzioni “primaverili” del medio oriente, ha scritto tre … Continue reading

Gallery

Al-Qaida-fighter and Salafist, Abdul Hakim Belhadj, is now Military Commander of Tripoli (Ita-Eng)

This gallery contains 2 photos.

Al-Qaida-fighter and Salafist Abdul Hakim Belhadj is now Military Commander of Tripoli (aug 26) Speaking to RT today live from Brazil, Asia Times correspondent Pepe Escobar said that an al-Qaeda asset is now leading the military of rebel-controlled Libya. According … Continue reading

Gallery

Libyan Rebels Free Al Qaida Supporters

Libyan Rebels Free Al Qaida Supporters In this report we hear about the release of hundreds of prisoners in Tripoli. Many of those were held captive because of their strong ties to the Al-Qaida mode of thinking. What to think … Continue reading

Gallery

Al-Qaeda pirates to grip Mediterranean if rebels take over

Uploaded by RussiaToday on Aug 26, 2011 Reloaded by LibyanFreePress on Aug 27,2011 The UN has called for restraint in Libya amid reports of abuses and alleged summary killings by both rebels and Gaddafi loyalists. The Security Council has also … Continue reading

Gallery

La macelleria umanitaria dell’invasione NATO in Libia

This gallery contains 8 photos.

“Dove non c’è guerra, bisogna inventarla per fare scambi” (Rothschild) . Le agenzie e le catene mediatiche internazionali che hanno decretato la “caduta” prematura del presidente libico sono concordi nell’apprezzamento. Tripoli, la capitale della Libia, vive uno stato di anarchia … Continue reading

Chi sono i “ribelli” Nato di al-Qaeda e CIA

Ribelli libici, tra al-Qaeda e Cia

(testo pubblicato il 01/04/2011 da PeaceReporter.net)

Chi sono veramente i ribelli libici sostenuti dagli Stati Uniti e dalla Nato? Come si concilia la presenza al loro interno di gruppi fondamentalisti islamici legati ad Al Qaeda con un comando militare affidato a uno storico dissidente libico strettamente

Martedì scorso, durante un’audizione al Senato americano, l’ammiraglio James Stavridis, comandante delle forze Usa in Europa a capo del quartier generale europeo delle forze Nato (Shape), ha dichiarato che ci sono ”tracce” di al-Qaeda tra gli insorti anti-Gheddafi, seppur ”non significative”.

Tracce che partono dal videomessaggio del 13 marzo con cui il libico Abu Yahya al-Libi (foto), uno dei principali leader di al-Qaeda, esortava i suoi connazionali a proseguire e intensificare la lotta contro Gheddafi: “I libici hanno sopportato sofferenze di ogni tipo per oltre quarant’anni a opera di Gheddafi, che li ha usati per sperimentare le sue idee marce, le sue stravaganze e le sue politiche folli”.

Tracce che proseguono con le notizie pubblicate il 22 marzo dal Sole24Ore a proposito della presenza sul fronte di Ajdabiya di qaedisti libici reduci dall’Iraq e dall’Afghanistan. A iniziare da Abdul-Hakim al-Hasidi: catturato dalle forze Usa in Afghanistan nel 2002, oggi al comando dei ribelli di Derna, ha dichiarato che ”i membri di al-Qaeda sono patrioti e buoni musulmani’‘.

”Non c’è dubbio che la succursale libica di Al Qaeda, il Gruppo combattente islamico in Libia (Lifg), faccia parte delle forze che si oppongono a Gheddafi; quel che non sappiamo è che peso abbia”, ha dichiarato mercoledì alla stampa indiana Bruce Riedel, ex analista della Cia esperto di terrorismo, per anni consigliere militare della Casa Bianca, membro anziano del Consiglio per le relazione estere e della Brookings Institution.

Il Lifg è stato creato nel 1995 da mujahedin libici reduci della guerra contro i sovietici in Afghanistan, allo scopo di rovesciare il regime di Gheddafi, contro il quale, a Sirte nel marzo del 1996, organizzarono un fallito attentato con l’aiuto logistico e finanziario (100mila sterline) dell’intelligence britannica, l’Mi6. In seguito il Colonnello chiese, primo al mondo, un ordine di cattura internazionale per Osama, ma Londra e Washington bloccarono la procedura.

A capo del gruppo qaedista libico (dal 2001 nella lista nera del terrorismo internazionale islamico) erano Anas al-Liby, che scappato dalla Libia ottenne asilo politico in Gran Bretagna (dove ha vissuto fino al 2000, poi se ne sono perse le tracce), e Mohammed Benhammedi, che da Liverpool fino al 2006 (poi anche lui è scomparso) ha finanziato le attività del Lifg con i proventi del narcotraffico gestito dal barone inglese della droga Curtis Warren.

L’altra sigla storica dell’opposizione al regime libico, tornata d’attualità in questi giorni, è il Fronte nazionale per la salvezza della Libia (Nfsl), movimento laico creato negli anni ’80 da dissidenti esiliati negli Usa e apertamente sostenuto dalla Cia. Anche l’Lnsf aveva tentato di uccidere Gheddafi, nell’aprile del 1984, con una vera e propria azione militare contro il quartier generale del Colonnello a Bab al Aziziyah (morirono ottanta persone, tra libici, cubani e tedeschi dell’est).

L’esponente più noto dell’ Nfsl è Khalifa Belqasim Haftar (foto), ex colonnello dell’esercito libico rifugiatosi negli Usa nel 1988 dopo la sconfitta della Libia nella guerra con il Ciad. Da allora ha vissuto a Fairfax, Virginia (10 chilometri dal quartier generale della Cia), da dove ha diretto per anni le attività del braccio armato dell’Nfsl: l’Esercito di liberazione libico. Poche settimane fa è riapparso a Bengasi per prendere il comando militare dei ribelli, ruolo che ricopre formalmente dal 24 marzo.

A ben guardare, la coesistenza di uomini di al-Qaeda e dei servizi segreti anglo-americani nelle fila dei ribelli libici è una contraddizione solo apparente. Afghanistan docet

Enrico Piovesana – PeaceReporter.net

Libia: le menzogne di TV e Media/Networks

Testimoni che ci raccontano un’altra verità.

Marinella Correggia – JerbaNews – 24/08/2011
.
.
Menzogne di una notte insonne (anche sotto il fortunato cielo italiano che nessuno bombarda dal 1945). Menzogne e arroganza fino all’ultimo in una guerra cominciata e continuata con notizie false, in cui i media hanno avuto il ruolo dell’aiuto carnefice. Solo la tivù russa Rt e quella venezuelana Telesur spiegano che è una vittoria dovuta alla carneficina compiuta dalla Nato anche con droni ed elicotteri Apache soprattutto negli ultimi giorni. L’obiettivo è è quella democrazia che il popolo libico merita, dice il premier britannico Cameron. Peccato che in tutti i mesi scorsi proprio la Nato e i “ribelli” avessero sempre lasciato cadere le proposte di libere elezioni con controllo internazionale avanzate dal governo libico.
.
Cosa dicono i soliti media
La Nato fa strage a Tripoli bombardando di tutto e uccidendo 1.300 persone in poche ore come denuncia Tierry Meyssan del Réseau Voltaire; ma Repubblica on line scrive che Gheddafi bombarda la folla. Giusto un titolo, senza spiegazione, giusto un modo per non perdere l’allenamento. La stessaRepubblica che non si è mai degnata di chiamare soldati i membri – decimati — dell’esercito di un paese sovrano (erano sempre definiti “mercenari e miliziani”), adesso chiama “soldati del Cnt” i ribelli, tacciando invece di “pretoriani di Gheddafi” i superstiti soldati libici (quelli non decimati dalla Nato). (A proposito: uno del Cnt, Jibril, ha fatto appello ai suoi armatissimi “ragazzi” affinché diano prova di moderazione e non attacchino gli stranieri e chi non li appoggia (il rischio è certo visti i precedenti).
L’Unità scrive che Tripoli “è insorta”, quando in realtà è occupata dai cosiddetti ribelli con la copertura aerea della Nato e i civili cioè i disarmati se ne stanno rintanati nelle case (vedi le testimonianze ottenute al telefono).
Il Corsera con il suo embedded sceso dalle montagne insieme ai ribelli spiega enfatico che dopo la “liberazione” di Zawya, “Tripoli si è sollevata” quando in realtà è stata piuttosto atterrata dai bombardamenti.
Rai News 24? Peacelink protesta con la redazione: “Nel vostro servizio avete nascosto il ruolo dei bombardamenti Nato, presentando i ribelli che libravano la Libia soli e festanti, per acclamazione popolare; alterato il senso della risoluzione 1973 che non prevedeva l’appoggio militare Nato agli insorti; taciuto il massacro in corso a Tripoli; presentato prevalentemente il punto di vista Nato (e sempre ripetono la storia dei mercenari neri e dei cecchini).
Anche il Fatto ci casca: “L’avanzata del Cnt rallentata dal traffico e dal caos e da centinaia di libici che inneggiano alla fine del regime”; “I tripolini sono usciti per festeggiare l’arrivo dei ribelli”. Ma centinaia di persone sono tante, in una metropoli? E comunque la foto della festa viene da Bengasi…
.
Tivù e media vari pubblicano foto di feste in piazza. Ma solo alcuni dicono che non si riferiscono a Tripoli ma a Bengasi appunto (da dove comunque decine di migliaia di abitanti sono fuggiti nei mesi scorsi e non più tornati nel regno degli uomini e dei bambini armati). Lo fa rilevare Peacelink osservando questa galleria.
A Tripoli, sono i soli armati ribelli a festeggiare. Ma il fatto che si mescolino le cose nella stessa galleria non è casuale.
.
Per dare l’idea di festeggiamenti che non ci sono, Cnn mette foto di festeggiamenti non datati a Bengasi.Mentre la reporter dice “vedo strade vuote, le immagini sono di folle festanti con bandiera monarchica, però evocano Tripoli. In un altro collegamento, la elmettata reporter spiega – non senza ripetere la solfa del pericolo di cecchini di Gheddafi — che assolutamente nessun civile nelle strade…allora chi sta festeggiando? Gli armati. E sempre il titolo è “la Nato teme che Gheddafi possa colpire i civili”. Quindi pronti al tiro al piccione.
La cronista di Al Jazeera con elmetto dalla Piazza verde (il nome è già stato cancellato), parla di festa (e di paura per i soliti cecchini di Gheddafi…) del popolo libico, “vedete centinaia di persone” (in una città con milioni di abitanti)…alle sue spalle si pressano con la bandiera monarchica i ribelli armati, ma per lei sono i civili, il “popolo”, “you can see how people are excited, now they are in control of the capital”. La confusione voluta fra civili e amati ha fato da leit motiv di questa guerra. Anche a Baghdad, il giorno della caduta della statua di Saddam a opera di due marine Usa, gli iracheni presenti si contavano in qualche decina…Un film già visto.
.
La mattina la Cnn parla al telefono con la solita plurintervistata ottimo inglese libica diciannovenne che dice che dopo 42 anni sono liberi di parlare al telefono (ricordo però che gli oppositori a Gheddafi più che la mancanza di libertà mi evocavano, settimane fa, “gli ospedali che non funzionano e le scuole dove non si studia bene l’inglese”!); la tivù le chiede: “ma non c’è gente in strada, solo fighters?” e lei conferma. Allora, le folle festanti?
Anche la Reuters scrive: “I ribelli entrano in Tripoli, la folla celebra”. Quale folla? Non c’è nessun video né foto!
Intanto nessuno parla degli ospedali, che dovrebbero essere al collasso per troppi clienti.
.
.
Parlano i testimoni
Molti telefoni di persone incontrate a Tripoli poche settimane fa non rispondono (“out of order”). Per esempio Rafika, tunisina, ottimo italiano, che lavorava alla mensa dell’ospedale Tebbe, chissà quanti feriti ci sono adesso là.
Ma qualcuno risponde.
.
Mohamed, giovane del Niger che vive a Tripoli da 3 anni (lavorava con i cinesi) e che si arrovellava settimane fa su come spiegare al mondo la verità, adesso è rintanato in casa: “Siamo impotenti anche noi. Chi è disarmato non può avventurarsi fuori, dove tutti sono armati e si combatte. E’ terribile ma non possiamo che aspettare. Spero che non ci sia un’altra carneficina”. Ieri diceva “hanno bombardato intensamente anche vicino a casa mia, si è levata una grande polvere, impossibile respirare. Stiamo in casa, e preghiamo, è il ramadan”. L’altro ieri, prima degli ultimi sviluppi, chiedeva: “MA si sono viste lì le immagini della strage di 85 civili a Mejer, sotto le bombe della Nato fra l’8 e il 9 agosto? Sono sconvolto, anche perché qui i media internazionali non ne hanno parlato”.
.
Era impaurito sabato sera il cristiano pakistano Nathaniel, che già settimane fa si chiedeva dove sarebbe andato con la famiglia dopo 21 anni in Libia se gli islamisti fossero arrivati: “My sister qui bombardano di continuo, e sembra che i ribelli siano vicini… non so cosa fare, dove andare, chi ci proteggerà? Starò in contato con la cattedrale”. Oggi il suo cellulare non sembra aver copertura.
Se Nathaniel sapesse che forse è stata saccheggiata la chiesa a Dara (e monsignor Martinelli è in Italia).
.
Così dice la statunitense JoAnne, da mesi a Tripoli con suo marito per documentare negli Usa i crimini di guerra della Nato e dei ribelli: “Siamo chiusi nell’hotel Corynthia, al centro di Tripoli. Nessuno si avventura fuori. Gli Apache hanno ucciso molte persone e i ribelli hanno armi pesanti… Doveva partire una nave proveniente da Malta, per evacuare gli stranieri ma i ribelli l’hanno bloccata”.
.
Anche Hana, libica che lavorava per una compagnia petrolifera, è chiusa in casa, da parenti: “Ci siamo spostati perché la nostra casa è troppo vicina a Bab El Azyzya”, qui è tranquillo ma nelle strade non c’è nessuno. Mi hanno detto che volavano anche gli Apache, io non li ho visti vicino a casa. Sì, abbiamo l’acqua e la luce e cibo abbastanza. Stiamo ancora digiunando per il ramadan… fino a fine mese. Non avrei mai pensato che finisse così”.
.
Lizzie Phelan, giovane giornalista inglese indipendente, aveva un blog che le è stato bloccato: “Poco prima avevo denunciato alla tivù russa RT il fatto che Al Qaeda sia ben presente fra i ribelli arrivati a Tripoli. Qui intorno al Rixos la situazione sembra adesso calma. Ma non si sa come evolverà. Aspettiamo di andare, noi stranieri, in un’ambasciata, forse quella russa”.
.
Non risponde il telefono di Zinati, quarantenne libico che da mesi “abitava” con il suo computer su un tavolo all’hotel Rixos cercando di aiutare il portavoce Mussa Ibrahim nei difficili rapporti con i giornalisti e con le delegazioni: “Ero tornato qui in febbraio per sistemare delle cose e ripartire per il Canada dove vivo da anni; invece sono rimasto, non potevo lasciarli così” diceva settimane fa.
La guerra Nato in Libia, la quinta alla quale l’Italia ha partecipato in venti anni, a cento anni dall’avventura coloniale in Libia, continua com’è iniziata: con grandi menzogne e una continua mistificazione, anche grossolana. Ignorando le vere cause. E con nessun rispetto per le vittime, tante.La Norvegia — paese più civile — si è ritirata. L’Italia, serva in passato e ora, no.
.

La NATO (euro-yankee) detta la politica di Al-Qaeda

Responsabile dei servizi di sicurezza libici accusa LA NATO di sostenere AL-QAEDA

 Madison Ruppert, Contributing Writer –Activist Post


La “guerra al terrore” americana è una farsa progettata per togliere  libertà agli americani consolidando la ricchezza e il potere nelle mani dell’élite.

Da quando è iniziata la guerra al terrorismo, assolutamente nessun progresso misurabile è stato fatto e l’intera nomenclatura assegnata a questa “guerra” rafforza questo fatto dimostrando che questa è una guerra che è destinata a continuare per sempre, in tutto il mondo.

Per coloro che sono ancora preda dell’illusione che stiamo combattendo il terrorismo, il nostro supporto ai ribelli apertamente legati ad al Qaeda in Libia ( lo stesso gruppo al Qaeda responsabile per l’invio di militanti in Iraq per uccidere i soldati americani) dovrebbe aver frantumato questa illusione.

Il capo dei servizi di sicurezza libici , che sono i reali servizi di sicurezza libici non i ribelli criminali di guerra affiliati ad al-Qaeda, Abdullah al-Snousi, l’ha chiarito molto bene in una dichiarazione in data odierna.

La seguente dichiarazione è stata pubblicata sul blog in diretta di Al Jazeera in Libia,  ma non è stato specificato a chi è stata fatta questa dichiarazione o in quale luogo.

“Quello che stiamo affrontando ora in questa guerra è la NATO guidata da al-Qaeda. I funzionari europei e occidentali stanno mentendo al loro popolo quando dicono che stanno combattendo il terrorismo. Infatti stanno combattendo con il terrorismo contro il popolo libico e stanno eseguendo gli ordini di al Qaeda.

Ciò che troviamo veramente strano è che gli stessi che ci hanno mostrato questi elementi come terroristi sono le stesse persone che adesso supportano proprio questi elementi terroristi. Ora la coalizione internazionale non è contro il terrorismo, ma tra l’Occidente e il terrorismo. E i miei colleghi, i capi dei servizi segreti di tutto il mondo sanno di cosa sto parlando. Capo libico dei servizi di sicurezza Abdullah Al-Snousi “.

Sono in disaccordo che la guerra è “guidata da al-Qaeda”, in quanto sarebbe del tutto sciocco pensare che al Qaeda detta la politica americana.

Rettifico, stabilendo che  è l’America che detta la politica ad Al-Qaeda.

Il semplice fatto è che stiamo sostenendo terroristi in Libia e incoraggiando attivamente un gruppo di individui con forti legami con i terroristi per rovesciare il regime di Gheddafi, per sostituirsi al potere.

Proprio come i regimi autoritari di tutto il mondo, la leadership ribelle non è stata scelta o approvata dal popolo della Libia.

Essi si sono dichiarati gli unici rappresentanti legittimi del popolo della Libia e rapidamente sono stati accettati come tali dai governi occidentali.

Le nazioni occidentali a sostegno di questi ribelli affiiati ad Al-Qaeda poi, a dispetto delle convenzioni di Vienna, hanno rubato territorio sovrano libico e l’hanno consegnato agli illegittimi inviati ribelli.

Possiamo solo sperare che una volta che questi ribelli prenderanno il pieno controllo sulla Libia la governeranno correttamente e democraticamente, ma purtroppo tutti i segni attuali dimostrano che questo non sarà il caso.

Perché? Perché le forze di opposizione hanno già iniziato a servire i loro padroni globalisti vendendo loro petrolio greggio dolce e istituendo una banca privata centrale per trasformare la Libia da ricco paese Africano indipendente in una nazione impoverita schiava del debito obbligata verso i cartelli bancari, come il FMI , la Banca Mondiale e la Banca dei Regolamenti Internazionali.

Tutto ciò che possiamo fare a questo punto è sostenere il diritto del popolo libico ad un governo democraticamente eletto e, purtroppo, non è questa la strada che attualmente si sta seguendo.

Madison Ruppert è l’editor e il Proprietario -Operatore dell’archivio di notizie alternative e di analisi End The Lie e non ha alcuna affiliazione con qualsiasi ONG, partito politico, scuola di economia o altra organizzazione/causa. Se avete domande, commenti o correzioni non esitate a contattarlo all’indirizzo admin@EndtheLie.com

Fonti: Activist Post 21 Agosto 2011
Traduzione: Anna Moffa per ilupidieinstein.blogspot.com

Adattamento di LibyanFreePress

Al Qaeda-Nato Killers: the new “Pirates of the Mediterranean”, interview with Webster Tarpley

Gli Squadroni della Morte di “Al Qaeda-Nato ” a Tripoli

MASSACRO NATO A TRIPOLI: L’OPERAZIONE ALBA DELLE SIRENE SEGNA L’ASSALTO DEI RIBELLI DELLE SQUADRE DELLA MORTE

Thierry Meyssan – Global ResearchTraduzione di FFP per LibyanFreePress

Tripoli, in Libia, 22 agosto 2011, 01:00


Sabato sera, alle 8, quando l’ora dell’Iftar segnava la fine del digiuno del Ramadan, il comando della NATO ha lanciato la sua “Operazione Sirena” contro la Libia.

Le Sirene sono stati gli altoparlanti delle moschee, che sono stati utilizzati per lanciare l’appello di Al Qaeda alla rivolta contro il governo di Gheddafi. Immediatamente le cellule dormienti dei ribelli di Bengasi sono entrati in azione. Questi sono piccoli gruppi con grande agilità di movimento, i quali hanno condotto attacchi multipli. I combattimenti, durante la notte, hanno provocato circa 350 morti e 3.000 feriti.

La situazione si è calmata un pò nel corso della domenica.

Poi una nave da guerra della NATO si è ancorata appena al largo della costa di Tripoli, fornendo armi pesanti e uomini delle forze jihadiste di Al Qaeda, le quali erano dirette da ufficiali della NATO.

I combattimenti sono ripresi durante la notte. Ci sono stati intensi scontri a fuoco. Droni della NATO e bombardamenti aerei sono continuati in tutte le direzioni. Elicotteri della NATO hanno mitragliato i civili per le strade, per aprire la via ai jihadisti.

In serata un corteo di auto che trasportavano ufficiali governativi è stata attaccata. Il convoglio ha trovato rifugio al Rixos Hotel, dove ha sede la stampa straniera. La NATO non osa bombardare l’hotel per evitare di uccidere i suoi giornalisti. Tuttavia l’hotel, che è quello che mi ospita al momento, è tutt’ora l’obiettivo di un intenso attacco.

Alle 11:30, il ministro della Salute ha dovuto annunciare che gli ospedali erano pieni fino a traboccare. Domenica sera ci sono stati circa 1.300 morti e 5.000 feriti.

La NATO era stata incaricato dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU di proteggere i civili libici.  In realtà, Francia e Gran Bretagna hanno appena re-iniziato il loro massacro coloniale.

Alle 01:00, Khamis Gheddafi è venuto personalmente all ‘Hotel Rixos per consegnare armi utili alla difesa dell’ hotel. Poi se ne è andato. Vi sono al momento intensi combattimenti in tutto l’hotel.

Al Qaeda-Nato Death Squads Slaughter in Tripoli

NATO SLAUGHTER IN TRIPOLI: “Operation Mermaid Dawn” Signals Assault by Rebels’ Al Qaeda Death Squads

By Thierry Meyssan – Global Research

Tripoli, Libya, Aug. 22, 2011, 1 AM CET– On Saturday evening, at 8pm, when the hour of Iftar marked the breaking of the Ramadan fast, the NATO command launched its “Operation Siren” against Libya.

The Sirens were the loudspeakers of the mosques, which were used to launch Al Qaeda’s call to revolt against the Qaddafi government. Immediately the sleeper cells of the Benghazi rebels went into action. These were small groups with great mobility, which carried out multiple attacks. The overnight fighting caused 350 deaths and 3,000 wounded.

The situation calmed somewhat on Sunday during the course of the day.

Then, a NATO warship sailed up and anchored just off the shore at Tripoli, delivering heavy weapons and debarking Al Qaeda jihadi forces, which were led by NATO officers.

Fighting stared again during the night. There were intense firefights. NATO drones and aircraft kept bombing in all directions. NATO helicopters strafed civilians in the streets with machine guns to open the way for the jihadis.

In the evening, a motorcade of official cars carrying top government figures came under attack. The convoy fled to the Hotel Rixos, where the foreign press is based. NATO did not dare to bomb the hotel because they wanted to avoid killing the journalists. Nevertheless the hotel, which is where I am staying, is now under heavy fire.

At 11:30pm, the Health Minister had to announce that the hospitals were full to overflowing. On Sunday evening, there had been 1300 additional dead and 5,000 wounded.

NATO had been charged by the UN Security Council with protecting civilians in Libya. In reality, France and Great Britain have just re-started their colonial massacres.

At 1am, Khamis Qaddafi came to the Rixos Hotel personally to deliver weapons for the defense of the hotel. He then left. There is now heavy fighting all around the hotel.

Font: www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=26118