Category Archives: Aggressioni neo-coloniali

Gallery

Green Resistance & Black Libyans are freeing Jamahiriya from the neo-colonialist puppet government installed by the Zion-NATO forces ~ (Eng-Ita)

This gallery contains 2 photos.

~ The Secret War in Libya ~ By Eric Draitser  ~ Global Research  ~ The battles currently raging in the South of Libya are no mere tribal clashes.  Instead, they represent a possible burgeoning alliance between black Libyan ethnic groups … Continue reading

Gallery

Operazioni ‘Odyssey Dawn’ and ‘Unified Protector’

This gallery contains 1 photos.

Sin dal 20 marzo 2011, data d’inizio delle operazioni finalizzate al raggiungimento dei principali obiettivi fissati dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite con le risoluzioni 1970 e 1973, ovvero stabilire una no fly zone sui cieli libici e proteggere … Continue reading

Gallery

‘Odyssey Dawn” and “Unified Protector” Operations

This gallery contains 8 photos.

Since 20 March 2011, the date of the start of operations, aimed at the realization of the main objectives set by the UN Security Council resolutions 1970 and 1973, in example establishing a no-fly zone over Libyan skies, protecting civilians … Continue reading

Gallery

NATO bombings, al-Qaeda and the Arab Spring

This gallery contains 1 photos.

Rahnuma Ahmed – ShahidulNews – 9/10/2011 In war, truth is the first casualty. Words of wisdom, gifted to us by Aeschylus. Truer than ever now, two thousand years later, as NATO bombs Libya in the name of `protecting’ its civilians. … Continue reading

Gallery

Witch hunts in “free” Libya

This gallery contains 3 photos.

Witches hunting in “free” Libya by Lizzie Phelan – Voltairenet FOR THE ITALIAN TRANSLATION CLICK HERE While NATO’s mandate enjoins it to protect civilians, the Alliance allows the forces of the Libyan National Transition Council to continue their abuses. After … Continue reading

Gallery

NATO Crimes in Libya (pictures for people +18)

This gallery contains 1 photos.

NATO Crimes in Libya (pictures for people +18) very impressive photo-gallery at this link http://www.zangetna.com/t14504-topic not suited to an audience too young and sensitive

NATO CRIMES: About 2000 civilians were killed in NATO bombing in Sirte

Whole family killed by NATO attacks on Sirt City

Libyans are terrorized by rebels, while West and “islamist” crimes continues

The NATO crimes continue, the Libyans are terrorized by rebels, while the Western propaganda continues.

Videoclip from RussiaToday television
Reloaded by LibyanFreePress.net

Nato-rats, French-Zionists & English-colonialists in Tripoli (Sept. 15, 2011)

SUMMARY:

Sarkozy: “next to Libya will be Syria”

Cameron: “we will free the Libyan money, so we will sell them more weapons, helicopters and airplanes”

NTC-rats: “we are the perfect “Islamic” waiters for bankers, and we’ll give the African gold in the safes of the Zionists ”

Videoclip from PressTV television
Reloaded by LibyanFreePress.net
http://www.libyanfreepress.net/

Gallery

Al Qaeda paravento e arma del giudaismo sionista

This gallery contains 5 photos.

Visita di Sarkozy, Bernard Henry Levy, Cameron ed Erdogan a Tripoli e Bengasi. Gheddafi: “Fermare i crimini della Nato a Sirte”.  la Repubblica.it, 14/9/2011 – “Bisogna rompere l’isolamento della città”. Le parole del Colonnello lette a suo nome sulla tv … Continue reading

Gallery

Bani Walid: RAF “Dropping Chemical Bombs”

NATO WAR CRIMES: Residents of Bani Walid testified that Chemical Weapons are being used by NATO in their town, some witnesses claimed that Mustard Gas was being used (viewed in Al-Rai Satellite station). NATO is known for its use of … Continue reading

Gallery

Sirte: un massacro umanitario annunciato

This gallery contains 2 photos.

Sirte: un massacro umanitario annunciato Marinella Correggia, 3 settembre 2011, LibyanFreePress ASSEDIO A SIRTE A metà maggio Aisha Mohamed era in transito nella tunisina Djerba. Aveva finito un anno di specializzazione in Gran Bretagna e aveva scelto di andare a … Continue reading

Gallery

TNC-NATO siege of Sirte is a war crime

This gallery contains 1 photos.

TNC-NATO siege of Sirte is a war crime.  By NicolasDavies – 2 September 2011 – Warisacrime.org NATO and the Transitional National Council in Libya (or Paris or Qatar or wherever it is) have reportedly given the people of Sirte ten … Continue reading

Perchè vogliono eliminare Gheddafi

That’s why they want to eliminate Gaddafi


VIDEO IN INGLESE CON SOTTOTITOLI IN ITALIANO

MOLTO IMPORTANTE – VERY IMPORTANT

Montaggio e traduzione a cura di Ryuzakero

Gallery

Ecco perchè vogliono uccidere Gheddafi (english-italiano)

This gallery contains 1 photos.

That’s why they want to kill Gaddafi ENGLISH-ITALIANO Gheddafi stava finanziando molti progetti per modernizzare l’Africa e renderla indipendente dalla tirannide imperialista e reazionaria d’occidente. Tutte le News le trovate qui: http://www.youtube.com/user/Rayyisse https://libyanfreepress.wordpress.com/ http://gilguysparks.wordpress.com/ L’idelogia di Gheddafi: il libro verde … Continue reading

Gallery

BEFORE and AFTER the “NATO-rats” liberated Tripoli (italiano-english)

This gallery contains 1 photos.

BEFORE and AFTER the “NATO-rats” liberated Tripoli NATO = North Atlantic Terrorist Organization 2 million people in Tripoli, 99% Gaddafi supporters. NATO brings boat loads of rebels knowing full well a bloodbath was the only possible outcome. How humanitarian. Think … Continue reading

Gallery

I ribelli-Nato liberano la Libia…dal popolo libico

NON COMMENT Libyan Free Press After 6-months-long failing attempts to overthrow Gaddafi by the hands of ‘Libyan rebels’ and to weaken his regime by permanent bombings, the ‘democratic’ powers have put their last ace on table. On Saturday evening August … Continue reading

Gallery

LIBIA E SIRIA (1): Parvus bellum in principio fiet magnus in termino?

This gallery contains 7 photos.

LIBIA E SIRIA (1): Parvus bellum in principio fiet magnus in termino?  1°) LA LIBIA Prologo Il professor Agostino Sanfratello, che risiede in Libano e può seguire da vicino lo svolgersi delle rivoluzioni “primaverili” del medio oriente, ha scritto tre … Continue reading

Gallery

La macelleria umanitaria dell’invasione NATO in Libia

This gallery contains 8 photos.

“Dove non c’è guerra, bisogna inventarla per fare scambi” (Rothschild) . Le agenzie e le catene mediatiche internazionali che hanno decretato la “caduta” prematura del presidente libico sono concordi nell’apprezzamento. Tripoli, la capitale della Libia, vive uno stato di anarchia … Continue reading

Gli Squadroni della Morte di “Al Qaeda-Nato ” a Tripoli

MASSACRO NATO A TRIPOLI: L’OPERAZIONE ALBA DELLE SIRENE SEGNA L’ASSALTO DEI RIBELLI DELLE SQUADRE DELLA MORTE

Thierry Meyssan – Global ResearchTraduzione di FFP per LibyanFreePress

Tripoli, in Libia, 22 agosto 2011, 01:00


Sabato sera, alle 8, quando l’ora dell’Iftar segnava la fine del digiuno del Ramadan, il comando della NATO ha lanciato la sua “Operazione Sirena” contro la Libia.

Le Sirene sono stati gli altoparlanti delle moschee, che sono stati utilizzati per lanciare l’appello di Al Qaeda alla rivolta contro il governo di Gheddafi. Immediatamente le cellule dormienti dei ribelli di Bengasi sono entrati in azione. Questi sono piccoli gruppi con grande agilità di movimento, i quali hanno condotto attacchi multipli. I combattimenti, durante la notte, hanno provocato circa 350 morti e 3.000 feriti.

La situazione si è calmata un pò nel corso della domenica.

Poi una nave da guerra della NATO si è ancorata appena al largo della costa di Tripoli, fornendo armi pesanti e uomini delle forze jihadiste di Al Qaeda, le quali erano dirette da ufficiali della NATO.

I combattimenti sono ripresi durante la notte. Ci sono stati intensi scontri a fuoco. Droni della NATO e bombardamenti aerei sono continuati in tutte le direzioni. Elicotteri della NATO hanno mitragliato i civili per le strade, per aprire la via ai jihadisti.

In serata un corteo di auto che trasportavano ufficiali governativi è stata attaccata. Il convoglio ha trovato rifugio al Rixos Hotel, dove ha sede la stampa straniera. La NATO non osa bombardare l’hotel per evitare di uccidere i suoi giornalisti. Tuttavia l’hotel, che è quello che mi ospita al momento, è tutt’ora l’obiettivo di un intenso attacco.

Alle 11:30, il ministro della Salute ha dovuto annunciare che gli ospedali erano pieni fino a traboccare. Domenica sera ci sono stati circa 1.300 morti e 5.000 feriti.

La NATO era stata incaricato dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU di proteggere i civili libici.  In realtà, Francia e Gran Bretagna hanno appena re-iniziato il loro massacro coloniale.

Alle 01:00, Khamis Gheddafi è venuto personalmente all ‘Hotel Rixos per consegnare armi utili alla difesa dell’ hotel. Poi se ne è andato. Vi sono al momento intensi combattimenti in tutto l’hotel.

Press Conference Moussa Ibrahim after Rebels Entered Tripoli

Press Conference Moussa Ibrahim after Rebels Entered Tripoli – August 21, 2011

Moussa Ibrahim speaks of 1300 people killed from 12.00 noon until 23.00 on August 21 with 5000 wounded. He expressed his fear that many families who are well-known people supporting Gaddafi are afraid that they will be killed by the Rebels to settle scores. They either need to fight or get killed.

He mentioned the killing of a civilian who was simply walking on the street. He was killed because he was a supporter of the Jamahiriya.

NATO has killed quite a lot of these 1300 people by bombing checkpoints and everything else that they have relentlessly bombed today.

He asks NATO to order their Rebels to return in order to prevent a massacre taking place in Tripoli. NATO is held responsible for this blood bath. They made sure the Rebels could enter Tripoli and settle the scores.

Let’s just hope it will not turn out as terrible as Moussa Ibrahim predicts, but his account seems logical. Both parties are filled with fear and hatred towards each other.

http://www.youtube.com/user/WolkenZwemmer

La quadruplice sta facendo pagare all’Italia l’alleanza con Putin e Gheddafi

Con la Clinton in testa, il Club non tollera autonomia e soluzioni energetiche nazionali

 

Capolinea? ItaliaOggi del 7 ottobre 2009 scrisse che Silvio Berlusconi traballava a causa dei legami con Gheddafi e Putin, dopo la vittoria di Hussein Barak Obama e Hillary Clinton. Tre mesi prima ItaliaOggi accostò le fucilate mediatiche sulle ospiti di villa Certosa ai «terroristi che un tempo annunciavano a rivoltellate le elezioni imminenti». Seguì un copione sperimentato dal 1945, quando il «quartetto» dei vincitori (Gran Bretagna, Francia, Usa e Urss), irradiatosi nei nostri interessi, li predò più o meno di comune accordo, manipolandoci la democrazia, corrompendola e non solo. Crollata l’Urss, subentrò la Germania e il nuovo Quartetto eliminò alleati esigenti a vantaggio di ex nemici ricattabili.

Berlusconi entrò in politica nel 1994 per salvare la sua proprietà? I valvassori del Quartetto rapinavano da sempre le ricchezze italiane; dopo il 1989 Mediaset fu tra le appetibili. I valvassori ebbero sempre man salva purché assicurassero la ciclica spremitura degli italici servi della gleba, come desiderano mercati, Bce, Imf e agenzie di rating. L’Italia è come le mucche dei Masai. I valvassori le incidono ogni tanto le vene del collo, badando di non ucciderla; raccolgono il sangue nella zucca e lo porgono al Quartetto che lascia qualcosa sul fondo da leccare. Negli anni ’50 gli Usa bevevano per primi; oggi Berlino ha il primato, segue Parigi, ultima la Clinton che freme dopo gli abili inglesi. Il deficit statale fu pure sperperi e corruzione, però conseguenti a politiche agricole, industriali ed energetiche genuflesse al Quartetto vampiro.

Il sistema (difeso con bombe, terrore rossonero, mafia e agenzie di rating) perseguita e uccide chiunque tenti di scalfirlo o svelarlo, come Enrico Mattei, Aldo Moro, Giovanni Leone, Luigi Calabresi, Mino Pecorelli, Walter Tobagi, Bettino Craxi. Piemme comunisti? Una balla rancida: o effimeri autocrati a caccia di visibilità oppure organici ai quattro del Quartetto. Vi sono pure, grazie a Dio, tanti liberi, onesti e coraggiosi; va detto e ricordato con un grazie.

Berlusconi parvenu (come sibilarono Gianni Agnelli e Indro Montanelli, valvassori fra i più zelanti) s’adattò alle regole dei Quattro che spaccano il paese in due partiti, l’uno contro l’altro, i capponi manzoniani: comunisti contro anticomunisti, poi nord contro sud, guelfi contro ghibellini, obbligandoci a un moto parossistico e immobile, come un calabrone, di fronte al fiore inarrivabile delle riforme. «Faremo, cambieremo, riformeremo» ronzava il calabrone Silvio, mentre agguantava il futuro legando Vladimir Putin a George Bush Sr, nonostante costui sia assiduo col suo peggiore nemico in Svizzera. Sembrava fatta. Tornata tuttavia al potere la sitibonda Clinton, ogni equilibrio s’infranse nella guerra di rapina alla Libia. Berlusconi maramaldo che pugnala Gheddafi, anticipa quello col «cuore grondante sangue» che tradisce gli elettori. La Germania sta alla finestra, come gli Usa nella guerra dello Yom Kippur del 1973; lascia che altri combattano, agevolando i suoi disegni, in Libia come a Roma, dove osserva Giulio Tremonti accostarsi a palazzo Chigi col primo di tre indispensabili passi: uccidere Berlusconi, politicamente s’intende. Deve, può o vuole? È presto per dirlo. Anche il secondo passo, cavar sangue come i valvassori, potrebbe essere obbligato da politiche spietate. Arriverà il terzo e decisivo passo di Tremonti, se vorrà omologarsi? Porgerà la zucca, come Giuliano Amato e Carlo Azeglio Ciampi, prima di lui? A chi la porgerà prima? Che cosa conterrà? Eni, Finmeccanica? Washington condivide le priorità di Giulio con le altre tre? I guai di Marco Milanese crescono mentre si colma la zucca? Oltre le congetture, sono seri i guai del Cavaliere se smarrisce la realtà come Bettino Craxi, quando aprì le porte del Quirinale a Oscar Luigi Scalfaro e chiuse le proprie. La volpe ansima e i cani la incalzano. A meno che, a marzo, Vladimir Putin_ o forse prima, vedremo, intanto paghiamo.

 di Piero Laporta – da “Italia Oggi” del 17/8/2011

prlprt@gmail.com

Nato War Crimes – Shocking Video

Majer-Zlitan Massacre by NATO (Eng-Ita-Esp)

Press Conference by Moussa Ibrahim

on Majer-Zlitan Massacre by NATO (August 9, 2011)

Libia, Majer-Zlitan: la NATO massacra 85 civili, di cui 33 bambini, 32 donne, 20 uomini. “Per motivi umanitari” come ci spiegano i nostri “politici-burattini” nelle mani dell’usurocrazia finanziaria e bancaria mondiale.

Il popolo della Libia di Jamahiriya e di Tripoli sappia però che non tutti in Europa sono così stupidi da non aver capito il complotto/cospirazione contro la Libia ed i popoli/Nazioni del mondo, e faremo il possibile per diffondere la Verità sul crimine che si sta compiendo ai danni della Libia e di tutti noi.

Ognuno ha il suo ruolo, ognuno fa la sua parte: buona fortuna fratelli della Jamahiriya ancora libera (Nota di Redazione)

Libia acusa a la OTAN de asesinar a 85 civiles a Majer-Zlitan

NATO Airstrike Kills Mother and two Children in Zlitan

NATO Bombs Falling on Civilians Kills Family

NATO attacks on national TV headquarters and installations in Tripoli

On video: Press Conference (Dr. Moussa Ibrahim), August 3, 2011 –

NATO helps Rebels bombard peaceful cities in Libya 

(by WolkenZwemmer)

 
#

NATO attacks on national TV headquarters and installations in Tripoli

Reporters Without Borders condemns NATO airstrikes on the Tripoli headquarters of the state-owned national TV broadcaster Al-Jamahiriya and two of its installations on 30 July. According to Al-Jamahiriya, three of its journalists were killed and 21 others were wounded in the airstrikes but this could not be immediately verified.

The impossibility of immediate verification is yet another reminder of the difficulty of establishing what is happening in a war when there are no journalists on the ground or their ability to work is severely curtailed. “We appeal again to the authorities in Tripoli to let journalists work freely,” Reporters Without Borders secretary-general Jean-François Julliard said.

We remind NATO that news media are civilian installations and cannot be regarded as military objectives,” Julliard said. “Even if Al-Jamahiriya is clearly used by the Gaddafi regime as a propaganda outlet, it does not in any way legitimize these attacks. Other means, such as support for independent media, must be used to minimize the regime’s propaganda and threats.”

We call for a transparent investigation into the circumstances of these airstrikes. Military attacks on civilian installations constitute war crimes and serious violations of the Geneva Conventions. It is essential to establish who was responsible.”

In a statement, NATO said it carried out the air strikes in order to silence the regime’s “terror broadcasts” and put a stop its “use of satellite television as a means to intimidate the Libyan people and incite acts of violence against them.”

This is not the first time that NATO has targeted news media. A commission of enquiry created by the International Criminal Tribunal for the former Yugoslavia criticized NATO for bombing Serbian television headquarters in 1999. The commission ruled that the broadcaster’s propaganda activities did not suffice to make it a legitimate military target.

In 2003, a US and UK-led military coalition deliberate targeted the Baghdad bureaux of two Arab TV stations (Al-Jazeera and Abu Dhabi TV), the Palestine Hotel (used as a base by many of the foreign journalists operating in Baghdad) and the Iraqi national TV stations headquarters. This was also strongly condemned by Reporters Without Borders.

http://en.rsf.org/libya-nato-attacks-on-national-tv-01-08-2011,40729.html

UAE Supply Weapons to Libyan Terrorists NATO Rebels

UAE Supply Weapons to Libyan Terrorists NATO Rebels,

01 August 2011, War On Libya

Bengasi: l’insurrezione colorata di disintegra

Bengasi: l’insurrezione colorata di disintegra

Thierry Meyssan, Réseau Voltaire, Tripoli (Libia) 1 Agosto 2011

I musulmani sono invitati a cessare le ostilità durante il mese di Ramadan. Niente di significativo dovrebbe aver luogo sul piano militare in Libia fino al 28 agosto. Ma chi si avvantaggia del tempo che passa? 
Con l’inizio del Ramadan, le operazioni militari della NATO in Libia sprofondano nella confusione totale, nota Alexis Crow.
L’analista della Chatham House specializzata nello studio dell’Alleanza Atlantica, è stata una dei maggiori esperti dei think tank occidentali ad affrontare pubblicamente la questione del ruolo di al-Qaida tra le “forze ribelli“. Oggi è la prima a mettere i piedi sul piatto: i leader politici dell’Alleanza hanno abbandonato i loro scopi bellici, ufficiali e ufficiosi. Non hanno, a rigor di termini, una strategia alternativa, oltre alla ricerca di una crisi che gli consenta di stare con a testa alta. Chiaramente, non è più solo lo stato maggiore francese, ma anche Londra, ad essere preoccupata nel vedere le proprie forze impantanate in Libia, senza nessuna soluzione in vista.
Proteggere i civili” non è mai stato altro che uno slogan fuori dalla realtà. Ma non si tratta più per la NATO di “cambiare il regime” a Tripoli, o anche di dividere il paese in due stati separati, con capitali Tripoli e Bengasi. Al massimo, Bruxelles spera di ottenere uno statuto autonomo per un paio di enclave.
Consapevole del disastro politico e militare, Washington cerca una soluzione negoziata, pur indicando che non è che perché la NATO ha perso la guerra, debba fermare i suoi bombardamenti. Il tempo è dalla nostra parte, dicono gli emissari statunitensi, mentre il Consiglio nazionale di transizione svuota i conti bancari della Jamahiriya, congelati dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.
In ogni caso, se Washington ha fatto un errore e non riesce a porre rimedio alla situazione, è perché non comprende per nulla il comportamento dei libici. Intossicati dalle loro stessa propaganda, gli Stati Uniti credendo di avere a che fare con una dittatura centralizzata e verticale, scoprono un sistema orizzontale e opaco, in cui il potere è sbriciolato, compresa l’autorità  militare. S’incontrano in varie capitali con numerosi emissari di cui non riescono a misurare la rappresentatività. E dietro tutto ciò, non capiscono le reazioni di Muammar Gheddafi, sfuggente, che è anche convinto che il tempo sia a suo favore.
La strategia occidentale era semplice: sfruttare la normalizzazione della Libia e la sua apertura economica per formare una classe di golden boys e tecnocrati libici, che alla fine avrebbero preferito la American Way of Life al Libro Verde. Una volta maturato questo processo, la CIA ha organizzato gli eventi di Bengasi e la loro distorsione mediatica. I francesi e gli inglesi si sono fatti avanti con i loro discorsi umanitari, in vista di una possibile azione sul terreno che necessitava di carne da cannone. Il Consiglio nazionale di transizione è stato creato raccogliendo membri americanizzati della classe dirigente, con l’aggiunta di vecchi esuli dalla CIA dalla caduta della monarchia, oltre ai combattenti di al-Qaida, addestrati da una fazione saudita.
Anche se apparentemente eteroclita, questa coalizione si basa sulla comune storia dei singoli membri che la compongono. La maggior parte ha lavorato per gli Stati Uniti da molto tempo e ha cambiato diverse volte appartenenza politica, a causa dei cambiamenti tattici che Washington le ha ordinato. Molti sono segretamente membri della Fratellanza Musulmana.
Fedele al Libro Verde, Muammar Gheddafi ha consapevolmente incentivato queste fratture di classe, annunciando il 22 febbraio la dissoluzione di vari ministeri e la distribuzione del loro budget in parti uguali tra tutti i cittadini (21000 dollari USA a persona). Vedendo il “Fratello Leader” far rivivere il suo progetto anarchizzante, i privilegiati che si sono arricchiti durante la liberalizzazione economica si sono spaventati. Alcuni hanno scelto di fuggire in Occidente con le loro famiglie e il loro gruzzolo, mentre altri credevano in una vittoria rapida dell’Alleanza Atlantica ed hanno aderito al CNT, sperando di governare la Libia l’indomani.
Per effettuare questa rivolta colorata, Washington aveva solo una carta: l’arruolamento di un compagno di Muammar Gheddafi, il generale Abdel Fatah Younes, Ministro degli Interni. E’ stato il suo cambio di campo che ha reso possibile la trasformazione delle operazioni di destabilizzazione politica in un’avventura militare. Ma l’assassinio del generale Younes da parte dei suoi rivali, il 28 Luglio 2011, ha provocato il collasso dell'”esercito ribelle” e rivela l’artificiosità del Consiglio nazionale di transizione.
Oggi ci sono più di 70 gruppi armati, noti come “ribelli“. Quasi tutti riconoscevano l’autorità di Abdel Fatah Younes, che ha tentato di coordinarli. Dal momento dell’annuncio della sua morte, ogni gruppo ha ripreso la sua autonomia. Alcuni, che hanno creato un proprio governo, cercano di ottenere il riconoscimento dagli Stati membri della Coalizione, tra cui il Qatar, allo stesso titolo del CNT. Ogni località ha il suo signore della guerra che vuole proclamare l’indipendenza. In pochi giorni, la Cirenaica è stata “irachizzata“. Il caos è tale che il figlio del generale Younes, al suo funerale, ha chiesto il ritorno di Gheddafi e della bandiera verde, il solo modo, a suo dire, di ripristinare la sicurezza della popolazione.
Quindi, basta ascoltare i discorsi di Muammar Gheddafi per capire la sua strategia. Mentre le strade di Bengasi si sono svuotate, manifestazioni di massa sono state organizzate in tutta la Tripolitania e il Fezzan, per condannare la NATO. Il “Fratello Leader” vi interviene con gli altoparlanti e dialoga con la folla. Spiega che una tregua rapida metterebbe a repentaglio l’unità nazionale, mentre la prosecuzione della guerra darebbe il tempo per rovesciare il potere illegittimo del CNT e, quindi, preservare l’integrità territoriale della Libia.  Il colonnello Gheddafi, che ha radunato la sua tribù, ora intende conquistare le persone che continuano a sostenere il CNT. Nel suo intervento audio, chiama il suo popolo a prepararsi a liberare le città occupate. Dovranno muoversi in massa, senza armi, per riguadagnare il controllo delle sacche “ribelli” in modo non violento.
Muammar Gheddafi, che ha già sconfitto politicamente la forza aerea della NATO, pensa di poter vincere anche politicamente, sul terreno, i “ribelli“.
In questa situazione inestricabile, in cui molti giocatori non sanno cosa fare, i riflessi prendono il posto del pensiero. I sostenitori del Libro Verde intendono approfittare della fuga dei tecnocrati per tornare ai fondamenti della Rivoluzione, le persone intorno a Saif el-Islam credevano di poter sposare il gheddafismo con la globalizzazione negoziando con i loro amici occidentali; e la NATO bombarda ancora una volta i siti che ha già bombardato ieri e l’altro ieri.

Fonte originale
http://www.voltairenet.org/A-Benghazi-l-insurrection-coloree

Traduzione a cura di Alessandro Lattanzio
http://aurorasito.wordpress.com/2011/08/02/a-bengasi-linsurrezione-colorata-di-disintegra/

La OTAN bombardea objetivos civiles

30 julio 2011: la OTAN bombardea nuevamente objetivos civiles

 

Daily NATO War Crimes in Libya

Daily NATO War Crimes in Libya

by Stephen Lendman – July 29, 2011 – Mathaba


Among them is waging war on truth, Western managed news calling lawless imperial wars liberating ones, as George Orwell predicted in his book 1984: War is Peace, Slavery is Freedom, Ignorance is Strength

No wonder John Pilger says journalism is the first casualty of war, adding:

“Not only that: it has become a weapon of war, a virulent censorship (and deception) that goes unrecognised in the United States, Britain and other democracies; censorship by omission, whose power is such that, in war, it can mean the difference between life and death for people in faraway countries….”

In their book, “Guardians of Power,” David Edwards and David Cromwell explained why today’s media are in crisis and a free and open society at risk. It’s because press prostitutes substitute fiction for fact. News is carefully filtered, dissent marginalized, and supporting wealth and power substitutes for full and accurate reporting.

It’s a cancer, corrupting everything from corporate-run print and broadcast sources, as well as operations like BBC and what passes for America’s hopelessly compromised public radio and TV. They put out daily managed and junk food news plus infotainment, treating consumers like mushrooms – well-watered and in the dark.

During wars, in fact, they cheerlead them, reporting agitprop and misinformation no respectable journalist would touch.

On the Progressive Radio News Hour, Middle East/Central Asia analyst Mahdi Nazemroaya, in Tripoli, said some journalists also perform fifth column duties, collecting intelligence and locating targets to supply NATO bombing coordinates, notably civilian targets called military ones.

In a July 28 email, he said tell listeners that “NATO is trying to negotiate with the government in Tripoli.” More on that below. He added that they’re also “planning a new stage of the war against the Libyan people through (predatory) NGOs and fake humanitarian missions.” A likely UN Blue Helmet occupying force also, paramilitaries masquerading as peacekeepers Gaddafi controlled areas won’t tolerate.

NATO, in fact, calls civilian targets legitimate ones, including one or more hospitals, a clinic, factories, warehouses, agricultural sites, schools, a university, one or more mosques, non-military related infrastructure, a food storage facility, and others.

Notably on July 23, a Brega water pipe factory was struck, killing six guards. It produces pipes for Libya’s Great Man-Made River (GMMR) system (GMMR), an ocean-sized aquifer beneath its sands, making the desert bloom for productive agriculture, and supplying water to Libya’s people.

The previous day, a water supply pipeline was destroyed. It will take months to restore. The factory produced vital pipes to do it, a clear war crime like daily others. Moreover, the entire GMMR is threatened by a shortage of spare parts and chemicals. As a result, it’s struggling to keep reservoirs at a level able to provide a sustainable supply. Without it, a humanitarian disaster looms, very likely what NATO plans as in past wars.

On July 27, AFP said that:

“NATO warned that its warplanes will bomb civilian facilities if (Gaddafi’s) forces use them to launch attacks.” At the same time, a spokesman said great care is taken to minimize civilian casualties.

NATO lied. Daily, it’s attacking non-military related sites to destroy Libya’s ability to function in areas loyal to Gaddafi. Earlier, in fact, a spokesman claimed there was “no evidence” civilian targets were hit or noncombatants killed, except one time a major incident was too obvious to hide. Reluctantly it admitted a “mistake,” covering up a willful planned attack, knowing civilians were affected.

Libya (satellite) TV calls itself “a voice for free Libya….struggling to liberate Libya from the grip of the Gaddafi regime….” In fact, it’s a pro-NATO propaganda service, reporting misinformation on air and online.

On July 25, it headlined, “No evidence to support Gaddafi’s allegations that civilian targets were hit,” when, it fact, they’re struck daily.

Nonetheless, it claimed only military sites are bombed, saying Tripoli-based journalists aren’t taken to affected areas, “suggesting NATO’s gunners are hitting military targets, at least in the capital.”

In fact, corporate and independent journalists are regularly taken to many sites struck. Independent accounts confirm civilian casualties and non-military facilities bombed. Pro-NATO scoundrels report managed news, complicit in daily war crimes.

On July 28, Libya TV claimed “captured Gaddafi soldiers say army morale is low,” when, in fact, most Libyans support Gaddafi. Millions are armed. Gaddafi gave them weapons. They could easily oust him if they wish. Instead, they rally supportively, what Western media and Libya TV won’t report.

Moreover, captured soldiers say what they’re told, likely threatened with death or torture if they refuse, especially in rebel paramilitary hands, under NATO orders to terrorize areas they control.

As a result, civilian casualties mount, up to 1,200 or more killed and thousands wounded in pro-Gaddafi areas, many seriously as war rages. In addition, unknown numbers of combatant casualties on both sides aren’t known, nor is the civilian toll in rebel held areas.

Nonetheless, daily sorties and strikes continue. Since mid-July alone through July 27, they include:

July 14: 132 sorties and 48 strikes

July 15: 115 sorties and 46 strikes

July 16: 110 sorties and 45 strikes

July 17: 122 sorties and 46 strikes

July 18: 129 sorties and 44 strikes

July 19: 113 sorties and 40 strikes

July 20: 122 sorties and 53 strikes

July 21: 124 sorties and 45 strikes

July 22: 128 sorties and 46 strikes

July 23: 125 sorties and 56 strikes

July 24: 163 sorties and 43 strikes

July 25: 111 sorties and 54 strikes

July 26: 134 sorties and 46 strikes

July 27: 133 sorties and 54 strikes

Daily patterns are consistent. However, information on numbers and types of bombs, as well as other munitions aren’t given. Instead, misinformation claims a humanitarian mission protects civilians – by terrorizing, killing, and injuring them, solely for imperial aims. It’s why all US-led wars are fought, never for liberating reasons.

The entire campaign is based on lies. It’s standard war time procedure, to enlist popular support for campaigns people otherwise would reject.

In fact, no humanitarian crisis existed until NATO arrived. Moreover, in paramilitary controlled areas, Amnesty International confirmed only 110 pro and anti-Gaddafi supporter deaths combined, most likely more of the former than latter as rebel cutthroats rampaged through areas they occupy. Currently, the numbers of dead and injured civilians are many times that amount, largely from NATO attacks.

NATO, in fact, is code language for the Pentagon, paying the largest share of its operating and military budgets. Except for Germany and Britain, other members pay small shares, most, in fact, miniscule amounts.

Since NATO began bombing on March 19, daily attacks inflicted lawless collective punishment against millions in Gaddafi supported areas. Affected is their ability to obtain food, medicines, fuel and other basic supplies, exposing another lie about humanitarian intervention.

On July 25, OCHA’s fact-finding team said Tripoli contained “pockets of vulnerability where people need urgent humanitarian assistance.” Medical supplies are running low. The last major delivery was in January, and concerns are increasing about the “unsustainable food supply chain for the public distribution systems, especially as Ramadan approaches (on or around August 1 to about August 29) and the conflict persists.”

Moreover, “Libyan oil experts warned that fuel stocks could run out in two weeks.” Public transportation costs have tripled. Food prices have also soared. Tripoli residents experience electricity cuts, and clean water supplies are endangered.

Before conflict erupted, Libyans had the region’s highest standard of living and highest life expectancy in Africa because Gaddafi’s oil wealth provided healthcare, education, housing assistance and other social benefits. Imperial war, of course, changed things. Libyans now hang on to survive.

Seeking an End Game

On July 26, UPI headlined, “NATO seeks urgent exit strategy in Libya,” knowing this phase of the war is lost. Nonetheless, future strategies and campaigns will follow.

For now, however, “NATO is seeking an urgent exit strategy (to end) fighting and decide the future of (Gaddifi), even if that means letting him stay in the country though out of power, it emerged Tuesday after British and French foreign ministers met in London.”

In tribal Libya, Gaddafi’s power, in fact, is far less than reported, social anthropologist Ranier Fsadni saying:

“Gaddafi’s feeling for tribal Libya is certainly one factor that explains how he has managed to rule the country for so many years. (However), (t)here is no tribal office giving a single man a monopoly of institutional power at the apex….Several factors account for his longevity in power,” including sharing Libya’s oil wealth.

UPI said diplomacy is driven by a failed military campaign. As a result, “(i)ntense mediation efforts are underway at different levels at the United Nations and Europe, in African, European and Middle Eastern capitals and Russia.”

Neither side is commenting, but some observers think operations may wind down in weeks, based on an unannounced face-saving solution, despite continued destabilization and future conflict planned. It’s similar to Balkan and Iraq war strategies, a combination of tactics until Washington prevailed.

Libya faces the same end game, though years could pass before it arrives. As a result, Libyans can expect continued hardships. When imperial America shows up, that strategy persists until it prevails, no matter the pain and suffering inflicted.

Stephen Lendman lives in Chicago and can be reached at lendmanstephen@sbcglobal.net

Font: http://www.mathaba.net/news/?x=627719

Tripoli rejects Gaddafi exit as pre-condition for ceasefire

Tripoli rejects Gaddafi exit as pre-condition for ceasefire

NATO has declared War on Millions of green Libyans

Anti NATO Rebel Alliance Demonstration in Zliten, July 15, 2011

Another Pro-Gaddafi Demonstration in Ajaylat, July 14, 2011

Massive Anti NATO-Rebel Alliance Demonstration in Sabha, Libya on July 8, 2011

Speech Gaddafi during mass demonstration in Tripoli

July 16, 2011
On July 15th, 2011 the NATO countries with a few Arab countries agreed to regard their Rebels in Libya as the legitimate representatives of the Libyan people. They also decided that the Libyan money that was ‘freezed’ by these nations is now ready to be given to the opposition forces. This has all been covered by the Western media as a good humanitarian development in support of freedom fighters against the loyalist forces of the cruel dictator Gaddafi.

Words make all the difference in the world and so far the western words were blindly spread by the news media. The result is that the words of millions of Libyan people are suppressed because they have a different message altogether. For those who haven’t noticed: millions of people in various cities in Libya have gone to the streets to protest against NATO – sometimes even burning flags of European nations – and their military, political, financial alliance with the Rebels of the East.

In the view of these green people (green being the color of the Libyan flag and now the color of all who oppose the NATO Rebel Alliance) NATO has declared war on all those millions of Libyans by officially backing those ‘traitors of the East’ (as they are called) who would be helpless without the support of the mighty killing warplanes of their NATO allies.

This piece of information is heavily suppressed by the Alliance, since it is not good for the public opinion if the world knew that NATO is helping to turn peaceful green cities into battlefields by assisting their rebel forces in many ways. Below are a few youtube movies that display the green protests against the imperialistic war declaration against them.

Font: http://waterput.yolasite.com/english/nato-has-declared-war-on-millions-of-green-libyans

Brian Becker: NATO-bombers of Libya are our Real Enemies

See http://tv.globalresearch.ca/2011/06/libya-rich-mans-war

Brian Becker talks about the Harbor group which supports the Rebel Groups from Washington. Read more about this group at:

http://in.reuters.com/article/2011/04/05/idINIndia-56145120110405
( Reports filed by The Harbour Group with the Justice Department show it has represented entities connected with the United Arab Emirates, for which it billed the government of Abu Dhabi more than $500,000 between April and September 2009.)

http://www.theatlanticwire.com/global/2011/04/the-libyan-rebels-washington-lo…

See more by Brian Becker at RT – http://rt.com/news/eu-instructors-teach-libya/ (third video on that page)

Font: http://www.youtube.com/user/WolkenZwemmer

Thierry Meyssan – lies on Libyan war

Thierry Meyssan – Media lies on Libyan war are dissipating, but new lies emerge

“Libyan campaign was staged to start conquering Africa”

The NATO-led intervention in Libya and the unrest in Syria are both steps in a decades-long plan by the US and its allies to completely reshape the face of Africa, believes independent journalist and peace activist Thierry Maysan.

“It’s quite obvious that the USA wanted to enter war at the same time with Libya and Syria. That wish was made public by John Bolton in 2002. The plan was passed over to France and Britain, who decided to bring it to life in November last year,” the author believes.

What is called public uprising of the free-loving people are actually coup attempts staged by the Western nations, Maysan says.

The operation in Libya in particular is marked by an astounding number of lies fed to the public, he added.

“By the time of the UN Security Council vote everyone had decided on the basis of reports submitted to the council. And the Security Council was certain that during the demonstrations in Benghazi the government killed 6,000 citizens – a terrible number. But now five months later the prosecutor at the International Criminal Court, which accused the Libyan leadership, has reduced the number… Now the prosecutor is building up his evidence on 208 victims instead of 6,000,” he pointed out.

In another example, footage was circulated by foreign TV channels allegedly showing Gaddafi’s soldiers raping women in retribution for the uprising. The video later turned out to be a rare Libyan amateur porn flick, Maysan said. The lies are meant to hide what the West wants to do in the region, the journalist believes.

“NATO keeps lying at every stage, which is surprising, because during the war in Kosovo NATO would normally lie only to conceal its mistakes. This time it’s being done not to conceal the mistakes, but to conceal the strategy,” he told RT.

The initial plan to overthrow the government in Tripoli has now obviously failed, so now the strategy has changed, the journalist believes.

“Western TV channels don’t speak of oppression and rebellion anymore, but of a civil war, thus trying to prepare public opinion for a declaration to divide the country into two parts: Cyrenaica on one side and Tripolitania on another, with the UN forces in between to separate the parties,” he said.

Civilian losses are not important for those behind this plan, Maysan says.

“From the moment it was decided to launch this operation, the lives of civilians have not been taken into account. Everything we used to see in the Middle East is not transpiring in this region. This is just a beginning. It’s just a question of re-arrangement of this region, and we are yet to see a series of wars,” he expects.

The scenario for Syria was designed in exactly the same way as the scenario for Libya, but it went in another direction, the activist argues.

“I think some countries, Russia included, thought better of it and prevented it. That is why at the moment there is no war in Syria. Even though some Western leaders repeat every day that it is necessary to go to war,”
he said.

Fonts:

http://rt.com/news/libia-syria-war-africa/

http://www.youtube.com/user/WolkenZwemmer

NATO Rebels in Libya are already selling oil to their U.S. Friends

Posted by Waterput on Thursday, June 9, 2011

Through the facebook site of Cynthia McKinney we could read about secret American bombings on Yemen and about the selling of oil by the NATO Rebels to the United States. A US Company called Tesoro has according to CNN entered into a deal to refine 1,2 million barrels of oil from the East of Libya.

The U.S. has said that they will support the selling of oil by the Rebels as a means to support what they refer to as the Libyan people, as if the Rebels of the Transitional National Council are truly representives of the Libyan people. With the money earned with these kinds of deals the Rebels are able to buy weapons, since the weapons embargo against Libya is probably hardly checked when it comes to NATO’s rebel friends.

It is funny that there are strict sanctions against Libya, but apparently these sanctions allow for the Rebels to ship their oil to the U.S.

source: Libyan Rebel Group sells first oil to United States

Also see: UN using NATO as private security forces in Libya (June 10, 2011)

Font: http://waterput.yolasite.com/english/nato-rebels-in-libya-are-already-selling-oil-to-their-u-s-friends

Perché il “Nuovo Partito Anticapitalista” tace sulla Libia?

Perché il “Nuovo Partito Anticapitalista” tace sulla guerra in Libia?

 

11/7/2011 – sitoaurora

Kumaran Ira, World Socialist Web Site 11 luglio 2011

Olivier Besancenot, dopo aver perorato la guerra alla Libia, è stato premiato con un posto nella crociera di piacere per Gaza (Freedom Flotilla 2), organizzata dalle petromonarchia del Qatar e del Barhein. Ciò spiega anche i silenzi della FF2 sulla Libia e sulla repressione in Barhein.
Olivier Besancenot, leader del NPA, dopo aver perorato la guerra alla Libia, è stato premiato con un posto nella crociera di piacere per Gaza (Freedom Flotilla 2), organizzata dalle petromonarchie del Qatar e del Barhein. Ciò spiega anche i silenzi della FF2 sulla Libia e sulla repressione in Barhein.

#

La guerra contro la Libia delle potenze imperialiste dura ormai da quasi quattro mesi. Con l’intensificazione del bombardamento di Tripoli per rovesciare il regime del colonnello Muammar Gheddafi, le potenze occidentali non hanno potuto compiere la loro missione, e l’intervento della NATO è attualmente in un vicolo cieco.
La scorsa settimana, la Francia ha riconosciuto di aver fornito armi ai ribelli libici, che combattono le forze governative nella regione libica del Djeben Nafoussa, a sud di Tripoli. Questo è stato riportato dal quotidiano Le Figaro, secondo cui stock di armi sono stati paracadutati tra le montagne del Jebel Nafoussa, compresi lanciarazzi, fucili d’assalto, mitragliatrici e missili anticarro “Milan” (Cfr.: La Francia arma le forze anti-Gheddafi).
Le consegne francesi di armi ai ribelli, in violazione della risoluzione 1970 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che ha imposto a febbraio l’embargo sulle armi alla Libia. In Francia come in altri paesi, la maggioranza della popolazione si oppone all’azione militare in Libia. Secondo un sondaggio SFOP, il 51 per cento dei francesi disapprova l’intervento militare della Nato contro la Libia.
C’è un silenzio assordante su questo evento nella stampa del partito dell’ex “sinistra” piccolo borghese. Ciò è particolarmente vero nel caso del nuovo partito anticapitalista (NPA) di Francia. Il sito web del NPA ha pubblicato tre articoli molto brevi sulla guerra in Libia, nel giro di due mesi, anche se si tratta dell’iniziativa principale della politica estera della Francia.
Perché la NPA tace mentre la guerra è impopolare ed è condotta illegalmente dal governo francese? Per settimane, il partito che pretende di essere anti-capitalista, non ha fatto alcuna dichiarazione ufficiale sulla guerra, o non har criticato il presidente Nicolas Sarkozy per la fornitura illegale di armi francesi ai ribelli.
In realtà, la fornitura di armi ai ribelli è la politica che la NPA ha rivendicato presso l’imperialismo francese, all’inizio della guerra. Se l’NPA non critica la politica militarista e illegale del governo francese, è perché fa esattamente quello che l’NPA gli ha chiesto di fare.
Alla vigilia degli attacchi aerei della Francia e Gran Bretagna, il 19 marzo, la NPA aveva suggerito che la Francia consegnasse armi all’opposizione libica. Nel suo comunicato stampa datato 18 marzo, la NPA ha scritto: “La nostra piena solidarietà va ai libici, a cui si dovrebbero dare i mezzi per difendersi, le armi di cui ha bisogno per cacciare il dittatore, prendersi la libertà e la democrazia.”
Lo stesso Olivier Besancenot, ex candidato alla presidenza del NPA, ha dichiarato: “La nostra solidarietà piena va ai libici, cui dovrebbero esser dati i mezzi per difendersi, le armi di cui hanno bisogno per cacciare il dittatore, e prendersi la libertà la democrazia.”
La realtà dei bombardamenti quotidiani sui civili libici, da parte degli aerei della NATO, rivela l’ambiguità di queste formulazioni disoneste, che cercano di suggerire che il NPA ha voluto proteggere i civili o “il popolo libico“. Infatti, la NPA sta ora cercando di coprire col suo silenzio il suo sostegno a una guerra imperialista, il cui obiettivo è rovesciare Gheddafi e imporre un nuovo stato cliente gestito dal Consiglio di Transizione Nazionale (CNT) di Bengasi.
La CNT, formazione di destra filo-imperialista, protegge principalmente gli interessi geostrategici delle grandi potenze e dei conglomerati energetici occidentali. Lungi dall’essere il “popolo libico“, la CNT è composto da forze come degli ex ministri del regime di Gheddafi, forze di terroristi islamici legati ad al-Qaida, agenti della CIA e vari capi tribù libici.
Dall’inizio della guerra, il NPA avanza argomentazioni assurde per giustificare l’intervento delle grandi potenze in Libia. Per quanto riguarda il CNT, il NPA ha dato un colore “rivoluzionario” a una forza reazionaria e pro-imperialista.
Il 1° aprile, il NPA ha pubblicato la relazione di un “dibattito sull’intervento in Libia” nel partito. Adottando la posizione dell’imperialismo francese, in particolare l’intervento militare per proteggere i civili, ha scritto: “Perché Gheddafi è pronto a uccidere i suoi soldati, perché ha promesso ‘un bagno di sangue’ e perché sappiamo che manterrà la promessa in caso di vittoria, vogliamo prima di tutto la sua sconfitta.
L’8 aprile, il NPA ha pubblicato un articolo dei suoi collaboratori belgi (il partito LCR-LaGauche), dal titolo “La guerra imperialista e contro-rivoluzionaria in la Libia“. Secondo l’articolo, “In Libia, attualmente ci sono due guerre in corso: l’offensiva aerea lanciata dagli imperialisti da un lato, e la guerra condotta dal regime di Gheddafi contro la rivolta popolare
Infatti, la CNT non rappresenta una rivolta popolare. Si tratta di uno strumento delle potenze imperialiste, che funge da forza di terra dell’intervento della Nato contro la Libia. Se Gheddafi sarà rovesciato e andrà al potere il CNT, si avrà un regime subordinato che metterà la ricchezza petrolifera della Libia a disposizione degli imperialisti.
La separazione assoluta stabilita dal NPA tra i bombardamenti NATO e il CNT, è falsa e disonesta. Per difendere una guerra imperialista, sotto dei colori di “sinistra“, il NPA critica pallidamente i bombardamenti NATO, pur plaudendo le forze che le servono da fanteria.
Nonostante il travisamento della sua critica della NATO, per il NPA è impossibile nascondere completamente di essere critico da destra. Secondo il NPA, la NATO, che descrive altrove come una alleanza imperialista – non fa abbastanza per aiutare i ribelli a combattere le forze di Gheddafi: “Si rifiuta ancora di fornire munizioni e armi pesanti agli insorti in quantità sufficiente, altrimenti hanno poche possibilità di resistere e sconfiggere le truppe militarmente meglio equipaggiate e addestrate del tiranno“.
La sezione del LCR-LaGauche si lamenta anche che gli imperialisti non bombardano abbastanza la Libia, “Gli attacchi aerei della NATO, a sostegno degli insorti, sono fatti col contagocce e sono molto selettivi.”
Un partito che fa simili commenti, si posiziona in modo inequivocabile dalla parte della reazione sociale, nonostante i suoi sforzi per darsi l’immagine di partito di “estrema sinistra”. Dopo aver chiesto l’intervento imperialista in Libia, ora condivide con Sarkozy la responsabilità politica per la morti di civili in Libia, uccisi dalla NATO e dalle sue marionette libiche.

Copyright 1998 – 2009 World Socialist Web Site

Traduzione di Alessandro Lattanzio

http://aurorasito.wordpress.com/2011/07/11/perche-il-nuovo-partito-anticapitalista-tace-sulla-guerra-in-libia/

Armi “umanitarie” italiane ai “Rats” (Ribelli Atlantisti Terroristi Sionisti)

Armamenti: i nostri aiuti umanitari ai ribelli libici

Giancarlo Chetoni – Rinascita.eu – 10/6/2011

Il materiale “made in Russia”, messo sotto sequestro dalla Procura di Torino dopo il fermo avvenuto nel Canale di Otranto nel 1994 del cargo Jadran Express ad opera di un’unità della Marina Militare operante nell’Adriatico per il rispetto della risoluzione Onu che vietava l’esportazione di armi verso Paesi belligeranti nei Balcani, lasciò, in custodia temporanea, nella disponibilità del ministero della Difesa 30 mila fucili d’assalto Ak 47, 150.000 caricatori, 32 milioni di proiettili in calibro 7,62×33, 5 mila Bm 21 da 122 mm, 50 lanciatori e 400 razzi anticarro Rpg.
Il carico finì per essere momentaneamente dirottato in Sardegna per lo smaltimento dove è rimasto fino alla sentenza della Cassazione arrivata nel 2005.
Stivato nei depositi-bunker sotterranei dell’isola di Santo Stefano in località “Guardia del Moro” è rimasto in giacenza fino al mese di aprile di quest’anno sotto la custodia delle Forze Armate.
Per 6 anni i tre titolari di via XX Settembre degli esecutivi Berlusconi-Prodi-Berlusconi hanno omesso di dare esecuzione al provvedimento della magistratura del capoluogo piemontese e confermato in terzo grado di giudizio in quello laziale.
Dal 15 di maggio il deposito-bunker nell’arcipelago della Maddalena è incappato nella curiosità dei residenti. L’interesse sollevato dalla guerra dell’Italia alla Libia e qualche dichiarazione di Frattini sugli aiuti da destinare alla Cirenaica hanno fatto da miccia. Si è notato un aumento di presenze di personale militare e la movimentazione di contenitori imbarcati sul traghetto della Saremar che collega l’isola con Palau prima di essere trasferiti su un unità della società di navigazione Tirrenia che fa servizio passeggeri sulla rotta Olbia Civitavecchia.
Ne ha dato notizia la “Nuova Sardegna” il 4 giugno.
Il quotidiano di Sassari riferisce di quattro contenitori da 40 piedi trasportati sul continente.
Secondo voci locali l’attività in uscita di materiale bellico dalla base-deposito va avanti dalla prima settimana di aprile con più di 35 “carichi eccezionali” affidati a trasportatori provenienti, come si dice da queste parti… dall’Italia per marcare il muro psicologico venutosi a creare tra gli isolani e i governi nazionali per il costante disinteresse che hanno manifestato per lo sviluppo economico e sociale della Sardegna dagli anni ‘80 in poi.
Interrogata la Capitaneria di Porto sulla pericolosità di far stazionare su un trasporto passeggeri materiali militari il comando locale ha escluso qualunque possibilità di “esplosione” durante la navigazione perché reso preventivamente “inattivo”. Un lavoratore portuale avrebbero dato per certo dallo sforzo delle motrici nel moto di avviamento sulla rampa-nave e dalle “imbarcate” dei pianali l’esistenza nei contenitori di “carico pesante” come armi e munizioni. La notizia è corsa come il vento in tutta la Sardegna. Il sospetto avanzato è che le “uscite” siano state movimentate per far arrivare una parte delle scorte conservate a “Guardia del Moro” a Bengasi nonostante le smentite arrivate sia da La Russa che da Frattini che il Bel Paese si sarebbe astenuto dal fornire armi offensive di qualunque genere ai sostenitori della monarchia senussita anche se… pronti a fornirne di adatte alla difesa. Un confine, come si capisce, sottilissimo e che puzza lontano un miglio della solita fogna ottosettembrista.
Un conto è far distribuire da qualche decina di “istruttori” del Bel Paese a dei tagliagole un centinaio di mitragliette M(P)12, come è stato già fatto, altro sarebbe stato il consegnare al Consiglio Transitorio della Libia delle migliaia di fucili d’assalto Beretta Ar 70-90 con tanto di stampigliatura e altra cosa ancora è la donazione sottobanco di esuberi di Ak 47 di fabbricazione ex sovietica, già di proprietà dell’oligarca Alexander Zhukov, destinati a mimetizzarsi perfettamente sul terreno con le armi e il materiale inizialmente saccheggiato dai “ribelli” nei depositi del colonnello Gheddafi. Un trasferimento in Cirenaica di armi e munizioni anche pari a quelle a suo tempo messe sotto sequestro sulla motonave “Jadran Express” non lascerebbe tracce di sorta.
Verrebbe facilmente assorbito dal mercato della guerra sporca alla Jamahiriya dove circola unicamente materiale ex sovietico, russo o di esubero “occidentale” degli anni ’80 di provenienza centroafricana.
Per capire perché la Nato abbia intensificato i bombardamenti sulla Jamahiriya, accanendosi sul quadrilatero del compound di Bab al Azizya, nei giorni 7-8-9-10 giugno basterà sapere che una delegazione di altissimo livello del “rais” è stata negli stessi giorni in visita di Stato in Cina.
Una visita piena zeppa di segnali politici nel caso si rendesse necessario un ulteriore passaggio
all’Onu per un attacco a terra dell’Alleanza Atlantica alla Libia.
Anche se al Comando Centrale di Bruxelles si stima che un impiego protratto su larga scala di elicotteri di attacco e di cacciabombardieri oltre che di “istruttori” e bande di tagliagole sia di per sé già sufficiente per portare a “breve” al collasso le forze armate di Gheddafi.
La Nato punta inoltre a distruggere qualsiasi deposito di carburante, anche sotterraneo, del Colonnello e a tagliarne le linee di approvvigionamento via terra.
Il blocco navale impedisce, tra l’altro, i rifornimenti di derrate alimentari alla popolazione libica. Le scorte accumulate sono destinate ad esaurimento. I metodi di guerra adottati contro la Jamahiriya ricordano da molto, molto vicino quelli usati contro l’Iraq di Saddam Hussein.
Pressoché identica anche la morfologia del terreno e la strategia militare di strangolamento adottata dall’aggressore, compreso i bombardamenti “ad personam”.
La differenza più significativa sta nel volume di fuoco scatenato nel 2003 su Baghdad e nel 2011 su Tripoli anche se c’è da dire che sia i numeri che le qualità, nel personale e nelle dotazioni militari, sul campo non sono comparabili.
Nel tentativo di spezzare il cerchio di fuoco che si va concentrando sulla Jamahiriya, giovedì 7 il ministro degli Esteri Obeidi è andato a Pechino per incontrare l’omologo Yang Jechi e il premier Wen Jiabao trattenendosi nella capitale per 72 ore. Tempi da visite di Stato con l’obbiettivo di mandare “segnali” all’esterno.
L’esito degli incontri ha soddisfatto in pieno le aspettative dell’inviato di Gheddafi.
Il portavoce di Pechino Hong Lei, dal canto suo, ha dichiarato che la Cina incrementerà i legami politici, finanziari, commerciali e militari con tutti i governi emergenti dei Paesi Arabi che hanno dimissionato i “leaders storici” in Africa e Vicino Oriente. Il riferimento a Tunisia ed Egitto e al prossimo defenestramento nello Yemen, è apparso implicitamente evidente.
Poco meno, di fatto, che una dichiarazione di guerra a Usa, Europa e Nato. Il ministro della Difesa di Pechino ha inoltre lanciato un durissimo avviso agli Stati Uniti.
Un attacco al Pakistan, alla sua integrità territoriale, ai suoi impianti atomici o al suo armamento nucleare costituirebbe una minaccia intollerabile per la Repubblica Popolare di Cina.
Per rendere più credibile l’ultimatum a Wastington il presidente Hu Jintao ha firmato un ordine esecutivo di trasferimento immediato, senza compenso finanziario, a Islamabad di 50 moderni cacciabombardieri multiruolo JF 17 e del relativo armamento di supporto. A livello planetario, dal 1953, non è mai successo qualcosa del genere.
Una donazione da miliardi di dollari che la dice lunga sullo stato dei rapporti politici e militari tra Usa e Cina al di là dell’interesse commerciale e finanziario reciprocamente vantaggioso esistente al momento. Una bonaccia che si va (lentamente?) o dissolvendo o trasformando in una sorta di odio-amore da guerra fredda.
Naturalmente in Italia nessuno ne ha saputo nulla. L’unica notizia circolata ha riguardato un incontro di “informazione” richiesto dal Consiglio Nazionale Transitorio avvenuto tra il “responsabile esteri” al Issawi e un funzionario dell’ambasciata di Pechino in Egitto per tamponare come possibile l’iniziativa della Jamahiriya.
Tanto è bastato all’Ansa, all’Agi e all’Adnkronos per titolare all’unanimità “la Cina apre alla nuova Libia”.
Nella Repubblica delle Banane vanno, è evidente, di moda le “lesbiche fantasma” di Facebook.
Nel frattempo dall’ambasciata della Siria a Roma arriva la denuncia di “manipolazioni criminali” nell’informazione. Tutt’altro che un caso. A Damasco si ricorda perfettamente l’invito di qualche tempo fa del Quirinale alla (splendida lo aggiungiamo noi) Signora Asma al Assad per testare il terreno sulla possibilità di uno sganciamento di Damasco dall’Iran. Frattini sta facendo il resto. Resta da capire quale sia il livello di autonomia politica con cui opera l’ex magistrato contabile.
Per questo fine settimana di giugno Roma potrà offrire opportunità di svago da favola al presidente del Consiglio.
http://www.rinascita.eu/index.php?action=news&id=8803

Francia: perchè la rapina a mano armata del gas libico?

Il gas libico è indispensabile alla Francia per convertire le vecchie centrali nucleari che sono da smantellare al piu’ presto

Libia: la Francia arma e inquadra i ribelli

Libia: la Francia arma e inquadra i ribelli

1 luglio 2011 – Voltairenet

Le Figaro, il 28 giugno 2011, rivela di aver potuto consultare una mappa dei servizi segreti francesi che dimostra che lanci di armi sono stati effettuati dalle forze francesi, in quattro località della Libia.
Il giornale afferma anche che “due piste di atterraggio di fortuna hanno permesso a velivoli provenienti dal Golfo Arabico di continuare le spedizioni di armi dei francesi.”
Réseau Voltaire rivela di aver potuto vedere un dossier del governo libico che afferma che due aerei francesi, e aerei del Qatar, con base in Tunisia, hanno effettuato queste spedizioni di armi. In base a questo dossier, comprendente relazioni di testimoni oculari e fotografie, le forze francesi non solo hanno lanciato armi leggere, ma hanno anche fornito armi pesanti e i velivoli francesi si sono posati su queste piste fortuna per scaricare il loro carico. Le consegne sono state fatte anche via mare, dopo che la NATO ha bombardato la flotta libica, per fare passare i propri natanti.

Diversi membri della NATO affermano che l’embargo internazionale sulle armi alla Libia, riguarda solo quelle fornite alle forze lealiste e non si applica ai ribelli. Allo stesso modo, sostengono che il divieto di dispiegamento di truppe straniere al suolo, non si applica alle operazioni di “protezione dei civili”, anche quando questi “civili” sono armati da loro stessi.

Inoltre, i commandos francesi del Comando Operazioni Speciali sono stati dispiegati sul terreno, per segnalare gli obiettivi dei bombardamenti. La Francia nega di aver truppe sul terreno, tranne gli istruttori che supervisionano le forze ribelli, ma è impossibile condurre raid mirati al suolo, senza segnalarli in precedenza.

1 luglio 2011 – http://www.voltairenet.org/Libia-la-Francia-arma-e-inquadra-i
Traduzione di Alessandro Lattanzio

english: http://www.voltairenet.org/Libya-France-arms-and-oversees

francais: http://www.voltairenet.org/Libye-la-France-arme-et-encadre

Libya’s neighborhoods prepare for NATO boots

Libya’s neighborhoods prepare for NATO boots

by Franklin P. Lamb – Tripoli (Libye) – 1 July 2011


Franklin Lamb in Tripoli
    © Voltaire Network

At ten a.m. Tripoli time on 6/28/11 the Libyan Ministry of Health made available to this observer its compilation entitled Current Statistics Of Civilian Victims Of Nato Bombardments On Libya, (3/19/11-6/27/11).

Before releasing their data, which will be made public this afternoon, it was confirmed by the findings of the Libyan Red Crescent Society and also by civil defense workers in the neighborhoods bombed, and then vetted by researchers at Tripoli’s Nassar University.

As of July 1, 2011, Military casualties have not been officially released by the Libyan armed forces.

In summary, the MOH compilation documents that during the first 100 days of NATO targeting of civilians, 6121 were killed or injured. The statistical breakdown is as follows: 3093 Men were injured and 668 were killed; Women killed number 260 and 1318 injured; Children killed number 141 and 641 injured. Of those seriously injured 655 are still under medical care in hospitals while 4,397 have been released to their families for outpatient care.

Gender         Killed         Injured         Total
Men               668              3093             3761
Women        260              1318              1578
Children      141                 641                782
Total          1069              5052              6121

NATO claims that private apartments and homes, schools, shops, factories, crops, and warehouses storing sacks of flour were legitimate military targets are not believed by anyone here in Libya, and, to date, NATO has failed to provide a scintilla of evidence that the 15 civilians, mainly children and their aunts and mothers, who were torn to pieces by 8 NATO rockets in the Salman neighborhood last week were legitimate military targets.

Tripoli’s 3,200 neighborhoods, independently from the Libyan Armed Forces, are intensively preparing for the possibility that NATO forces or those they are seen as increasingly arming and directing, might invade the cosmopolitan greater Tripoli area during the coming weeks or months.

This observer has had the opportunity to visit some of these neighborhoods the past couple of nights and will continue to do so. As noted earlier, contrary to some media reports by the BBC, CNN and CBS, Tripoli’s neighborhoods during the cool evenings with wafting sea breezes, are not tense, “dangerous for foreigners and in control of trigger happy soldiers or militias.” The latter assessment is nonsense. Americans and others are welcomed and their presence appreciated. Libyans are anxious to explain their points of views, a common one of which is that they are not all about Qaddafi but about protecting the family, homes, and neighborhoods from foreign invaders. A majority does support the Qaddafi leadership which is what they received with their mother’s milk, but nearly all emphasize that for them and their friends it is very much about defending their revolution and country first. They appear to this observer to be very well informed about the motives of NATO and those countries that are intensively targeting their leader and their officials without regard to civilians being killed. It’s about oil and reshaping Africa and the Middle East.

Sitting and chatting with neighborhood watch teams are actually an extremely enjoyable way to learn about and to get to know the Libyan people and how they view events unfolding in their country. It certainly beats hanging out at “the bar” at the hotel where the western main stream media often gather their journalistic insights and pontificate about what “the real deal is” as one told me the other day. I could not figure out much that he was talking about.

On the evening of 7/1/11 as many as one million Libyan citizens are expected to gather at Tripoli’s Green Square to register their resistance to NATO’s intensifying civilian targeting blitz. Some western journalists will not attend this news event because they are afraid of potential danger or their stateside bureaus are suggesting they stay away “so as not to legitimize the gathering”. What has become of orientalist journalism?

The neighborhoods in Libya are preparing for a ground invasion and to confront directly the invaders with a plan that one imagines would not be unfamiliar to a General Giap of Vietnam or a Chinese General Lin Peio, being a massive peoples’ defense. It has been organized with a house by house, street by street defense plan for every neighborhood and will include all available weaponry.

The defenders are not military although many of the older ones had done one year compulsory service following high school. Their ranks include every able bodied woman and man from age 18 to 65. Younger or older will not be refused.

Following a Hezbollah model, they are organized into 5 person squads once they complete their training. It works like this: Anyone over 18 years of age can report to his neighborhood “Tent”. Knowing virtually everyone in the area, the person will make an application and will be vetted on an AK-47, M-16 or other light arm. Depending on her/his skill level, he will be accepted and given a photo ID that lists the weapons the applicant qualified on. If he needs more training or is a novice it is provided at the location which includes a training area, tent with mattresses for sleeping, a make shift latrine and canteen.

The basic training for those with no arms experience, including women, is 45 days. Past that, the commitment is four months. Each accepted individual is issued a rifle (normally an AK-47 “Klash” along with 120 rounds of ammo.) Each individual is asked to return in one week to discuss their training and show that they did not waste their bullets which cost around one dollar each. If approved, they will be issued more.

Those who begin their duty work one eight hour shift. Women tend to work during the day when kids are in school but I have seen many women also on the night shift. Most men have regular jobs and proudly explain than they volunteer one work shift daily for their country. They appear to be admired by their neighbors.

I agreed not to describe other weapons that will be used if NATO appears besides rifles, grenades, booby-traps, rocket propelled grenades (RPG’s) but they appear formidable.

But besides preparing for armed defense of their families and homes and neighbors, these neighborhood volunteer civil defense teams explained to me what their main work involves. When an area is bombed, they quickly help the residents exit their bombed building, get medical help on the scene for those who need it, help the families assure the frightened children that things are OK, make notes of needed repairs, provide temporary shelter nearby if needed, and countless tasks the reader can imagine would be required from a humanitarian, civilian perspective.

Each check point becomes a neighborhood watch security center for the community. Cars are cursorily checked, usually just the trunk. Often the drivers are known to the security forces, many of whom are university students, because they are also from the area. Occasionally a car will stop and a citizen will exit and deliver a tray of fruit or pastries or a pot of Libyan soup etc. A very congenial social atmosphere.

Because NATO has been increasing its bombing of these civilian manned checkpoints, about 50 of which are along the road from the Tunisian border to Tripoli, the neighborhood watch teams are now operating without lights at night.. Those on night duty have each been issued one of those small heavy duty five inch mini flashlights which have a powerful beam. This observer was presented one as a souvenir and can attest to its fine quality.

They are civilian because they are volunteers and the regular policemen and women have in large numbers joined an army unit hidden elsewhere.

In addition to its current problems, NATO will face another major one if they decide to invade Western Libya.

Franklin P. Lamb – Tripoli (Libye) – 1 July 2011
http://www.voltairenet.org/Libya-s-neighborhoods-prepare-for

L’OTAN détruit des installations civiles pour empêcher Thierry Meyssan de s’adresser au peuple libyen

« L’Appel de la Patrie » est la principale émission politique de la télévision nationale libyenne depuis la début de la guerre. Elle est diffusée presque chaque jour et animée par Youssef Shakir, un journaliste réputé qui a, par le passé, lutté contre le colonel Kadhafi et qui aujourd’hui défend l’unité nationale face à l’agression étrangère.
L’émission est réalisée en direct depuis les sous-sols de l’hôtel Raixos qui abrite la presse internationale, de sorte que l’OTAN n’ose pas bombarder le studio.
Un groupe d’enquêteurs du Réseau Voltaire est actuellement en Libye. Thierry Meyssan, président du réseau de presse non alignée, était l’invité spécial de ce programme, le 27 juin 2011.

Cependant, une minute avant le début du programme, l’OTAN a lancé un missile ciblé sur le relais hertzien de manière à empêcher la diffusion de l’émission. L’explosion a eu lieu à proximité de la place Bab Al-Azizia où des manifestants anti-OTAN campent depuis le début du conflit. Les ingénieurs libyens sont parvenus à bricoler une autre antenne relais et le programme a pu commencer avec une heure et demie de retard. Il a fait l’objet de rediffusions. Il sera prochainement visible sur internet.

La destruction intentionnelle d’installations civiles est un crime international. Selon l’Alliance, ce très coûteux bombardement high-tech ne visait pas une antenne relais, mais un « mirador  ».

Il y a quatre ans, les États-Unis ont déclaré que Thierry Meyssan était une menace contre leur sécurité nationale et, en vertu de l’article 5 du Traité, ont demandé à leurs alliés de l’OTAN de le « neutraliser  ». Il a depuis fait l’objet d’une tentative d’enlèvement et de plusieurs tentatives d’assassinat sans qu’il soit possible d’identifier les commanditaires avec certitude.

On ignore si le missile utilisé pour empêcher vainement l’intellectuel révolutionnaire de s’adresser au peuple libyen a été tiré par l’armée française ou par une autre composante de la Coalition des volontaires.

29 juin 2011 – http://www.voltairenet.org/L-OTAN-detruit-des-installations

Tripoli bombardata, non cede

Tripoli bombardata, non cede

Thierry Meyssan Réseau Voltaire Tripoli (Libia) 27 giugno 2011

Un gruppo internazionale di ricercatori della Rete Voltaire è attualmente in Libia. Ha potuto visitare i luoghi dei bombardamenti. Con la fiducia delle autorità libiche, ha incontrato alcuni dei leader politici e della sicurezza, nonostante le condizioni di guerra. La loro conclusione è diametralmente opposta alle immagini trasmesse dalla stampa occidentale. Thierry Meyssan consegna le loro prime osservazioni.

Al centesimo giorno del bombardamento della Libia, la NATO ha annunciato il suo imminente successo. Tuttavia, gli obiettivi della guerra non sono chiaramente specificati, non è chiaro quale sarebbe il successo. Contemporaneamente, la Corte penale internazionale ha annunciato l’incriminazione del leader libico Muammar Gheddafi, del figlio Saif al-Islam e del capo dell’intelligence interna, Abdallah al-Sanoussi, per “crimini contro l’umanità“.
Se si fa riferimento alla risoluzione 1973 del Consiglio di Sicurezza, la Coalizione dei volenterosi dovrebbe stabilire una no-fly zone per evitare che le truppe del tiranno uccidano il suo stesso popolo. Tuttavia, le informazioni iniziali, in base alle quali l’aeronautica libica avrebbe bombardato le città libiche, che si erano sollevate contro il governo di Tripoli, non sono ancora state confermate, anche se sono ritenute attendibili dalla Corte penale internazionale. Tuttavia, le azioni della NATO hanno superato di gran lunga la creazione di una no-fly zone per trasformarsi in una sistematica distruzione delle forze armate nazionali, di aria, terra e mare.
Gli obiettivi della NATO sono probabilmente altri. I leader dell’Alleanza hanno citato più volte il rovesciamento del “regime” di Muammar Gheddafi, anche l’eliminazione fisica del “Fratello Leader“. I media occidentali si riferiscono a “defezioni in massa” dei quadri di Tripoli e al loro allineamento alla causa degli insorti a Bengasi, ma non possono fare nomi, ad eccezione di quelli dei politici da tempo noti per essere favorevole alla riconciliazione con Washington, come l’ex ministro degli esteri Moussa Koussa.
L’opinione pubblica internazionale è massicciamente male informata. Washington ha tagliato le trasmissioni televisive libica sul satellite Arabsat, di cui è ancora azionista la Jamahariya. Il Dipartimento di Stato non dovrebbe tardare a fare lo stesso con Nilesat.
In violazione dei suoi impegni internazionali, Washington ha rifiutato un visto per il nuovo rappresentante libico presso le Nazioni Unite. Non può venire nello Stato di New York a esporre il suo punto di vista, mentre il suo predecessore, unitosi al CNT, continua a occupare il suo posto.
Con la voce di Tripoli smorzata, è possibile diffondere qualsiasi menzogna, senza timore di smentita.
Non c’è da stupirsi visto che a Tripoli, dove è stato scritto questo articolo, i comunicati della NATO e le accuse della Corte penale internazionale sembrano irreali. L’ovest della Libia è pacifico. A volte, le sirene annunciano l’arrivo di bombardieri o missili. Seguiti subito dopo dalle esplosioni che essi provocano. Non c’è bisogno di correre ai ripari, da un lato perché il tempo è troppo breve e, secondo, perché ci sono quasi ripari.
I bombardamenti sono mirati con estrema precisione. Il munizionamento guidato colpisce gli edifici presi di mira, e in questi edifici, le parti puntate. Tuttavia, la NATO perde il controllo in volo di un un missili guidato su dieci. Questo cade alla cieca. In qualsiasi punto della città, causando morte a caso.
Se una parte degli obiettivi della NATO sono “militari“: basi e caserme; la maggior parte sono “strategiche“, vale a dire economiche. Per esempio, l’Alleanza ha bombardato la zecca della Libia, un’amministrazione civile incaricata di stampare i dinari. Oppure, i suoi commando hanno sabotato fabbriche che erano in competizione con quelle dei membri della Coalizione. Altri obiettivi sono definiti “psicologici“. Si tratta di colpire direttamente i leader politici e militari, massacrando le loro famiglie. I missili vengono poi puntato verso abitazioni private, e in particolare sulle camere da letto dei figli dei dirigenti.
L’atmosfera nella capitale e sulla costa è pesante. Ma la popolazione resta salda. I libici osservano che nessuno dei loro problemi interni giustifica il ricorso alla guerra. Indicano le rivendicazioni sociali e le questioni regionali, come esistono nei paesi europei, ma niente che dovrebbe portare a lacerare le famiglie come si sta facendo imponendo la spartizione del paese.
Di fronte alla NATO, decine di migliaia di cittadini ricchi hanno fatti le valigie e se ne sono andati a cercare rifugio nei paesi vicini, tra cui la Tunisia, lasciando ai poveri la cura per difendere il paese che li ha arricchiti. Molte aziende sono chiuse senza che nessuno sappia se si trovano ad affrontare problemi di approvvigionamento o se i loro proprietari sono fuggiti.
Come in Siria, la maggior parte degli oppositori politici fa blocco col governo per proteggere l’integrità del paese contro l’aggressione straniera. Tuttavia, alcuni libici, anonimi e invisibili, informare la NATO per individuare gli obiettivi. I loro genitori, un tempo ospitavano l’esercito coloniale italiano, ora gridano con i loro omologhi di Bengasi, “1, 2, 3, Sarkozy sta arrivando!“. Ogni nazione ha i suoi traditori e i suoi collaborazionisti.
Le atrocità commesse dai mercenari del principe Bandar in Cirenaica, hanno convinto molti esitanti. La TV mostra opere continuamente le azioni dei leader di al-Qaida in Libia, alcuni dei quali sono stati rilasciati direttamente da Guantanamo, per combattere a fianco degli Stati Uniti. Le insopportabili immagini di linciaggi e mutilazioni nelle città erette a emirati islamisti, come di moda in Afghanistan e in Iraq, da persone disumanizzate dalle torture subite ed eccitate da potenti droghe. Non è necessario essere un vecchio sostenitore della Rivoluzione di Gheddafi per supportarla oggi, di fronte agli orrori cui i jihadisti si dedicano nelle “zone liberate” dalla Alleanza [1].
Niente, da nessuna parte in Occidente suscita una rivolta o guerra civile. Nessuna barricata, né carri armati nelle strade. Su tutte le strade, le autorità hanno istituito posti di blocco ogni due chilometri. Gli automobilisti in paziente attesa saggiamente, loro stessi sono attenti a scoprire elementi infiltrati dalla NATO.
Il colonnello Gheddafi arma la popolazione. Quasi due milioni di fucili automatici sono stati consegnati ai civili. L’obiettivo è che ogni adulto, maschio o femmina, difenda la sua casa. I libici hanno imparato la lezione dell’Iraq. Saddam Hussein era seduto sull’autorità del Baath e dell’esercito, escludendo il suo popolo dalla vita politica. Quando il partito fu decapitato e qualche generale disertò, il governo crollò improvvisamente lasciando il paese senza resistenza e nel caos. La Libia è organizzata secondo un sistema unico di democrazia partecipativa, paragonabile alle assemblee del Vermont. La gente è abituata ad essere consultata e responsabile. Si è dunque mobilitata in massa.
Inaspettatamente, le donne sono più determinate degli uomini nel portare le armi. Ciò riflette l’incremento negli ultimi anni della partecipazione delle donne alle assemblee popolari. Ciò riflette forse, anche la disinvoltura che ha colpito i quadri di questo Stato socialista dallo standard di vita elevato.
Tutti sanno che tutto verrà deciso quando le truppe di terra della Nato sbarcheranno, se oseranno farlo. La strategia di difesa è interamente concepita per scoraggiare uno sbarco, mobilitando la popolazione. Qui i soldati francesi, inglesi e statunitensi non saranno accolti come liberatori, ma come invasori coloniali. Dovranno affrontare infiniti combattimenti urbani.
I libici s’interrogano sulle mosse esatte della NATO. Mi sorprende constatare che spesso leggendo gli articoli di Voltaire, tradotti e ripreso da molti siti web e alcuni giornali, che sono informati sui reali problemi. C’è qui, come dappertutto, una mancanza di informazioni sulle relazioni internazionali. La gente sa e s’inorgoglisce delle iniziative e dei risultati del governo per l’Unità africana o per lo sviluppo del Terzo Mondo, ma ignorano molti aspetti della politica internazionale e sottovalutano il potere distruttivo dell’impero. La guerra sembra ancora lontano, fino a quando il predatore si vi sceglie come preda.
Che cos’è questo successo che la NATO annuncia imminente? Per ora, il paese è diviso in due. La Cirenaica è stata proclamata repubblica indipendente, anche se si sta preparando a ristabilire la monarchia, ed è stata riconosciuto da diversi stati, a partire dalla Francia. Questa nuova entità è governata, di fatto, dalla NATO, ma ufficialmente da un misterioso Consiglio di Transizione Nazionale, non eletti, e i cui membri, se esistono, sono segreti per non essere chiamati a rispondere delle loro azioni. Una parte dei beni libici sono stati congelati ed ora sono gestiti, a loro massimo beneficio, dai governi occidentali. Parte della produzione di petrolio viene venduta a condizioni molto competitive alle società occidentali che ne fanno incetta. E’ forse questo il successo: il saccheggio coloniale.
Emettendo mandati di arresto internazionali contro Muammar Gheddafi, suo figlio e il capo dell’intelligence nazionale, la Corte penale internazionale sta cercando di mettere sotto pressione i diplomatici libici, per costringerli a dimettersi. Tutti sono a rischio, in caso di caduta della Libia, di essere perseguiti per “complicità in crimini contro l’umanità“. Quelli che si dimettono lasceranno un vuoto dietro di loro, senza alcuna possibilità di essere sostituiti. I mandati di arresto, quindi, emergono da una politica di isolamento del paese.
La Corte fa anche comunicazione di guerra. Ha definito Saif al-Islam “il primo ministro de facto“, cosa che certamente non è vera, ma dà l’impressione di un regime familistico. Vi si ritrova il principio d’inversione dei valori, tipico della propaganda statunitense. Mentre i ribelli di Bengasi brandiscono la bandiera della monarchia Senussi e il pretendente al trono si spazientisce a Londra, è la democrazia partecipativa che viene presentata come un regime dinastico.
Dopo i primi cento giorni di guerra, la stampa della NATO a malapena nasconde la delusione. I libici non sono insorti contro il “regime“, tranne in Cirenaica. Nessuna soluzione militare è in vista. L’unica via per l’Alleanza atlantica di uscire a testa alta a buon mercato, è quella di dividere semplicemente il paese. Bengasi diventerebbe l’equivalente di Camp Bondsteel, la mega base militare statunitense in Europa, avendo acquisito lo status di stato indipendente come Kosovo. La Cirenaica sarà la base che mancava ad AFRICOM per controllare il continente.

[1] Suppongo che queste osservazioni possano sorprendere il lettore. Réseau Voltaire tornerà in dettaglio nei prossimi articoli.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Original font link: http://www.voltairenet.org/Tripoli-bombarde-ne-faiblit-pas

Libya: War News 27/6/2011

American Congress: Obama has to stop the war against Libya

La guerra libica di Sarkozy

La guerra libica di Sarkozy

Robert Harneis Mathaba 24/06/2011 (english version)

Although this analysis is flawed in many respects, not least the claim that Gaddafi has been brought  to power by the CIA, it is incorporated here for informational purposes, so that readers can conduct their research and deduce for themselves.

Sebbene questa analisi sia difettosa per molti aspetti, non ultimo la pretesa basata sul nulla che Gheddafi sia stato portato al potere dalla CIA, viene ripreso  qui a scopo informativo, in modo che i lettori possano condurre le loro ricerche e dedurre con la propria testa.

Il presidente francese Nicolas Sarkozy ha iniziato la guerra di Libia – che cosa lo ha spinto a rischiare la posta?
E’ chiaro che senza il suo personale intervento ci sarebbero state pochissime possibilità che ciò sarebbe successo. Solo i bambini piccoli e le poco simpatiche beghine sono inclini a credere che ciò abbia soltanto a che fare col benessere del popolo libico. Se così fosse, la Francia e la NATO sarebbe in guerra con mezzo mondo, inclusi esse stesse, per quello che stanno facendo ai civili in Afghanistan.
La storia del rapporto di Gheddafi con l’Occidente, e gli Stati Uniti in particolare, è roba da pulp fiction. Nel 1969 la CIA, sotto il neoeletto presidente Nixon, lo ha aiutato a rovesciare il fantoccio degli inglesi re Idris, dal nuovo regno petrolifero. Scelsero la persona sbagliata. La prima cosa che fece fu di chiudere la base aerea statunitense Wheelus e invitare i sovietici. Così, naturalmente, a tempo debito divenne il ‘Cane Pazzo’ del presidente Reagan e il nostro nemico indicibile. Alla fine stipulò un accordo con l’amministrazione Bush 2 ed è diventato il nostro amico.
Tutte le nazioni dell’Occidente sono andate a bussare alla sua porta per vendergli tutto ciò che non era vietato, incluse le armi che sono ora impegnati a far saltare in aria. Nel 2007 è stato accolto a Parigi per cinque giorni, ed ebbe anche il permesso di piantare la sua tenda nei giardini dell’Eliseo. Obama si è accompagnato con lui e vi sono foto allegre in cui lui stringe sorridente la mano a Hillary Clinton, nel 2009. Gli italiani con Berlusconi hanno firmato un trattato di amicizia e di fatto si sono scusati con lui e lo hanno risarcito solo tre anni fa, per la feroce guerra coloniale, in cui decine di migliaia di libici morirono. Poi, in un batter d’occhio è di nuovo il cane pazzo e ottiene il trattamento tipo Iraq.
E’ stato un belligerante (citato erroneamente e in modo selettivo) discorso diretto ai ribelli, che ha dato al presidente francese l’occasione fuggevole di intervenire nella rivolta in Libia, che non ha perso. La sua pretesa di essere preoccupato per la popolazione della Libia e ‘di proteggere la popolazione civile’, mal si rapporta con la relazione del solitamente ben informato quotidiano Canard enchaîné, secondo cui agenti dei servizi segreti francesi sono stati attivi nel fomentare la ribellione in Libia, ben prima dello scoppio delle ostilità. Gheddafi ha elevato il tenore di vita del suo popolo a una delle più alte in Africa, e quindi la tenace ribellione è apparsa come qualcosa di sorprendente. Il “Fratello leader” non era amato da tutto il suo popolo, ma la cosa sembra terribilmente un altro caso di uso occidentale dei servizi segreti per infiammare una situazione, per poi urlare l’aiuto dei vigili del fuoco militari, nel caos che inevitabilmente ne deriva. Ad un livello molto profondo,  Sarkozy agisce in qualità di sobillatore per conto di Obama, o di qualche altro elemento dei circoli governativi degli Stati Uniti?
Comunque sia, Sarkozy ha colto l’attimo fuggente e, attraverso il mezzo poco ortodosso dell’intellettuale Bernard Henri-Lévi, ha incontrato e poi concesso ai ribelli di Bengasi il riconoscimento diplomatico.

La Risoluzione 1973 è stata poi codificato attraverso il Consiglio di Sicurezza dell’ONU, che autorizzava la no-fly zone per proteggere la popolazione civile e chiedeva un cessate il fuoco.  In particolare Brasile, India, Cina, Russia e Germania si sono astenuti – una grossa fetta dell’opinione internazionale.
Solo nove giorni dopo l’iniziativa francese di Sarkozy, si era trasformata in un vero e proprio attacco aereo della NATO in Libia, con l’obiettivo dichiarato della difesa della popolazione civile, della libera circolazione degli aiuti umanitari e del rientro forzato dell’esercito libico in caserma. Hanno fatto seguito alcuni tentativi, piuttosto rozzi, di assassinare Gheddafi, che hanno provocato la morte di uno dei suoi figli e di altri membri della sua famiglia. Non è passato molto tempo prima che i leader della NATO e il presidente Sarkozy, parlassero dell’inevitabilità del cambiamento di regime. Tutte le altre considerazioni, a parte il ‘tornare in caserma’ dell’esercito libico e il cambio di regime, condite dai tentativi di omicidio, sembrano andare molto al di là di un ‘cessate il fuoco e proteggere i civili’, come il governo russo non ha tardato a sottolineare.
Ora ad essi si sono aggiunti il Sud Africa e altri paesi dell’Unione Africana.  Va crescendo la brutta consapevolezza che i colonialisti siano tornati per una vendetta, mentre un vero e proprio, anche se eccentrico, alleato e sostenitore finanziario viene linciato e perduto per sempre. Nel frattempo, gran parte dei media francesi, almeno mettono sfacciatamente avanti l’idea che il cambiamento di regime sia stata la missione originale delle Nazioni Unite.
Il primo problema di Gheddafi è che la Libia è un paese in una grande posizione strategica e con deboli difese, una piccola popolazione seduta in cima a enormi e assai ambite riserve di petrolio e di gas. Da quando  rovesciò re Idris nel 1969, come focoso giovane ufficiale dell’esercito nazionalista e socialista, che ha sconvolto molti popoli e paesi, perfino definendo i monarchi del Golfo arabo ‘un prugno di donne grasse corrotte’, lui è sopravvissuto ai tentativi occidentali di spodestarlo e, una volta almeno, nel 1986, di ucciderlo. Non ha esitato a restituire tali complimenti con attacchi terroristici. Inoltre, sembrerebbe essere stato deliberatamente incolpato di certi atti di terrorismo, per i quali non era responsabile. Il suo isolamento è aumentato per la sua ostilità ai fondamentalisti islamici.
Inoltre, ha usato la sua ricchezza petrolifera per finanziare l’Unione Africana, a scapito dell’Unione per il Mediterraneo, di ispirazione della NATO di Sarkozy e degli USA dei neo-con, e l’ha incoraggiata ad essere il più indipendente possibile dall’Occidente. Gran parte delle ingenti somme di denaro sequestrate dalle nazioni occidentali, durante la guerra, aveva lo scopo di finanziare le iniziative in Africa. Ha anche finanziato un sistema telefonico satellitare africano indipendente, con l’obiettivo di ridurre il costo delle telefonate in Africa, le più alte al mondo. Questo è presumibilmente costato alle imprese europee 500 milioni di euro all’anno di ricavi. Ha preso in considerazione la nazionalizzazione dell’industria del petrolio e rinegoziato i contratti. Forse la cosa peggiore di tutto ciò che ha proposto, era una nuova valuta pan-africana basata sull’oro, e aver minacciato di chiedere il pagamento del petrolio con esso, piuttosto che col dollaro.
Questo avrebbe seriamente messo in imbarazzo il già traballante regime del dollaro degli Stati Uniti, ma anche la moneta nella ex Africa Occidentale Francese, il franco CFA legato al franco francese.
Gli Stati Uniti, per usare un eufemismo, non tollerano facilmente i piccoli paesi provocatori ed hanno la memoria lunga. Non vi preoccupate della popolazione civile, il trattamento della NATO dispensato alla Libia, a Gheddafi e alla sua famiglia è un terribile avvertimento ad altri potenziali leader dallo spirito indipendente, che avessero idee di eccessiva indipendenza in futuro. Non c’è dubbio che i falchi della guerra di Washington non hanno dimenticato gli anni della sfida e della cacciata da Wheelus, nel 1969. Se tutto va bene per la NATO, l’amor proprio’ degli Stati Uniti sarà vendicato e il colonnello scomodo sostituito da un governo più compiacente su petrolio e sulla valuta, à la Arabia Saudita.
Più mortale di tutti per il turbolento colonnello, i suoi due nemici di piombo, Sarkozy e Obama, che affronteranno aspre elezioni il prossimo anno. Alla testa di una coalizione traballante, Cameron in Gran Bretagna potrebbe affrontarle in qualsiasi momento. Ora che la battaglia è iniziata, per tutto questo il “leader Fratello” deve aspettarsi di ottenere il trattamento completo. Non sarebbe auspicabile che gli elettori abbiano l’idea che i loro leader siano stati presi in giro, ancora una volta, dall’astuto libico. Allo stesso tempo, la domanda che ci si pone è se l’esplosione improvvisa della primavera araba, così a lungo e spietatamente ed efficacemente soppressa con il pieno appoggio occidentale, sia essenzialmente un tentativo di Obama, attraverso la sua vasta organizzazione dei servizi segreti, di migliorare le sue probabilità elettorali davanti a dei sempre più critici elettori democratici, liquidando i vecchi e imbarazzanti dittatori alleati, mantenendo allo stesso tempo, naturalmente, il telecontrollo politico? Lo sforzo determinato ad eliminare Gheddafi si adatterebbe a questo modello. Come dimostrerebbe il fatto che i servizi segreti francesi sono stati chiaramente colti completamente di sorpresa dal primo focolaio in Tunisia. Per inciso, il leader libico non è aiutato dal fatto che sia il segretario generale dell’ONU, Ban Ki Moon, che il procuratore della Corte Penale Internazionale, Luis Moreno-Ocampo, cercano di essere ri-nominati nel 2012, e sono quindi particolarmente esposti alle pressioni di essere ‘utili’.
Ma perché una tale evidente, improvvisa e potenzialmente imbarazzante inversione a U occidentale? Un più graduale e sottile cambio di marcia, avrebbe certamente esposto il cinismo occidentale meno brutalmente ad una sempre più scettica opinione pubblica internazionale non-NATO, e persino all’interno della NATO. Potrebbe essere che la motivazione di Sarkozy per l’attivazione di questo colpo di stato militare e diplomatico, sia nata quando ha avuto l’acuta consapevolezza di una opportunità unica per rovesciare Gheddafi, ma combinata con la consapevolezza, altrettanta acuta, che uno tsunami finanziario potrebbe gravemente compromettere la capacità degli Stati Uniti e della NATO di portare a termine tali acrobazie politico-militari in futuro, nel cui frattempo, l’astuto leader libico avrebbe potuto mettersi in una posizione in cui sarebbe stato troppo forte per essere abbattuto. L’avanzata dei punti di vista del Dr. Ron Paul e il recente voto della Camera dei Rappresentanti statunitense contro la guerra libica, sembrano sostenere questa idea.
Più in generale, Sarkozy come istigatore di tutto questo, resta all’ombra davanti all’ancora militarmente onnipotente Stati Uniti, che è importante per le imprese francesi e gli interessi diplomatici in tutto il mondo. Inoltre, ognuno ha ormai dimenticato le imbarazzanti prestazioni tunisine del suo governo e le dimissioni per il fiasco della ministra degli esteri Alliot-Marie. La Francia si sbarazza di una fastidiosa influenza in France-Afrique. Infine, a rischio di sembrare una nota cinica, se dopo tutto questo, perde le elezioni presidenziali nel 2012, potrebbe sistemarsi come un Blair dai profitti multi-milionari, tanto simpatico ai neo-con e agli uomini d’affari negli Stati Uniti, da poter anche ottenere di poter subentrare all’ex Primo Ministro britannico come inviato di pace in Medio Oriente, o anche vincere il premio Nobel per la Pace.

Robert Harneis è un giornalista politico di Strasburgo.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

http://aurorasito.wordpress.com/2011/06/25/la-guerra-libica-di-sarkozy/

You can read the full article in english here:

http://www.mathaba.net/news/?x=627262

REBELS ATROCITY

NATO & rebels atrocity claims break through barricades of civil war

(included an interview with Michel Collon)

L’attacco alla Libia e il diritto internazionale

L’attacco alla Libia e il diritto internazionale

Curtis Doebbler – “Al Ahram Weekly”

Il 19 Marzo del 2011 alcune nazioni occidentali hanno dato inizio al terzo conflitto armato internazionale contro un paese musulmano nell’ultima decade. Si sono dannate per affermare che l’uso della forza contro la Libia era legale, ma un’applicazione del diritto internazionale riguardo ai fatti indica che in realtà l’uso della forza è illegale.

Questo breve commento valuta l’utilizzo della forza contro la Libia, iniziando dalla Risoluzione 1973 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU che presumibilmente lo autorizza e l’eventuale attacco contro il popolo della Libia.

I FATTI: A differenza delle manifestazioni non violente in Egitto, Tunisia, Bahrain, Yemen ed altrove nel mondo arabo, le manifestazioni iniziate in Libia il 17 di Febbraio sono degenerate in pochi giorni in una guerra civile. Entrambe le parti avevano tank, cacciabombardieri, armi antiaeree e artiglieria pesante. Le forze governative consistevano principalmente di militari addestrati, mentre l’opposizione armata consisteva di soldati disertori e numerosi civili che avevano preso le armi.

Il livello della forza a disposizione di ognuna delle parti è indicato dai fatti che sarebbero avvenuti sabato 19 Marzo, in cui sia un aereo da combattimento governativo sia uno dell’opposizione sarebbero stati abbattuti vicino Bengasi. Nella misura in cui la guerra civile aumentava di intensità, la comunità internazionale ha considerato di agire in appoggio all’opposizione armata. Il 17 Marzo il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha adottato la Risoluzione 1973. E in 42 ore è iniziato un attacco contro le truppe del governo libico diretto, secondo il ministro della Difesa britannico William Hague, a uccidere il presidente libico.

Attorno alle 12 dell’ora locale a Washington, DC, sabato 19 Marzo, cacciabombardieri francesi hanno lanciato attacchi contro obiettivi descritti come tank e sistemi di difesa aerea. Alcune ore dopo, le navi da guerra statunitensi hanno iniziato a lanciare missili cruise contro obiettivi libici.

Sebbene paesi arabi e musulmani si erano aggiunti alla coalizione contro il loro vicino arabo e musulmano, nessuno di essi ha partecipato realmente ai bombardamenti mediante l’invio di aerei. Immediatamente dopo l’inizio degli attacchi aerei, Russia, Cina e il segretario generale della Lega Araba, l’egiziano Amr Moussa, hanno condannato la perdita di vite civili causata dai bombardamenti.

Malgrado le smentite dell’intenzione di colpire la guida libica, sono stati attaccati le residenze ed i complessi utilizzati dal colonnello Muamar Gheddafi. Dopo il primo giorno di bombardamenti diverse decine di civili, inclusi donne e bambini, sono stati uccisi.

Gli attacchi hanno avuto luogo dopo l’adozione della Risoluzione 1973 da parte del Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Come risposta a questa risoluzione il governo libico ha dichiarato ufficialmente un cessate il fuoco nella guerra civile che conduceva contro i ribelli armati con base a Bengasi. La Libia ha annunciato inoltre di aver chiuso il proprio spazio aereo. I dirigenti occidentali hanno reagito davanti a queste azioni del governo libico affermando che non era possibile credervi e argomentando che i combattimenti continuavano. Fonti libiche confermavano infatti che la guerra civile continuava ed entrambe le parti continuavano ad attaccarsi reciprocamente.

LA RISOLUZIONE 1973 DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA DELL’ONU: La Risoluzione 1973 è stata adottata secondo il Capitolo VII della Carta dell’ONU con 10 voti a favore, nessuno contrario e cinque astensioni. A favore hanno votato i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza: USA, Gran Bretagna, Francia e i membri non permanenti Bosnia Erzegovina, Colombia, Gabon, Libano, Nigeria, Portogallo e Sudafrica. Astenuti i membri permanenti Russia e Cina e i membri non permanenti Germania, Brasile e India.

La risoluzione è stata adottata giovedì 17 Marzo, alle 18.30 ora locale a New York. L’ambasciatrice USA Susan Rice l’ha descritta come un rafforzamento delle sanzioni e della proibizione dei viaggi imposta prima della Risoluzione 1970 del Consiglio di Sicurezza. E’ stata promossa dai governi di Francia e Regno Uniti, ma con una forte presenza degli USA, i quali hanno tirato le fila da dietro.

Nella riunione del Consiglio di Sicurezza era presente il nuovo ministro degli Esteri francese Alain Juppé. Sebbene come ex primo ministro non fosse nuovo all’ONU, era giunto a questa carica solo alcune settimane dopo che il suo predecessore era stato rimpiazzato per aver accettato favori da un imprenditore libico, e solo alcuni giorni dopo che il suo governo era diventato il primo governo occidentale ad aver riconosciuto le forze combattenti contro il governo nella guerra civile libica come legittimi rappresentanti del popolo libico.

Il governo libico non ha avuto un proprio rappresentante nella riunione dopo che al suo ambasciatore ufficiale, l’ex presidente dell’Assemblea Generale Ali Abdel-Salam Treki, era stato negato l’ingresso negli Stati Uniti. Comunque, sebbene ufficialmente fosse stato rimosso dal suo incarico più di una settimana prima di esser passato all’opposizione, l’ex rappresentante permanente aggiunto Ibrahim Dabbashi era presente nell’operazione mediatica del Consiglio di Sicurezza del mercoledì per rilasciare una dichiarazione e rispondere alle domande.

La Risoluzione 1973 contiene 29 paragrafi operativi divisi in otto sezioni. La prima sezione esige nel suo primo paragrafo un “cessate il fuoco immediato” e il rispetto del diritto internazionale comprendente “un passaggio rapido e senza impedimenti degli aiuti umanitari”.

Un curioso secondo paragrafo operativo indicava la necessità di “intensificare gli sforzi per trovare una soluzione alla crisi” e passa a qualificare ciò come una risposta “alle legittime richieste del popolo libico” conducendo a “le riforme politiche necessarie per trovare una soluzione pacifica e sostenibile”. Un linguaggio tanto vago non risponde alla domanda di quali richieste legittime bisognerebbe soddisfare e quali riforme politiche siano necessarie. Legalmente queste richieste appaiono anche un’ingerenza diretta negli affari interni della Libia in violazione dell’Articolo 2 (7) della Carta dell’ONU, che tutte le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza devono rispettare secondo l’Articolo 25 della Carta. Questa discrepanza apparentemente inconciliabile alimenta la speculazione secondo la quale la risoluzione è un altro esempio di politiche che rifiutano il rispetto del diritto internazionale.

I paragrafi 4 e 5 hanno a che vedere con la protezione di civili, e quest’ultimo si concentra sulla responsabilità regionale della Lega Araba.

La parte operativa più ampia della risoluzione è dedicata poi alla creazione di una zona di interdizione al volo (no-fly zone) nei paragrafi 6 fino al 12. L’Articolo 6 crea la zona di interdizione aerea “di tutti i voli nello spazio aereo della Jamahiriya Araba Libica con il fine di aiutare a proteggere i civili”. Il paragrafo 7 enumera poi le varie eccezioni umanitarie.

E’ il paragrafo 8 quello sul quale si concentrerà forse l’attenzione della maggioranza degli avvocati internazionali, giacché menziona che gli Stati potranno “prendere tutte le misure necessarie per imporre l’attuazione della proibizione di voli”. L’uso del termine “tutte le misure necessarie” apre la porta all’uso della forza. Allo stesso tempo, l’uso della forza è limitato all’imposizione della zona di interdizione aerea e non si estende all’intenzione di uccidere la guida libica o ad appoggiare una parte nel conflitto armato, sebbene il fatto che venga impedito al governo libico l’utilizzo della sua forza aerea favorisce evidentemente l’opposizione armata.

Il paragrafo 8 è inusuale perché sembra che autorizzi l’uso della forza secondo il Capitolo VII senza applicare nessuna delle salvaguardie per l’uso della forza che vengono menzionate nell’Articolo 41. Non vi è nessuna dichiarazione che misure diverse da quelle includenti l’utilizzo della forza siano fallite. Di fatto, la Risoluzione 1973 è stata adottata dopo che il Consiglio di Sicurezza dell’ONU, il Consiglio dei Diritti Umani dell’ONU e l’Unione Africana avevano deciso di inviare missioni per contribuire ad una soluzione pacifica, ma prima che qualcuna di queste missioni potesse visitare la Libia. Inoltre, la Risoluzione 1973 è stata adottata dopo che l’offerta di rinuncia e abbandono del paese con la sua famiglia del dirigente libico è stata rifiutata dall’opposizione armata senza lasciare un margine ai negoziati.

I paragrafi dal 13 al 16 richiedono un embargo di armi e “deplorano il continuo flusso di mercenari” verso la Libia. Nel farlo, il paragrafo 13 decide che il paragrafo 11 della Risoluzione 1970 (2011) del Consiglio di Sicurezza debba essere rimpiazzato da un nuovo paragrafo che “autorizza gli Stati Membri ad utilizzare tutte le misure commisurate alle circostanze specifiche per realizzare tali ispezioni”. Questo linguaggio indica nuovamente che si potrà utilizzare la forza contro le imbarcazioni sospettate di trasportare armi alla Libia in violazione dell’embargo.

Nei paragrafi 17 e 18 si richiede che gli Stati neghino l’autorizzazione al decollo, atterraggio e sorvolo a “qualsiasi aeroplano registrato nella Jamahiriya Araba Libica o che sia di proprietà o operi per conto di cittadini o compagnie libiche”. Sebbene dichiari chiaramente che queste misure non riguarderanno i voli umanitari, indubbiamente li complicheranno.

I paragrafi dal 19 al 21 estendono il congelamento dei beni imposto dai paragrafi 17, 19, 20 e 21 della Risoluzione 1970 (2011) del Consiglio di Sicurezza [CSONU] a “tutti i fondi, altri attività finanziarie e risorse economiche” che sono “di proprietà o sono controllati, direttamente o indirettamente, dalle autorità libiche…o da individui o entità che agiscono per loro conto o diretti da esse”. I paragrafi seguenti, 22 e 23, ampliano le restrizioni di viaggi e il congelamento dei beni della Risoluzione 1970 (2011) a tutti gli individui in due annessi. Nel farlo, questi paragrafi impediscono essenzialmente che i membri della famiglia di Muamar Gheddafi escano dalla Libia e li obbligano effettivamente a combattere l’opposizione armata.

Il paragrafo 24 crea un nuovo organismo, una “commissione di esperti”, per assistere il comitato creato nella Risoluzione 1970 del CSONU a “riunire, esaminare e analizzare informazioni di Stati, organismi rilevanti delle Nazioni Unite, organizzazioni internazionali e altre parti interessate all’implementazione delle misure” nella Risoluzione 1970 del CSONU, per “fare raccomandazioni…migliorare l’applicazione delle misure rilevanti”, e “fornire al comitato un rapporto provvisorio sul proprio lavoro non oltre 90 giorni dalla nomina della commissione e, e un rapporto finale del consiglio non più tardi di 30 giorni prima del termine del suo mandato con i suoi risultati e raccomandazioni”.

Il paragrafo 27 dice che tutti gli Stati “inclusa la Jamahiriya Araba Libica, dovranno adottare le misure necessarie per assicurare che non vi siano resclami… in relazione ad ogni contratto o transazione la cui esecuzione sia accertata con ragione dalle misure adottate dal Consiglio di Sicurezza nella risoluzione 1970 (2011), dalla presente risoluzione e dalle risoluzioni connesse.”

Infine, nel penultimo paragrafo 29, il Consiglio “decide di continuare ad occuparsi attivamente della questione”.

PERCEZIONI PUBBLICHE: Da quando la risoluzione ha raggiunto il dominio pubblico, i tabloid e periodici ‘seri’ britannici stavano già chiamando il mondo alla guerra. I francesi avevano già convocato una riunione descritta come di pianificazione per l’uso della forza. E mentre il presidente degli USA rimaneva cautamente ambiguo, altri responsabili statunitensi chiamavano apertamente all’intervento militare in quella che da ora diventava una guerra civile in Libia.

Nella furia emotiva sembra che ci si sia dimenticati del diritto internazionale. Un commentatore della BBC è arrivato a suggerire che l’appoggio politico ad una zona di interdizione aerea da parte della Lega Araba costituisce una giustificazione legale per l’utilizzo della forza. Usi simili di forza in Afghanistan e Iraq, che sono ampiamente considerati come violazioni del diritto internazionale, sembra che non abbiano lasciato una grande impressione nei giornalisti britannici.

Anche altrove pare che i giornalisti abbiano dimenticato il diritto internazionale nelle loro considerazioni sulla Libia, invitando frequentemente all’invasione di un paese sovrano con la forza, malgrado non solo l’Articolo 2 (4) della Carta dell’ONU proibisca un simile uso della forza, ma lo faccia anche il linguaggio della stessa Risoluzione 1973 del CSONU.

Anche gli oppositori all’uso della forza sembrano inconsapevoli del diritto internazionale applicabile. Il parlamentare britannico Jeremy Corbyn, per esempio, ha chiesto alla Camera dei Comuni perché se viene utilizzata la forza contro la Libia per proteggere una parte in una guerra civile, non la usiamo in Bahrain dove decine di manifestanti disarmati sono stati uccisi per mano delle forze nazionali e straniere, o in Yemen dove circa 50 manifestanti pacifici sono stati massacrati da cecchini dell’esercito. Questa domanda almeno sembra comprendere il fatto che il diritto internazionale, per avere un valore reale nelle relazioni internazionali, deve essere applicato nelle situazioni simili in maniera simile. La mancata applicazione della legge in modo coerente nuoce gravemente al diritto ed alle sue restrizioni nell’azione internazionale.

DIRITTO INTERNAZIONALE: Mentre le decisioni rispetto all’uso della forza contro la Libia sembrano essersi basate più su emozioni che su una comprensione del diritto rilevante, questo diritto non è irrilevante. Il diritto internazionale continuerà a riflettere le regole generali che gli Stati utilizzano nelle loro relazioni reciproche molto dopo la fine del conflitto armato in Libia. Esso è anche, si può suggerire, cruciale per la pace e la sicurezza in un mondo composto da persone con valori e interessi diversi.

Forse il principio fondamentale del diritto internazionale è che nessuno Stato usi la forza contro un altro Stato. Questo principio è dichiarato espressamente nell’Articolo 2, paragrafo 4, della Carta dell’ONU. Nessuno Stato può violare questo principio del diritto internazionale.

Mentre il Consiglio di Sicurezza dell’ONU può ordinare l’uso della forza in circostanze eccezionali, secondo l’Articolo 24 (2) della Carta dell’ONU, il Consiglio “agirà in accordo ai Principi e Propositi delle Nazioni Unite”. Questo significa, per lo meno, che le opzioni per autorizzare l’uso della forza sono estremamente limitate se i mezzi pacifici di soluzione delle dispute continuano ad essere possibili. Nel caso attuale, sembra che il Consiglio di Sicurezza si sia affrettato ad utilizzare la forza.

Strette eccezioni al divieto dell’uso della forza si trovano nell’Articolo 51 e nel Capitolo VII della Carta dell’ONU. Le ultime disposizioni, specialmente nell’Articolo 42, permettono al Consiglio di Sicurezza di intraprendere un’azione che “può essere necessaria per mantenere o restaurare la pace e la sicurezza internazionale”. Le risoluzioni 1970 e 1973 affermano che saranno entrambe adottate secondo il Capitolo VII. Né l’una né l’altra, comunque, possiedono i requisiti dell’Articolo 42 che si sia giunti alla determinazione che siano fallite le “misure che non prevedano l’uso della forza”.

E’ difficile vedere come si possa giungere ad una determinazione simile in una guerra civile. Sembra che ci si debba quanto meno basare su una missione di indagine sul terreno. Tuttavia in Libia non si sono recate missioni di indagine del Consiglio dei Diritti Umani dell’ONU e del Consiglio di Sicurezza. Mentre vi sono pochi dubbi che i governi occidentali, come quello degli Stati Uniti, possiedano importanti capacità per determinare quello che accade in Libia mediante metodi di vigilanza a distanza, questo non presenta sufficienti prove riguardo al rispetto delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza da parte del governo della Libia. Solo osservatori sul terreno possono capirlo, come abbiamo visto nella disinformazione diffusa sulle azioni dell’Iraq basate su terze parti e fonti di vigilanza distanti.

Inoltre, l’evidenza del rispetto da parte della Libia riguarda tutte e due le parti in causa. La Libia ha annunciato quasi immediatamente che avrebbe rispettato i termini della Risoluzione 1973 del CSONU dopo che questa è stata adottata. Comunque, in una dimostrazione senza precedenti di intolleranza diplomatica, e senza conferma dei fatti sul terreno, i dirigenti occidentali hanno qualificato come bugiarda la guida libica.

La Libia ha offerto inoltre di accettare monitoraggi internazionali, ed è arrivata anche ad estendere l’invito affinché visitassero il paese. E in una concessione straordinaria, la guida libica aveva inviato un messaggio all’opposizione armata, quando questa aveva il sopravvento e si avvicinava a Tripoli, nella qualle si diceva pronto a rinunciare al potere e adabbandonare il paese. Fu solo dopo che questa offerta venne respinta e che i dirigenti dell’opposizione dichiararono che non era negoziabile la cattura ed uccisione della guida libica, che le truppe governative lanciarono la loro offensiva.

Se il diritto internazionale permette che gli Stati utilizzino la forza in circostanze molto limitate, esistono ancora meno circostanze nelle quali è permesso ad attori non statali di utilizzare la forza. Una di queste circostanze è quando si eserciti il diritto all’autodeterminazione contro una potenza occupante straniera e oppressiva. Questo può dare diritto agli iracheni o afgani ad usare la forza contro eserciti occupanti, ma non fornisce al popolo libico il diritto di utilizzare la forza contro il proprio governo.

Anche il diritto extragiudiziario della rivoluzione, la cui esistenza molti avvocati internazionali ammettono quando i limiti della legge vengono raggiunti, non è stato eccezionalmente invocato per i ribelli libici. Mentre la partecipazione al governo della Libia poteva essere un problema diffuso, il paese aveva il maggiore reddito pro-capite in Africa e uno dei migliori indicati negli Obiettivi di Sviluppo del Millennio. Inoltre la Libia ha dimostrato nel passato di rispettare il diritto internazionale, applicando le sentenze della Corte Internazionale di Giustizia nel conflitto con il Ciad e anche consegnando sospetti per i quali vi erano prove discutibili per il loro processo all’estero nell’affare Lockerbie.

Infine, il tema dell’autodifesa è rilevante nell’uso della forza contro la Libia. Piuttosto che giustificare l’attacco occidentale contro la Libia, sembra giustificare un’azione [eventualmente] intrapresa dalla Libia contro interessi occidentali. In altre parole, poiché la Libia è stata oggetto di un attacco armato che è probabilmente illegale secondo il diritto internazionale, ha diritto a difendersi. Questo diritto include la realizzazione di attacchi contro installazioni militari o personale di qualsiasi paese coinvolto nell’attacco. In altre parole, l’attacco contro la Libia di Francia e Stati Uniti rende le installazioni militari e il personale di questo paesi obiettivi legittimi di attacchi realizzati dalla Libia in qualità di autodifesa.

Senza tenere in conto la legalità dell’uso della forza di nessuna parte nel conflitto armato, il diritto umanitario internazionale e le leggi della guerra continueranno ad essere applicati. Secondo questo diritto, tutti gli Stati coinvolti in un conflitto armato devono essere attenti a non attaccare civili. Le autorità libiche hanno affermato di rispettare questa restrizione nella guerra civile, sebbene i ribelli abbiano rifiutato questa affermazione. Il diritto umanitario internazionale esige che nessuna forza militare si rivolga contro civili o installazioni civili in Libia.

Similmente anche il diritto internazionale dei diritti umani rimane vigente, rendendo l’attacco a civili soggetto a restrizioni dell’uso della forza emananti dagli obblighi internazionali dei diritti umani esistenti. Se l’utilizzo della forza contro la Libia è illegale, come affermato precedentemente, il criterio per determinare se si sta utilizzando forza sproporzionata è applicabile in tempi di pace. E’ questo il caso perché nessuno Stato coinvolto nell’uso della forza in Libia ha annunciato la deroga dei suoi obblighi dei diritti umani e perché sarebbe contrario all’oggetto e proposito di tutti i trattati esistenti di diritti umani che sia permesso agli Stati che semplicemente li derogano nell’iniziare un conflitto armato in violazione del diritto internazionale.

L’uso della forza in maniera contraria al diritto internazionale esistente è forse a lungo termine il più grande danno all’umanità. Nel Patto di Parigi del 1928 e di nuovo nella Carta dell’ONU del 1945, gli Stati concordarono di non utilizzare la forza gli uni contro gli altri per raggiungere gli obiettivi della loro politica estera. Il mondo occidentale è apparso sfidare ripetutamente questo accordo negli ultimi 10 anni, specialmente vista la propria disposizione a intraprendere azioni militari contro Stati a maggioranza musulmana. Nel farlo ha inviato un segnale innegabile alla comunità internazionale attraverso le proprie azioni, e malgrado alcune delle sue affermazioni, ovvero che il diritto internazionale non ha per esso alcuna importanza. Se questo messaggio non trova risposta dai propugnatori del diritto internazionale, allora i passi in avanti che sono stati compiuti per assicurare che la comunità internazionale rispetti l’autorità della legge potrebbero essere annullati dalle future generazioni.

L’autore è un prominente avvocato internazionale statunitense di diritti umani.

Copyright Al-Ahram Weekly. All rights reserved

Tradotto da Europeanphoenix al link (http://europeanphoenix.com/it/index.php?option=com_content&view=article&id=38:libia-diritto-internazionale-onu-risoluzioni-guerra-usa-francia-inghilterra-gheddafi&catid=1:diritti-umani)

Fonte originale: http://weekly.ahram.org.eg/2011/1040/re111.htm

Attacking Libya and International Law

Attacking Libya and international law

By the standard of international law, military action on Libya by the United States and allies is illegal, writes Curtis DoebblerAl-Ahram Weekly

On 19 March 2011, Western nations started the third international armed conflict against a Muslim country in the last decade. They went to great pains to claim that the use of force against Libya was legal, but an application of international law to the facts indicates that in fact the use of force is illegal.
This brief commentary evaluates the use of force against Libya, starting with UN Security Council Resolution 1973 that allegedly authorises it and the eventual attack on the people of Libya.


THE FACTS: Unlike the non-violent demonstrations in Egypt, Tunisia, Bahrain, Yemen, Saudi Arabia and elsewhere in the Arab world, the demonstrations that began in Libya on 17 February had deteriorated into a civil war within days. Both sides had tanks, fighter jets, anti- aircraft weapons, and heavy artillery. The government’s forces consisted of mainly trained military, while the armed opposition consisted of both defecting soldiers and numerous civilians who had taken up arms.


Indications of the level of force each side has at its disposal were shown by claims on Saturday, 19 March, that both a Libyan government fighter and a fighter jet flown by the opposition had been shot down near Benghazi. As the civil war increased in intensity, the international community contemplated action in support of the armed opposition. On 17 March, the UN Security Council adopted Resolution 1973. And within 42 hours an attack on the troops of the Libyan government, aimed, according to the British Defence Minster William Hague, at killing the Libyan leader, had begun.
At around 12:00 noon local time in Washington, DC, on Saturday, 19 March, French fighters launched attacks against targets described as tanks and air defence systems. A few hours later, US battleships began firing cruise missiles at Libyan targets.


Although Arab and Muslim countries had joined the coalition against their Arab and Muslim neighbour, none of them actually participated in the airstrikes by sending aircraft. Already just after airstrikes began, Russia, China and the secretary-general of the Arab League, Egyptian Amr Moussa, condemned the loss of civilians lives that were caused by the bombing sorties.
Despite denials of the intention to target the Libyan leader, sites such as the living quarters and compounds used by Colonel Muammar Gaddafi were attacked. After the first day of bombings, more than four-dozen civilians, including women and children, were reportedly killed.


The attacks came after the UN Security Council adopted Resolution 1973. In response to this resolution the Libyan government had officially called a ceasefire in the civil war that it was waging against armed rebels whose base is Benghazi. Libya also announced that its airspace was closed. Western leaders responded to these actions by the Libyan government by claiming that they could not be believed and arguing that the fighting was continuing. Indeed, Libyan sources confirmed that the civil war was ongoing and that both sides continued to attack each other.


UNSC RESOLUTION 1973: Resolution 1973 was adopted under Chapter VII of the UN Charter with 10 votes for, none against and five abstentions. Voting for it were the UN Security Council’s permanent members, United States, Britain, France, and non-permanent members Bosnia and Herzegovina, Colombia, Gabon, Lebanon, Nigeria, Portugal, and South Africa. Abstaining were permanent members Russia, China and non-permanent members Germany, Brazil, and India.


The resolution was adopted on Thursday, 17 March, just after 18:30 local time in New York. US Ambassador Susan Rice described it as strengthening the sanctions and travel bans imposed earlier in UNSC Resolution 1970. It was promoted by the French and United Kingdom governments, but with a strong presence of the United States in the background pulling the strings.
At the UNSC meeting was the new French Foreign Minister Alain Juppé.

Although as former Prime Minister he was not new to the UN, he arrived just weeks after his predecessor had been replaced for having accepted favours from a Libyan businessmen and just days after his government became the first Western government to recognise the forces fighting against the government in Libya’s raging civil war as the legitimate representatives of the Libyan people.
The Libyan government did not have a representative present at the meeting after its nominated ambassador, former President of the General Assembly Ali Abdel-Salam Treki was denied admission to the United States. Nevertheless, although officially relieved of his duties more than a week ago for defecting to the opposition, former deputy permanent representative Ibrahim Dabbashi was on hand at the Security Council media stakeout Wednesday to make a statement and take questions.


Resolution 1973 contains 29 operative paragraphs divided into eight sections. The first section calls for an “immediate cease-fire” in its first paragraph and for respect for international law including “the rapid and unimpeded passage of humanitarian assistance.”
A curious second operational paragraph “stresses the need to intensify efforts to find a solution to the crisis” and goes on to qualify this as responding “to the legitimate demands of the Libyan people” and leading to “the political reforms necessary to find a peaceful and sustainable solution.” Such vague language leaves open both the question of which Libyan legitimate demands must be met and what political reforms are necessary. Legally these requirements also appear to be a direct interference in Libya’s internal affairs in violation of Article 2(7) of the UN Charter, which all UN Security Council resolutions are bound to respect according to Article 25 of the Charter. This apparently irreconcilable discrepancy will fuel speculation that the resolution is another example of politics refusing to respect international law.


Paragraphs 4 and 5 concern the protection of civilians with the latter paragraph focusing on the regional responsibility of the Arab League.
The longest operative part of the resolution is then devoted to the creation of a no-fly zone in paragraphs 6 through 12. Article 6 creates the no-fly zone “on all flights in the airspace of the Libyan Arab Jamahiriya in order to help protect civilians.” Paragraph 7 then enumerates several humanitarian exceptions.
It is perhaps paragraph 8 that will focus the mind of most international lawyers where it is written that states may “take all necessary measures to enforce compliance with the ban on flights.” The use of the term “all necessary measures” opens the door to the use of force. At the same time, the use of force is limited to enforcing the no-fly zone and does not extend to attempts to kill the Libyan leader or to supporting one side in the armed conflict, although preventing the Libyan government from using its air force, of course, favours the armed opposition.


Paragraph 8 is unusual in that is appears to authorise the use of force under Chapter VII without applying any of the safeguards for the use force that are stated in Article 41. There is no determination made that measures not involving the use of force had failed. In fact, Resolution 1973 was adopted after the UN Security Council, the UN Human Rights Council and the African Union had decided to send missions to contribute to a peaceful solution, but before any of these missions could visit Libya. Moreover, Resolution 1973 was adopted after an offer by the Libyan leader to step down and leave the country with his family had been rejected by the armed opposition without room for negotiation.
Paragraphs 13 through 16 call for an arms embargo and ” [d]eplores the continuing flows of mercenaries” into the Libya. In doing so, paragraph 13 decides that paragraph 11 of UNSC Resolution 1970 (2011) shall be replaced with a new paragraph that “authorises Member States to use all measures commensurate to the specific circumstances to carry out such inspections.” Again this language indicates that force may be used against seafaring vessels suspected of carrying arms to Libya in violation of the embargo.


In paragraphs 17 and 18, states are required to deny take off, landing or overfly rights to “any aircraft registered in the Libyan Arab Jamahiriya or owned or operated by Libyan nationals or companies.” Although it is clearly stated that these provisions shall not affect humanitarian flights, it will undoubtedly complicate such flights.
Paragraphs 19 to 21 extend the asset freeze imposed by paragraphs 17, 19, 20 and 21 of UNSC Resolution 1970 (2011) to “all funds, other financial assets and economic resources” that are “owned or controlled, directly or indirectly, by the Libyan authorities… or by individuals or entities acting on their behalf or at their direction, or by entities owned or controlled by them.” The related paragraphs 22 and 23 extend the travel restrictions and the asset freeze in resolution 1970 (2011) to all the individuals in two annexes. In doing, these paragraphs essentially prevent members of the Muammar Gaddafi family from leaving Libya and effectively force them to fight the armed opposition.


Paragraph 24 creates a new body, a “panel of experts”, to assist the committee created in UNSC Resolution 1970, to ” [g]ather, examine and analyse information from States, relevant United Nations bodies, regional organisations and other interested parties regarding the implementation of the measures” in UNSC Resolution 1970, to “[m]ake recommendations … to improve implementation of the relevant measures,” and to ” [p]rovide to the Council an interim report on its work no later than 90 days after the Panel’s appointment, and a final report to the Council no later than 30 days prior to the termination of its mandate with its findings and recommendations.”


Paragraph 27 says all states “shall take the necessary measures to ensure that no claim shall lie… in connection with any contract or other transaction where its performance was affected by reason of the measures taken by the Security Council in Resolution 1970 (2011), this resolution and related resolutions.”
Finally, in penultimate paragraph 29, the Council “[d]ecides to remain actively seized of the matter.”


PUBLIC PERCEPTIONS: By the time the resolution was in the public domain, British tabloids and broadsheets were already rallying the world to war. The French were convening a meeting being described as the planning meeting to use force. And while the US president was remaining cautiously ambiguous, other US officials were openly calling for military intervention in what had by now become a civil war in Libya.


In the emotional fury, international law seems to have been forgotten. One BBC commentator went so far as to suggest that political support for a no-fly zone by the Arab League was a legal justification for the use of force. Similar uses of force in Afghanistan and Iraq, which are widely considered as violating international law, seem not to have had much of an impression on British journalists.


Journalists elsewhere have also seemed oblivious to international law in their consideration of Libya, often calling for the invasion of this sovereign country by force, despite the fact that not only Article 2(4) of the UN Charter prohibits such a use of force, but so too does the language of UNSC Resolution 1973 itself.
Even opponents of the use of force seem unaware of the applicable international law. British MP Jeremy Corbyn in the House of Commons, for example, asked if we use force against Libya to protect one side in a civil war, why don’t we use it in Bahrain were dozens of unarmed protesters have been killed by national and foreign forces, or in Yemen where about 50 peaceful protesters were slaughtered by army sharpshooters. This query at least appears to understand the fact that international law, to have real value in international relations, needs to be applied in similar situations in a similar manner. Failure to apply the law consistently seriously undermines the law and its restraints on international action.


INTERNATIONAL LAW: While decisions regarding the use of force against Libya seem to have been based more on emotions than on an understanding of the relevant law, this law is not irrelevant. International law will continue to reflect the general rules that states use in their relations with each other long after the end of the armed conflict in Libya. It is also, one might suggest, crucial to peace and security in a world made up of people of diverse values and interests.


Perhaps the most fundamental principle of international law is that no state shall use force against another state. This principle is expressly stated in Article 2, paragraph 4, of the UN Charter. No state can violate this principle of international law.


While the UN Security Council can order the use of force in exceptional circumstances, according to Article 24(2) of the UN Charter, the Council “shall act in accordance with the Principles and Purposes of the United Nations.” This means, at least, that when peaceful means of dispute resolution are still possible the options for authorising the use of force are extremely limited. In the present case, the Security Council appears to have rushed to use force.
Narrow exceptions to the prohibition of the use of force are found in Article 51 and Chapter VII of the UN Charter. The latter provisions, especially Article 42, allow the Security Council to take action that “may be necessary to maintain or restore international peace and security.” Both resolutions 1970 and 1973 state that they are being adopted under Chapter VII. Neither, however, meets the requirements of Article 42 that a determination has been made that “measures not involving the use of force” have failed.


In a civil war it is hard to see how such a determination can be made. It would appear that at the very least it would have to be based on on- the-ground fact-finding. Fact-finding missions by the UN Human Rights Council and the Security Council have not yet gone to Libya. While there is little doubt Western governments, such as the United States, have significant abilities to determine what is happening in Libya with distant surveillance methods, this does not provide sufficient evidence of whether the government of Libya is complying with the Security Council’s resolutions. Only on-the-ground observers can determine this, as we have seen from the misinformation spread about Iraq’s actions based on third party and distant surveillance sources.
Moreover, the evidence of Libya’s compliance is mixed. Libya almost immediately announced it would respect the terms of UNSC Resolution 1973 after it was adopted. Nevertheless, in an unprecedented show of diplomatic intolerance, and without confirmation of the facts on the ground, Western leaders called the Libyan leader a liar.


Libya has also offered to accept international monitors, even extending invitations to them to visit the country. And in an extraordinary concession, the Libyan leader sent a message to the armed opposition when they had the upper hand and were approaching Tripoli, offering to step down and leave the country. It was only after this offer was rejected and opposition leaders said it was non-negotiable that the Libyan leader be captured and killed that the government’s troops launched their offensive.


If international law allows states to use force in very limited circumstances, there are even fewer circumstances in which non-state actors are allowed to use force. One of those circumstances is when the right to self-determination is being exercised against a foreign and oppressive occupying power. This might entitle Iraqis or Afghanis to use force against occupying armies, but it would not entitle the Libyan people to use force against their own government.
Even the extrajudicial right of revolution, that many international lawyers admit exists when the limits of the law have been reached, has not been explicitly relied on by the Libyan rebels. While participation in the governance of Libya might have been a widespread problem, the country had the highest per capita income in Africa and among the best Millennium Development Goals indicators. Moreover, Libya has shown itself to respect international law in the past, implementing judgments of the International Court of Justice in the conflict with Chad and even turning over suspects for which there was questionable evidence for trial abroad in the Lockerbie affair.
Finally, the question of self-defence is relevant to the use of force against Libya. Rather than justifying the Western attack against Libya, however, it would appear to justify action taken by Libya against Western interests. In other words, as Libya has been the object of an armed attack that is likely illegal under international law, it has the right to defend itself. This right includes carrying out attacks against military facilities or personnel from any country involved in the attack. In other words, the attack against Libya by France and the United States makes the military facilities and personnel of these countries legitimate targets for attacks carried out by Libya in self-defence.


Regardless of the legality of the use of force by any party to the armed conflict international humanitarian law or the laws of war will continue to apply. According to this law, all states involved in an armed conflict must take care not to attack civilians. The Libyan authorities alleged they were respecting this restriction in the civil war, although the rebels refuted this claim. International humanitarian law requires that no military force may be directed against civilians or civilian facilities in Libya.


Similarly international human rights law continues to apply, making attacks on civilians subject to the restrictions on the use of force emanating from existing international human rights obligations. If the use of force against Libya is illegal as suggested above, then the standard for determining whether disproportionate force is being used is that applicable during peacetime. This is the case because no state involved in the use of force in Libya has announced its derogation from its international human rights obligations and because to allow states to derogate merely by starting an armed conflict in violation of international law would be contrary to the object and purpose of any of the existing human rights treaties.
The use of force in a manner that is contrary to existing international law is perhaps the greatest harm to humanity in the long-term. In the Pact of Paris in 1928 and again in the UN Charter in 1945, states agreed not to use force against each other to accomplish their foreign policy ends. The Western world has appeared to repeatedly challenge this agreement in the last 10 years, especially by its willingness to take military action against predominately Muslim states. In doing so they have sent an undeniable signal to the international community through their actions, and despite some of their words, that international law does not matter to them. If this message is not answered by the proponents of international law, then the advances we have made to ensure that the international community respects the rule of law may be undone for future generations.


* The writer is a prominent US international human rights lawyer.

http://weekly.ahram.org.eg/2011/1040/re111.htm

Eco di guerra

Eco di guerra

giugno 23, 2011 di byebyeunclesam

Parigi, 22 giugno – Sette scrittori di tutto il mondo hanno lanciato oggi da Parigi un appello al Consiglio di sicurezza dell’ONU affinchè venga adottato un progetto di risoluzione contro la repressione in Siria che ”metta fine ai massacri”.
I sette firmatari sono Umberto Eco, David Grossman, Bernard-Henri Levy, Amos Oz, Orhan Pamuk, Salman Rushdie e Wole Soyinka. La lettera firmata dai sette intellettuali è stata pubblicata sul sito di ”La regle du jeu”, la rivista online del filosofo francese Levy, e si rivolge ai 15 Paesi membri del Consiglio di sicurezza.
(Ansa)

http://byebyeunclesam.wordpress.com/2011/06/23/eco-di-guerra/