Gallery

Another Libyan TV presenter raped and tortured to death? Maybe not yet – Hala Misrati catturata, stuprata e torturata dai ribelli è morta? Forse non ancora- (Text + 2 Videos) Eng-Ita

*


* ENGLISH

Another Libyan TV presenter raped and tortured to death
Hala Misrati was a presenter for Libyan TV before NATO began its war of aggression, she was abducted by NATO Mercenaries during the invasion of Tripoli. According to new reports she has been tortured to death similar to another female TV presenter whose butchered body was shown late last year.

She has also been continuously raped, she became pregnant after being raped multiple times by gang of Mercenaries. The video below shows her being pregnant. – Font: http://ozyism.blogspot.com/2012/02/another-libyan-tv-presenter-raped-and.html

* ITALIANO (by Ryuzakero)

Si infittisce il mistero sulla sorte di Hala Misrati, nota giornalista della tv libica che lo scorso agosto si presentò in studio tenendo in mano una pistola e minacciò i ribelli anti Gheddafi. Secondo alcuni media arabi la donna sarebbe stata trovata morta in una prigione di Tripoli, ma i familiari della giornalista smentiscono pur precisando che Hala “può morire da un momento all’altro”.

Fedelissima del rais, dopo la caduta del regime, Hala Misrati era stata catturata e arrestata dai ribelli, ai quali poi aveva chiesto ufficialmente scusa. Nella sua ultima apparizione tv, lo scorso 30 dicembre, era apparsa seduta su una sedia, senza parlare. Misrati sventolava un foglio su cui erano annotati solamente il giorno, il mese, l’anno e riportava segni visibili di percosse sul volto. Secondo alcuni c’era anche il sospetto che alla donna fosse stata tagliata la lingua. Il suo caso, seguito da numerose organizzazioni in difesa dei diritti umani, ha suscitato indignazione e proteste sui social network. Tra i numerosi messaggi postati su Twitter anche quelli che hanno denunciato che la donna è “incinta dopo essere stata costretta a subire violenza per ben 17 volte”. Poi la notizia della sua morte, riportata dalla tv al Arabiya secondo la quale Misrati sarebbe stata ammazzata il 17 febbraio, in occasione del primo anniversario dell’avvio della liberazione. Dalle autorità della capitale però non è arrivata nessuna presa di posizione ufficiale sulla morte, come anche dai genitori che al sito Albawaba hanno detto che la loro figlia “si trova in una situazione critica” e che la “sua morte potrebbe avvenire da un momento all’altro”. Una versione confermata anche dal canale Algeria Isp. “Stando alle ultima notizie che abbiamo ricevuto dal medico Yousuf Shakir – scrive il sito Libya S.O.S. che raggruppa varie ong in difesa dei diritti umani – non possiamo confermare se sia viva o morta. Sappiamo solo che Misrati si trova nella prigione di Jadida dove viene maltrattata dai ribelli. Contro di lei non ci sono accuse precise, non esiste un capo di imputazione e nessun processo è previsto”. Insomma un vero e proprio giallo circonda quella che un tempo è stata una delle voci più famose della Libia. Nell’agosto del 2011 era apparsa in video con una pistola in pugno e in diretta aveva minacciato di usarla per difendere il regime dai ribelli. “Ucciderò o morirò con quest’arma – aveva detto – siamo disposti a diventare dei martiri”. Nella Libia del dopo Gheddafi, come denunciato recentemente da Amnesty International, diventa sempre più difficile indagare sui casi di abusi umani, che avvengono in particolare nelle strutture detentive, oltre che assicurare alla giustizia i colpevoli delle numerose violazioni dei diritti umani.

*

La journaliste Hala Misrati est toujours vivante

Suite à la rumeur de l’assassinat de la journaliste Hala Misrati qui a fait le tour du monde diffusée en premier par des sites et des pages Facebook Pro CNT puis par la chaine de télévision « El Arabiya » et finalement la rumeur a fait le tour du monde alors que ALGERA ISP a bien dénoncée cette rumeur dés le début.
Aujourd’hui, dimanche 19 février 2012 à 18h, une vidéo montrant la journaliste Hala Misrati portant un tenue et hidjab (voile) noir . Elle félicite (avec hésitation) le peuple Libyen pour le premier anniversaire de l’indépendance du 17 février. Elle confirme son identité. Elle confirme que cette vidéo est enregistrée le 19 février 2012, elle est toujours vivante. Elle a déclaré qu’elle était parmi les rebelles et les différents bataillons depuis 6 mois. Elle est surprise de la rumeur de son assassinat.
Ceux qui vont écouter son interview, ils vont dire qu’elle retourné sa veste et quelle est devenue avec les rebelles. Nous sommes sûr qu’elle était obligé de lire un communiqué que les rebelles l’ont obligé de le lire!?
Elle parait stressée et angoissée même s’ils l’ont bien maquillée pour cacher tout le calvaire qu’elle a passé avec ces barbares.

Font Video on Youtube

*

at https://libyanfreepress.wordpress.com/2012/02/19/another-libyan-tv-presenter-raped-and-tortured-to-death-hala-misrati-catturata-stuprata-e-torturata-dai-ribelli-e-morta-text-video-eng-ita/

*

Any re-publication is appreciated, as long as, please, you always report all the original links, to allow everyone a better research and spread of free information. Thanks.

Ogni ri-pubblicazione è gradita, ma vi chiediamo solo, per cortesia, di riportare tutti i links e riferimenti contenuti, per una migliore ricerca e diffusione a tutti. Grazie

*

Supported and Reloaded by

*

*

*

2 responses to “Another Libyan TV presenter raped and tortured to death? Maybe not yet – Hala Misrati catturata, stuprata e torturata dai ribelli è morta? Forse non ancora- (Text + 2 Videos) Eng-Ita

  1. the lybian mercenaries have no heart they are savage they tortured a woman without pity … i guess they are not muslims no educaation no humanity nothing they act like animals …

  2. Dr. Ahmed Ibrahim alive

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s