Gallery

La Libia di Gaddafi era un blocco solido contro al-Qaida

Le quattro verità dell’ex capo del DST Yves Bonnet

Yves Bonnet, Prefetto emerito, ex capo della Direzione della sorveglianza del territorio (DST) e fondatore del Centro Internazionale per la Ricerca e Studi sul Terrorismo (AVT-CIRET), si è recato in Libia per un mese con una delegazione internazionale di esperti. L’obiettivo era quello di incontrare i belligeranti e di valutare la situazione nel paese. Commenta, per France-Soir, le conclusioni della sua relazione missione.

*

Lei ha incontrato, in successione, i pro-Gheddafi di Tripoli e i ribelli del Consiglio nazionale di transizione (CNT) a Bengasi. Quali sono state le sue prime impressioni?
In Occidente, in Tripolitania, c’è ancora uno stato di diritto. Tutto funziona. Questo non è il caso della Cirenaica (Bengasi).

La vostra dichiarazione di missione descrive l’attuale conflitto una “guerra civile“, mentre Bernard-Henri Levy dice, intanto, che tutte le tribù libiche si sono unite contro il colonnello Gheddafi e il suo regime …
Ciò che non ha potuto verificare BHL, è la reale popolarità di Gheddafi in Tripolitania. Non possiamo ignorare la dimensione tribale in questo paese, anche se il CNT lo nega, lo rifiuta. Prendete il Presidente della CNT di Tobruk: questo è semplicemente il capo della tribù locale. Quanto a Gheddafi, che ha in passato fatto molto per i Tuareg, prendendo le loro parti contro l’autorità del Mali (il popolo Tuareg vive tra la Libia e l’Algeria e alle frontiere del Mali, Niger e Burkina Faso). Ci siamo incontrati con i Tuareg del Niger, che hanno attraversato il deserto a piedi per venire a combattere al suo fianco.

Il popolo di Tripoli può avere altra scelta che sostenere Gheddafi?
Ci siamo spostati liberamente a Tripoli e abbiamo potuto parlare con la gente. La popolarità di Gheddafi si spiega con la situazione sociale della popolazione, che è particolarmente avanzata. Il regime non è tenero in termini di libertà, di sicuro. Ma il tenore di vita è buono. I libici sono spesso proprietari delle loro case, possiedono una macchina e le prestazioni sociali sono assicurate. Gli ospedali sono un livello comparabile a quelli che troviamo qui. Quello che sta accadendo in Libia non è una rivoluzione sociale ed economica come in Tunisia o in Egitto. Si tratta di una rivoluzione politica.

Lei parla di “operazione pianificata con cura“, riguardo i primi giorni della rivoluzione…
Ciò che mi è apparso chiaro, visitando quattro località del CNT, tra Bengasi, Derna e Tobruk, lo scenario è che le prime ore della ribellione siano esattamente le stesse. Copia e incolla. Si comincia con una manifestazione studentesca, con 15-20 persone. La polizia reprime, ci sono uno o due morti.  Che a sua volta porta all’organizzazione di una grande manifestazione che mette in fuga le autorità. Queste ultime, ogni volta, non cercano di prendere le cose in mano. Abbiamo le prove che gli ordini impartiti da Tripoli erano di non fare nulla. Infatti, il campo è stato lasciato ai ribelli, che hanno attaccato gli uffici dello Stato,: stazioni di polizia, municipi, palazzi di giustizia. Tutto ciò che poteva rappresentare l’autorità di Tripoli è stata saccheggiato e distrutto. Ho concluso che non vi erano istruzioni. Noto per inciso che in quel momento, la responsabilità per il mantenimento dell’ordine incombeva sul Generale Younis (ex ministro degli interni di Gheddafi), che è ormai diventato il capo di stato maggiore dei ribelli libici.

Accusate i ribelli di aver “derubato” e “ucciso” centinaia di lavoratori africani.
Questi sfortunati si sono trovati intrappolati nel fuoco incrociato. Accusati di essere mercenari al soldo del colonnello Gheddafi dai bengasini, sono stati derubati dalle forze dello stesso Gheddafi, quando hanno cercato di fuggire in Tunisia o in Egitto.

Possiamo parlare allora, così come fa la vostra missione, della “natura razzista dell’insurrezione“?
Oggi, l’insurrezione definisce le persone di colore quali nemici. Anche se sono libici. Un leader tribale, ha dichiarato: “Noi dei neri, non ne vogliamo sentire parlare. Si sono schierati con Gheddafi!”. “Nicolas Sarkozy ha intrapreso questa strada troppo avventatamente”.

Con la vostra lettura, si capisce che non stimate molto il CNT …
Il CNT è la Torre di Babele. È gente simpatica, intelligente, aperta su palcoscenico, per compiacere l’Occidente. Ma dietro di loro, si vedono le figure del vecchio regime, come l’ex ministro della Giustizia di Gheddafi, Mustafa Mohamed Aboud al-Jelil, coinvolto nel caso delle infermiere bulgare (come presidente della Corte di appello, aveva confermato le condanne a morte), che sono al comando carica. Questo è inquietante … E poi ci sono gli islamisti, anche se fanno molta attenzione a non mostrarsi troppo. Il ramo libico di al-Qaida è molto vivo e si trova in Cirenaica. In questa regione, si sente il peso della religione. La posizione delle donne è sottovalutata, devono indossare il velo. Ci sono anche dei barbuti, cosa molto sintomatica. Il velo e la barba descrivono i comportamenti della società. Descrivere il CNT come istituzione democratica sembra quindi prematuro. Oggi, questo non è il caso.

Non siete tenero con Nicolas Sarkozy.
Non vi dirò il contrario. Lui solo ha deciso unilateralmente di tagliare i legami con un paese. Senza previa consultazione. E’ qualcosa di grave. Ha intrapreso questa strada troppo avventatamente. La Francia ha riconosciuto il CNT come stato quando non lo è. La cosa straordinaria è che nessuno ha detto niente. A mio parere, legalmente, non ha alcun valore. Ci si chiede dove sia il diritto in tutto questo.

Come vedete evolvere le cose?
L’ignoto: si metteranno le mani sui terminali petroliferi. Ma il pericolo principale è la divisione del paese. Con conseguente destabilizzazione dei paesi vicini dell’Africa sub-sahariana come il Niger e il Mali. Questo è ciò di cui alcuni diplomatici arabi hanno paura. Alcuni leader politici occidentali non sembrano aver letto i rapporti delle loro intelligence. Con la Libia, disponevamo di un blocco solido contro al-Qaida e contro l’immigrazione clandestina. È appena saltato.

Fonte originale in lingua francese: Algerie.Senego.com
Traduzione: Alessandro Lattanzio-AuroraSito

Comments are closed.