Gallery

Delegazione Siro-Italiana: dal sindaco di Daraa ai funerali di altri due militari

*

Daraa, a pochi chilometri dal confine Giordano, é stata la meta del terzo giorno di attivitá della delegazione Siro-Italiana in Siria, ieri giovedí 3 maggio 2012.

*

*
Scortati dalle forze di sicurezza di Bashar, 6 giornalisti ed un siriano, si sono addentrati nella regione del governatorato di Daraa sino al centro della cittá. I 5 italiani sono: il corrispondente di SyrianFreePressNetwork, un corrispondente di Rinascita quotidiano, un corrispondente dell’ANSA, Sensini e Valle, editori e scrittori,  ed un cubano de La Prensa. Il siriano invece é l’amico Ouday Hr Detto Soso.

*

*

Circa un centinaio di chilometri per raggiungere la sede del Governatorato, Daraa, tra campi bonificati e coltivati a grano, e check-points di controllo per filtrare eventuali contrabbandieri d’armi. I posti di blocco sono una realtá solo odierna, in quanto la circolazione di veicoli e persone nell’area, granaio e grosso centro di produzione agricola, é sempre stata libera e normale. Ma dall’inizio degli attentati e violenze da parte delle bande di terroristi si é reso necessario un controllo piú  serrato.

A ricevere la Delegazione c’era il Governatore stesso, il quale ha dato il benvenuto ed illustrato sia gli aspetti geografici ed economici che quelli politici e di cronaca dei recenti avvenimenti.

*

*

Daraa si trova molto vicina al confine giordano, posizione ottimale per i terroristi salafiti per penetrare armati in territorio siriano ed infiltrarsi tra la popolazione sunnita. Le pacifiche manifestazioni di protesta, da parte di poche centinaia di persone, furono infatti sin dall’inizio strumentalizzate da alcune bande armate criminali per provocare violenze e reazioni a catena.

L’obiettivo dei salafiti erano i militari siriani, che furono i primi a pagare il prezzo in vite umane di questa artefatta “rivolta” che culminó con l’assalto e l’incendio della sede del palazzo di Giustizia, dove altri giovani soldati persero la vita.

Tutt’oggi, benché regnino calma e ordine, e la vita scorra tranquilla, piccole bande di terroristi continuano a fare sentire la loro presenza, giungendo poche notti fa a sparare contro le forze dell’ordine del preisidio al Palazzo di Giustizia.

Altri due militari hanno infatti perso la vita in questi giorni e la Delegazione é stata invitata alle esequie ufficiali, dove un folto gruppo di parenti, di amici e di popolazione ha accompagnato le salme alla loro ultima destinazione.

*

Purtroppo queste sono scene che si ripetono quotidianamente, senza che nessun media occidentale si degni di riportarle. La Syria continua ad essere, nonostante la presenza di osservatori delle Nazioni Unite ed il cessate il fuoco, sotto attacco da parte di gruppi armati mercenari.

Ed é il responsabile delle operazioni di monitoraggio delle NU, un ufficiale indiano che abbiamo incontrato in un hotel della capitale per avere notizie ufficiali, a darcene notizia e confermare che attentati e aggressioni terroristiche continuano incessanti.

Sebbene in modo molto diplomatico, attribuendo gli atti di violenza ad “entrambe le parti”, il rappresentante delle NU ha risposto ad una domanda del corrispondente di Syrian Free Press, che chiedeva se si potessero considerare atti di violazione del cessate il fuoco anche le reazioni dell’esercito siriano in difesa dagli attacchi terroristici delle bande armate, dicendo che non c’era differenza tra violenze d’attacco e di difesa (e da un rappresentante di formazione culturale indiano non ci si sarebbe potuto aspettare diversamente), ammettendo peró implicitamente che erano in corso attacchi e violazioni del cessate il fuoco principalmente da parte terroristica: e per noi ció é sufficiente, visto che consideriamo la legittima difesa e la resistenza ad un nemico esterno come un diritto e non una violazione.

La giornata della delegazione si é poi conclusa con un intervista alla televisione nazionale Syrian television, che andra in onda nei porossimi giorni e di cui vi proporremo il filmato appena possibile.

Sin’ora e stato giá arduo poter pubblicare queste poche foto, viosto che al momento ancora la connessione internet é molto debole, ma abbiamo giá pronte le registrazioni dell’incontro e intervista con il Presidente del Parlamento Siriano, del discorso infiammato di Oudai Soso al Parlamento dei Giovani Siriani, l’intervista al Ministro dell’Informazioine, i video del funerale di Daraa, i video girati tra la popolazione, tutti quelli girati negli ospedali con le dichiarazioni dei singoli soldati e civili feriti, e molti altri ancora.

Oggi, venerdí 4 maggio 2012, stiamo per recarci a monitorare una manifestazione popolare che avra luogo nel centro cittadino e della quale vi daremo presto il resoconto…piú qualche gradita sorpresa…

*

Filippo Fortunato Pilato
membro della Delegazione Siro-Italiana
e corrispondente per Syrian Free Press Network

Short link of this page: http://wp.me/p1P9ia-14v

*

4 May 2012

*

*

Posted by Ryuzakero, 7 May 2012.

Reloaded & Supported by LibyanFreePressNetwork

at

http://wp.me/p1DGte-1Oq

*

*

*

About these ads

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s